chrysali.de
TEMPI MODERNI|ZECHE ZOLLVEREIN


"Il processo fondamentale di quest'era consiste nella dissoluzione degli oggetti: essi perdono materialità e si trasformano in informazioni che, dopo essere state trattate, si traducono in una nuova materialità, nuovi oggetti." [L. Galofaro, Eisenman digitale, La Rivoluzione informatina n° 55, Torino, 1999]

La ricerca di Chrysali.de è partita dallo studio della trasformazione dello Zeche Zollverein da oggetto del mondo meccanico ad oggetto dell'informazione. La scelta si è quindi orientata sulla ruota dentata, come strumento simbolo del mondo meccanico industriale.
Ma se alla base del mondo meccanico poniamo la ruota dentata, potremmo considerare alla base del mondo informatico il circuito.

Il nostro allestimento si organizza sulla suddivisione di questi due mondi, mostrandosi all'esterno come un oggetto industriale e all'interno smaterializzandosi in uno spazio-informazione.
La ruota dentata diventa forza motrice dell'installazione: girandone una si mette in movimento il meccanismo che attiva stimoli sonori e visivi che conducono nell'informatica.
All'interno il circuito è interpretato diagrammaticamente: i suoi elementi indicano dei percorsi che illustrano questa trasformazione attraverso video, luci, suoni e immagini evocative.

Entrando nell'installazione il visitatore diviene parte del circuito: si salta nella biotecnologia. Le informazioni diventano interattive e sono rivolte alla nuova ricerca dell'informatica.

chrysali.de
Valeria Cataldi
Matteo Alfonsi
Barbara Di Cintio
Giulietta Brunelli
Alessia Latini

http://chrysalide.freewebsites.com/computer/computer.htm

- D. Allegri, I transistor organici (www.ecplanet.ch)
- A. Dagnino, Se il computer è fatto di luce
- F. Faggin, Infinitamente piccole, La rivista di Federcomin, Marzo 2003
- F. Faggin, Vi racconto il futuro
- F. Faggin, Un futuro di macchine intelligenti
- E. Hoffman, L'evoluzione informatica
- A. Mannucci, Doctor DNA
- A. Mannucci, Il computer biologico
- L. Piattini, Transistor molecolari
- R. Picard, Affective computing: un futuro di computer sensibili
- O. Selfridge, Dalla cibernetica alle reti neuronali
- Nature Materials, I robot del futuro saranno vivi

Links
www.mediamente.it

www.giornaletecnologico.it

www.ecplanet.ch




copyright Archphoto-Chrysali.de