NEWS
by Luisa Siotto

contact: news@archphoto.it

 

vai su>|news|

 

 

11/08/05

Time in Jazz - "Digital Trance"
11 - 16 agosto 2005, Berchidda (OT)
Parte la 18. edizione di Time in Jazz: "Digital Trance" è il tema scelto dal direttore artistico Paolo Fresu, titolo che suggerisce che tecnologie digitali ed elettroniche e stati di coscienza saranno i termini di riferimento principali del ricco cartellone del festival. Tanta musica, ma non solo, perché accanto ai concerti il festival organizzato dall'Associazione culturale Time in Jazz apre la consueta finestra sull'arte contemporanea con una serie di eventi raccolti sotto il marchio PAV-Progetto Arti Visive curato da Giannella Demuro e Antonello Fresu. Anche il cinema ritaglia il suo spazio, con una rassegna di film etnomusicali curata dal regista Gianfranco Cabiddu con la collaborazione dell'Istituto Superiore Regionale Etnografico; appuntamento ogni notte, dopo i concerti in Piazza del Popolo, con ancora nell'aria le note del concerto appena concluso. Diversi linguaggi artistici, come si vede, ma convergenti a Berchidda sul tema della "Digital Trance" e nel contesto di un festival che prevede appuntamenti dal mattino fino a notte fonda nei numerosi "teatri" della manifestazione. L'intreccio fra jazz e suono digitale e elettronico, che detta le coordinate di molti dei progetti del festival, trova una delle realtà più vivaci nella scena musicale norvegese, con un omaggio al compositore Arvo Pärt. L'appuntamento con le arti visive curato dal PAV, sarà la rassegna internazionale d'arte contemporanea "Digit@l trance", articolata in 3 sezioni e dedicata alle nuove sperimentazioni che nascono dall'uso delle più avanzate tecnologie, con opere di Bianco-Valente, Isabella Bordoni, Cristian Chironi, Emilio Fantin, Greta Frau, Nero Project, Antonio Riello, Sara Rossi, Nico Vascellari | "EnTrance", a cura di Valerio Dehò, con opere di Karin Andersen, Matteo Basilè, Paolo Consorti, Massimo Kaufmann, Jorunn Monrad, Luisa Raffaelli, Francesca Semeria e Nicola Troilo | "Weblife-forme di vita nella rete", curata da Valentina Tanni, che raccoglie una serie di lavori e progetti per la rete di gruppi e artisti come Abstract Codex, Adam001, Cyberzoo, Genomixer, Singlecell & Doublecell, Vi-Con, VirLab, World Tree, www.8081.com | Info e programma: tel +39 079 703007 fax +39 079 703149 e-mail: info@timeinjazz.it; TimeinJazz

5/08/05

"Extreme - Creating space in extreme and extraordinary conditions"
International Confrontation of Projects for Students of Architecture_ results
Si è concluso il concorso internazionale aperto ai progetti degli studenti di architettura, organizzato nel quadro del 22. Congresso dell'UIA, che ha incontrato un successo senza precedenti. Oltre 1000 progetti sono stati presentati alla giuria che si è riunita a Istanbul agli inizi di luglio 2005. Il concorso prevede il prestigioso premio dell'Unesco per l'architettura, di 7. 000 $, e altri premi proposti dalle sezioni-membro dell'UIA e da sponsor privati. Il tema del concorso 2005, "Extreme - Creating space in extreme and extraordinary conditions", aveva come scopo quello di dare ai futuri architetti l'occasione di mettere alla prova il loro potenziale creativo in circostanze impegnative, su un luogo di loro scelta in cui essi dovevano progettare lo spazio più appropriato per contesti geografici, topografici, ecologici, sociali o politici rari. I progetti dovevano rispondere ai bisogni dei gruppi e alle funzioni specifiche per un uso a breve o lungo termine: - riparo, lavoro, produzione, ricreazione, trasporto, coltura, formazione, ricerca, sicurezza | - spazi per l'espressione delle manifestazioni di fede (religiose, politiche) | - spazi per i poveri, per i ricchi, per i defunti | - ergonomici o monumentali | Info e elenco premiati su UIA

 

 

 

vai su>|news|

|jan|feb|mar|apr|may|jun|jul|aug|sep|oct|nov|dec| 2005

|jan|feb|mar|apr|may|jun|jul|aug|sep|oct|nov|dec| 2004

|jan|feb|mar|apr|may|jun|jul|aug|sep|oct|nov|dec| 2003

|news| 2002