NEWS
by Luisa Siotto

contact: news@archphoto.it

 

|news|

 

30/6/03

Beni Culturali: è nata la 'Fondazione per l'Italia'
Raccoglierà' donazioni per il restauro da destinare a interventi per la fruizione del patrimonio artistico nazionale la 'Fondazione per l'Italia', costituita oggi da Mecenate 90 e presieduta da Giovanni De Rita. All'iniziativa hanno aderito alcune città d'arte e fondazioni bancarie, mentre altre si aggiungeranno nei prossimi giorni. ''Obiettivo della Fondazione - spiega De Rita in un comunicato è intercettare quella disponibilità alle donazioni propria dei cittadini italiani, emersa dall'indagine Doxa sul tema 'Gli italiani e il loro patrimonio culturale' promossa da Mecenate 90 e presentata la scorsa settimana al Ministro dei Beni-attività Culturali, Giuliano Urbani''. La Fondazione per l'Italia organizzerà una prima giornata di raccolta fondi il 19 settembre (in coincidenza con la manifestazione 'Il popolo della notte illumina l'arte'), che si svolgerà in tutte le città in cui i comuni o le Fondazioni bancarie hanno aderito all'iniziativa di Mecenate '90,
su Culturalweb

Genova Film Festival
Oggi 30 giugno si inaugura la 6. edizione di Genova Film Festival, che si concluderà il 6 luglio. Organizzato dall'Associazione Culturale Daumbailò e diretto da Cristiano Palozzi e Antonella Sica, il festival, abbracciando idealmente avanguardia e tradizione, accanto ai capolavori più noti, si propone di far conoscere al pubblico film che difficilmente approdano nei circuiti distributivi commerciali come, ad esempio, la produzione delle future nuove leve del cinema italiano che cominciano la loro carriera misurandosi con il cortometraggio.Da segnalare le sezioni dedicate al cinema breve e al documentario, quella internazionale e la nuova sezione dedicata ai rapporti tra cinema e teatro. Molte le sorprese. Info: tel.: +39 010 2725915- +39 010 217002 / fax +39 010 2725916 e-mail: contact@daunbailo.org, su www.daunbailo.org e www.genovafilmfestival.it, da cinemah

"FACE TO FACE". La Fotografia Contemporanea a Genova
Si inaugura oggi 30 giugno, e durerà fino al 16 luglio, presso la galleria genovese "Marco Canepa", la mostra "Face to Face", primo evento collaterale inerente la rassegna fotografica contemporanea "In faccia al mondo - Il ritratto contemporaneo nel medium fotografico" ospitata, dal 3 luglio al 18 settembre, al Museo d'Arte Contemporanea di Villa Croce a Genova. Artisti: Nobuyoshi Araki, Elena Arzuffi, Gea Casolaro, Rocco Dubbini, Albrecht Fuchs, Alessandro Gallo, Nan Goldin, Francesco Impellizzeri, Elke Kristufek, Marzia Migliora, Yasumasa Morimura, Sara Serighelli, Andrea Stagni, Thomas Struth, Daisuke Takiguchi. A cura di Antonella Gilioli e Maura Parodi, da Undo.net

Bologna ha il suo Polo Culturale
Una vasta area su cui verranno allestite la Cineteca, il Dams e la Galleria di Arte Moderna. E' quanto prevede il progetto della ''Manifattura delle Arti'', l'area che con i suoi 100 mila metri quadrati circonda l'ex Manifattura Tabacchi a Bologna, presentato dall'assessore all'urbanistica Carlo Monaco e dall'assessore alla cultura, Marina Deserti. Gia' da tempo la Cineteca e' stata alloggiata all'interno dell'ex Manifattura Tabacchi, al cui interno verranno realizzate due sale cinematografiche e i laboratori di musica e spettacolo. ''Abbiamo deciso di inserire un asilo nido, un centro anziani e alloggi per non creare un polo specialistico - spiega l'assessore all'urbanistica Carlo Monaco - perche' c'era necessita' di realizzare un vero e proprio quartiere urbano per tenerlo vivo ad ogni ora''. La vera punta di diamante della "Manifattura delle Arti" sara' la "Gam", all'interno dell'ex Forno del Pane: quando sara' inaugurata la nuova sede si avrà a disposizione una superficie di 10.000 metri quadrati, di cui 3.500 dedicate alle mostre temporanee, da Culturalweb

29/6/03

L'Accademia dei Lincei ha assegnato il Premio "Antonio Feltrinelli" per il 2003 a Emergency "per un'impresa eccezionale di alto valore morale e umanitario". Il riconoscimento è stato deciso all'unanimità dalla Commissione presieduta dal prof. Edoardo Vesentini, che ha voluto sottolineare l'impegno a favore delle vittime dei conflitti

Riccardo Chiaberge intervista sulle pagine del Domenicale de Il sole 24 ore il ministro Giuliano Urbani che rassicura sulla tutela "...la tutela dello dei beni culturali spetta allo Stato e non può essere abdicata. Non possiamo tutelare il romanico in un modo a Bologna e in un altro a Bari.La tutela deve essere unitaria." A proposito delle esenzioni per le imprese che investono nella cultura dice "A luglio faremo una convenzione con la Confindustria per coinvolgere maggiormente le imprese. E con il nuovo Dpef l'esenzione sarà estesa alle persone fisiche:se lei o io volessimo fare una donazione a Brera poniamo di mille euro, potremo godere di una esenzione totale dall'Irpef per quella cifra. La norma funzionerà dal 2004 ma a me pare una svolta importante." Per quanto riguarda la legge sull'architettura rassicura "...vareremo presto una legge sulla qualità architettonica. Siamo l'unico paese a non avere una normativa in materia: basta vedere lo sconcio delle nostre periferie." Sono passati già due ministri dei beni culturali Veltroni che ha ideato la legge e la Melandri che ha cercato di portarla innanzi ma finora senza successo attendiamo l'operato di Urbani se riuscirà a mantenere le promesse

In mostra ad Arezzo fino al 30 settembre le mappe geografiche disegnate da Leonardo da Vinci, organizzata dal Comune di Arezzo e dall'Istituto Geografico Militare di Firenze, per la prima volta la Royal Collection del Castello di Windsor ha concesso il prestito delle cinque mappe delle Paludi Pontine e della Toscana. Quando Mary Morton,coordinator del Royal collection Trust- come spiega lei stessa - si rese conto direttamente che "proprio questi erano i luoghi in cui Leonardo, cinque secolo fa, era qui ad osservare, misurare, prendere appunti, studiare, quelle mappe potevano tornare nei posti in cui erano state concepite e realizzate". "Leonardo genio e cartografo" Arezzo,Palazzo Comunale, Piazza della Libertà 1. Promossa dal Comune e dall' Istituto geografico militare (Igm) di Firenze. A cura dell' architetto Andrea Cantìle, cartografo dell'Igm, info 0575-377882, su Kwart

28/6/03

Buon compleanno, Danilo.
Interessante analisi della situazione politico-economica attuale nel nostro Paese, l'articolo di Paolo G.L. Ferrara su Antithesi, rende omaggio allo scomparso Danilo Dolci in un momento storico che vedrebbe il suo apporto teorico e intellettuale, più che mai "contemporaneo". La lobby della "guerra a tutti i costi" in Iraq e la lungimiranza di vedute dei Paesi Occidentali in funzione di un ruolo fondamentale nell'atto della "ricostruzione" dei Paesi colpiti dalla guerra. La vincita della gara d'appalto per la ricostruzione del patrimonio artistico iracheno che consente al nostro Paese di uscire, oltre che dalla vergogna di una guerra inutile, indenne dal punto di vista dell'immagine, anche per quel che concerne i "promessi" posti di lavoro, e, ancora una volta la sfera d’azione dell’architettura combacia con gli interessi meschini delle lobby che muovono l’economia mondiale, di usare "l'architettura quale paravento culturale per coprire le malefatte". Scrive Paolo G.L. Ferrara: "Oggi è il 28 giugno; è il compleanno di Danilo Dolci, delle sue idee e delle sue lotte. Antithesi si onora di ricordare Danilo e desidera renderne nota l’opera a tutti i giovani che vogliono essere architetti e che senza conoscere l’insegnamento di Danilo Dolci non potranno mai esserlo al 100%, perchè l’impegno etico e civile è, per chi fa architettura, conditio fondamentale. Danilo Dolci è oggi più contemporaneo che mai, e lo è in Italia quanto in Iraq. Lui sì che lotterebbe per salvaguardare i diritti umani, quelli veri, e lo farebbe a costo di rinunciare ai suoi. Altro che bombe. Altro che appalti. Buon compleanno, Danilo. Con te, come tu stesso insegnavi, porteremo avanti "la continuazione della Resistenza, senza sparare", su Antithesi

"99 tutte le idee meno una" - Archivio del Contemporaneo - ASAC
Oggi, alle ore 15.30 , nello Spazio Archivio del Contemporaneo - Arsenale di Venezia, all'interno dell'iniziativa "99 tutte le idee meno una", Frédéric Flamand, direttore del 1. Festival Internazionale di Danza Contemporanea della Biennale di Venezia, parlerà di "Disaster/Utopia", mentre domenica 29 alle ore 17, Elido Fazi, editore, chiuderà la serie di incontri con "Che cosa significa essere editore oggi". L'ingresso è libero. Per info: Segr. Organizz.: tel 041 27 28 331, e-mail: 99@labiennale.org, da Biennale

"Hicetnunc", 5 Comuni in Provincia di Pordenone
Si inaugura oggi 28 giugno e sarà visibile fino al 27 luglio, "Hicetnunc", la XII edizione della Rassegna d'Arte Contemporanea, che proporrà le piu 'attuali esperienze della visualita' disseminati nella Provincia di Pordenone. Una ricognizione non episodica ma sistematica del mondo dell'arte del nostro tempo attraverso le opere piu' recenti di artisti del Friuli Venezia Giulia, del resto d'Italia e delle nazioni contermini (Austria, Croazia, Slovenia). Pittura, scultura, architettura, e poi fotografia, video-arte, design, installazioni, performance, considerati anche nelle loro reciproche influenze, nelle loro fertili sovrapposizioni, nei loro intrecci, nelle loro contaminazioni, in ambito regionale, nazionale e internazionale. La rassegna vede un ampio ventaglio di curatori: Alessandra Angelini, Angelo Battel, Angelo Bertani, Mirella Brugnerotto, Dragica Cakic, Guido Cecere, Roberto Costella, Jean-Pierre Greff, Flavio Massarutto, Molly Nesbit, Hans Ulrich Obrist, Stephan Schmidt, Rorkrit Tiravanija, da Undo.net e hicetnunc

"Intervallo n.1" a Pescara
Stasera alle ore 19, l'Associazione Culturale VistaMare presenta "Intervallo n°1", il primo di una serie di progetti espositivi, che continueranno fino al 21 settembre, sul tema della distanza, dello spazio tra le cose e le persone e delle relazioni tra significato e malinconia, a cura di Alessandro Rabottini. Intervallo n°1 è una mostra disegnata come un percorso tra media e sensibilità artistiche differenti, tutte raccolte all’interno di un set di relazioni tra spazio, attrazione e tensione. La mostra tenta di indagare il vuoto che separa e unisce le persone come la dimensione dove la distanza e il desiderio si creano sfumando l’uno nell’altro. Una mostra, quindi, disegnata come un campo di relazione dall’intervento di tre artisti di diverse nazionalità. Il filo rosso che unisce il lavoro dei tre artisti in mostra è il motivo della figura umana colta in atteggiamenti di fissità e assenza, oltre che la quasi totale concentrazione espressiva in un unico mezzo: la performance e la fotografia per Marcello Maloberti e la video-installazione per Hans Op de Beeck e João Onofre. Performance e video sono qui accostati ad evocare un sottile rapporto di reciprocità tra la presenza dell’immagine e l’assenza del corpo, tra la prossimità fisica del performer e l’evanescenza del video, tra la persistenza del loop digitale e la temporaneità della performance. da Undo.net e VistaMare

2. edizione di "Spread" in Prato
Si inaugura oggi alle ore 10.30, e durerà fino al 24 luglio, la 2. edizione di Spread in Prato, evento d'arte contemporanea, curato da Pier Luigi Tazzi e organizzato da Dryphoto arte contemporanea. Con Spread in Prato l'arte abita per poco meno di un mese la realtà lavorativa, aprendo a se stessa e ai suoi fruitori spazi solitamente accessibili solo agli addetti ai lavori. Aziende tessili, esercizi commerciali e uffici ospiteranno installazioni di artisti contemporanei che utilizzano la fotografia sia come strumento del fare arte che della pubblicità. Le opere fotografiche saranno messe a confronto con i luoghi, creando momenti di simbiosi, ma anche di contrasto dialettico spazio-temporale. L'arte sarà per una volta offerta ove si vive la quotidianità. Questa edizione ha la particolarità di presentare due aspetti della città quello del luogo produttivo, e quello più domestico dell'indotto, delle piccole aziende e dei negozi dove si percepisce l'aspetto più umano dell'operosità. Quest'anno la scelta delle location passa dalla città costruita dagli urbanisti e dai politici alla città della comunità molteplice. Il percorso si articola da est a sud, ovvero tra due dei nuovi poli industriali del distretto tessile pratese, coinvolgendo ad esempio uno dei lanifici storici, Lanificio Cecchi Lido & figli, nato negli anni '50, fino a ritornare nel centro storico dove si concentrano gli esercizi commerciali e dove la memoria della cosiddetta "Città Fabbrica" è sempre più esigua, a parte alcune 'testimonianze' ora ristrutturate, tra le quali il nuovo "Museo del Tessuto" della città. Anche uno degli spazi più frequentati e vitali della città, come la Stazione Ferroviaria, è stato coinvolto nell'evento, dove l'artista giapponese Shimabuku espone i suoi lavori fotografici legati all'emigrazione irregolare dal Messico verso gli Stati Uniti. In mostra anche alcuni lavori di artisti presenti alla Biennale di Venezia: Olafur Eliasson, Shimabuku e Fischli/Weiss. Questa edizione rafforzerà il legame tra la città e le opere appositamente create per l'occasione e sul luogo.
Partenza: ore 10.30 Bus navetta c/o Cassero Medievale, viale Piave - Prato. Info e Prenotazioni: info@dryphoto.it, tel. +39 0574604939. Solo visite guidate per gruppi, dal 1 al 24 Luglio (da Comunicato Stampa)

XXXII Mostra Internazionale del Cinema Libero
"IL CINEMA RITROVATO" - 17. edizione - Bologna
Da stasera e fino a sabato 5 luglio, parte la rassegna "Il Cinema Ritrovato", otto giorni dedicati alla pura passione per il cinema. Il programma rispecchia, nella sua varietà, la favolosa varietà del cinema stesso: dall’eloquenza del muto – un omaggio particolare verrà reso al primo anno cruciale per lo sviluppo dell’arte, il 1903 – al clamoroso spettacolo del CinemaScope, passando attraverso il fascino di film amati o da scoprire, oggi, in nuovi restauri: i primi anni da star di Francesca Bertini; le comiche di Jean Durand e naturalmente Charlie Chaplin; il cinema americano "moderno" e d’autore di Nicholas Ray, Samuel Fuller e Richard Fleischer confrontato alla contemporanea; film di Sjöström o di Stiller che nessuno da generazioni ha più avuto la possibilità di vedere. Centrale, come di consueto, la selezione dei migliori restauri internazionali recentemente realizzati, mentre la sezione "pars pro toto e rarità" sarà invece dedicata alla riscoperta di scene e frammenti perduti, e infine la sezione "Cinema - vecchie immagini, nuovi film", dedicata al riutilizzo delle immagini d'archivio e al found footage, con un occhio al "riciclaggio" degli home movies e dei film 'amatoriali', in documentari, film sperimentali e videoarte, da Cineteca Bologna

27/6/03

"Jardin de Métis" - Festival International de jardins
"Frammento italiano" è il giardino che lo studio.eu ha ideato e realizzato nell'ambito della quarta edizione della mostra internazionale di giardini "Jardins de Métis". La mostra sarà inaugurata ufficialmente il 27 Giugno a Grand-Mètis (Québec-Canada) e rimarrà aperta al pubblico fino il 21 settembre 2003. Jardins de Métis, 200, route 132 - Grand-Métis, 8Quebec G0J 1Z0, Canada, studio.eu

"99 tutte le idee meno una" - Archivio del Contemporaneo - ASAC
Tipping Point - I luoghi dell'innovazione in Italia.
Oggi, alle ore 11, nello Spazio Archivio del Contemporaneo - Arsenale di Venezia, all'interno dell'iniziativa "99 tutte le idee meno una", si terrà il 1. incontro con alcuni rappresentanti dei "Luoghi dell'innovazione in Italia", che aprirà con la conferenza del preside della Facoltà di Design e Arti di Venezia, Marco De Michelis. Il 2. incontro sarà sabato 28 giugno, alle ore 11, col presidente della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino, Patrizia Sandretto Re Rebaudengo. La rassegna chiuderà con un 3. incontro, domenica 29 giugno, alle ore 11, col direttore dello Studio Camuffo di Venezia, Giorgio Camuffo. L'ingresso è libero. Per info: Segr. Organizz.: tel 041 27 28 331, e-mail: 99@labiennale.org, da Biennale

"Le strutture in vetro e in acciaio - Werner Sobek" a Venezia
Oggi 27 giugno, aula G - Terese (IUAV), si terrà il 2. incontro (il 1. si è tenuto il 23 giugno) nell'ambito delle attività culturali dell'area della scienza e della tecnica della costruzioni; il Dipartimento di Costruzione dell'Architettura di Venezia organizza seminari sul tema: "Le strutture in vetro e in acciaio - Werner Sobek". Prossimi appuntamenti: 30 giugno, 4 luglio - aula G - Terese. Informazioni Tel: 041 2571309/12 - graziana@iuav.it , da Archiworld e Europaconcorsi

Il "Viaggio in Italia" di Inge Morath alla GAM di Bologna
"Viaggio in Italia III" è la mostra della nota fotografa Inge Morath che la Galleria d'arte Moderna di Bologna presenta dal 27 giugno al 28 settembre 2003. L'esposizione, composta da circa ottanta scatti fotografici degli anni '50, documenta un soggiorno della Morath a Venezia. Il concetto della serie di mostre "Viaggio in Italia" è quello di presentare fotografi del '900 che, avendo soggiornato in Italia, hanno avuto la possibilità di ritrarre la realtà italiana partendo da un punto di osservazione diverso. Nelle foto ambientate a Venezia, la Morath predilige la vita popolare della città lagunare, concentrandosi in particolar modo sulla gente comune, artigiani, venditori e su momenti della vita quotidiana, evitando di ritrarre la troppo celebrata Venezia monumentale e le sue ricchezze artistiche. Gli scatti selezionati per la rassegna bolognese, propongono situazioni di grande interesse per gli italiani e permettono di osservare la Venezia degli anni '50 nel suo lato più autentico: una città che non somiglia a quella attuale, divenuta ormai un museo a cielo aperto, da Culturalweb

"La generazione delle immagini / Desiderio di Realtà"
E' uscito il libro "La generazione delle immagini / Desiderio di Realtà" curato da Roberto Pinto, per Postmediabooks ed. Questo volume raccoglie la serie di interventi tenutasi alla Triennale di Milano nel 2002. 'Desiderio di realtà' è il titolo dell'ottava edizione della "Generazione delle Immagini", iniziativa organizzata dal Comune di Milano - Settore Giovani, è un ciclo di otto incontri sull'arte contemporanea curati da Roberto Pinto, è un appuntamento che ogni anno porta a Milano le più recenti esperienze nel campo delle arti visive e della ricerca sull'immagine. Gli artisti chiamati a partecipare agli incontri di "Desiderio di realtà" sono Minerva Cuevas, Shirin Neshat, Marko Peljhan, Nedko Solakov, Fabrice Hybert, Zoe Leonard, Cai Guo-Qiang e Carlos Garaicoa, da Postmediabooks

Festival dei "Due Mondi" a Spoleto
Alla sua 46. Edizione l'evento culturale piu' atteso dell'estate. Anche quest'anno Spoleto, dal 27 giugno al 13 luglio, sara' la capitale della cultura e dell'arte, da Culturalweb

26/6/03

"Advento": un Progetto di Architettura Sociale
Grafica, Architettura e Disegno in Messico
Continua fino al 13 luglio, alla Triennale di Milano, la mostra inaugurata il 27 maggio "Grafica, Architettura, Design in Messico", costituita da una selezione di plastici, fotografie, oggetti, cartelli e documenti curata da Raymundo Sesma, insieme con la collezione di disegno grafico messicano dal 1900 ad oggi, curata da Giovanni Troconi. In esposizione si potranno vedere lavori di Posada e il “Taller de la Gráfica Popular” messicano, passando per l’Estridentismo, la grafica popolare per feste religiose, box, lotta libera, balli, pubblicità diversa e grafica politica, fino a quella di Giochi Olimpici del ‘68 e i manifesti contemporanei. L'iniziativa è proposta da "Advento", un’associazione civile fondata dall’artista messicano Raymundo Sesma nel 1995, che unisce l’attività di designer, artigiani, artisti, architetti e studiosi di varie discipline. Opera internazionalmente, ma soprattutto a Città del Messico, Tecali e Puebla, città conosciute per la loro secolare tradizione artigianale di manufatti in onice, marmo e ceramica di talavera. Advento si è posta come obiettivo la creazione di progetti d’artista e sviluppa idee che a sua volta propongono processi, i quali creano zone di contatto sociale. In questo laboratorio di idee la società viene coinvolta non come semplice ricettore, ma come compartecipe di questi processi i quali si modificano e trasformano. Raymundo Sesma chiama questo processo Architettura Sociale, da Triennale

"99 tutte le idee meno una" - Archivio del Contemporaneo - ASAC
Oggi 26 giugno, alle ore 17, per gli incontri di "99 tutte le idee meno una", allo Spazio Archivio del Contemporaneo - Arsenale di Venezia, Lorenzo Miglioli, autore digitale presenterà "BLOGWORK. The network is the artwork. The Venice Biennale Art Blog03. Pixeldna.it, progetto community sull'arte digitale"V, da Biennale

Vincenzo Castella – Campi di Colore
Nelle sale del Museo Bagatti Valsecchi, in via S.Spirito a Milano, si sta svolgendo una mostra fotografica, che chiuderà il 29 giugno, che vede come massimo protagonista uno dei maestri della fotografia italiana, Vincenzo Castella. Gli oltre cinquanta scatti esposti, opera non solo di Castella ma anche di altri importanti fotografi come Mimmo Jodice, Giuseppe Morandi, Beniamino Terranno, hanno come unico soggetto il paesaggio della campagna lombarda e i suoi continui mutamenti: si tratta infatti di una parte di un ampio progetto scientifico, voluto dall’Assessorato all’Agricoltura della Regione Lombardia e dall’Unione Regionale delle Bonifiche e delle Irrigazioni, denominato "Osserva.Te.R." con il preciso scopo di monitorare, attraverso i continui cambiamenti delle campagne e comprendere le ragioni di tali metamorfosi, su Exibart

25/6/03

Il corpo esteso. Pensieri sulla scena immateriale
Oggi 25 giugno, alle ore 10,30, a San Miniato (PI), presso il convento San Francesco, nell'ambito della XIX edizione di "Prima del teatro. Scuola europea per l'arte dell'attore" promosso da Teatro di Pisa e Accademia Nazionale d'Arte Drammatica "S. d'Amico", si svolge il convegno "Il corpo esteso. Pensieri sulla scena immateriale". Intervengono: Ferruccio Marotti, ordinario di Arti e Scienze dello Spettacolo, Università di Roma / Cristina Cilli, giornalista ed esperta di nuovi media / Pier Luigi Capucci, docente di Progettazione Contenuti per i Nuovi Media, Università di Bologna / Lorenzo Taiuti, docente di Mass Media, Accademia di Belle Arti di Torino / Luigi Maria Musati, direttore dell'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica. Introduce e coordina Carlo Infante, docente di Scienze e Tecnologie dello Spettacolo, Università di Lecce. "Il corpo nel nuovo spazio-tempo digitale": al di là dello schermo del computer che introduce, come attraverso una soglia, in un nuovo spazio-tempo digitale, emerge la necessità di una più intensa interazione sociale e culturale con quella dimensione artificiale. Ci s'interroga su come rendere meno astratta la multimedialità e l'infosfera che pervade il mondo. La ricerca di questa interazione implica un rapporto tra il corpo e i sistemi dell'elettronica, condizione che viene, oggi, subita con i massmedia e che una nuova consapevolezza del gioco multimediale potrebbe ribaltare su un piano creativo. Dalle installazioni interattive alle pratiche sperimentali di performer radicali, si tratta di rilevare i segnali di una ricerca artistica e teatrale che sta sondando le condizioni della mutazione digitale. E' attraverso questi precedenti che prende forma un'antropologia ludico-libidinale del ciberspazio, in grado di rendere agibile e progettabile quell'ambiente multimediale su cui si fonderà buona parte della società del nuovo millennio. In quel mondo abiterà la nuova generazione ed è per questo, che il sistema educativo deve essere in grado di comprendere gli aspetti evolutivi di queste esperienze che potranno apparire radicali ma che, al contempo, rivelano delle previsioni sul futuro possibile. E' infatti necessario contemplare la dimensione creativa per non ridurre la multimedialità ad un semplice strumento per la new economy, rilanciando così il valore della ricerca teatrale come potenzialità sociale e comunicativa in grado di generare nuove visioni e pratiche del mondo, da NoemaLab

"In margine al caos"
Oggi 25 giugno, dalle ore 18.30, presso RELOAD, già Ludiialydis, via Rutilia 11, Milano, si inaugura "In margine al caos", un itinerario tematico ideato da Mario Canali in occasione del termine dello stage relativo al Corso di Alta Formazione post-laurea "Arte, spettacolo, comunicazione nella Società dell'Informazione", organizzato da HMG (Politecnico di Milano). "In Margine al Caos", una zona di confine in cui ridiscutere, attraverso la tecnologia, il rapporto tra la mente (il computer) e l'individuo (la psiche). Il progetto espositivo è pensato come percorso tecnologico con installazioni interattive, macchine per l'inconscio atte a svelare gli spazi dell'interiorità, video di Correnti Magnetiche e Ludiialydis, opere pittoriche, robots di Gaetano Muratore, sculture di Leonardo Aurelio. Alle ore 22 performance musicale di Riccardo Sinigaglia. La mostra rimarrà aperta fino al 12 luglio dalle ore 16 alle 20. Ingresso gratuito. info: tel. 335-6888229; e-mail: canali@planet.it, da NoemaLab

Alvaro Siza riceve il riconoscimento di 'portugués del año'
L' architetto portoghese Alvaro Siza Vieira è stato insignito del premio offerto dall'Asociación de la Prensa Extranjera en Portugal, che lo distingue come figura portoghese dell'anno. La cerimonia di consegna è avvenuta nel Casinò di Estoril, da ProfessioneArchitetto e el mundo

Valle Giulia, Accademie "a porte aperte" a Roma
Da Valle Giulia a "Valle della cultura". È un pò' questo il senso del progetto, sottoscritto ieri dal sindaco Walter Veltroni e dal preside della facoltà di Architettura "Valle Giulia", Roberto Palumbo, per riqualificare l'ampia area, ricca di verde, di musei e di Accademie straniere che va da Belle Arti fino a via Aldovrandi e alle pendici dei Parioli, e che costituirà quello che è stato definito l'«ingresso nord» di Villa Borghese. Le dieci accademie straniere saranno coinvolte nel programma con spazi culturali, mostre e manifestazioni, da Corriere della Sera

La città Razionalista - Urbanistica e architettura a Modena 1931-1965
Si conclude stasera, alle ore 21, con la proiezione del film di Carlo Lizzani (1950) "Modena, città dell'Emilia rossa", presente il regista (presso la Galleria Civica in Corso Canalgrande 103) l'iniziativa organizzata dalla Fondazione degli architetti di Modena, l'Ordine degli architetti, le Raccolte fotografiche modenesi, in collaborazione, tra gli altri, con l'Istituto storico di Modena, che ha promosso quattro incontri, una mostra e un itinerario sull'architettura razionalista a Modena, e sul ruolo avuto dall'architetto Mario Pucci, da ProfessioneArchitetto

Premio nazionale arti visive Città di Gallarate
Z.A.T. Zone Artistiche Temporanee
Il Premio Nazionale Arti Visive Città di Gallarate in collaborazione con la Civica Galleria d'Arte Moderna - Comune di Gallarate (VA) bandisce un Concorso Nazionale per la progettazione e la realizzazione di un percorso urbano temporaneo nel centro della città. L'idea di un Corridoio dell'Arte nasce dalla necessità di portare all'esterno il senso delle funzioni e del ruolo della Galleria. Lungo questo percorso, che verrà allestito in occasione della XXI/XXII edizione del Premio, troveranno collocazione i dieci interventi di artisti invitati dalla Commissione Artistica dell'edizione stessa (Z.A.T.). La consegna degli elaborati al comune di Gallarate costituisce iscrizione al concorso e dovrà avvenire entro le ore 12 del 18 ottobre 2003. Info: tel. 0331/783630 fax 0331/777472 info@premiogallarate.it. Il bando completo è sul sito www.premiogallarate.it, da ProfessioneArchitetto

24/6/03

L'Architettura Romana negli anni '30. Case popolari e opere pubbliche
Si apre oggi 24 giugno alle ore 15.30, presso la sede dell’Accademia Nazionale di San Luca a Roma, il convegno "L'Architettura Romana negli anni '30 - Case popolari e opere pubbliche", organizzato dall'URIA (Unione Romana Ingegneri ed Architetti) e dalla Provincia di Roma. I lavori prevedono un intervento del Segretario Generale dell'Accademia Nazionale di San Luca, arch. Giorgio Ciucci, che individuerà il percorso architettonico del decennio in esame mentre l'arch. Giancarlo Sapio, indicherà le motivazioni che hanno spinto l’URIA ad analizzare il fervore creativo di quel decennio che, nel comparto dell'edilizia, si concretizzò in grandi opere pubbliche. Seguiranno le relazioni del prof. Mario Sanfilippo che prenderà in esame il periodo tra le due guerre mondiali mentre l'arch. Paolo Marconi analizzerà il ruolo degli architetti e degli ingegneri per un'adeguata conservazione ed un appropriato sviluppo della città. L'argomento affrontato dall'arch. Sergio Brugnoli sarà sulla trasformazione sociale di Roma mentre l'arch. Giorgio Muratore esaminerà il passaggio dalla città giardino alla città dei superblocchi ed in tale ottica il dott. Maurizio Mancianti attraverserà la storia dell'ICP tra il passato ed il futuro. L'ultima relazione è affidata all'arch. Ruggero Martines e verterà sulla gestione e tutela delle opere pubbliche e residenziali ed un pubblico dibattito chiuderà i lavori del Convegno. Info: URIA, tel. 06 44244752, da Architettiroma

Progetti di Infrastrutture e Paesaggio a Roma
Si terrà oggi 24 giugno, dalle ore 9.30 alle 14.00, a Palazzo Macuto, Via del Seminario 76 - Roma, il Convegno promosso da Legambiente sulle infrastrutture della Legge Obiettivo, gli effetti sul territorio e il paesaggio, la qualità delle opere e l'ambiente. Lo scenario che si apre è quello di un grande rilancio nella realizzazione di autostrade e di ferrovie ad Alta Velocità. Intervengono Lorenzo Bellicini, Alberto Clementi, Sergio Malcevschi, Edoardo Zanchini. Ne discutono nella Tavola Rotonda Giancarlo Cimoli, Vito Gamberale, Perluigi Bersani, Altero Matteoli, Ermete Realacci, su Legambiente

"Vita di Tina Modotti. Fuoco, neve e ombre" di Patricia Albers
E' uscita la biografia di Tina Modotti per Postmediabooks ed. Il libro è il risultato di una ricerca durata dieci anni grazie alla quale l'autrice, antropologa, critica e curatrice di mostre fotografiche, Patricia Albers, rivela numerosi aspetti inediti della Modotti, attraverso più di trecento documenti tra fotografie, lettere e scritti personali. Il titolo "Fuoco, neve e ombre" deriva da una poesia di Pablo Neruda, uno dei tanti amici che la fotografa (nata a Udine nel 1896) ha frequentato negli anni trascorsi in Messico insieme a leggende quali Frida Kahlo, Diego Rivera, Edward Weston e Sergey Eisenstein. Con postfazione di Roberta Valtorta, da postmediabooks

"intentView" - un progetto UnDo.Net per illymind:
Reportage dalla 50. Biennale Internazionale d'Arte di Venezia
"intentView" è un progetto realizzato da UnDo.Net - network per l'arte contemporanea, per illymind, quest'anno partner della Biennale di Venezia. Visioni intente, concentrate, assorte, di artisti e curatori. Ritratti colti a Venezia nel momento in cui il quotidiano si satura di arte, gli stimoli si condensano diventando il paesaggio da percorrere. Incontri che suggeriscono direzioni per seguire le infinite correnti sotterranee che fluiscono sotto la pelle del progresso e che a Venezia danno provvisoria forma alla Biennale. Questo progetto è un invito alla lentezza, chiede tempo per attraversare un arcipelago di parole. Lentezza per contraddire lo stereotipo di internet come strumento di un'informazione rapida e frettolosa. Lentezza che crei lo spazio interiore per l'esperienza. Lontano dai miti marinettiani applicati alle invenzioni contemporanee così fantastiche eppure così concrete: strumenti di quell'informazione dalle iper pretese così buffe. Video interviste, momenti e situazioni: Francesco Bonami, Emilia Kabakov, A12, Massimiliano Gioni, Hou Hanru, Michelangelo Pistoletto, Marina Abramovic, Nicolas Bourriaud, Pierluigi Tazzi, Giacinto Di Pietrantonio, Bert Theis, Hans Ulrich Obrist. Le performance di John Bock e di Tino Seghal a Stazione Utopia, il pubblico che interagisce con l'installazione di Yoko Ono e le living installations di The Class of Marina Abramovic ai Giardini. E ancora: schede d'approfondimento sulle mostre e Overview, una panoramica su tutte le esposizioni a Venezia. Il progetto è visibile fino al 2 novembre 2003, in esclusiva sulle pagine di www.illy.com

"Segnali di Vita" - settimana universitaria d’arte e cultura a Ravenna
+ adriati c/oarti visive dalle sponde del mare Adriatico
Si inaugura oggi, alle ore 18, presso l'Ex Asilo Comunale, Via Chiavica Romea, la manifestazione "Segnali di Vita", a cura di Marco Antonini, che organizza nello stesso ambito la collettiva di arti visive contemporanee Adriati c/o. Espongono: francesco torlone/ marco antonecchia/ alessandro gabini/ loretta zaganelli/ yuri ancarani/ nadia trotta/ elena gramolelli/ aleksandar zograf/ carlotta ruggieri/ L'Adriatico a cui si fa riferimento é soprattutto un minimo comune denominatore, una sensazione, una componente geografica e culturale da condividere e da rispettare. Gli artisti convocati sono stati scelti da tutta l'area adriatica, senza distinzioni. Adriati c/o si propone quindi come un contenitore di diversità, che confronta realtà spesso più vicine di quanto si possa immaginare. L'Adriatico, e chi vive sulle sue sponde lo sa bene, é un mare molto particolare. Silenzioso lago salato, segna le nostre vite con discrezione. Le verdi, familiari acque di questo bacino relativamente piccolo e solitario, semplicemente, stanno. Ci si ritrova a vivere accanto ad una natura che diviene spesso, proprio per la sua discrezione, immagine di se stessa, residuo, ricordo, perenne nostalgia. E le chiavi di lettura per una realtà così sfuggente e solo apparentemente apatica sono, come prevedibile, infinite ed infinitamente interessanti. La mostra rimarrà aperta fino al 6 luglio, dalle 16 alle 20.
Ingresso gratuito. info: 340-6113685

METROPOLI - nuove prospettive e inediti punti di vista sulle capitali
Città Arte Cultura:
Tokyo Amsterdam Parigi Berlino Montreal New York
Nell'ambito del "1. Festival Internazionale di Danza Contemporanea" e dei "99 incontri dell'archivio del Contemporaneo" - Arsenale, 14giugno - 16 luglio
La Biennale di Venezia, in collaborazione con il Centro Servizi Culturali S. Chiara di Trento e la partecipazione di Trentino Promozione, e la collaborazione dei Padiglioni dei Paesi rappresentati, propone quest'anno un programma di incontri culturali che intreccino gli eventi della 50. Biennale d'Arte agli appuntamenti del 1. Festival Internazionale di Danza Contemporanea. La coincidenza del programma di Frédéric Flamand, teso a trovare correlazioni tra l'idea di città in rapporto al concetto di corpo e movimento, insieme alla tradizionale partecipazione dei paesi di tutto il mondo, ha permesso quest'anno all'istituzione veneziana di cercare una correlazione tra le attività di Danza e di Arti Visive sul tema della città. Il progetto Metropoli si snoda attraverso sei appuntamenti - ciascuno in coincidenza con gli spettacoli del Festival di danza - in cui diversi ospiti ed artisti offriranno, da prospettive differenti, punti di vista e sguardi inusuali su quella particolare realtà urbana che sono chiamati a testimoniare, cogliendola nel suo incessante movimento tra passato e presente, tradizione e innovazione. In particolare, due sono i temi attorno a cui ruoteranno i vari incontri:
'Metropoli, architettura e identità urbane' in cui verrà esplorato il rapporto tra concetto di spazio in relazione ai mutamenti culturali; 'Metropoli ed Esilio', dove la città verrà invece presentata attraverso l'esperienza di chi la vive come seconda patria.
Gli appuntamenti di Metropoli, architettura e identità urbane saranno:
- Sabato 14 giugno, ore 11 - Tokyo -Street Signals in Tokyo. I linguaggi del corpo nello spazio urbano, con Francesco Morace, sociologo, presidente del Future Concept Lab. L'intervento partirà dall'analisi di centinaia di immagini scattate in strada o nei luoghi commerciali di Tokyo attraverso cui verranno proposte le caratteristiche significative di questa città e della cultura giapponese.
- Sabato 21 giugno, ore 11 - Amsterdam - L'architetto e giornalista Tracy Metz, autrice del libro Fun! Leasure and the Landscape (2002), parlerà di come il concetto di 'tempo libero', 'vacanza' e 'turismo' stia trasformando i centri storici e le periferie in Olanda, con particolare riferimento al fenomeno di 'dysneyfication' del centro storico di Amsterdam.
- Mercoledì 16 luglio, ore 17.30 - New York - Eric Drooker, artista, disegnatore e performer, autore del romanzo senza parole Flood (1994) in cui propone un'immagine visionaria dell'alienazione per le strade piovose di New York, presenterà la città attraverso le immagini dei suoi personaggi, abitanti dell'underworld di New York, fatto di illegalità, persecuzioni, traffici e clandestinità.
Gli appuntamenti di Metropoli ed Esilio saranno:
- Sabato 28 giugno, ore 11 - Parigi - Parigi città creola: gli architetti ed antropologi Franco La Cecla e Piero Zanini parleranno della correlazione tra spazio e tempo nella percezione delle culture e identità dei luoghi, con particolare riferimento ad alcuni quartieri di Parigi.
- Sabato 5 luglio, ore 11 - Berlino - Incontro con il compositore Arvo Pärt e sua moglie Nora che parleranno del loro rapporto con la città di Berlino vista attraverso la propria esperienza di esuli in quella città. Verranno proiettate alcune parti del film Arvo Pärt. 24 Preludes for a Fugue, del regista estone Dorian Supin.
- Venerdì 11 luglio, ore 17.30 - Montreal - Alberto Kurapel, poeta, drammaturgo, regista cileno che da 20 anni vive a Montreal, presenterà una performance ispirata alle sue poesie raccolte nei volumi Pasarelas, riguardanti la condizione dell'esilio come metafora della contemporaneità e dedicate a Montreal, da Biennale

"Bloccate l'Ara Pacis, un progetto da rifare"
Roma - "Fermiamo i lavori del secondo lotto del progetto dell'Ara Pacis, che prevede parcheggi, servizi commerciali, nuove strutture e giochi d´acqua che mettono a serio rischio non solo l'identità storica di Roma ma danneggiano le rilevanze archeologiche di piazza Augusto Imperatore, come il Porto di Ripetta": è la richiesta di Italia Nostra per il progetto dell'architetto americano Richard Meier. "Quello dell'Ara pacis è un cantiere impazzito"- rincara Giorgio Muratore. Pesanti le critiche anche da Renato Nicolini: "Il progetto Meier è uno dei peggiori che l´architetto potesse escogitare", da Europaconcorsi

23/6/03

"La risorsa imperfetta", conferenza di Giuseppe Guerrera
Stasera alle ore 20.00, presso la sede dell'ACER - via di Villa Patrizi 11, Roma,
in occasione della pubblicazione del volume "La Sicilia città dei tre mari" di Giuseppe Guerrera, Meltemi ed., si terrà una conferenza, presente l'autore. Interverranno Paolo Avarello, Francesco Cellini, Rosario Pavia, Mosè Ricci, Sebastiano Venneri, da in/arch Lazio

La città del sole? Friburgo. I suoi abitanti guadagnano con l’ecologia
Rolf Disch, 57 anni, architetto creativo nativo della cittadina nella Foresta Nera, nel Sud della Germania, ha dedicato tutta la vita allo sviluppo e alla creazione di "case per il terzo millennio", funzionanti esclusivamente con energia alternativa. Come i verdi villaggi sorti alla periferia di Friburgo, diventati famosi in tutto il mondo perché studiati apposta per funzionare come piccole «centrali elettriche», in grado di produrre in modo ecologico tutta l’energia di cui hanno bisogno, e di vendere quella in eccesso alla rete energetica pubblica. Ogni casa della nuova Solarsiedlung (l’ultimo villaggio solare sorto presso Friburgo) ruota su un enorme pilastro, seguendo il percorso del sole durante il giorno. Le Solarsiedlungen sono solo le ultime creazioni che hanno permesso a Friburgo di diventare la "città del sole" in Germania, e un modello per il resto dell’Europa, da Corriere della Sera

Villa 'il Girasole' diventa sede dell'Accademia di Mendrisio
Villa 'il Girasole', la casa sulle colline di Marcellise (Verona) che gira sul proprio asse seguendo il movimento del sole, progettata e costruita tra il 1929 e il 1935 dall'ingegner Angelo Invernizzi, è diventata la sede staccata dell'Accademia di architettura di Mendrisio e ospiterà anche l'«Archivio del Moderno», un luogo di studio di frontiera, italiano, europeo ed extra europe. La villa sarà quindi sede dell'unica università svizzera di lingua italiana all'estero. A dirlo è Aurelio Galfetti, 67 anni, di Bellinzona, professore all'Accademia di Mendrisio e presidente della Fondazione "Il Girasole Angelo e Lina Invernizzi". All'interno della casa (una volta terminati i restauri, coordinati dall'architetto veronese Simone Nicolini) si svolgeranno quindi simposi, seminari e conferenze, da Europaconcorsi

Subway-Letteratura a Milano
Subway Letteratura è una iniziativa annuale del Settore Giovani del Comune di Milano, in collaborazione con l'Associazione Laboratorio-E20, che ha per obiettivo la produzione e la distribuzione di testi letterari di qualità, in particolare presso i giovani, attraverso i Juke-Box Letterari e altri strumenti e occasioni di diffusione della scrittura e della lettura. Partner del Settore Giovani per questa iniziativa è ATM. I Juke-Box Letterari - Già da questa primavera sono stati installati nei mezzanini delle più frequentate stazioni della Metropolitana di Milano numerosi Juke-Box Letterari. Sono contenitori-distributori dai quali i passeggeri della metropolitana potranno scegliere e prelevare (gratuitamente) un volumetto a firma di un giovane scrittore, da leggere lungo il percorso da/verso casa-scuola-lavoro-cinema-amici. Nelle stazioni della metropolitana milanese è prevista la distribuzione di circa 12 titoli per una tiratura complessiva di circa 400.000 copie. Non sono escluse altre forme di pubblicazione dei racconti, per informazioni e bando: Subway-letteratura

Interruzioni e sparizioni
Five Small Videos About Interruption And Disappearing è il progetto commissionato da The Alternative Museum ai membri dell’MTAA: M. River & T. Whid. Il duo ha realizzato i cinque brevi video ispirandosi alle loro prime performance. I filmati, interattivi e semplici nella struttura narrativa, mostrano le azioni ripetitive che compiamo quotidianamente: l’esserci e lo sparire, cancellare i dati nel computer, dormire e svegliarsi, dialogare con un'altra persona. I confini tra l’on line e l’off line sono attraversati e scavalcati ripetutamente spingendo lo spettatore ad inteagire. Utilizzando il mouse si interrompe o si riavvia il meccanismo dualista on/off, su
Random::Exibart

22/6/03

Fondazione Zevi: "L'ARCHITETTURA" in copertina
Si apre oggi e durerà fino al 30 giugno, allla Fondazione Bruno Zevi in via Nomentana 150 a Roma, la mostra degli originali delle copertine della rivista "L'architettura cronache e storia", disegnati tra il 1955 e il 1997 dallo studio di grafica-design-architettura 'Nizzoli-Oliveri'. Si tratta di oltre 200 pezzi tra bozzetti originali delle copertine (collages di fotografie, ritagli di giornale e di riviste, cartine geografiche, schizzi a penna o a china di Mario Oliveri) prove di stampa, in vari colori e sfumature; bozze rimaste in fase di ideazione; la corrispondenza, infine, tra Bruno Zevi e lo studio Nizzoli - Oliveri. Proprio per il lungo arco di tempo in cui è stato prodotto, il materiale consente di leggere, dall'osservatorio particolare della grafica, i principali mutamenti artistici e architettonici intervenuti dal dopoguerra. Con l'aggiunta delle centinaia di disegni preparatori realizzati da Marcello Nizzoli per la parte di copertine conservate presso lo CSAC - Centro Studi e Archivio della Comunicazione - di Parma. La mostra, allestita dall'architetto Maurizio Di Puolo, sarà accompagnata dal primo "Quaderno" della Fondazione che, oltre ai saggi critici (di Mario Oliveri, Lisa Licitra Ponti e Sergio Polano) e alla documentazione dell'esposizione, conterrà il catalogo generale del materiale donato alla Fondazione, da Vitruvio e Fondazione Zevi

Nella materia: dal Futurismo a Kiefer alfabeti dell’arte del Novecento
- da Burri a Kounellis metalli e ossidazioni
Rimarrà aperta fino al 29 giugno la mostra, a cura di Lorella Giudici e Rachele Ferrario allestita al Museo della Permanente, via Turati, 34 - Milano, dal titolo "Nella Materia: dal Futurismo a Kiefer alfabeti nell’arte del Novecento - da Burri a Kounellis metalli e ossidazioni". L'evento - che analizza sia la ricerca di nuovi alfabeti per l’arte che il dialogo muto con la materia, con le sperimentazioni materiche come il papier collée del futurismo o il cemento armato dell’Informale - prevede un interessante, duplice itinerario che vuole abbracciare buona parte delle tendenze più innovative dell’arte del secolo appena trascorso. Da un lato viene dato spazio al conflittuale, ma sempre stimolante, rapporto esistente tra la parola e l’immagine, dall’altro si analizzano le nuove tecniche e i nuovi materiali (ferro, zinco, acciaio) che hanno modificato il volto della scultura. In particolare i due percorsi proposti alla Permanente illustrano due diversi approcci poetici: prima vediamo l’arte non più come rappresentazione figurativa ma come concetto; poi assistiamo alla esaltazione della pura materia. L’obiettivo principale è di evidenziare i percorsi alternativi con i quali gli artisti hanno sperimentato nuove frontiere nella materia, nella tecnica, nello spazio e nel tempo all'interno di nuovi linguaggi espressivi, da Art&JobMagazine

ARCo - associazione per il recupero del costruito
L'Associazione per il Recupero del Costruito ARCo è stata fondata nel 1991 dal compianto Antonino Giuffrè e da un gruppo di colleghi universitari, architetti e ingegneri liberi professionisti e funzionari delle Soprintendenze, con il fine di contribuire alla salvaguardia, al recupero ed alla conservazione del patrimonio costruito, storico e monumentale, o comunque testimone della nostra civiltà, sensibilizzando tutti i settori interessati, incluse le pubbliche amministrazioni e promuovendo la collaborazione di tutti gli operatori. L'ARCo si rivolge perciò soprattutto, ma non solo, agli architetti e agli ingegneri civili. L'associazione pubblica saltuariamente i Quaderni dell'ARCo ed organizza, generalmente ogni due anni, un convegno nazionale. Informazioni sull'ARCo, le sue pubblicazioni, le attività passate e le iniziative recenti si possono trovare nel sito www.arco-net.org

Mosca ospiterà una sua Biennale nel 2004
A Venezia, il ministro della cultura della Federazione Russa, Michael Shvydkoj, durante una conferenza stampa ospitata nella sede lagunare della Peggy Guggenheim collection il 20 giugno, ha annunciato che tra settembre e ottobre 2004, Mosca ospitera' una sua Biennale d'Arte, su modello di quella veneziana, nell'ambito di una iniziativa battezzata ''major project of russia''. Il ministro, affiancato dal curatore del padiglione Russo alla Biennale di Venezia Viktor Missiano e dal direttore della sezione Arti Visive Francesco Bonami, ha sottolineato come l'evento del 2004 voglia riproporre la grande tradizione russa nel mondo perche' questa torni ad essere protagonista in prima persona sulla scena artistica internazionale (da Ansa per Culturalweb)

21/6/03

"The Net and Netizens": all'origine del termine "cittadino della Rete"
Il 6 Luglio 1993 Michael Hauben inviava su Usenet un post intitolato "The Net and Netizens", nel quale per la prima volta veniva usato il termine "Netizen", cittadino della Rete. Il messaggio iniziava così: "Welcome to the 21st Century. You are a Netizen (Net Citizen), and you exist as a citizen of the world thanks to the global connectivity that the Net gives you. You consider everyone as your compatriot. You physically live in one country but you are in contact with much of the world via the global computer network. Virtually you live next door to every other single netizen in the world. Geographical separation is replaced by existence in the same virtual space." Oggi il termine "Netizen" - e il fatto di esserlo - è comune. In occasione dei dieci anni dalla sua invenzione Noema dedicherà all'idea di "Netizen" un numero speciale, con l'aiuto di Ronda Hauben (Michael è venuto a mancare nel 2001).Per approfondire il significato di questo termine Noema vuole anche promuovere una riflessione all'interno del proprio Forum e con l'aiuto di chiunque abbia un ricordo, un pensiero, un'idea su questo argomento: Noema raccogliera' tutti i contributi e li pubblichera' sul sito, da Noemalab

Pippa Bacca - ' Il ventre dell'architetto' allo SpazioZebra
Inaugura oggi alle ore 19.00, e proseguirà fino al 19 luglio, la mostra dell'artista milanese Pippa Bacca che presenta un lavoro espressamente pensato e realizzato per lo SpazioZebra. La scultura contemporanea sembra soffrire di un complesso di colpa al quale cerca di reagire. Soffre per il suo ingombro, per il suo peso, per la sua forma irrimediabilmente conclusa, per il suo essere solida per necessità, per virtù e per tradizione. Le opere dell'artista spesso e volentieri giocano con i luoghi comuni dell'iconosfera contemporanea, con i pregiudizi e i riflessi condizionati dei comportamenti sociali. La sua dissacrante, seppur sempre sottile, tagliente spinta ironica, nasce da un contrasto dialettico. (da Comunicato Stampa)

"... i care because you do" alla Galleria Contemporaneo di Mestre
Oggi, dalle ore 15.00, alla Galleria Contemporaneo, piazzetta Olivotti 2, si terrà l'incontro aperto al pubblico "... i care because you do" - dal titolo di un album del 1995 di aphex twin - nato anche grazie alla disponibilità di alcune istituzioni, che si pone come fine la realizzazione di un laboratorio di ricerca artistica presso lo spazio della Galleria. Si tratta di un progetto collettivo in cui si confondono i tradizionali ruoli di curatore, artista, critico, allestitore per dare il massimo risalto all'interazione reciproca. Durante questa prima giornata di allestimento, si è voluto tenere aperto lo spazio per invitare e coinvolgere tutti coloro che intendano dare un contributo, arricchendo di stimoli e contenuti la Galleria Contemporaneo, creando una sorta di zona interstiziale dedicata all'esperienza estetica. Il tutto verrà registrato attraverso un video che verrà omaggiato attraverso supporto cdrom il giorno dell'inaugurazione, prevista per mercoledì 25 giugno alle 20.30, con una suggestiva ambientazione sonora live. (da Comunicato Stampa)

La "nuvola" di Massimiliano Fuksas fa un altro passo in avanti: la progettazione esecutiva, la costruzione e la gestione del nuovo centro congressi dell'Eur fanno parte di un contratto firmato ieri dai vertici dell'Eur spa e della società Centro congressi Italia formata dalle tre imprese che si sono aggiudicate l'appalto, la Dec, la Nicotel e la Sacaim. L'idea di realizzare un polo congressuale in viale Europa è nata nel 1998 quando l'allora Ente Eur e il Campidoglio hanno bandito un concorso internazionale in due fasi, su Europaconcorsi

Prosegue fino al 30 giugno a Palazzo Impellizzeri a Siracusa, Via delle Maestranze, la mostra "Dell'Invisibile" dell'artista Kali Jones

20/6/03

Didart a Roma. Convegno: "Capire Sentire l'Arte Contemporanea"
Il Macro (Museo d'Arte Contemporanea di Roma) ospitera' da oggi, dalle ore 10.00 in poi, un incontro internazionale aperto al pubblico sulla didattica dell'arte: "Capire Sentire l'Arte Contemporanea", promosso dalla Didart. Tale struttura nasce come progetto artistico contemporaneo con lo scopo di creare una rete formata da partner internazionali e dall’Unione Europea Commissione Cultura, dove possano incontrarsi ed interagire tra loro, nel pieno rispetto di specificita' e tradizioni differenti, le esperienze piu' significative a livello europeo. sulla didattica dell’arte. La prima, importante , fase del progetto, che ha già visto l’inaugurazione di un Centro di Documentazione sulla didattica dell’arte a Reggio Emilia e la nascita dell’omonimo sito Web, si concluderà con un incontro-seminario con la partecipazione dei partner Didart e dei responsabili dei dipartimenti didattici di alcuni dei più importanti musei d’Europa. da Culturalweb e Exibart

PARAMETRO n. 245 - Mutazioni del paesaggio
E' in edicola il nuovo numero di Parametro dedicato alle 'Mutazioni del paesaggio'. "Landscape" (o “Landschaft”) è parola chiave per accedere alle conoscenze dei fenomeni contemporanei dell'arte e dell'architettura. La sterminata bibliografia nell'editoria specializzata più recente non ne inflaziona l'interesse. Parametro 245 affronta le relative problematiche individuando nei campi della storia, dell'estetica, dell'analisi e del progetto alcuni probabili ambiti di ispezione. Come affermano i curatori nel saggio introduttivo, è nei cambiamenti che si colgono gli incerti volti assunti dal paesaggio nei secoli e in contesti sempre diversi. da Parametro

"In-visible Out-skirt" - Progetto Europeo "Cultura 2000"
Verrà presentato domani a Roma, alla Sala Pietro da Cortona, Musei Capitolini, l'evento conclusivo del concorso di Cyber Art, lanciato dalla Sovrintendenza ai Beni Culturali del Comune di Roma e da diverse organizzazioni italiane, ungheresi, spagnole, polacche, finlandesi e rumene, all'interno del progetto europeo "In-visible Out-skirt, Arts and ICT in urban visions" finanziato dal programma comunitario Cultura 2000, legato alla promozione e alla disseminazione creativa delle nuove tecnologie nei luoghi periferici delle città. I critici e curatori Augusto Pieroni, Teresa Macrì, Antonio Arevalo, e gli artisti Alexandro Ladaga & Silvia Manteiga (ELASTIC Group) e Carlos Garaicoa paleranno di Visual Literacy, Networking Art & Communication, Art in the outskirts worldwide. Info su in-outvisible

Mostra colettiva 'Il PALAZZO DELLE LIBERTA' alle Papesse di Siena
Avrà inizio oggi e continuerà fino al 14 settembre, l'evento che vedrà affidati t
utti gli spazi del centro d'arte senese a una ricca selezione di artisti italiani e stranieri per la produzione di sole opere nuove. A tutti e' stato richiesto di elaborare un progetto specifico per l'ambiente loro assegnato, concentrandosi sulle caratteristiche architettoniche e morfologiche degli spazi o legando il proprio operato alla storia dell'edificio, della citta' e del territorio. Fotografia, pittura, video, scultura e architettura destrutturata, sono mezzi parimenti leciti per offrire un'interpretazione indipendente dello spazio. da Undo.net

NICE TO BERLIN
E' il titolo della ricerca fotografica realizzata da Emanuele Piccardo a Berlino est ospitata in Utopia Station alla 50esima Biennale d'arte di Venezia, nella sezione Border Counter a cura di Multiplicity, visitabile fino al 2 novembre.

INCONTRI alla BIENNALE: 99 tutte le idee meno una
Nello Spazio Archivio del Contemporaneo - ASAC, all'Arsenale di Venezia, si terrà l'incontro "99 tutte le idee meno una - 99 every idea but one". Interverranno:
- venerdì 20 giugno ore 17.00 Roberto Panzarani, psicologo: "Innovazione e Blur Economy"
- sabato 21 giugno ore 17.00 Tracy Metz, giornalista, scrittrice, critica di architettura: "Amsterdam. Metropoli, turismo e identità urbane"
Ingresso libero, Segr.Org.: tel 041-2728331 041-2705969 , e-mail: 99@labiennale.org

Si è aperta a Torino la 6. Edizione di "Hackmeeting"
Fino a domenica, il centro giovanile "Barrio", in strada Cuorgnè 81, si trasformerà in un laboratorio dove si parlerà d'informatica, con seminari e dibattiti: dal software libero GNU/Linux all'hacker-art, il mondo delle contaminazioni artistiche del web, passando per corsi di computer per neofiti e workshop sul diritto d'autore nell'era delle nuove tecnologie. O incontri dedicato al retrocomputing, la passione di andare a scovare i computer dei tempi che furono, dal Sinclair Zx 81 all'Amiga, per limitarci al decennio degli anni Ottanta. Un universo complicato, con anime diverse, diviso tra chi vede la tecnologia come strumento di disobbedienza civile, da utilizzare per azioni "politiche", e gli hacker in senso stretto, veri e propri scienziati dei bit, a cui interessa solo il mondo della techne. Il cuore del meeting sarà il «Lan space», una rete locale a cui ognuno potrà collegare il proprio computer per condividere conoscenze e imparare tecniche nuove di hacking. Ma chi sono gli hacker? Vietato cadere nei luoghi comuni. Non si tratta di "ragazzini pestiferi" che si divertono a sconquassare i computer altrui (quelli sono i cracker). L'hacker, quello vero, non "rompe", ma costruisce, è una persona curiosa "che non subisce la tecnologia, ma cerca di dominarla". Si legge nel manifesto di Hackmeeting 03: "Il nostro essere hacker si mostra quando ci battiamo per far cambiare quello che non ci piace, come l'informazione falsa e preconfezionata, come l'utilizzo delle tecnologie per offendere la dignità e la libertà", da Corriere della Sera

Mostra di fine anno della scuola di fotografia “R. Bauer”, Milano.
Si inaugura oggi alle ore 18.00 e sarà visitabile fino al 10 luglio, la mostra di fine anno degli allievi della scuola post diploma di fotografia “R. Bauer”, presso la sede di Via Pace 10. Saranno presentati in mostra i lavori di circa 100 allievi. Cinque i corsi: due serali, due post diploma e il corso di Assistenti Fotografi di Moda. I seminari interni sono stati tenuti dal fotografo Gabriele Basilico (Secondo PD) a tema l'area storica dell'Umanitaria, la scuola stessa, l'area urbana circostante, le persone che la frequentano, Francesco Jodice (PD Unico) “investigazione urbana” con tecniche e linguaggi liberi. Il Secondo Serale propone una mostra sul tema del viaggio a cura di Teo Telloli. L’iniziativa da anche l’occasione di rendere visibili ricerche personali degli allievi. da Exibart

19/6/03

WOMAD IN SICILY A TAORMINA
Si terra' da oggi al 21 giugno a Taormina il "Womad in Sicily", ideato da Peter Gabriel. Si alterneranno nei tre giorni del Festival, presso il Palazzo dei Congressi ed il Teatro Antico di Taormina, artisti provenienti da diverse parti del mondo, una vera e propria ondata di suoni, colori, ritmi e danze. Hanno gia' confermato la loro presenza a questa edizione del WOMAD: Los de Abajo (Messico), Trio Mocoto' (Brasile), Enzo Avitabile e i Bottari di Portici (Ita), Afrocelts Sound System (Senegal-Uk-Ireland), Badenya Les Freres Coulibaly (Burkina Faso), Joji Hirota (Giappone). Questo il calendario della tre giorni di grande richiamo. Giovedi' 19 giugno "workshop" del Trio Mocoto e Los de Abajo e Roy Paci. A Palazzo dei Congressi dalle 20.45 sino all'1, 00 si alterneranno: Sun (Sicilia), Les Goulus, Roy Paci e Aretuska, Trio Mocoto (Brasile) e Los De Abajo (Messico). Venerdi' 20 giugno, "workshop" di Ozomatli e Salif Keita. A Palazzo dei Congressi dalle 20 e 45 sino alle 01,00 si esibiranno: Zongaje (Sicilia), Les Goulus, Enzo Avitabile (Napoli), Ozomatli (Usa), Salif Keita (Mali). Sabato 21, gran finale con "workshop" di Badenya Les Freres Coulibaly e 1 Giant Leap. Nello splendido scenario del Teatro Antico, dalle 21 alle 01,00 saliranno sul palco Tinturia (Sicilia), Les Goulus, Badenya Les Freres Coulibaly (Burkina Fasu), 1 Giant Leap (International), Afro Celt (Senegal, Uk, Ireland). Tutti i "workshop" si terranno dalle ore 18,00 alle 19,45 presso Piazza IX Aprile. Il festival, che rientra nella programmazione di Taormina Arte, rassegna internazionale di Cinema, Teatro e Musica, e' promosso dall'Assessorato Regionale al Turismo, dall'Azienda Turismo di Taormina e dalla Fondazione Taormina Arte. In 21 anni di attivita' WOMAD, acronimo di World of Music Art and Dance, ha portato in giro per tutti e quattro i continenti il suo ideale di musica senza confini e barriere, in un riuscito esperimento di "Globalizzazione musicale" nel pieno rispetto di identita' e culture, da Culturalweb

Premio Mies van der Rohe a Zaha Hadid
Zaha Hadid ha ricevuto oggi a Barcellona, il «premio Mies van der Rohe» dell'Unione Europea per l'architettura contemporanea. da Europaconcorsi

MVRDV vince il concorso per il waterfront di Oslo
Una parte del frontemare di Oslo sarà firmata da MVRDV. Lo studio di Rotterdam, insieme a Dark Architects e A-lab architects (entrambi di Oslo), hanno vinto il concorso per la progettazione dell'area compresa tra il fiordo di Bjorvika-Bispevika e il principale snodo ferroviario norvegese. Destinata a ospitare edifici per uffici, residenza, spazi commerciali e culturali e circondata da una strada veicolare, la zona sarà interamente pedonalizzata. I primi edifici sono attesi per il 2007 su Europaconcorsi e Il Giornale dell'Architettura

Triennale di Milano - "Periferie e nuova urbanità".
Si inaugura oggi 19 giugno e sarà visitabile fino al 27 luglio, alla Triennale, la mostra "Periferie e nuova urbanità", curata dal Dipartimento di Progettazione del Politecnico di Milano. La mostra intende presentare i risultati della ricerca strategica della Facoltà di Architettura di Milano sulla ridefinizione delle periferie urbane metropolitane, attraverso progetti integrati sui temi della casa e delle grandi opere infrastrutturali e della vita associata. La lettura del tema della periferia contemporanea viene proposto cercando di rendere evidenti le profonde metamorfosi in corso nel territorio metropolitano contemporaneo, a partire da una critica radicale al concetto di "città diffusa". L’esposizione porrà il problema della qualità delle aree urbanizzate esterne ai nuclei storici consolidati, cui viene riconosciuto un autonomo potenziale propulsivo di sviluppo economico e di nuova civiltà rispetto ai tradizionali centri metropolitani. Tre sezioni tematiche affronteranno attraverso una serie di proposte progettuali e interpretative i caratteri storicizzati e innovativi della periferia lombarda e di alcuni casi italiani ed europei attraverso una sequenza di simulazioni progettuali, modelli e fotografie, da Triennale

Riequilibrio del territorio lagunare: riqualificazione e salvaguardia.
Giovedì 19 e venerdì 20 giugno 2003, nell'Aula Magna Tolentini S.Croce 191, a Venezia, si svolgerà il convegno «Riequilibrio del territorio lagunare: riqualificazione e salvaguardia» organizzato dalla fPT-facoltà di pianificazione del territorio. Tra le tematiche che verranno affrontate nelle quattro sessioni "Ecosistema lagunare e obiettivi di riequilibrio, Tutela e gestione naturalistica, difese perimetrali e rialzi, progetto Mo.S.E., valutazioni paesaggistiche e ambientali", da IUAV

AD'a_Area D'azione - arte pubblica alla Rocca Sforzesca di Imola.
Ad'a è un progetto di Arte Pubblica: un progetto in cui l'artista, agente all'interno del sociale, fa i conti con l'ambiente e si misura con una reale modalita' comunicativa fuori dal contesto specialistico, sempre più al servizio della comunita', in continua relazione con le istituzioni pubbliche e private, stimolando una partecipazione diretta dei cittadini e degli stessi committenti alla concezione di intervento artistico. Dal 19 giugno al 17 luglio, da Undo.net

Berlino: riapre l'ambasciata italiana
Dopo tre anni di restauro conservativo, su progetto di Vittorio De Feo, l'architetto napoletano recentemente scomparso, l'ambasciata della Repubblica italiana sarà inaugurata il 26 giugno prossimo. Diecimila metri quadrati su cinque livelli, 500 stanze e 400 finestre, l'edificio ospiterà gli uffici diplomatici, la residenza privata dell'ambasciatore e l'Istituto italiano di Cultura. Nel 1941 Albert Speer apportò personalmente dei ritocchi al progetto di Friedrich Hetzelt, architetto preferito di Hermann Goering, il numero due del regime nazista. Hetzelt si ispirò al Palazzo della Consulta, costruito a Roma nel 1732 da Federico Fuga. da Europaconcorsi

CAGLIARI: Performace visive dell'East Coast Americana
Da oggi a Cagliari, alle ore 20.30, avrà inizio la 16. Edizione di InterAzioni, rassegna-laboratorio internazionale di performing arts, al Teatro delle Saline di Cagliari che offrira' in anteprima mondiale gli ultimi lavori di video-arte del Dipartimento di arti visive, musica e video dell'Universita' statunitense del Maryland di Baltimora, che comprende alcuni dei piu' noti esponenti della scena culturale dell'East Coast come Diyan Achadi, Steve Bradley, Vin Gabrill, Carol Hess e John Sturgeon. La serata sara' poi caratterizzata dalle performance della canadese Karen Spencer, dalla ''poesia sonora corporea'' del tedesco Enno Stahl e dal ''Concerto danzato'' di MauroOrselli e Ada Catanzaro, due tra i maggiori improvvisatori italiani. "InterAzioni", organizzata dal Teatro Arka, proseguira' fino a sabato con altre due serate sempre dedicate alle scene artistiche d'avanguardia di Italia, Canada, Germania e Giappone. Particolare la sezione del festival intitolata ''Fuoriluogo - Offsite'', che prevede iniziative in spazi non convenzionali con l'obiettivo di coinvolgere gli abitanti della citta', da Karen Spencer che pelera' e cucinera' cipolle a Vida Simon che si esibira' direttamente a domicilio. Fino a domenica, infine, il PoliartStudio Gallery in via Universita' ospita le installazioni ''Pressioni dinamiche'' di Gianni Atzeni, ''PDR'' di Erik Chevalier e ''Non dobbiamo, non possiamo, non vogliamo'' di Paolo Oliano. da Culturalweb

18/6/03

IN THE NIGHT ALL COWS ARE BROWN
Si conclude su antiTHeSi "Chi è Mr.Brown?", l'indagine in cinque puntate condotta da Domenico Cogliandro e Ugo Rosa. Le precedenti quattro si trovano su Arch'it, Archphoto, Newitalianblood, Channelbeta

"Occidente" è un termine assai diffuso nel linguaggio comune, forse troppo. È un termine forte, che serve di solito a mettere le cose in ordine ("da una parte la cultura occidentale e dall'altra"...), ma ambiguo e insidioso per come mescola la presunta oggettività della geografia e i valori, di incerta sostanza. Insomma, cosa intendiamo, noi e gli altri, quando diciamo "occidente"? Golem L'indispensabile dedica a questo tema il numero del mese

Enrico Baj è morto il 15 giugno nella sua casa di Vergiate, nei pressi di Varese, quando il traguardo degli ottant’anni non sembrava più tanto lontano. E’ morto poche ore dopo l’inaugurazione della Biennale di Venezia contro la quale aveva spesso scatenato feroci polemiche. E’ rimasto famoso il suo attacco contro la nomina di Achille Bonito Oliva alla direzione dell’edizione del 1993. E questa era una delle caratteristiche dell’artista, celebre presso il grande pubblico per i suoi generali dissacrati, e per un dipinto che è ormai storicizzato, davvero simbolo di un’epoca: “I funerali dell’anarchico Pinelli”. Baj era nato a Milano nel 1924 e le sue opere, sempre fortemente satiriche, erano attraversate da un linguaggio neodadaista: ed ecco allora i grotteschi Generali, le opere ispirate a fatti reali realizzate con una tecnica basata su collage polimaterici, che comprendono passamanerie, medaglie, specchi rotti, conchiglie. Aveva cominciato a dipingere a soli quattordici anni ma dopo la maturità si era iscritto alla facoltà di medicina, su Kwart

Rencontres Internationale de la Photographie di Arles
Dal 5 al 12 luglio 2003, l'edizione annuale dei "Rencontres", proporrà come novità una forte rappresentanza della fotografia asiatica, cinese in particolare. Stupisce l'assenza della fotografia italiana estromessa ancora una volta dal festival, fatta eccezione per Vincenzo Castella che esporrà all'Abbazia di Montmajour. Quest'anno verranno celebrati i vent'anni della missione fotografica del Littoral con proiezioni e dibattiti, su rencontres-arles

A Firenze nasce MAD - Multimedia Architettura Design
Lara Vinca Masini, Pino Brugellis e Claudio Nardi, insieme all’Assessorato alla Cultura del Comune di Firenze, promuovono la creazione di un centro (non solo espositivo) per l'Architettura, Multimedia e Design, con sede nella Cripta della Basilica di S.Croce di Firenze. Il centro si propone come laboratorio di idee e osservatorio privilegiato dello stato dell'arte multimediale, del design, dell'architettura, un luogo per conoscere, informarsi, con mostre di piccola e media dimensione capaci di coniugare chiarezza di contenuti e ricerche espressive. L'intenzione è quella di mostrare come l'architettura, il design e l'arte multimediale rispondono alle pressanti esigenze della società; indagare quali sono gli humus internazionali, quali gli artisti, e i prodotti del domani. Il comune di Firenze indice un concorso per il nuovo logo, da Architecture e MAD

Oggi alle 16,30 presso la Sala Fiorentino della Facoltà di Architettura di Valle Giulia a Roma nell'ambito di "Spazi d'autore" si terrà la presentazione del libro scritto da Antonino Terranova, "Mostri metropolitani" edito da Meltemi, alla presenza dell'autore, di Orazio Carpenzano, Lucio Altarelli e Massimo Canevacci

GENOVA 2004: LA 'SUPERBA' SARA' CAPITALE EUROPEA CULTURA
Genova sara' la Capitale europea della Cultura, teatro di oltre 130 iniziative che spazieranno dalla storia all'arte, dalla musica al teatro. Il programma degli eventi e degli interventi strutturali e' stato illustrato oggi pomeriggio dai vertici degli Enti locali liguri al ministro per i Beni Culturali Giuliano Urbani e ai parlamentari delle commissioni Cultura di Camera e Senato. Con un investimento di circa 230 milioni di euro, stanziati da governo centrale, enti locali e privati, Genova si prepara ad ospitare un evento che in Italia non si ripetera' fino al 2019: essere una vetrina culturale per tutta l'Europa. Dopo aver selezionato un centinaio di iniziative sulle circa 800 proposte, il cartello di manifestazioni offre una panoramica che spazia in arti e epoche diverse. da Culturalweb

17/6/03

Frammento italiano è il giardino che lo studio.eu ha ideato e realizzato nell'ambito della quarta edizione della mostra internazionale di giardini "Jardins de Métis". La mostra sarà inaugurata ufficialmente il 27 giugno a Grand-Mètis (Québec-Canada) e rimarrà aperta al pubblico fino il 21 Settembre 2003

Si inaugura a Roma il 18 giugno alle 19 la mostra, organizzata da TA MATETE (Via IV novembre 140, Roma) sull'opera di Carlo Ravaioli dal titolo "Luoghi simultanei". Il lavoro di Carlo Ravaioli, ospitato presso la Galleria TA MATETE di Roma dal 19 giugno al 17 luglio 2003, costituisce un'inedita sintesi tra due universi opposti quasi mai conciliabili: quello delle tecnologie d'avanguardia, della computer grafica, dell'immagine elettronica, e quello dei più antichi valori materici, coloristici, disegnativi della pittura. Per questo si inserisce pienamente nel progetto TA MATETE che vuole rappresentare il primo esempio di riavvicinamento alla propria sfera sentimentale attraverso un percorso polisensoriale che consenta un approccio nuovo nei confronti dell'arte. Nel corso della serata: Radiovisione di Roberto Latini da "Iris Selvatico" di Louise Glück per info ufficiostampa@novellamirri.191.it

I. Biennale di Rotterdam - Mobility. Room with a View.
‘Mobilità di qualità’ potrebbe essere lo slogan di questa I. Biennale di Rotterdam. Architetti, designers, scultori e fotografi provenienti da tutto il mondo si sono dati appuntamento per fare il punto sulla viabilità contemporanea. Dall’ autostrada alla stazione navale, dal distributore di benzina ai parcheggi…da Exibart

Sono aperti i bandi concorso 2003 per "Corto Circuito", 'Festival europeo della comunicazione audiovisiva breve' che si terrà a Napoli dal 7 al 16 novembre 2003. Giunto alla sua IX edizione, Corto Circuito 2003 è divenuto in questi anni il più consolidato appuntamento europeo per istituzioni, imprese e professionisti del settore cinematografico internazionale e si pone come vetrina di proposte e talenti originali nell'ambito del cinema, TV, pubblicità e documentari. Il programma di Corto Circuito 2003 prevede: Premio Europa, per il miglior cortometraggio europeo, Premio Italia, per il miglior cortometraggio italiano, Premio Napoli, per il miglior cortometraggio napoletano, Premio internazionale miglior documentario d'Arte contemporanea, Premio miglior documentario d'Architettura contemporanea, Rassegna Cinema in Costume, Rassegna di videoclip musicali brasiliani, Rassegna di pubblicità

16/6/03

Image cafè Lavazza
È on line dal 13 giugno all'interno dell'e-cafè Lavazza il nuovo sito Image cafè dedicato alla fotografia e curato dal Progetto Giovani della FIF, la Fondazione Italiana per la Fotografia di Torino, con la quale l'azienda ha instaurato una collaborazione. Il nuovo Image cafè propone una comunicazione fatta di immagini, suggestioni, ma anche discussioni di appassionati, recensioni di esperti e interviste con i maestri della fotografia, da Comunicato Stampa FIF e Lavazza

14/6/03

50. Biennale d'Arte di Venezia - Eventi Fuori Programma.
IRAQ MOBILE PAVILION -
Si deve all'iniziativa dell'artista iracheno Al Fadhil, l'evento che rappresenta l'Iraq, fuori Biennale, col progetto di un "padiglione mobile" da lui ideato e 'coincidente' con la sua stessa persona. L'omaggio che Al Fadhil intende fare con questa iniziativa personale al suo Paese, vuole essere testimonianza, in questo particolare momento storico, dei danni irreparabili subiti dal patrimonio artistico, archeologico e culturale dell'Iraq, e l'enorme sacrificio pagato dal popolo iracheno per riscattare la propria libertà, dopo 30 anni di dittatura e dopo una controversa guerra.
L'ultima presenza dell'Iraq alla Biennale risale al 1990. Con "Iraq Mobile Pavilion", l'artista propone di indossare una T-shirt, con la scritta I'm the Iraq Pavilion at the 50th Venice Bienal, rendendo in questo modo tutti quelli che aderiranno, parte del progetto, diretti testimoni e protagonisti dell'arte contemporanea. La maglietta, andrà portata durante tutto il periodo della biennale, può essere acquistata inviando l'importo di 15 dollari o 15 euro specificando la taglia e l'indirizzo postale a: Art like food - Po Box 27, 6911 Campione, Switzerland. Chiunque invierà ai siti supporter, riportati più sotto, la propria foto scattata all'interno della Biennale, consentirà la realizzazione della pagina "Casi Umani" curata dai Vegetali Ignoti sulla rivista d'arte Juliet e una mostra con tutte le foto in luogo e data da definirsi. Gli sviluppi dell'iniziativa verranno aggiornati su: www.vegetalignoti.3000.it e www.fadhil.net (da Comunicato Stampa)

13/6/03

Oggi alle 19 presso il Future Centre Telecom nel convento di San Salvador a Venezia si terrà l'incontro dal titolo "Confini: l'altra faccia della globalizzazione" a cura di Multiplicity e Domus Academy. Presentazione del volume USE-Uncertain states of Europe, Skira ed., a cui intervengono Stefano Boeri, Hans Ulrich Obrist, Rem Koolhaas con Andrea Branzi, Catherine David, Marino Folin e Mario Piazza. Alle 21 verranno presentati i materiali per una ricerca sui Confini, fotografie di Gabriele Basilico e Francesco Jodice, alle 22 "Transient" concerto di suoni e immagini con Ludovico Einaudi e Armin Linke

Oggi a Ferrara presso la Facoltà di Architettura in occasione del decennale di fondazione si terranno due importanti appuntamenti, il primo alle 9,30 "Archibibliomania" per il confronto tra editoria cartacea e web vedrà le presentazioni delle riviste Gomorra (Massimo Ilardi, direttore) e la collana Babele (Rosario Pavia condirettore con Mosè Ricci) entrambe di Meltemi editore, Silvana editoriale e la webzine di architettura Channelbeta (Gianluigi D'Angelo direttore), presentazione di Vittorio Savi. Alle ore 18 si terrà una conferenza degli architetti inglesi Future Systems con la presentazione di Antonello Stella e Luigi Prestinenza Puglisi

GOMORRA - n.s., n. 5 - "R.O.M.A. Il rudere e il condominio"
Da oggi in libreria, la rivista affronta il tema della Roma periferica e conflittuale fra gli anni '70 e oggi che, nell'Editoriale, riportato su Zoom, il sociologo Massimo Ilardi così introduce: "Consumo e individuo, conflitto e libertà, illegalità e nuova spazialità: da queste immediate coincidenze nasce una sfera pubblica non istituzionale (metropoli) che si identifica non in un soggetto determinato ma nell'azione delle diverse figure sociali che l'attraversano". La rivista Gomorra, con "Il rudere e il condominio", giunge al decimo numero (quinto della nuova serie): nata nel '98 per studiare appunto "territori e conflitti della metropoli contemporanea", la rivista si pone alla confluenza fra urbanistica, antropologia, sociologia, arti visive. da ZoOOom e Meltemi

Locarno - Nel futuro del Festival la matita degli architetti.
Più di 120 architetti della FAS Federazione Architetti Svizzeri si sono riuniti il 13 e 14 giugno nel Palazzo della Sopracenerina a Locarno per l'Assemblea Generale della Federazione. Tra i diversi temi discussi sono da segnalare quelli relativi alla rivista «Werk, Bauen + Wohnen», organo ufficiale della Federazione. La giornata di sabato ha avuto per tema «il disegno della città», con gli interventi degli architetti Renato Magginetti sullo sviluppo urbanistico e architettonico di Locarno, di Luigi Snozzi sull'importanza degli spazi per conferire qualità e identità alla città, e di Giovanni La Varra sui rapporti sociali, funzionali e formali tra centro e periferia, su Giornale del Popolo

12/6/03

1. Festival Internazionale di Danza Contemporanea."Body <--> City"
Corpo città architettura tecnologia. Sono le coordinate lungo le quali si snoda il
1. Festival Internazionale di Danza Contemporanea "Body<-->City" che si inaugura a Venezia dal 12 giugno al 18 luglio 2003, sotto la direzione del coreografo Frédéric Flamand. La lunga collaborazione di Flamand con gli architetti Diller+Scofidio, Zaha Hadid, Jean Nouvel è ciò che lo ha portato a considerare le relazioni tra il corpo del danzatore e una struttura definita dello spazio. Lo spazio urbano è senza dubbio quello che maggiormente condiziona la percezione che abbiamo del nostro corpo e di conseguenza della nostra identità. La città è il risultato dell'accumulo progressivo di strati originati da diverse civiltà, rimodellati dall'azione incisiva delle tecnologie del futuro. Body<--> City si propone di confrontare le esperienze che coreografi, provenienti da diverse latitudini, hanno del vissuto del corpo - a priori fragile e sensibile - davanti al fenomeno urbano e ai suoi diversi aspetti. Il programma comprenderà compagnie che, formatesi nelle grandi metropoli - New York, Berlino, Parigi, Londra, Tokyo, Montréal, Johannesburg, Amsterdam, Bruxelles - caratterizzano il panorama della danza contemporanea e privilegiano la contaminazione tra le varie discipline artistiche. La presentazione degli spettacoli sarà integrata da un convegno strutturato in due fasi: la prima farà il punto sulle avanguardie che sono all'origine del movimento interdisciplinare contemporaneo, la seconda esaminerà il paradosso della città come rete di comunicazione e insieme luogo delle più feroci solitudini: "Connected Isolation". Biennale Danza

50. Biennale d'Arte di Venezia - sezione speciale Links
VV² Vivere Venezia2 - Recycling the Future. Si inaugura oggi, ai Giardini di Viale Garibaldi, alle ore 17.30, il progetto curato da Angela Vettese e realizzato dalla Facoltà di Design e Arti dello IUAV in collaborazione con il Consorzio Venezia Nuova. Scuole Internazionali d'Arte di tutto il mondo, sono invitate a progettare e realizzare lungo un itinerario esterno che dai Giardini della Biennale arriva fino a via Garibaldi, installazioni e interventi artistici volti a trasformare i tanti spazi abbandonati e segreti che si susseguono e creare un vero e proprio percorso espositivo. Venezia come luogo ideale di produzione di cultura, di invenzione e di sperimentazione, di laboratorio di un rinnovato equilibrio tra ambiente naturale e città: sono questi i temi che ispirano il progetto. Il titolo stesso della mostra vuole richiamare una sequenza complessa di metafore: quella del rapporto tra il futuro della città e le sue tradizioni; quella del rapporto critico tra i giovani artisti, che escono dall'esperienza formativa nelle scuole, e i modelli dominanti della produzione artistica; quella della necessità di un uso avveduto delle risorse e del riuso di quanto viene inutilmente sprecato; quella infine della capacità che l'arte possiede di influenzare e trasformare le forme della vita quotidiana degli uomini, il gioco dei bambini, le nozioni di riposo e di lavoro, l'esperienza quotidiana del mondo, su Biennale Arte e IUAV

Sarà di un architetto cinese che rappresenta l'Irlanda, Shih Fu Peng, la firma del nuovo Grande Museo d'Egitto (Gme), che sorgerà vicino alle Piramidi di Giza (Cheope, Chefren e Micerino): lo ha deciso una giuria internazionale della quale facevano parte anche Peter Cook, Gae Aulenti, Jong-Soung Kimm e l'egittologo Sergio Donadoni, dopo aver esaminato i 1557 progetti presentati ed averne selezionati 20. 2° Premio Coop Himmelb(l)au, Austria; 3° Premio Renato Rizzi, Italia, su Europaconcorsi

Nel 2008 il congresso mondiale del'Union Internationale des architects si terrà a Torino che ha vinto la concorenza di città come Tokio e Siviglia. Il tema proposto per il Congresso del 2008 è "Comunicare Architettura – Transmitting Architecture", un tema che coniuga il mondo della comunicazione, che tanto caratterizza l'aspetto contemporaneo delle società moderne, con il campo dell'architettura, ambito che già di per sé rappresenta una forma di comunicazione, dal momento che determina rilevanti processi di cambiamento del territorio e dell'ambiente, attraverso i quali la società manifesta e comunica, i propri valori sociali e culturali su Buildlab

Venezia 1895. Ha inizio la storia della Biennale.
I Giardini di Castello aprono le verdi pagine di un libro che narra dei suoi attori: i padiglioni destinati alle esposizioni. In molti, fra i celebri nomi della cultura progettuale, contribuiranno alla stesura di questa brillante pagina di storia dell’architettura. Alvar Aalto, Gerrit Rietveld, Joseph Hoffmann, Sverre Fehn, James Sterling e ancora tanti altri maestri trasformeranno quel giardino in un viaggio attraverso trenta nazioni e trenta diverse lezioni di architettura open air
, su Exibart

Hans Ulrich Obrist presenta su Arch'it "The Land", il progetto avviato dall'artista Rikrit Tiravanija nel 1998 in Thailandia su un'area acquistata presso il villaggio di Sanpatong, vicino a Chiang Mai. Illustrazione di un progetto utopico nato ai margini delle grandi teorizzazioni. Un esempio di ricerca artistica condotta al di fuori dei confini dell'oggetto autonomo, lontano dalle istituzioni del mondo dell'arte e dalle esposizioni che le sostengono

11/6/03

Si apre domani la 50. Biennale d'arte di Venezia, per tre giorni dal 12 al 14 giugno si alterneranno mostre, incontri, tra cui ricordiamo l'iniziativa organizzata da Multiplicity, venerdì 13 giugno, dalle ore 18, presso il Future centre di Telecom, dal titolo "Confini l'altra faccia della globalizzazione" dove verrà presentato il libro edito da Skira, USE, alla presenza di Rem Koolhaas, Hans Ulrich Obrist,Stefano Boeri, Marino folin, Andrea Branzi e Mario Piazza. Seguirà la proiezione dei lavori dei fotografi Gabriele Basilico e Francesco Jodice e la performance musicale di Ludovico Einaudi accompagnata dalle fotografie di Armin Linke

IN THE NIGHT ALL COWS ARE BROWN, questo è il titolo dell'indagine svolta da Ugo Rosa e Domenico Cogliandro per entrare o tentare di scardinare poco pochetto l'ingranaggio che nasconde Mr. Brown. L'indagine verrà presentata in rete contemporaneamente su cinque webzines ed ognuno ne avrà un frammento (5 frammenti, 5 canali= 1 condominio): Arch'it, Archphoto, Channelbeta, Newitalianblood, Antithesi. Seguendo il percorso si verrà a capo del labirinto...

La II. edizione della Biennale di Valencia (8 giugno-30 settembre) ha aperto le sue porte con l'intenzione di arrivare al grande pubblico, sfidando l'edizione precedente. L'italiano Luigi Settembrini dirige di nuovo questo laboratorio dal quale prestigiosi artisti internazionali analizzeranno la portata e le potenzialità della «città ideale». Valencia si presta all'esperimento «più come organismo vivo che come scenario». 7 esposizioni, 5 opere teatrali e diverse attività parallele si incaricheranno della metamorfosi su Europaconcorsi

Si è inaugurata ieri alla Casa dell'Architettura presso l' Acquario romano, la mostra promossa dall'Ordine degli Architetti di Roma e provincia, dal titolo «La donna costruisce». Fra le italiane espongono Carmen Andriani, Cristina Finucci, Paola Rossi, Guendalina Salimei e Stefania Stera. Un gruppo di donne architetto, unite dall 'interesse comune di presentare in mostre itineranti il proprio «costruito», le proprie esperienze di vita e di ricerca artistica. Un nucleo che offre la sua visione personale dell’impegno professionale in rosa, considerando il femminile come uno degli elementi di forza per realizzare i propri progetti. Si tratta di una »squadra» di giovani architetti che portano in giro per l’Europa la loro esperienza raccontata in una mostra e si confrontano, di volta in volta, con le forme del costruire del Paese in cui espongono, su Corriere della Sera

10/6/03

"Contacts" - Nata da un'idea di William Klein, l'iniziativa propone una serie di venti brevi filmati che mostrano i grandi fotografi durante il momento della «selezione» di fronte ai provini, ai «contacts». Ogni fotografo sa bene che se il momento dello scatto è senz’altro quello “decisivo”, esiste un altro momento del proprio lavoro ugualmente importante, intenso, in cui si valutano e si misurano le proprie competenze, la necessità di racconto e il senso del proprio lavoro. E’ il momento della “selezione”, quando guardando i provini si sceglie il fotogramma più rappresentativo, più forte e carico di significati. Guardando le proprie immagini, J. Koudelka, H. Cartier-Bresson, S. Moon, N. Goldin, S. Calle, T. Strouth, W. Klein, R. Doisneau, S. Salgado, Sigimoto, Araki, J. Wall, J. M. Bustamante, D. Mc Cullin, M. Giacomelli, E. Richards, J. Koudelka, A. Gursky, T. Ruff, S. Calle, L. Baltz, commentano le foto, parlano del proprio lavoro e insieme si raccontano. A cura di Alessandra Mauro. ES HOTEL, via F. Turati, 171 Roma,
tel. 06-444841, 10 e 11 giugno 2003, da Exibart

Firenze - SESV, Spazio Espositivo di Santa Verdiana,Piazza Ghiberti, 27 Firenze: E(c)co scuola: 20 progetti per una scuola a Bagno a Ripoli. Vengono presentati attraverso i progetti finalisti e selezionati, i risultati del concorso di progettazione per la realizzazione di una scuola elementare e materna a Croce a Varliano, bandito nei mesi scorsi dall'amministrazione comunale di Bagno a Ripoli (Firenze). Fino al 20 giugno 2003. da Europaconcorsi

L'Accademia Nazionale di San Luca istituisce un premio annuale di 5.000,00 euro per giovani artisti e architetti (età max 40 anni), dedicato alternativamente a pittura, scultura e architettura. Lo studio e lo sviluppo di queste tre arti in «Aequa Potestas» sono stati motivo critico della fondazione dell'Accademia nel 1593 e, tradizionalmente, ne hanno informato l'attività didattica e istituzionale. Scadenza iscrizioni 13 giugno 2003. da Europaconcorsi

Il fotografo Claude Fauville ritorna in Italia presso lo spazio espositivo del Ken Damy Fine Art con una nuova mostra inedita. Verranno esposte 25 fotografie in bianco e nero nel formato 50x50 cm che ritraggono donne di tutte le età a seno nudo, stampate con la proverbiale maestria dell'autore. L'autore sarà presente all'inaugurazione.
Claude Fauville. Portraits de femmes - Brescia - Ken Damy Fine Art dal 21 giugno al 7 settembre 2003, da Archimagazine

Anish Kapoor ha accettato di lavorare nuovamente in Italia, e presenterà un site specific project per la Galleria Continua di San Gimignano che è stato inaugurato il 31 maggio. da Archimagazine

9/6/03

"Lo stretto necessario" è il titolo del numero monografico che la rivista di architettura e urbanistica, Parametro, diretta da Glauco Gresleri ha dedicato alla Sicilia e allo Stretto e che verrà presentato il 18 giugno presso la Facoltà di Architettura di Reggio Calabria alla presenza, tra gli altri, del curatore Domenico Cogliandro e di Glauco Gresleri

Stefano Benni terrà una conferenza alla Facoltà di Architettura di Genova il 20 giugno prossimo sul rapporto testo-messa in scena, organizzata nell'ambito del Festival Internazionale di Teatro Sperimentale che si svolgerà nel mese di luglio a Rapallo (Ge). Gli spettacoli presentati saranno "Astaroth" di Stefano Benni il 24 ed il 25 luglio e "Antologia di Spoon River" di Edgar Lee Masters il 29, 30 ed il 31 luglio. Entrambe le manifestazioni si terranno nell'affascinante contesto storico-architettonico del complesso romanico di Valle Christi. L'organizzazione è curata Comune di Rapallo, Facoltà di Architettura di Genova, Itinera e London City University

Il 12 giugno alle ore 15,00 si terrà al complesso di Santa Verdiana a Firenze l'incontro con Hans Ibelings, Marco Brizzi, Luigi Prestinenza Puglisi. Il tema é: Tra Italia e Olanda. Media and Architectural Waves through Europe

Master europeo in Storia dell'Architettura organizzato dalle Universita Roma Tre, Paris 8, Politecnica de Madrid, Aix-Marseille 1, in collaborazione con l'Accademia Nazionale di San Luca e l'Università di Siena. Il Master Europeo in Storia dell’Architettura è un corso post-lauream innovativo per finalità, contenuti e modalità attuative. L’obiettivo primario è di formare una figura di storico dell’architettura altamente qualificata nella conoscenza, conservazione e gestione del patrimonio architettonico. Il Master, di secondo livello, fornisce metodologie di ricerca, conoscenze e strumenti necessari: alla ricerca storica; agli studi per gli interventi di conservazione e restauro degli edifici storici; all’acquisizione di competenze per l’organizzazione di musei e archivi d’architettura. Entro il 16 giugno 2003 occorre far pervenire alla Segreteria del Master domanda di preiscrizione redatta in carta libera ed indirizzata al Direttore del Master. La domanda può essere spedita con raccomandata semplice, oppure trasmessa via fax al numero +39 06 485454. Alla domanda vanno allegati i seguenti documenti: titolo di diploma adeguato; curriculum degli studi, delle attività professionali e di ricerca; indice e contenuto (max due pagine) della tesi di laurea; lettera di motivazione; autocertificazione di conoscenza della lingua italiana e di un’altra lingua dell’UE; lettera di presentazione di un docente universitario o di personalità scientifica o professionale operante nel settore. Il numero massimo degli ammessi è di 30 iscritti. Per info visitate il sito www.uniroma3.it

Solid Sea, l’istallazione prodotta da Multiplicity per Documenta XI, che racconta della tragedia – ancora oggi rimossa - dei 283 migranti morti nel naufragio del 1996 a poche miglia dalla costa siciliana , arriva per la prima volta in Italia. A un anno dalla presentazione a Kassel, dopo essere stata allestita al Rotterdam Film Festival e alla Generali Foundation di Vienna, l’istallazione viene presentata alla Cittadellarte – Fondazione Pistoletto a Biella (Via Serralunga 27) nell’ambito della mostra Arte Pubblica in Italia, curata da Anna Detheridge e visitabile fino al 2 novembre 2003

6/6/03

Lunedì 9 giugno, ore 16,00, nell'auditorium Bancamonte, Scuola Italiana di Architettura, conferenza dal titolo "Alessandro Anselmi: architetture recenti". Martedì 10 giugno, ore 15.00 Parco Area delle Scienze, sede didattica di Ingegneria, aula G lezione riservata agli studenti su aspetti di carattere metodologico-compositivo. Alessandro Anselmi, nato a Roma nel 1934, dove si è laureato nel 1963 è Professore Ordinario di Composizione Architettonica presso la Facoltà di Architettura della Terza Università di Roma.

Oggi alle ore 17:00 presso il Teatro stabile di Potenza, per il ciclo di conferenze "Architettura/Europa" vi sarà l' incontro con lo studio 5+1 architetti associati, organizzato dall'Ordine degli architetti della provincia di Potenza Viale Marconi 82 - 85100 Potenza - tel 0971.54578 fax 0971.471411

Firenze - Via libera alla progettazione esecutiva per i Nuovi Uffizi, compresa la nuova uscita progettata dall'architetto giapponese Arata Isozaki, con una pensilina alta 24 metri, ma con un fronte un pò arretrato. La pensilina aveva suscitato vivacissime discussioni e polemiche. Il passo, determinante per l'ampliamento del museo, è stato fatto ieri dalla Giunta comunale che ha approvato la delibera con cui si concretizza quanto previsto nell'accordo di massima siglato il 28 febbraio scorso tra il sindaco Leonardo Domenici e il ministro per i Beni e le Attività Culturali Giuliano Urbani. da Europaconcorsi

5/6/03

L'architettura si propone attraverso linguaggi innovativi, si veste di sperimentazioni ardite, complesse, scientificamente elaborate. Elaborate al computer. Modulate dai processi dell'elettronica. Da alcuni anni un nuovo modo di comunicare il progetto si è profilato all'orizzonte, adesso spiega le pagine dei suoi voli linguistici al pubblico. Che è curioso, mosso dall'esigenza speculativa di interpretare i messaggi veicolati dall'architettura in digitale. All'inizio degli anni Novanta, all'esordio di quelle che allora erano solo delle tracce da intuire, Marco Brizzi le capta e dà vita a Beyond Media/Oltre I Media, il festival internazionale di architettura in video, un'iniziativa finalizzata a conoscere le nuove tendenze dei sistemi multimediali in architettura attraverso la selezione e la presentazione delle più valide realizzazioni in video prodotte su scala internazionale. L'evento, giunto alla sua settima edizione e in programma dal 2 al 26 ottobre 2003, è curato da Brizzi e organizzato da iMage, una struttura votata alla riflessione sul ruolo delle tecnologie digitali nella produzione, nella comunicazione e nella valorizzazione dell'architettura e del suo progetto. Il tema conduttore di quest'anno è Intimacy. da Exibart

Oggi, mercoledì 4 giugno, si apre ufficialmente l'Utzon Center che ha come finalità quella di raccogliere, catalogare e presentare l'opera dell'architetto danese Jørn Utzon vincitore del Pritzker Prize 2003, come base per la ricerca accademica e per la diffusione pubblica del suo significativo ruolo all'interno dell'architettura nordica e internazionale. da Europaconcorsi

Si tiene al Lingotto dal 4 al 7 giugno, la II Edizione di Eco-efficiency Biennial che si propone come luogo di incontro tra cultura imprenditoriale e ricerca ambientale. Eco-efficiency Biennial, con 10.000 mq. di spazi espositivi, convegni internazionali e workshop specializzati, si rivolge a tutti le imprese, istituzioni pubbliche e private che operano, in ambito nazionale e internazionale, secondo i principi dell'eco-efficienza e agiscono per la sua promozione, da Europaconcorsi

3/6/03

Come può uno spazio diventare paesaggio? Può una configurazione di ambienti diventare un paesaggio, pur non venendo generalmente considerata come tale? Può esistere paesaggio senza osservatore? .scapes è un progetto di Merano arte che si prefigge di indagare e individuare le forme ed i modi dei possibili di paesaggi. Il progetto inizia con "send a card", un'iniziativa volta a realizzare, con la collaborazione del pubblico, una raccolta di paesaggi possibili. Il pubblico dovrà inviare, fotografie e cartoline di ambienti e spazi che percepisce come paesaggio. L'iniziativa termina il 30 settembre. Le immagini raccolte verranno esposte a Merano arte come prologo di .scapes. da Exibart

Nuovo organigramma del ministero per i Beni culturali.
Sono quattro i dipartimenti, articolati in tredici direzioni generali, contestuali all'abolizione del segretariato generale e alla creazione di diciassette direzioni regionali. E' questo, in sintesi, lo schema del nuovo ministero, presentato ai direttori generali e in attesa di essere esaminato dai sindacati. Piccoli e grandi cambiamenti compresa quella dei poli museali di Firenze, Roma, Napoli, Venezia e della soprintendenza speciale per l'archeologia della capitale. Anche se è già stato varato il regolamento di attuazione per l'autonomia finanziaria, che tra pochi giorni sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale è prevista una nuova radicale trasformazione: diventeranno delle Fondazioni di cui faranno parte comuni e regioni. da KwArt

 

 

|news|

|jan|feb|mar|apr|may|jun|jul|aug|sep|oct|nov|dec| 2003

|news| 2002