NEWS
by Luisa Siotto

contact: news@archphoto.it

 

vai su>|news|

 

 

30/09/06

Fuori Target 2006 - le nuove generazioni si raccontano in video
10 - 12 novembre 2006, Milano >[deadline: 30/09/06]
Chiusura delle iscrizioni per la partecipazione al progetto di esterni "Fuori Target 2006 - le nuove generazioni si raccontano in video", una nuova rassegna di cinema e video documenti rivolta ai giovani, al loro mondo e al loro modo di raccontare e raccontarsi attraverso le immagini. Fuori Target 2006 vuole promuovere la creatività, l'immaginazione e la libera espressione dei giovani. Momento liberatorio e provocatorio offre loro la possibilità di maturare critica e autonomia incoraggiandoli a non accettare passivamente orientamenti e modelli stereotipati. Registi, videomaker e operatori dell'immagine di prima generazione, di età compresa fra i 14 e i 20 anni, sono chiamati a realizzare in totale autonomia, senza alcuna divisione per categorie, opere audiovisive di ogni genere e lingua, realizzate in ambito scolastico ed extrascolastico, su qualunque supporto e di qualsiasi durata. Info e bando: tel/fax +39 02 713613 e-mail: info@esterni.org; Esterni

29/09/06

TRANS EMILIA - La collezione Linea di Confine: una ricognizione territoriale dell'Emilia Romagna
30 settembre 2006 - 7 gennaio 2007, Köln (Germania)
Si inaugura stasera alle ore 19, presso il SK Stiftung Kultur, Mediapark 7, a Colonia, la mostra "TRANS EMILIA. La collezione Linea di Confine: una ricognizione territoriale dell'Emilia Romagna", organizzata dal Fotomuseum Winterthur (CH), che continua così il suo tour europeo. Dopo la sede espositiva di Köln, la mostra sarà presentata al Stadtforum di Innsbruck (Austria), (5/06 - 27/08/2007). La mostra presenta un'ampia selezione delle collezioni di Linea di Confine, fotografie e video realizzate nel corso delle indagini promosse dal 1990 al 2005, sulle trasformazioni del paesaggio e del territorio, della provincia di Reggio Emilia, Modena e della Regione Emilia-Romagna, conservate nell’archivio di Linea di Confine. Il curatore della mostra, Urs Sthael, direttore del Fotomuseum Winterthur, ha realizzato una selezione dei lavori prodotti dagli autori, stranieri ed italiani, anche delle più recenti generazioni, che hanno partecipato ai progetti d'indagine commissionati da Linea di Confine. Complessivamente gli autori presentati sono 16, fra i quali 10 sono italiani e pertanto la mostra rappresenta anche una significativa panoramica sulla produzione contemporanea della fotografia italiana. Sono esposte ricerche di John Davies, Stephen Shore, Axel Hütte, Guido Guidi, Walter Niedermayr, Olivo Barbieri, Gilbert Fastenaekens, Paola De Pietri, Lewis Baltz, Gianluca Liverani, Michele Buda, Marco Signorini, William Guerrieri, John Gossage, Andrea Botto, Marina Ballo Charmet. Info: tel +39 0522 629403 fax +39 0522 262322 e-mail: linconfine@comune.rubiera.re.it; LineadiConfine - tel +49 221 2262433 fax +49 221 2263410 e-mail: pr@sk-kultur.de;
SK Stiftung KulturK

27/09/06

Zero Gravity. Franco Albini - Costruire le modernità
28 settembre - 26 dicembre 2006, Milano
Si inaugura stasera alla ore 18.30, presso la Triennale di Milano, V.le Alemagna 6, a Milano, la mostra "Zero Gravity. Franco Albini Architetto". La mostra è organizzata dalla Triennale e dal Comitato Nazionale per le celebrazioni del centenario della nascita di Franco Albini nell'ambito delle celebrazioni stesse. L'originale allestimento disegnato da Renzo Piano (in collaborazione con Franco Origoni), ben esprime il significato poetico del lavoro di Franco Albini in un ideale omaggio al grande maestro da parte del suo grande allievo. Una suggestiva ragnatela di sottili cavi d'acciaio disegna nell'aria una rete entro la quale vengono sospesi disegni, fotografie, modelli, e testimonianze audiovisive. Seguendo un ordine cronologico lungo gli spazi della Galleria, al piano terra della Triennale, l'obiettivo è offrire un nuovo contributo critico alla conoscenza di una delle stagioni più importanti dell'architettura italiana. La mostra, la cui cura scientifica è di Fulvio Irace, è organizzata per sezioni tematiche affidate a diversi curatori: Macchine celibi, a cura di Fulvio Irace; La Città Nuova: Milano e l'architettura razionale, a cura di Matilde Baffa; Spazi atmosferici: l'architettura degli allestimenti, a cura di Federico Bucci; Gli oggetti dell'abitare, a cura di Silvana Annicchiarico; Stanze della memoria, a cura di Marco Albini; Modernità e tradizione, a cura di Augusto Rossari; L'arte del porgere: il museo tra Albini e Scarpa, a cura di Marco Mulazzani e Orietta Lanzarini; La tecnologia e la città, a cura di Claudia Conforti. tel +39 02 724341 fax +39 02 89010693 e-mail: ufficio.stampa@triennale.it; Triennale - www.francoalbinicentenario.it - CostruireleModernità

Terminati i lavori per la nuova sede generale Hypo Bank Italia progettata da Thom Mayne
Iniziati nel 2004, sono stati di recente ultimati a Tavagnacco (Udine) i lavori per la costruzione della nuova Direzione Generale di Hypo Bank Italia. Progettato dall'architetto californiano Thom Mayne, l'edificio dirigenziale si sviluppa su 8 piani fuori terra più un piano interrato destinato a parcheggi e si caratterizza per una particolare geometria a vela inclinata di 14° rispetto all'asse verticale delle pareti sud e nord, forma chiamata a rappresentare visivamente l’identità di Hypo Alpe Adria Bank. L'inaugurazione ufficiale è prevista per il 1 ottobre 2006. su Architecture.it - HypoGroup - morphosis/Thom Mayne

24/09/06

Alumni_ conferenza sullo Sviluppo Sostenibile alla VIU di Venezia
Corso per lo Sviluppo Sostenibile: metodologie, politiche e azioni per l'Europa Centrale e dell'Est
24 - 26 settembre 2006, Venezia
Alla Venice International University, nell'Isola di San Servolo, i rappresentanti di governo degli stati dell'Europa Centrale e Orientale si confrontano sul tema dello Sviluppo Sostenibile | Si è concluso il 22 settembre, alla Venice International University, nell'isola di San Servolo, il modulo finale del Corso per lo Sviluppo Sostenibile: metodologie, politiche e azioni per l'Europa Centrale e dell'Est. Il corso era rivolto a 60 alti dirigenti, manager e tecnici provenienti da diversi ministeri (ambiente, acqua, energia, educazione, salute, finanza e degli interni), da istituti nazionali e da agenzie di sviluppo regionali di diversi stati dell'Europa centrale e orientale. I paesi rappresentati sono Albania, Bulgaria, Croazia, Macedonia, Montenegro, Polonia, Romania, Serbia, Slovenia, Turchia, Ungheria. Iniziato nell'ottobre 2005 con un modulo introduttivo ai concetti riguardanti lo Sviluppo Sostenibile, il corso ha affrontato durante quest'anno tematiche quali "Energia e Industria", "Lo sviluppo urbano sostenibile" e "Lo sviluppo rurale e le risorse naturali". Questa è la 3. edizione del Corso per lo Sviluppo Sostenibile: il network creato in questi anni di attività viene mantenuto vivo nel tempo attraverso iniziative quali bollettini, siti web e incontri tra gli ex-partecipanti. In particolare, dal 24 al 26 settembre si terrà, sempre a Venice International University, la conferenza "Alumni", che vede riuniti 25 partecipanti, selezionati tra coloro che hanno preso parte alle precedenti edizioni del corso e chiamati a confrontarsi sulle esperienze dei loro paesi nel campo dello sviluppo sostenibile. Info: tel 041 2719525 e-mail: alessandra.fornetti@univiu.org; UniVIU

22/09/06

In Quattro Movimenti
Cesare Ballardini
|Luca Capuano|Alessandro Coco|Daniele Pario Perra
22 - 30 settembre 2006, Firenze
Si inaugura stasera alle ore 17, presso la Limonaia di Villa Strozzi, in via Pisana 77, Firenze, la mostra fotografica "In Quattro Movimenti", a cura di Pierfrancesco Frillici. La mostra si propone di indagare gli esercizi di quattro differenti tattiche di relazione fotografica con la realtà.Il movimento di Alessandro Coco, apparentemente geometrico e lineare, non suggerisce direzioni uniche né traiettoire obbligate. Rifiutando qualsiasi sistema di coordinate utile all'orientamento, procede di volta in volta lasciandosi trascinare dal fascino dell'imprevisto. Quello di Daniele Pario Perra, invece, insiste su spostamenti prestabiliti che tentano di ridefinire l'identità del territorio attraversato. Il tragitto risultante è intervallato da una gamma di tappe esemplari che lo contraddistinguono come un itinerario monumentale. Cesare Ballardini sceglie di accelerare il tempo di marcia per rincorrere il mutamento incessante e repentino della realtà esterna. Muovendosi con rapidità il suo obiettivo s'imbatte in numerosi ostacoli che a volte riesce a bloccare frontalmente, mentre altre volte riesce appena ad agganciare al volo, data la loro eccesiva velocità di sparizione. A differenza degli altri artisti Luca Capuano evita qualsiasi tipo di corse e di accelerazioni. Preferisce trasformare l'atto del muoversi in una sequenza fotografica para-narrativa, montata a tavolino pezzo per pezzo. I tempi del movimento sono sostituiti dai tempi del racconto, cosicchè, sfogliando le singole immagini, chi osserva, o meglio chi legge, può arrivare a scoprire l'ultimo traguardo dove si cela il finale della storia. La mostra è realizzata in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura, quartiere n. 4 del Comune di Firenze. Info: tel +39 055 2767113 e-mail: cultura4@comune.fi.it

Nasce MUSAE - Museo Urbano Sperimentale d'Arte Emergente
22 - 24 settembre 2006, Piemonte
Prende il via, dalla cornice suggestiva dei comuni del Monferrato Casalese, il numero zero del circuito Musae: museo urbano sperimentale itinerante dedicato all’arte giovanile emergente. Musae si pone come punto di riferimento per l'arte contemporanea e ha come obiettivo di offrire visibilità ai giovani artisti emergenti superando i limiti imposti dai soli canali istituzionali, avvicinare il pubblico ai differenti linguaggi dell’arte e incrementarne la fruizione sviluppando un circuito nazionale e internazionale di eventi. I Comuni di Conzano, Mirabello e Casale Monferrato - col patrocinio della Provincia di Alessandria, della Regione Piemonte e dell’Accademia di Belle arti di Torino - saranno il centro propulsore dell'iniziativa e avranno l'importante ruolo d'apripista di tutto il circuito nazionale che si chiuderà a Capri a ottobre 2007. Le opere di 42 artisti invaderanno gli spazi urbani di questa edizione, dando vita ad un vero e proprio museo all'aperto ad uso dei passanti, creando un'occasione per la riscoperta e il recupero di luoghi cittadini per l'abitare comune, delle strade e delle piazze: un appuntamento inedito che gioca sulla complementarietà e sulla convivenza tra ciò che, nelle espressioni artistiche e architettoniche, rappresenta la storia e la tradizione, nonchè le nuove espressioni creative capaci di anticipare la visione di un futuro ricco di contaminazioni. Dall'esperienza imprenditoriale e creativa di City Management - società specializzata nell'ideazione e gestione di grandi eventi per la pubblica amministrazione - nasce un nuovo modo di concepire l'arte contemporanea: Musae. I principali obiettivi di Musae sono dare visibilità ai giovani artisti emergenti superando i limiti imposti dai soliti canali elitari, avvicinare il pubblico ai nuovi linguaggi del contemporaneo e incrementarne la fruizione sviluppando un circuito nazionale e internazionale di eventi. Musae si propone di reperire e coordinare l'apporto di istituzioni pubbliche e private, quali: accademia d'arte, fondazioni e associazioni, e tutte le realtà che operano nel settore dell'arte contemporanea/giovanile - in ambito locale e non – per sviluppare azioni sinergiche rivolte alla realizzazione di un progetto collettivo centrato sulla Città. L'intento è quello di invadere gli spazi urbani, dando vita a un vero e proprio museo all'aperto ad uso dei passanti creando un'occasione per la riscoperta e il recupero di luoghi cittadini per l'abitare comune, delle strade e delle piazze: un appuntamento inedito che gioca sulla complementarietà e sulla convivenza tra ciò che, nelle espressioni artistiche e architettoniche, rappresenta il passato nella memoria collettiva e le nuove espressioni creative che anticipano la visione di un futuro ricco di contaminazioni. Musae è: - uno strumento per censire la produzione artistica giovanile | un appuntamento fisso, importante, destinato a ricoprire un ruolo determinante nel lancio di nuove espressività e nella valorizzazione di giovani artisti italiani, all'interno di un circuito nazionale inedito | - un sistema integrato di progetti e linguaggi artistici per la riscoperta e il riuso di spazi urbani | - un evento organizzato da azioni diverse e interdisciplinari | - il primo museo open air itinerante che ospita giovani artisti nazionali e internazionali emergenti | Il Musae è patrocinato da Istituzioni Pubbliche e Private. Info e programma: tel 02 70009811 fax 02 70006124 e-mail: cityman@edmitalia.it; EventoMusae

20/09/06

Carlo Mollino
20 settembre 2006 - 7 gennaio 2007, Torino
La GAM di Torino e il Castello di Rivoli e dedicano una grande mostra a una delle figure più singolari della cultura italiana: Carlo Mollino. La mostra alla GAM offrirà un'ampia visione della ricca esperienza molliniana chiarendone lo spirito, la poetica, le tematiche e le qualità del lavoro dell'architetto, attraverso l'esposizione dei rari mobili autentici, originali unici, tra cui il tavolo per Casa Orengo, un tavolo "a vertebre" conservato presso il Brooklyn Museum di New York e concesso in prestito per la prima volta dal 1950, e una stupefacente scrivania, proveniente dal Centre Pompidou di Parigi. La mostra presenterà opere provenienti da collezioni private americane ed europee, tra cui la più completa esistente, quella del gallerista svizzero Bruno Bischofberger. La mostra al Castello di Rivoli è dedicata alla grande passione per la fotografia, che occupa un posto di assoluto rilievo nella produzione di Mollino, di cui viene presentata la produzione fotografica dell'autore, con materiali inediti provenienti da collezioni internazionali e dal Museo Casa Mollino. Un'ampia selezione di fotografie, oltre duecento esemplari, unitamente a pezzi emblematici, permetterà di riunire i vari momenti di quella che fu sempre una componente intima nel rapporto tra Mollino e la propria creatività. L'opera fotografica dell’architetto torinese si può suddividere in 5 capitoli: i fotomontaggi di architetture e le fotografie d'interni per le riviste di settore, la fotografia in bianco e nero di stampo surrealista intorno agli anni Quaranta, la fotografia sullo sci in gran parte finalizzata alla pubblicazione del suo volume di tecnica sciistica, la fotografia della seconda metà degli anni Cinquanta e infine le polaroid, ritratti femminili realizzate dagli anni Sessanta sino alla morte. Mostra a cura del Museo Casa Mollino di Torino. Info: tel 011 4429518 e-mail: gam@fondazionetorinomusei.it; GAM-To - tel 011 9565280 e-mail: info@castellodirivoli.org; www.castellodirivoli.org

19/09/06

Design. E' morto l'architetto Vico Magistretti
E' morto ieri a Milano l'architetto Vico Magistretti, tra i più celebri esponenti del design italiano, del quale è uno dei padri indiscussi. Milanese, Magistretti aveva 85 anni. Architetto, urbanista, docente, ma soprattutto, a partire dagli anni '60, designer di grande successo, fu chiamato a realizzare oggetti rimasti celebri nel tempo da tutte le più grandi aziende italiane ed europee. Tra i primi pezzi c'è 'Eclisse', celeberrima lampada da tavolo prodotta da Artemide nel 1965. su ANSA

Lee Friedlander
19 settembre - 31 dicembre 2006, Paris
Si inaugura oggi presso Jeu da Paume, site Concorde, 1 place de la Concorde, a Parigi, la mostra "Lee Friedlander", organizzata dal MoMa di New York e curata da Peter Galassi. Come Walker Evans e Robert Frank, Lee Friedlander cattura la vita quotidiana della città americane, le vetrine dei negozi, i manifesti pubblicitari, la televisione, le automobili, la vita urbana nel suo insieme. L'influenza pop, la spontaneità e le innovazioni formali caratterizzano il suo debutto in fotografia negli anni '50 e saranno sempre un segno del suo lavoro. Tuttavia all'inizio degli anni '70 la sua sensibilità, il suo stile e i suoi soggetti si ampliano. Attento alle più sottili variazioni delle forme e della luce, produce immagini urbane riccamente descrittive, rivelando l'incontrollabile energia della città e svelando il potere della fotografia di trasformare ciò che si vede. Nei primi anni '90 fotografa i paesaggi dell'ovest americano, dove è nato - fotografie che illustrano il suo gusto per i decori grandiosi e particolari e testimoniano l'intensità del suo sguardo. La mostra presenta l'insieme dei soggetti trattati in 50 anni dal grande fotografo, attraverso 477 fotografie in bianco e nero, 6 fotografie a colori, e una serie di libri raelizzati da Friedlander. Info: tel +33 01 47031250 e-mail: accueil@jeudepaume.org; www.jeudepaume.org

18/09/06

Portfolio in Piazza 2006_ vincitori
Conclusa la 15. edizione di "Festival Foto Portfolio in Piazza 2006". Il Festival di Fotografia di Savignano sul Rubicone ha salutato i partecipanti con la proclamazione dei vincitori dei 5 premi istituiti dalla manifestazione. La giuria, presieduta dal direttore artistico del Portfolio in Piazza Denis Curti, ha decretato i vincitori ieri pomeriggio. In testa il Premio Portfolio in Piazza 2006 che ha visto sul podio tre autori, Patrizia Zelano, aggiudicataria del "Premio Portfolio in Piazza Regione Emilia Romagna" con lavoro dal titolo "Uno sguardo sulla comunità musulmana riminese"; Giandomenico Marini, vincitore del Premio "Portfolio in Piazza Provincia Forlì-Cesena" con un portfolio dal titolo "Generazioni" e Alessandro Imbriaco e Inigo Lopez de Audicana per il premio "Portfolio 2006" Gran Premio Epson Italia. I due autori hanno presentato un reportage documentario dedicato alla solidarietà e all'amicizia dal titolo "Campo Farnia, 100". Altro premio attesissimo dai partecipanti, la Borsa di Studio Marco Pesaresi. Alla sua 5. edizione, la borsa intitolata a Marco Pesaresi, giovane fotografo riminese prematuramente scomparso, è promossa dal Comune di Savignano sul Rubicone, dalla Famiglia di Marco Pesaresi e dall'Agenzia Fotografica "Contrasto" con l'obiettivo di ricordare la straordinaria figura del fotografo e sostenere 2 reporter italiani di età non superiore ai quarant'anni. Maurizio Cogliandro e Andrea Dapueto sono i vincitori del Premio Pesaresi 2006. Il primo ha proposto "Progetto Ira", dedicato al rapporto tra i pittbull e i loro proprietari; il secondo ha presentato un lavoro a colori sui luoghi della prostituzione dal titolo "Camere con vista". Ha consegnato i premi la signora Isa Perazzini, madre di Marco Pesaresi. Assegnati infine il Premio Bibbiena a Federica Giorgetti, e il Premio HF a Donatello Mancusi. Il Festival lascia in dote al territorio le 13 mostre che resteranno aperte al pubblico fino al 1 ottobre. Le attività proseguiranno nel corso dell'anno con "Savignano Immagini": un logo, uno spazio e una serie di iniziative intorno alla fotografia che assorbiranno la cittadina durante tutto l'anno e che comprendono laboratori, mostre e una nuova collana editoriale che debutta già con importanti pubblicazioni. Info: tel 0541 941895 fax 0541 801018 e-mail: info@portfolioinpiazza.it; www.portfolioinpiazza.it - www.savignanoimmagini.it

15/09/06

shrinkage worldwide AWARD 2006
[deadline: 15/09/06]
La Shahneshin Foundation lancia un concorso internazionale aperto di design per il progetto di un manifesto multiuso e pluridisciplinare che serva ad esplorare, divulgare, affermare, così come a sensibilizzare e risvegliare la natura, la cultura e l'esperienza di 'shrinkage', che si contrapponga allo sfruttamento indiscriminato dell'ambiente, attraverso un approccio mirato alla riduzione dell'occupazione dello spazio.
Info: tel +41 043 5400026 fax +41 043 5400027 e-mail: awards@shahneshinfoundation.org; ShahneshinFoundation - pdf

Portfolio in Piazza 2006
15 - 17 settembre 2006, Savignano sul Rubicone (FC)
Savignano sul Rubicone torna ad ospitare Festival Foto Portfolio in Piazza, un incontro degli amanti della fotografia - professionisti e dilettanti. La novità di quest'anno, durante il quale si celebra la XV edizione del FestivalFoto Portfolio in Piazza, è la nascita di "Savignano Immagini": un logo, uno spazio e una serie di iniziative intorno alla fotografia, che assorbiranno la città durante tutto l'anno e che comprendono laboratori, mostre e una nuova collana editoriale che debutta già con importanti pubblicazioni. Il tema della 15. edizione, curata, come le precedenti, da Denis Curti, è particolarmente suggestivo: il viaggio, come metafora di vita, di scoperta e di apprendimento. Sabato e domenica, 16 e 17 settembre, i fotografi che lo desiderano potranno sottoporre i loro portfoli al giudizio di importanti critici e operatori del mondo della fotografia per partecipare a Portfolio in Piazza, che come ogni anno prevede numerosi premi e borse di studio e offre un'occasione straordinaria di incontro tra fotografi e operatori del settore fotografico (critici, photo editor, curatori di gallerie e di agenzie fotografiche). Info e programma: tel 0541 941895 fax 0541 801018 e-mail: info@portfolioinpiazza.it; www.portfolioinpiazza.it

FestivalFilosofia 06_ Umanità
15 - 17 settembre 2006, Modena, Carpi e Sassuolo
Il confine sempre più fragile tra uomo e animale, la nuova e problematica frontiera tra naturale e artificiale e il rapporto tra esseri umani e altri esseri viventi sono al centro del 6. Festival Filosofia, in programma a Modena, Carpi e Sassuolo. La manifestazione - che nelle edizioni precedenti si è occupata di felicità, bellezza, vita, mondo e sensi – affronta quest'anno il tema dell'umanità attraverso 38 lezioni di grandi maestri del pensiero contemporaneo - tra gli ospiti anche Descola, Latour, Todorov, Sahlins, Severino, Natoli, Muraro e Bodei - mostre, spettacoli, film, concerti, letture, giochi e iniziative per bambini. Gli appuntamenti sono oltre 180 in 36 luoghi delle tre città e sono tutti gratuiti, ad eccezione di un concerto e di una rassegna cinematografica. 31 le mostre. Info: tel 059 421210/207 fax 059 421260 e-mail: info@festivalfilosofia.it; www.festivalfilosofia.it

Mut-Azioni_ al FesivalFilosofia 06
Francesco Arena, Cristian Chironi, Massimiliano Alessio Miglierina+Erwin Olaf
15 settembre - 1 ottobre 2006, Carpi (Mo)
Si inaugura stasera alle ore 19.30, presso lo Spazio Mac'è!, in via Edmondo de Amicis 59, a Carpi (Mo), l'evento "Mut-Azioni" a cura di Francesca Baboni e Stefano Taddei, inserito nell'ambito del Festivalfilosofia 06_ Umanità. La mostra comprende installazioni e performance di tre giovani artisti e di un protagonista dell'arte internazionale, e s'incentra sull'idea di mutamento d'identità. Un concetto rivissuto in chiave contemporanea, che racchiude sia mutazioni di tipo genetico che azioni performative legate ad una condizione umana e corporea, componenti che si ritrovano pienamente nella poetica degli artisti giovani invitati, già operanti e conosciuti sul piano nazionale, che hanno impostato la loro ricerca sul piano dell'umanità sia con accezione performativa che fotografica. Come protagonista speciale l'artista internazionale Erwin Olaf presenta la video-installazione "Rouge" Olaf è stato scelto perché è uno degli artisti più innovativi che attualmente lavorano nel campo della fotografia sondando le contraddizioni dell'umanità. Passando ai giovani, Francesco Arena presenta in anteprima la nuova serie video "respiri", che riprende alcune bocche ad inquadratura fissa davanti ad una lastra di vetro | Massimiliano Alessio Miglierina lavora sull'idea del corpo e della natura indagati attraverso la web cam | Cristian Chironi lavora a livello performativo, sulla ripresa della memoria, una memoria privata che nell'ostentato citazionismo si trasforma in memoria collettiva | Il progetto comprende l'esibizione musicale dei With Love durante la sera dell'inaugurazione, con la proiezione del video "A great circle" di Nico Vascellari di cui i With Love hanno realizzato la colonna sonora | Info: tel 059 649905 e-mail: spaziog@carpidiem.it - info@festivalfilosofia.it; www.festivalfilosofia.it - CS.doc

FuoriBiennale 2006 - "Creative R’evolution"
15 settembre - 28 novembre 2006, Vicenza
Viviamo in una società di reti, dove progettare significa 'disegnare interfacce, digitali e ambientali, virtuali e tangibili, fisiche e fisiologiche: punti di contatto tra l'uomo, una determinata zona e il mondo'. Questa è FuoriBiennale: una rete di mostre, eventi e avvenimenti durante la Biennale di Venezia… fuori dagli spazi occupati dalla Biennale, fuori dagli spazi del consueto e del previsto, in un tentativo reale di costruzione di un network di produzione del contemporaneo, coinvolgendo le esperienze territoriali più interessanti e avanzate e inserendole in un contenitore-produrre di senso. All'insegna di uno sguardo assolutamente trasversale ma consapevole. Il Nord-Italia è il centro di FuoriBiennale, almeno in questa 3. edizione. Il patrimonio sul quale lavorare è la città, senza pregiudizi o preconcetti, perché parafrasando Perec 'Non bisogna cercare di trovare troppo rapidamente una definizione della città: non è cosa da poco, e ci sono molte probabilità di sbagliarsi'. FuoriBiennale coinvolge fabbriche e gallerie d'arte, strade, sottopassaggi e statali, palazzi popolari e storici, centri commerciali o mulini,… treni, metro, asfalto… piazze con intenti dichiarati di riqualificazione del territorio, prima che fisico, 'immateriale', di riassetto di aree degradate dal 'brutto continuo', di urban art/design, lavorando sul site specific, ovvero il contesto entro il quale l'opera d'arte viene collocata, in stretto rapporto con la specificità del luogo, secondo la più rigorosa pertinenza dell'una rispetto all'altro. FuoriBiennale lavora sul concetto di arte dunque come forma, specchio della molteplicità delle relazioni collettive e come strumento di aggregazione, di produzione di attriti, stimolazione di interrogativi, produzione di incontri, per una nuova politica di integrazione sociale attraverso il contemporaneo. FuoriBiennale 2006 propone "Creative R’evolution", un ciclo di appuntamenti di approfondimento e confronto con i protagonisti della creatività, tra arte contemporanea, architettura e design, per il lancio del primo Distretto Creativo italiano, un organismo trasversale che metta in relazione i protagonisti della creatività sull'asse Torino-Milano-Veneto, favorendo una rinascita economica e culturale di questi territori. Info: tel 0444 526020 e-mail: press@fuoribiennale.org; FuoriBiennale

12/09/06

2. Concorso di idee per la progettazione di un logotipo per la
XII Rassegna Nazionale degli Editori "Città del Libro 2006"
[consegna elaborati: h 12 - 12/09/06]
La Fondazione Onlus "Città del Libro" bandisce il 2. concorso per la realizzazione del logotipo, a colori o bianco/nero, eseguito con tecnica libera, da utilizzare per la prossima edizione della Rassegna Nazionale degli Autori e degli Editori "Città del Libro" di Campi Salentina (LE), che si terrà dal 23 al 26 novembre 2006. Il tema proposto per l'esecuzione del logo: "Viaggi di carta, carte di viaggio". Percorsi di viaggio nella letteratura e nella vita. Il tema del viaggio verrà sviluppato secondo due direttrici principali: il Tempo e lo Spazio. Il viaggio nel tempo ha a sua volta due direzioni: il futuro ed il passato. Potranno partecipare al concorso grafici, liberi professionisti, artisti, designer e studenti di scuole superiori del ramo tecnico-artistico, delle Università e delle Accademie, singoli o associati (max 3 componenti). Info e bando: tel 0832 794848 fax 0832 794893 e-mail: info@cittadellibro.net; www.cittadellibro.net

10/09/06

Biennale di Venezia
10. Mostra Internazionale di Architettura - Città. Architettura e società
10 settembre - 19 novembre 2006, Venezia
La Fondazione La Biennale di Venezia dedica la 10. Mostra Internazionale di Architettura all'analisi delle Città, dell'urbanizzazione globale, dell'architettura che ne può determinare la governance e le trasformazioni, i profondi cambiamenti così come le modalità della convivenza civile. Per la 1. volta la Mostra di Venezia concentra l'attenzione sulle problematiche concrete della società contemporanea, approfondendo i modelli di interazione tra città, architettura e abitanti - proprio nell'anno in cui più di metà della popolazione mondiale vive nelle città, quando appena un secolo fa era solo il 10% degli abitanti del pianeta e secondo le Nazioni Unite potrebbe viverci il 75% nel 2050, in megalopoli di svariati milioni di abitanti e in regioni di intensa urbanizzazione. Alla conclusione della Mostra, la Biennale pubblicherà una Agenda per le città XXI secolo, strumento di lavoro destinato a coloro che determinano o partecipano al governo delle città e dei sistemi complessi che ne regolano i ritmi e le progressioni. La Mostra si struttura quest'anno in un complesso progetto fatto di Mostre (Città. Architettura e società diretta da Richard Burdett; nell'ambito del progetto Sensi Contemporanei, Città di Pietra, curata da Claudio d’Amato e Città-Porto, curata da Rinio Bruttomesso - che aprirà a Palermo a metà ottobre); della Mostra presentata nel primo Padiglione Italiano della storia recente della Biennale (affidato alla cura di Franco Purini); di workshop, incontri, convegni, attività didattiche (affidati ai più grandi architetti e ai maggiori esperti internazionali, che lungo tutto l'arco della Mostra ne focalizzeranno i diversi temi trattati), concludendosi con la cerimonia di premiazione dei Leoni d’Oro l'8 novembre, quando si presenterà anche l'Agenda per le città XXI secolo. L'esposizione diretta da Richard Burdett è intitolata Città. Architettura e società ed è focalizzata sulle tematiche chiave che le città globali attualmente affrontano: dai problemi dell'emigrazione alle incognite della crescita, dall'evoluzione della mobilità alla ricerca dello sviluppo sostenibile. Info: tel 041 5218716 fax 041 2411407 e-mail: archstampa@labiennale.org - infoarchitettura@labiennale.org;
BiennaleArchitettura

9/09/06

Jarach Gallery_ Guido Guidi/Vitaliano Trevisan - VOL. I_ presentazione libro
Stasera alle ore 18, presso la Jarach Gallery, San Marco 1997 (Campo San Fantin), Venezia, si terrà la presentazione di "Vol. I", un libro di 48 fotografie di Guido Guidi con un racconto inedito di Vitaliano Trevisan, che accompagna la mostra omonima aperta fino al 30/09/2006). Prenderanno parte alla presentazione Guido Guidi, Vitaliano Trevisan, lo scrittore Giulio Mozzi e il grafico Leonardo Sonnoli. Coordina Antonello Frongia. Seguirà un reading di Vitaliano Trevisan. Gli autori: Guido Guidi (1940) ha esposto nei maggiori musei internazionali e ha pubblicato numerose monografie, tra cui Lo spazio della quiete (1983), Varianti (1995), In Between Cities. Un itinerario attraverso l'Europa 1993/1996 (2003) e Bunker (2006). Insegna alla Facoltà di design e arti dell'Università Iuav di Venezia | Vitaliano Trevisan (1960) è scrittore, musicista, sceneggiatore e attore. Tra i suoi ultimi libri si segnalano I quindicimila passi (2002), Standards vol. I (2002), Un mondo meraviglioso (2003), Wordstar(s) (2004) e Shorts (2004). È stato co-sceneggiatore e protagonista del film Primo amore (2003) di Matteo Garrone | Il libro: Guido Guidi/Vitaliano Trevisan, Vol. I, a cura di Antonello Frongia. 28x30cm, 96 pp, 48 fotografie in quadricromia, con un racconto di Vitaliano Trevisan e una nota di Antonello Frongia. Progetto grafico di Leonardo Sonnoli. Electa/Jarach Gallery, 2006 | La galleria: Jarach Gallery è una nuova galleria d'arte dedicata alla fotografia contemporanea, con un programma di mostre, pubblicazioni e attività culturali a livello internazionale. La programmazione proseguirà a metà ottobre con una mostra di lavori di Marina Ballo Charmet | Info: tel +39 041 5221938 fax +39 041 2778963 e-mail: info@jarachgallery.com; www.jarachgallery.com

8/09/06

Praemium Imperiale 2006
Frei Otto
|Christian Boltansy|Yayoi Kusama|Steve Reich|Maya Plissetskaya
I vincitori della 18.a edizione del Praemium Imperiale 2006 assegnato dalla Japan Art Association sono: Kusama Yayoi per la pittura, Christian Boltansy per la scultura, Frei Otto per l'architettura, Steve Reich per la musica e Maya Plissetskaya per la danza teatrale e cinematografica. Oltre a questo premio, l'associazione giapponese ha assegnato la Borsa di Studio Praemium imperiale a la FESNOJIV-Fundacion del Estado para el Sistema Nacional de las Orquetas Juveniles e Infantiles de Venzuela. I 5 vincitori riceveranno ciascuno un premio di 15 milioni di yen (circa 100.000 euro), un diploma e una medaglia consegnati dal Principe Hitachi, Presidente Onorario della Japan Art Association, durante una cerimonia di premiazione che si svolgerà a Tokyo il 18 ottobre. Gli artisti sono stati premiati per i risultati conseguiti e per ''il contributo esemplare'' dato all'arte e alla cultura a livello internazionale nonchè ''per il ruolo svolto nell'arricchimento della comunità mondiale''. su PraemiumImperiale06

5/09/06

BAG - Premio Giovani Curatori_ "Flashes"
5 - 17 settembre 2006, Genova
Stasera alle ore 18 si inaugura "Flashes", 2. appuntamento alla BAG-Borsa Arte Giovane, il nuovo spazio alla Loggia di Banchi a Genova che l'Assessorato alla Cultura del Comune di Genova propone a carattere sperimentale. "Flashes", a cura di Emilia Marasco e Francesca Serrati, è un progetto curatoriale vincitore del concorso "20/30 Arte giovane in Italia". Premio Giovani Curatori. Il tema del corpo e dello spazio sono correlati là dove lo spazio urbano o domestico viene indagato e riconfigurato secondo un nuovo immaginario che sconvolge il comune modo di sentire, introducendo nuovi punti di vista mentre il corpo viene vissuto come territorio fisico da esplorare e verificare fino a ricostituire una nuova geografia: nuove mappature dello spazio e del corpo. Questi temi sono declinati secondo accezioni diverse e con linguaggi che spaziano dalla fotografia al video, dalla performance all'installazione, dimostrando come la capacità da parte degli artisti di servirsi della tecnologia e mettersi in relazione con gli strumenti tecnologici, esprima un nuovo modo di rapportarsi con la realtà, tipico della moderna società, un nuovo sistema di pensiero (Paolo Rosa). La mostra accende i riflettori sul lavoro di 22 artisti; alcuni trentenni, da lungo tempo presenti nella banca dati e con considerevoli esperienze espositive nazionali, altri molto giovani e di recente iscrizione, che possono essere considerati veri emergenti. A questi si aggiunge un giovane artista franco-cinese selezionato dal Comune di Montrouge, patrocinatore della mostra ed ente organizzatore del. JCE - Jeune Création Européenne Salon Itinérant d'Art Contemporain. Info: tel 010 580069 e-mail: museocroce@comune.genova.it; MuseoVillaCroce - tel 010 560131 e-mail: info@accademialigustica.it; www.accademialigustica.it

2/09/06

1. edizione - Rapallo Fotografia Contemporanea Festival 2006
2 settembre - 1 ottobre 2006, Rapallo (Ge)
La fotografia contemporanea d'autore arriva a Rapallo, presso l'Antico Castello sul Mare, Lungomare Vittorio Veneto, con la manifestazione, voluta e sostenuta dall'Amministrazione Comunale e con il patrocinio di Regione Liguria e Provincia di Genova, che fin dalla 1. edizione presenta la ricerca di autori contemporanei capaci di attivare, attraverso la fotografia, un rapporto creativo con la realtà dei luoghi. Ciò avviene in un momento di grande rinnovamento tecnologico ed espressivo, in cui risulta ancor più determinante per il fotografo recuperare un proprio ruolo nella società. Per lasciare un segno e una testimonianza importante nel territorio, l'autore invitato produce liberamente un lavoro, che ha come protagonista la città di Rapallo e che rimarrà negli anni patrimonio della collettività. Dopo la proliferazione, a volte incontrollata, di campagne fotografiche, nate un po' in tutta Italia dalle preziose esperienze della metà degli anni '80, ci siamo chiesti quanto e soprattutto come fosse ancora possibile ed efficace guardare ad un territorio a noi così vicino, così familiare e addirittura così stereotipato come Rapallo, alla ricerca di un senso, di una testimonianza valida nel tempo. Per fare ciò, abbiamo invitato Mario Cresci, fotografo affermato che, non solo dalla metà degli anni '60 ha dato un contributo fondamentale al dibattito culturale sulla fotografia, sia come autore, sia come docente, ma che nel Tigullio è nato e ha trascorso l'adolescenza. L'artista ha accettato con entusiasmo di mettersi in gioco, confrontandosi con temi come la sedimentazione della memoria e il linguaggio dei segni, da sempre presenti e centrali nella sua poetica, qui concentrati e riuniti in una dimensione di ricordo intimo e personale. Il Festival intende inoltre proporre alcune interessanti ricerche fotografiche di autori emergenti, Enrico Amici, Marco Citron, Danilo Donzelli, Marco Introini e Maurizio Montagna, che si sono confrontati con tematiche analoghe in altre città italiane ed europee, con esiti differenti, ma con uguale attenzione alla storia ed alle capacità del mezzo e con uguale consapevolezza nel portare avanti riflessioni e metodi di analisi, guidati da quella imprescindibile insistenza dello sguardo che fa diventare, come diceva Paolo Costantini, "la scelta del fotografo prima etica che estetica, per far tornare il paesaggio al centro delle tematiche della rappresentazione". direttore artistico: Andrea Botto | coordinamento generale: Mara Granzotto | Info: Maria Barletta, cell 3384114261 e-mail: press@rapallofotografiacontemporanea.it; www.rapallofotografiacontemporanea.it

1/09/06

ION Alla Soglia del Corto
1 - 4 settembre 2006, Lido di Venezia
ION Alla Soglia del Corto è lieto di invitarvi alle proiezioni che avranno luogo presso lo spazio di M+Bstudio al Lido di Venezia, in via Francesco Morosini 17/A dall'1 al 4 settembre 2006. Le proiezioni si terranno nei giorni venerdì 1, sabato 2 e lunedì 4 settembre alle ore 19.30 e alle ore 22 e nel giorno domenica 3 settembre alle ore 18. ION si propone di offrire uno spazio di visibilità e di diffusione di opere audio-visive afferenti al mondo dell'arte e del cortometraggio d'autore. La selezione delle opere presentate non prevede alcuna divisione di genere, piuttosto si intende indagare i territori di affluenza comune, in un panorama che molto spesso offre definizioni troppo strette. Esperti nel settore cinematografico e artistico conferiranno un premio alla miglior opera presentata durante la manifestazione. La giuria è composta da Marianne Torp (curatrice), Pip Chodorov (filmmaker), Marije Baalman (musicista), Anna Pitscheider (regista), Carolina Saquel (video artista). Info e programma: tel 349 7151912 e-mail: ionposta@gmail.com - ioninfo@iondromo.biz; www.iondromo.biz

Territoires de fictions_ festival
1 settembre 2006 - 1 settembre 2007, Paris
Attraverso un approccio trasversale e contemporaneo, "Territoires de fictions" è un ritratto di una Francia in piena mutazione. 52 sguardi fotografici interrogano le sfide della rappresentazione di una società e dei suoi attori. Dialogo tra differenti realtà, questo progetto esplora l'identità collettiva e privata dei Francesi. Alla ricerca di nuovi modi di rappresentazione e nello spirito di una fotografia evolutiva, "Territoires de fictions" propone una passerella tra informazione e creazione artistica. Laboratori sperimentali di un'ampiezza unica, questo progetto investe altri campi creativi invitando architetti, misicisti, designer, grafici e esecutori a rispondere alle serie fotografiche. Cambiamento identitario e societario, crisi di senso e della democrazia, gli autori di "Territoires de fictions" propongono, all'alba della scadenza elettorale del 2007, una riflessione su una società che dubita e si interroga. Un modo di constatare nel momento in cui il legame sociale sembra indebolito. Attraverso questo approccio prende forma una Francia allo stesso tempo frammentaria e multipla, che lascia prevedere quella di domani. "Territoires de fictions" è un progetto multimediale di grande ampiezza che riunisce oggi una cinquantina di fotografi di diverse generazioni ed ha l'ambizione di aprire la fotografia a nuovi campi d'espressione e di diffusione. Questo progetto è nato da un'idea di Wilfrid Estève in collaborazione con Polo Garat, Vincent Lacotte, Ulrich Lebeuf, Jérôme Navarra e Guillaume Rivière, membri del collettivo Odessa, e di Sophie Brändström, Edouard Caupeil, Julien Goldstein, Olivier Mirguet e Olivier Roller. Info: Mika Sato, tel 06 67759737 e-mail: mika@territoiresdefictions.com; Territoiresdefictions - Actuphoto

 

 

 

 

 

 

vai su>|news|

|jan|feb|mar|apr|may|jun|jul|aug|sep|oct|nov|dec| 2006

|jan|feb|mar|apr|may|jun|jul|aug|sep|oct|nov|dec| 2005

|jan|feb|mar|apr|may|jun|jul|aug|sep|oct|nov|dec| 2004

|jan|feb|mar|apr|may|jun|jul|aug|sep|oct|nov|dec| 2003

|news| 2002