NEWS in archivio ottobre 2011
by Luisa Siotto
contact news@archphoto.it
vai su>|news|

1/10/2011


Venice Design Week 2011

1 - 9 ottobre 2011, Venezia
A partire dal 1 ottobre il design torna ad essere protagonista a Venezia, con la seconda edizione di Venice Design Week, organizzata dal’associazione Vogliadarte: dieci giorni dedicati alla creatività e alle sue interazioni con la storia e con il territorio veneziano. La contaminazione tra il mondo produttivo, l’artigianato e le arti visive è peculiare nella storia della città, e continua a vivere grazie ad un progetto assai articolato: dal 1 al 9 ottobre 2011 la città si animerà con una serie di esposizioni di designer italiani e stranieri attorno al tema LIQUIdiSEGNI; saranno organizzati percorsi guidati per scoprire i luoghi dell’arte applicata e laboratori permetteranno a grandi e piccini di divertirsi esplorando Venezia. Una serie di talks con esperti del settore, personalità autorevoli e giornalisti permetteranno di indagare il pensiero progettuale nella sua accezione polisemica, a partire dalle interazioni tra giornalismo 2.0 e prodotto, passando per il mondo del design interattivo, viaggiando tra territorio fisico e virtuale. Viene riproposto il concorso internazionale “Fare cose/art/handcraft/industry”, che vede la partecipazione di designer da Italia, Germania, Francia, Belgio, Spagna, Cile e Indonesia; un occasione per misurarsi sulle contaminazioni tra design, arte, artigianato e industria nell’oggetto quotidiano. L’evento è ideato dall’associazione veneziana vogliadarte.it. Patrocini: Regione Veneto, Città di Venezia. Partecipano al progetto: IED (Istituto Europeo di Design), Design Akademie Berlin, Scuola Italiana di Design, Associazione Spiazzi, Associazione ricerca Format-c. Segreteria organizzativa: AD3.it. Info: www.designweek.it

Anri Sala

1 ottobre - 20 novembre 2011, London
Anri Sala (born 1974, Albania) is a leading contemporary artist working primarily in film. For his exhibition at the Serpentine Gallery, Sala will present a series of echoing works in which sound relocates throughout the space. A succession of different cycles will draw the visitor through the Gallery on an ever-changing course. Winner of the Young Artist Prize at the 2001 Venice Biennale, Sala is known for his exhibitions that question our relationship to moving image and that highlight the influence of sound and language on the creation of physical and political space. Most of the works presented at the Serpentine either use live performance as their starting point or could possibly lead to a performance. Two films deconstruct and reconfigure a well-known punk song: in Le Clash, 2010, performers outside a derelict concert hall in Bordeaux play new renditions of the song Should I Stay or Should I Go through a barrel organ and a music box. While in a new film of 2011, (as yet untitled), figures among the ruins of the Tlatelolco area of Mexico City randomly insert fragments of a musical score into a barrel organ, creating a disjointed version of the same song. The barrel organ’s perforated score will be carved through the walls of the gallery, creating openings to the outside, allowing the sounds of the park and the gallery to merge. In a second pairing, the 2009 film Answer Me makes visible the distinctive echo of an abandoned surveillance station dome built in Berlin in the mid-1950s by the American inventor and theorist Buckminster Fuller, while a snare drum in the Serpentine’s entrance plays to the inaudible low frequencies of the film, extending the dome’s echo further into the gallery space. Concurrent with the Serpentine Gallery exhibition, Artangel will present a film by Anri Sala. Info: www.serpentinegallery.org - www.artangel.org.uk

Biennale di Venezia - Meetings on Art

1 ottobre - 27 novembre 2011, Venezia
Al via il 1° ottobre Meetings on Art, una serie di conversazioni parte integrante della 54. Esposizione Internazionale d’Arte ILLUMInazioni curata da Bice Curiger e organizzata dalla Biennale di Venezia presieduta da Paolo Baratta. Le conversazioni, che sono state precedute da due incontri con Laurie Anderson a luglio e con Patti Smith e Karl Holmqvist a settembre, si svolgeranno dal 1° ottobre fino al 27 novembre, ultimo giorno d’apertura della mostra. L’obiettivo di Meetings on Art è approfondire alcune delle tematiche, delle intuizioni e delle suggestioni proposte dalla mostra ILLUMInazioni e aprire un vasto spazio di riflessione all’interno della 54. Esposizione. Gli incontri saranno organizzati nel cuore della mostra – l’Arsenale – per rivolgersi direttamente al pubblico così numeroso della Biennale Arte composto, oltre che da addetti ai lavori, da appassionati, studenti e visitatori di ogni età, formazione e provenienza. L’appuntamento del 1° ottobre sarà un dialogo filosofico tra due studiosi italiani Carlo Sini e Tommaso Tuppini, anche autore di un testo nel catalogo della mostra. In questo incontro verrà ribaltato metaforicamente l’espediente grafico del titolo ILLUMInazioni, che ha permesso - grazie al falso suffisso “nazioni” - un’estensione semantica del termine in illumiNAZIONI. L’enfasi sarà posta, infatti, sul concetto di nazione in quanto comunità, o cultura in senso etnologico in opposizione alla realtà storica dello Stato-nazione. L’incontro del 1° ottobre si terrà presso la Sala delle Colonne, Ca’ Giustinian alle ore 15, con ingresso gratuito. Info: www.labiennale.org

3/10/2011


ArcDueCittà_ call for papers

[deadline: 3/10/2011]
La rivista ArcDueCittà invita gli interessati a partecipare alla pubblicazione del prossimo numero, i cui temi sono Urban Design, Architectural and Ingeneering Design, Interior Design and Visual Art, Virtual Design, i quali, come nella precedente versione di ARC negli anni 2000, riflettono su tutti gli aspetti della città d’oggi, nella ricerca di equilibrio tra microstorie e megaforme, povertà e sviluppo, culto della “natura” e umanesimo. Nel riprendere la pubblicazione, in una nuova veste digitale e cartacea, gli interlocutori che vogliamo coinvolgere sono i giovani architetti, impegnati sia nella professione che nell’accademia, con l’obiettivo di promuovere il dialogo sui mezzi dell’architettura. Ci aspettiamo che l’attualità dei temi proposti animi il vostro interesse e che contribuiate ad arricchire e promuovere un dibattito che approfondisca la comune ricerca applicata o teorica. Attraverso questo Call For Papers intendiamo acquisire i vostri contributi in una o più delle seguenti formule: - formato notizia ( 1.000 battute + 1 immagine ) | - formato articolo ( 3.000 battute + 3/4 immagini ) | - formato saggio ( 20.000 battute + 10/15 immagini ) | - formato progetto ( 5 immagini + 1000 battute di didascalie lunghe ) | I contributi dovranno pervenire alla redazione entro il giorno 3 ottobre 2011 via e-mail. I contributi ritenuti pertinenti ai temi proposti nella rivista saranno pubblicati inoltre nel prossimo numero della rivista on-line e nella relativa versione cartacea. Info: e-mail: redazione@arcduecitta.it - www.arcduecitta.it

Design & Open Source for Cultural Heritage_ workshop

3 - 7 ottobre 2011, Genova >[deadline: 19/09/2011]
Nell’ambito della ricerca PRIN 2010-2012 “Il design del patrimonio culturale fra storia memoria e conoscenza. L’immateriale, il virtuale, l’interattivo come materia di progetto nel tempo della crisi” (coordinatore nazionale Fulvio Irace, http://prin.miur.it) è prevista la realizzazione di una serie di Project Work, al fine di sperimentare nuovi approcci progettuali per la valorizzazione del Patrimonio Culturale mediante l’ausilio di tecnologie digitali. In tale riferimento si colloca il Workshop Design & Open Source for Cultural Heritage, organizzato dall’unità di ricerca di Genova, facendo convergere le competenze di tre diversi settori: Cultural Heritage (CH), Information and Communication Technology (ICT), Design, con l’obiettivo di sviluppare applicazioni progettuali che valorizzino i patrimoni culturali presenti sul territorio, esplorando le potenzialità e la sostenibilità offerte dalle nuove filosofie “open”. Oggetto del Project Work sono le istituzioni museali medio-piccole, diffuse sul territorio e nella rete. Tali realtà, pur non disponendo di risorse proporzionate al compito cui sono chiamate a svolgere, assumono grande rilevanza per la memoria e l’identità delle rispettive comunità locali, scientifiche, culturali e per questo sono state individuate quali contesti applicativi per inedite azioni progettuali. A fronte di ciò l’attività proposta vuole sperimentare la progettazione della fruizione virtuale di specifiche tipologie di patrimoni culturali: - beni storico-artistici: I teli con le Storie della Passione, conservati nel Museo Diocesano di Genova (XVI sec.) | - beni paesaggistici: Il patrimonio diffuso delle architetture contemporanee e del paesaggio della “Pineta” di Arenzano (GE) (XX sec.) | - oggetti di design: Gli oggetti e gli arredi presenti nelle abitazioni della “Pineta” di Arenzano (GE) (XX sec.) | A cura di: Paolo Bensi, Paola Gambaro, Elena Rosa. Info: www.addgenova.org

Vittorio Gregotti - Postemetropoli e architettura

Il 3 ottobre 2011 alle ore 17.45, presso Palazzo Ducale, Piazza Giacomo Matteotti 9, Genova, si terrà incontro “Postemetropoli e architettura” con l’architetto Vittorio Gregotti, nell’ambito del ciclo “Le città in evoluzione – nuovi paesaggi, socialità, sostenibilità”. L’incontro tende offrire alcune risposte alle domande: Oggi, il destino della città o metropoli contemporanea o postmetropoli è a una svolta epocale? E’ necessario un radicale ripensamento degli strumenti di conoscenza e di governo delle trasformazioni urbane? E’ ancora possibile che ogni città “rispetti la ricchezza della sua diversità culturale e linguistica”? A cura di Giovanni Spalla e Andrea Agostini, l’iniziativa si svolge in collaborazione con Lega Ambiente e Fondazione Edoardo Garrone. Architetto di fama internazionale, Vittorio Gregotti è stato docente all’Università di Milano e Venezia e Visiting Professor presso le Università di Tokio, Buenos Aires, Harvard e Philadelphia. Tra i suoi ultimi libri Architettura e postmetropoli (Einaudi, 2011). Info: www.palazzoducale.genova.it

Provincia italiana 2011

3 ottobre - 7 dicembre 2011, Vicenza
Grazie all’innovativo progetto di riapertura della Basilica Palladiana, previsto per il 2012 e pensato con una serie di funzioni attive sul territorio, Vicenza è entrata a far parte dell’European Creative Business Network, la rete europea per l’innovazione e l’incubazione di imprenditorialità creativa. Con le sue numerose aziende presenti sul territorio che si occupano di moda, design, oreficeria, Vicenza può essere infatti considerata a pieno titolo uno dei punti di riferimento nazionali nell’ambito dell’industria creativa e parte di questa importante rete di città europee che fanno convivere la cultura con il sistema complesso e articolato dell’impresa. A partire da tali tematiche verranno realizzati, nell’ambito del progetto Provincia italiana 2011, quattro incontri laboratoriali con i più interessanti rappresentanti del network e delle università internazionali che si occupano di industrie creative. Si tratterà di quattro incontri tecnici, che prevedono il coinvolgimento degli stakeholder culturali e del sistema imprenditoriale locale per capire come funziona un incubatore, quali sono le criticità, come si sostengono i processi creativi, come nascono nuove imprese creative, come creare spinoff e condizioni virtuose. L’esperienza degli incubatori internazionali presentata dai rispettivi rappresentanti sarà infatti fondamentale per capire l’operatività della futura Basilica su questi temi. Gli incontri saranno condotti in collaborazione con Marco Bettiol dell’Università di Padova, uno dei massimi esperti italiani di industria creativa e prevedono un pomeriggio di workshop con gli ospiti che potranno costruire con i partecipanti significativi percorsi progettuali e di partnership. Il primo workshop, lunedì 3 ottobre ore 14.30 presso lo spazio Lamec di Vicenza, avrà come protagonista Martin Krammer, responsabile delle relazioni internazionali di Creative Industries Styria, l’incubatore di impresa creativa di Graz, che ha permesso alla città austriaca di diventare Unesco City of Design a marzo 2011. I prossimi incontri di Provincia italiana a Vicenza avranno come protagonisti: Leo Van Loon di Creativity Factory/Rotterdam, Stephanie Koenen di Edinburgh Napier University e Dominic Power dell’Università di Uppsala in Svezia. Il progetto Provincia italiana è sostenuto da Fondazione Cariverona e patrocinato dal Consiglio Regionale del Veneto, dalle Province di Padova, di Vicenza, di Treviso, di Belluno. Info: www.provinciaitaliana.org - http://innovetionvalley.com

Festival Aperto 2011

7 ottobre - 6 novembre 2011, Reggio Emilia
Progetti di musica, danza, teatro, attività espositive, tutto all’insegna della contemporaneità, nella terza edizione di Festival Aperto della Fondazione I Teatri di Reggio Emilia, dal 7 ottobre al 6 novembre 2011. Un festival che da sempre non si ferma alla ricerca nei linguaggi delle arti performative, ma si spinge alla riflessione sulle brucianti questioni della cultura, della società e del pensiero contemporanei. Il tema dell’edizione 2011 è sintetizzato nel titolo “Crepino gli artisti”, preso a prestito dalla pièce di Tadeusz Kantor, uno dei massimi drammaturghi del Novecento, cui è dedicato uno dei progetti del festival. “Crepino gli artisti” tuttavia - al di là del lavoro di Kantor - è assunto a sigla del festival nel suo insieme. Un titolo-invettiva vòlto a indicare una situazione drammatica della cultura, messa a rischio dalle scelte economiche e politiche dei poteri. Il festival vuole innescare una riflessione, in proposito, di natura più ampia: a cosa si riduce una società, se le viene sottratta quella linfa e quella capacità di riflettere su se stessa, che è la cultura? Gli artisti presenti nel festival non smettono - attraverso i loro progetti - di porsi alla ricerca di nuove espressioni e linguaggi, e di porre la questione di cos’è la convivenza fra gli uomini. È una risposta quotidiana, costruttiva, umanistica – anzi mille risposte – a chi vorrebbe che gli artisti crepassero. Il festival si sviluppa in sei sezioni, indicate da altrettanti sottotitoli: “Crepino gli artisti” - “Kind of Miles” - “Re-turn. Artistic vision of Shen Wei” - “Ritratti con ensemble” - “Off-balance. Danza contemporanea italiana” - “Reggio Emilia Danza”. Inizio ufficiale venerdì 7 ottobre con la lunga diretta di Rai Radio 3 dal Teatro Cavallerizza, dove ritorna Marino Sinibaldi con Fahrenheit, contenitore pomeridiano di Radio Tre dedicato al festival Aperto. Info: www.iteatri.re.it

4/10/2011


Juvenal Baracco - Una didattica d’eccezione

Il 4 ottobre 2011 alle ore 19 presso la Galleria di Architettura “come se”, in via dei Bruzi 4/6, Roma, si terrà la conferenza dell’architetto Juvenal Baracco “Una didattica d’eccezione. Filosofia, metodi, strumenti per l’insegnamento della progettazione”. Juvenal Baracco insegna composizione alla facoltà di architettura dell’Università Riccardo Palma di Lima. L’aspetto straordinario della sua attività didattica consiste nell’aver sviluppato in più di tre decenni di insegnamento, un sistema coordinato attorno alla sua figura e alla sua personalità di architetto e docente. Infatti, lo studente che entra nell’Atelier Baracco, sviluppa l’approccio proposto dal professore per tutti e cinque anni curriculari in un insieme di corsi strettamente coordinati e concatenati. Ciascun anno è così focalizzato su un tema specifico, dai processi di invenzione creativa allo sviluppo della costruzione e al rapporto con il cliente, sempre in un quadro fortemente coerente e concatenato. Il prof. Baracco coordina l’intero ciclo e guida l’impostazione dei singoli corsi tenuti da professori che negli anni si sono formati nella sua scuola prima come studenti e poi come assistenti. Gli straordinari livelli qualitativi raggiunti da questa didattica si devono contemporaneamente al valore dei docenti, alla efficacia del metodo, alla possibilità di coordinare con decisione un complesso processo di affinamento dello sviluppo della capacità degli studenti della loro passione e applicazione alla disciplina del progetto. Ne discutono: Renato Masiani, preside Facoltà di Architettura di Roma | Costantin Spiridonidis, Coordinatore Enhsa | Cinzia Mulé, Architetto | Coordina e presenta: Antonino Saggio. Info: www.comese.me.it

Zaha Hadid Architects wins RIBA Stirling Prize 2011

The Evelyn Grace Academy, London by Zaha Hadid Architects has won the prestigious £20,000 RIBA Stirling Prize 2011. This is the second year running that Zaha Hadid Architects have won the RIBA Stirling Prize; last year winning with MAXXI Museum of 21st Century Art in Rome. The presentation took place on Saturday 1 October at Magna Science Adventure Centre in Rotherham, and will be televised on Sunday 2 October on BBC Two’s The Culture Show at 5pm. A highly stylized zig-zag of steel and glass, the Evelyn Grace Academy is squeezed onto the tightest of urban sites. The architects received a complex brief: four schools under a single academy umbrella with the need to express both independence and unity. The architects were strongly encouraged by the client to ‘think outside the box’. Info: www.architecture.com

Georgia O’Keeffe

4 ottobre 2011 - 22 gennaio 2012, Roma
Per la prima volta in Italia una grande retrospettiva storica intende esplorare il complesso universo dell’artista Georgia O’Keeffe che, attraverso la visione delle forme naturali e architettoniche del mondo, ha cambiato il corso della storia dell’arte moderna. Promossa dalla Fondazione Roma, organizzata dalla Fondazione Roma Arte Musei con Kunsthalle der Hypo-Kulturstiftung, Helsinki Art Museum e Arthemisia Group in collaborazione con il Georgia O’Keeffe Museum, la mostra sarà ospitata nelle prestigiose sale del Museo Fondazione Roma, Palazzo Cipolla dal 4 ottobre 2011 al 22 gennaio 2012. Dopo la sede romana l’esposizione si trasferirà a Monaco presso il Kunsthalle der Hypo-Kulturstiftung dal 3 febbraio al 13 maggio 2012 e successivamente a Helsinki presso l’Helsinki Art Museum dal 31 maggio fino al 9 settembre 2012. Georgia O’Keeffe è fra le più famose artiste d’America. Nel 1920 divenne una delle capofila dell’arte modernista riscuotendo una straordinaria attenzione e un grande successo di pubblico e di critica. La sua produzione è tuttavia poco conosciuta al di fuori dei confini americani e, benchè alcune delle opere dell’artista siano state occasionalmente esposte in Europa, questa retrospettiva costituisce la prima vera occasione per far conoscere al pubblico italiano il lavoro della O’Keeffe. La mostra, a cura di Barbara Buhler Lynes, presenta oltre 60 opere provenienti dalla Collezione del Georgia O’Keeffe Museum di Santa Fe in New Mexico, che ospita più della metà della intera produzione dell’artista. La rassegna è arricchita da altri importanti prestiti che provengono dal Museo Thyssen-Bornemisza di Madrid, dalla National Gallery of Art di Washington, dal Whitney Museum of American Art di New York, dal Philadelphia Museum of Art e da prestigiose collezioni private. In mostra, oltre ai suoi capolavori tra cui New York Street with Moon prestato dal Thyssen-Bornemisza di Madrid esclusivamente per la sede romana dell’esposizione, una serie di fotografie realizzate da celebri fotografi americani come Alfred Stieglitz, Ansel Adams, Arnold Newman e Todd Webb consacrano momenti e luoghi dell’appassionante vita di Georgia O’Keeffe. Una straordinaria ricostruzione dello studio dell’artista, in cui saranno esposti i suoi strumenti di lavoro e oggetti personali, eccezionalmente prestati per questa mostra, ricreerà l’atmosfera e l’ambiente lavorativo di Georgia O’Keeffe. Info: www.fondazioneromamuseo.it

Mind the Map. Mappe, diagrammi e dispositivi cartografici

E’ in libreria “Mind the Map”, a cura di Lorenza Pignatti, Postmedia Books Editore. “Mind the Map” è un’indagine su vari campi del sapere nei quali la mappa è intesa come panorama, travelogue, archivio, diagramma cognitivo e strumento di sperimentazione artistica. Il libro apre con “Kit cartografici”, un excursus storico nelle arti visive, dalle deambulazioni dei dadaisti e dei surrealisti alle derive psicogeografiche dei situazionisti, dagli organigrammi di Mark Lombardi alle “cartografie tattiche” degli ultimi anni. L’antropologo Franco La Cecla racconta le mappe dei sogni degli indiani Beaver del Canada Occidentale e dei sogni che bisogna sognare per avere una vita degna di tale nome. Annemarie Sauzeau scrive della geopolitica artistica di Alighiero Boetti, con un approccio analitico ed esistenziale. Lo scrittore, artista e ricercatore Trevor Paglen, racconta in un’intervista come sia impegnato a mappare, con modalità e strumenti diversi, ciò che sulle carte geografiche non viene (sempre) registrato. Marco Bertozzi si occupa di cinegeografie al nitrato per visionari atlanti del Novecento. Info: www.postmediabooks.it

5/10/2011


Isabel Aguirre - Ecologia e paesaggio. La costruzione di sistemi ambientali

5 - 9 ottobre 2011, Milano
Interventi in aree protette, ri-naturalizzazioni di zone umide, ricostruzioni di biotopi in ambiti di pregio naturalistico: crescente è la richiesta di nuove competenze specifiche cui l’architettura del paesaggio deve far fronte. Il ricorso diffuso alle tecnologie innovative che vanno dall’impiego di strumenti di indagine, all’elaborazione di modelli matematici fino alle tecniche più avanzate di ingegneria ambientale e genetica ci permette di comprendere la natura in quasi tutti i suoi aspetti ed operare per essa anche nelle situazioni più complesse, spesso in ambienti compromessi proprio dalla dominante presenza antropica. Si può dire che l’uomo abbia definitivamente artificializzato il mondo che richiede ora la sua presenza per trovare inediti quanto incerti equilibri ambientali. Ma nel momento in cui la scienza permette di spostare il limite della dicotomia tra natura e artificio che ha segnato la storia della cultura umana, emerge e prende consistenza un nuovo paradigma legato alla qualità dell’intervento, alla gestione degli specialismi, all’etica e al senso del progetto contemporaneo. ATTIVITA’/ PROGRAMMA_ Il workshop contempla una serie di apporti teorici giornalieri (lezioni dell’autore attinenti il tema) e si svilupperà in tre fasi pratiche: conoscenza ed interpretazione del luogo (visione dei materiali e dell’area; elaborazione del progetto (singolarmente o in gruppo); dibattito e presentazione delle proposte. ISCRIZIONI_ Il workshop fa parte del programma di Master in Architettura del Paesaggio e di Formazione Permanente della UPC di Barcellona/ACMA Milano. Si configura come un corso intensivo di perfezionamento ed aggiornamento rivolto a: diplomati, studenti e laureati nelle discipline di carattere tecnico-scientifico legate alla gestione del territorio (architettura, architettura del paesaggio, ingegneria, scienze ambientali, scienze naturali, scienze agrarie e forestali, beni culturali, antropologia, sociologia, urbanistica, scienze e politica del territorio ecc.). In particolare è indicato al personale, ai collaboratori e ai consulenti dei parchi e delle soprintendenze, agli studi professionali che operano nelle progettazione ambientale. Le iscrizioni verranno raccolte fino al raggiungimento del numero massimo di partecipanti previsto. Info: tel +39 02 70639293 fax +39 02 70639761 e-mail: master@acmaweb.com - www.masterpaesaggio.it

Vegetecture

5 - 8 ottobre 2011, Milano
Nell’ambito di A.A.A. Agricoltura Alimentazione Architettura, si svolgerà al MADE EXPO, dal cinque all’otto ottobre 2011, la mostra VEGETECTURE. La mostra, attraverso esempi di realizzazioni e progetti da tutto il mondo, sviluppa le ultime tendenze di quella che viene chiamata Vegetecture, sintetizzando quell’unione fra verde e architettura che va oltre il verde tecnico dei giardini pensili e del verde verticale e che rappresenta la punta più avanzata dell’architettura internazionale. La proposta della Vegetecture è di considerare l’elemento vegetale come materiale primario della costruzione, non un abbellimento ma il nucleo centrale del costruito. A questo si affiancano le realizzazioni in bambù, in terra cruda, in paglia. È un nuovo atteggiamento progettuale che considera il verde come ciò che costituisce l’ambiente ideale per la vita dell’uomo. La città che ne deriva tende a portare dentro di sé la foresta, non costruendo altri giardini, ma togliendo il confine fra spazio della natura e spazio del costruito. Nell’architettura l’applicazione delle high green technology ha dimostrato di essere un valido ed efficace strumento per la costruzione delle nuove città a orientamento ecologico. La mostra si preannuncia come una vera e propria panoramica su lavoro degli architetti a livello mondiale, dalla A di Emilio Ambasz alla Z di Zaha Hadid, i maggiori studi internazionali di architettura hanno aderito con entusiasmo alla mostra che sarà raccolta in un volume disponibile durante la manifestazione. Innovazione anche nella modalità espositiva, che abbandona le obsolete immagini ferme per offrire un vero e proprio spettacolo in movimento, immergendo il visitatore in un ambiente che lo avvolge completamente grazie a sofisticate tecnologie di proiezione di ultima generazione. Info: www.madeexpo.it

20° Europa Symposium

In occasione del ventesimo anniversario, l’Europa Symposium, Vertice europeo del Costruire Ecologico, organizzato da Bioarchitettura per indagare le relazioni tra architettura, economia, paesaggio urbano e nuove tecnologie, sarà organizzato in due appuntamenti:
- 5 ottobre 2011, Milano Made Expo
- 6 ottobre 2011, Bologna Fiera Saie
Le strategie di sostenibilità, durabilità ed ecologicità, maturate nel progettare, tendono a intrecciarsi con i legami complessi delle singole scelte collegate al mondo economico, sociale, territoriale, culturale. Per cui accanto e insieme alle diverse concrete soluzioni progettuali questo Europa Symposium propone nuove visioni culturali e visioni utopiche, ma allo stesso tempo attuabili attraverso il riappropriarsi dello spazio. Info: programma.Milano.pdf - programma.Bologna.pdf

MADE Expo 2011

5 - 8 ottobre 2011, Milano
Con straordinario successo di pubblico e critica e vasto richiamo a livello internazionale, torna a Milano la quarta edizione di MADE Expo 2011. Da mercoledì 5 a sabato 8 ottobre 2011 nei padiglioni della Fiera Milano Rho si svolgeranno cinque giornate per l’innovativo appuntamento espositivo internazionale dedicato all’edilizia e all’architettura. I numeri della scorsa edizione sono stati: 242.152 visitatori, di cui 23.810 stranieri. Dal progetto alla costruzione, dai servizi alle soluzioni tecnologiche passando per i materiali e le finiture: la più completa offerta del settore. Un evento da non perdere, che accoglie con entusiasmo la sfida delle oltre 1700 aziende italiane presenti, offrendo hanno la straordinaria opportunità di affacciarsi a un mercato internazionale. Info: www.madeexpo.it

Saie 2011 - Innovare, Integrare, Costruire

5 - 8 ottobre 2011, Bologna
Dal 2010 SAIE il salone internazionale delle costruzioni, si presenta in modo nuovo per offrire alle aziende espositrici nuovi servizi e un modo nuovo per incontrare i 170.000 operatori del settore che ogni anno vengono a Bologna per discutere e confrontarsi su soluzioni, progetti, tecnologie per le costruzioni. Gli operatori di SAIE sanno che per fare architettura e realizzare un’opera di ingegneria è necessario un alto livello di integrazione di competenze, saperi, tecnologie, sistemi e persone. Integrazione che permette di fare sistema, anche in momenti di crisi, per costruire il futuro del settore. SAIE è il salone che fa parlare operatori diversi per fornire risposte integrate ad un settore che cambia e che deve rispondere alle richieste di una maggior attenzione ambientale, maggiore efficienza, sicurezza e offerta di servizi. SAIE si articola in tre Aree Tematiche in cui si integrano i saloni specializzati SAIE e su cui si snodano i percorsi espositivi durante i quattro giorni di manifestazione. Tre Aree tematiche per un settore in evoluzione: – SAIENERGIA & Sostenibilità, SAIECANTIERE & Produzione e SAIESERVIZI per progettare e costruire. Novità 2011: Saie OFF. Info: www.saie.bolognafiere.it

6/10/2011


Il punto sul Paesaggio - Conferenza di Isabel Aguirre

Giovedì 6 ottobre 2011 ore 18, presso la Fondazione Falciola/Camplus Rubattino, in via Caduti di Marcinelle 2 (Milano EST, zona Ventura), si terrà la conferenza di Isabel Aguirre, docente del workshop di progettazione “Ecologia e paesaggio. La costruzione di sistemi ambientali” organizzato da ACMA Centro di Architettura. La conferenza fa parte dell’iniziativa “Il punto sul Paesaggio”, una serie di incontri aperti al pubblico con alcuni paesaggisti, docenti del Master in Architettura del Paesaggio UPC-ACMA con sede a Milano, interpreti delle principali esperienze internazionali: momento di scambio e confronto su tematiche sempre più attuali, non solo per tecnici e professionisti del settore ma anche per la crescita di una consapevolezza diffusa nella società che necessariamente condivide il patrimonio comune del paesaggio. *[Isabel Aguirre (Vilagarcía 1937) Architetto, direttrice della Escuela Gallega del Paisaje (EGP), coordina il Master di Architettura del Paesaggio con le Università di Santiago de Compostela e de La Coruña. Membro del Grupo Investigación del Patrimonio Cultural de la Politécnica de Madrid, ha insegnato Introducción a la Arquitectura presso la Escuela Técnica Superior de Arquitectura, de Estética, y de Paisaje della Università de La Coruña e diretto il Taller de Paisaje della Escuela Técnica Superior de Arquitectura della Università di Navarra. Ha diretto per cinque anni Desarrollo Sostenible (sviluppo sostenibile) presso la Università Menéndez Pelayo in Galizia. Ha tenuto numerose conferenze presso università, congressi e seminari. Ha ottenuto il Premio Nazionale di Architettura di la Dehesa 1997 per il Parco Bonaval indetto dal Ministero dei trasporti, il Consiglio Superiore degli Architetti in Spagna, la Università Menéndez Pelayo e la Università Alcalá di Henares. La sua opera è stata esposta presso il dipartimento di Landscape Design della Università di Harvard, avendo realizzato progetti di paesaggio e riqualificazione in Spagna, Portogallo, Francia e Belgio. Suoi scritti e opere sono pubblicati in numerose pubblicazioni e riviste nazionali e internazionali]. Le conferenze del ciclo “Il punto sul Paesaggio”, ad ingresso libero, sono aperte al pubblico. Si richiede conferma di partecipazione via mail. Info: tel +39 02 70639293 fax +39 02 70639761 e-mail: acma@acmaweb.com - www.acmaweb.com

OMA/Progress

6 ottobre 2011 - 19 febbraio 2012, London
This autumn Barbican Art Gallery is transformed by an exhibition on OMA, one of the most influential architecture practices working today. Celebrated as much for their daring and unconventional ideas as their inventive buildings, the work of OMA and its think tank AMO anticipates the architectural, engineering and cultural ideas transforming our material world. Co-founded in 1975 by Rem Koolhaas as the Office for Metropolitan Architecture, OMA, comprises seven partners and a staff of around 280 architects, designers, researchers and support staff in offices in Rotterdam, New York, Beijing and Hong Kong. OMA/Progress is the first major presentation of OMA’s work in the UK and coincides with the opening of their first buildings here, Rothschild Bank HQ in the City of London and a Maggie’s Centre in Gartnavel, Glasgow. The exhibition is curated and designed by the Belgium-based collective, Rotor. To make their portrait of OMA, Rotor have enjoyed unprecedented behind-thescenes access and the opportunity to ask candid questions. The result is a compelling selection of materials from archives, collections and OMA-offices across the globe. Info: www.barbican.org.uk

La casa del futuro - rassegna di cinema e architettura

6 - 27 ottobre 2011, Savona
L’Ordine degli Architetti P.P.C. della Provincia di Savona organizza la quarta rassegna cinematografica dedicata all’architettura e intitolata “La casa del futuro” che si svolgerà dal 6 al 27 ottobre tutti i giovedì sera al cinema Nuovofilmstudio di Savona (ingresso gratuito). L’edizione di quest’anno, organizzata in collaborazione con la rivista digitale di architettura Archphoto.it, vuole raccontare attraverso il cinema, assemblando epoche e materiali diversi (tra formati digitali e in pellicola), la storia dell’architettura e in particolare dell’abitare. Si parte giovedì 6 ottobre con la “Electric House” (Buster Keaton, 1922) dove tutti gli elementi della casa, dalla scala alle sedie, dai piatti al biliardo si muovono elettricamente mettendo in evidenza quanto la tecnologia possa essere deleteria se abusata. A seguire “Les Mystères du Château de Dé” (Man Ray,1929), un viaggio nel sud della Francia alla scoperta di una delle architetture moderne più interessanti nel rapporto con il mediterraneo: la casa dei Visconti di Noailles a Hyeres. Conclude la serata “Il Girasole” (Christoph Schaub, Marcel Meili, 2010): progettata da Angelo Invernizzi nel 1935 nella campagna di Marcellise, la Casa Girasole, grazie a un complesso ingranaggio, compie un giro completo lungo un giorno, consentendo un lento disvelamento del paesaggio. Giovedì 13 ottobre è la figura del grande architetto americano Frank Lloyd Wright ad apparire in sottofondo nel film “La fonte meravigliosa” (King Vidor, 1949) con uno straordinario Gary Cooper impegnato contro tutti a far realizzare il suo ambizioso progetto di un grattacielo. Vidor ritrae un architetto scontroso, geniale e moderno caratteristiche che ben si adattano alla personalità di Wright, maestro indiscusso dell’architettura organica. Nello stesso contesto dell’organico architettonico si inserisce il documentario “La bulle et l’architecte” (2003) del francese Julien Donada, in programma giovedì 20 ottobre. E’ la storia dell’architetto radicale e sperimentatore Pascal Hausermann che negli anni Sessanta realizzava case a forma di bolla in cemento armato, tipiche di una stagione architettonica votata al rapporto tra architettura e natura. Giovedì 27 ottobre concluderanno la rassegna i due cortometraggi realizzati da Emanuele Piccardo: “La casa di Mario” sull’opera architettonica di Mario Galvagni, architetto eclettico fautore dell’ecologia della forma, e “L’Isola di Lingeri” che documenta il restauro delle Case per Artista realizzate da Pietro Lingeri nel 1937 sull’Isola Comacina, un esempio di vernacolare e modernità in un paesaggio suggestivo. Parteciperanno alla serata il regista Emanuele Piccardo, l’architetto Mario Galvagni e Andrea Canziani, progettista del restauro delle Case per Artista di Lingeri. Info: www.ordinearchitettisavona.it

Independents2 / ArtVerona 2011

6 - 10 ottobre 2011, Verona
Dopo il grande successo della prima edizione, torna ad ArtVerona Independents, lo spazio dedicato alle nuove esperienze creative indipendenti. Ideato da Fuoribiennale e curato da Cristiano Seganfreddo, il format nasce con l’intento di dare spazio e visibilità alle realtà artistiche e culturali maggiormente sperimentali, che si muovono in maniera autonoma rispetto al sistema istituzionale e che sono spesso catalizzatrici di nuove tendenze. Per la prima volta, in una fiera di arte moderna e contemporanea trovano spazio, in una sezione completamente a loro dedicata, associazioni, fondazioni, collettivi e spazi no-profit italiani impegnati in percorsi autonomi di ricerca e sperimentazione in ambito contemporaneo. Un’operazione innovativa, che coinvolge un pubblico ampio e diversificato, volta anche a destare l’interesse di nuovi soggetti influenti in ambito culturale ed economico. Independents permette, infatti, l’inedito incontro tra soggetti indipendenti, stakeholder e opinion leader del mondo dell’arte, creando una nuova sezione all’interno di ArtVerona, che mantiene il proprio carattere libero ed emancipato. Per questa edizione sono ben 27 le realtà italiane no profit selezionate - grazie anche alla collaborazione di Artribune, media partner dell’iniziativa, attraverso cui era possibile la candidatura - a cui sono stati riservati gratuitamente per tutta la durata della manifestazione 15 mq per presentare liberamente i propri progetti, costruire talk, performance e incontri aperti al pubblico. Info: www.artverona.it - www.fuoribiennale.org

XV Biennale de la Méditerranée

7 ottobre - 6 novembre 2011, Thessaloniki (Greece)
Opening 6th October 2011 the new edition of the Biennial de la Méditerranée.
 25 years after the first successful organization of the Biennale of young creators from Europe and the Mediterranean, the city of Thessaloniki is ready to host the XV Edition of the Biennale de la Méditerranée.
This year, the Biennale will be characterized by a new format, not just a single event, but a long journey through the Mediterranean area, with the participation of 2 main cities – Thessaloniki in october and Rome in december 2011.
The organizing institutions – the General Secretariat for Youth, the Municipality of Thessaloniki, the Macedonian Museum of Contemporary Art and the Aristotle University – are collaborating with other local institutions and independent organizations (among these Dynamo Project), in order to activate all the creative forces of the city towards the creation of a memorable event. Info: www.bjcem.org

7/10/2011


Bring the forest in the city. High Green Tech Symposium 2011

Nell’ambito di A.A.A. Agricoltura Alimentazione Architettura, venerdì 7 ottobre 2011, dalle 9,30 alle 18,00 si svolgerà al MADE EXPO, Sala Martini, Centro Servizi, il convegno internazionale “BRING THE FOREST IN THE CITY”. Il 2011 è l’anno internazionale delle foreste. “Portare la foresta nella città” è il tema della terza edizione del convegno internazionale HIGH GREEN TECH SYMPOSIUM, che dal 2009 ogni anno fa il punto sulla situazione internazionale delle alte tecnologie per il verde e sulle tendenze più avanzate dell’architettura sostenibile. Portare la foresta nella città è la nuova sfida dell’ecologia più avanzata, in questa direzione vanno tutti i progetti di quella che ormai viene chiamata Vegetecture, l’architettura che usa le piante come elemento attivo di costruzione, in un modo che va oltre le definizioni di verde pensile e verticale, per arrivare ad un high green effettivo che mira a risolvere concretamente i problemi dell’inquinamento e del risparmio energetico nelle città contemporanee. Dalle suggestioni del terzo paesaggio fino alle soluzioni più tecnologiche, il tema della naturazione urbana è ormai imprescindibile, e tocca anche lati di socialità quotidiana come il grande ritorno dell’uso degli orti o le azioni di green guerrilla urbana che potrebbero cambiare il volto delle nostre città. Durante il convegno ci sarà la premiazione del concorso internazionale di design NATURAL BORN OBJECT DESIGN AWARD, che unisce piante e design. Tra i relatori: Juli Capella, architetto, Spagna; Riccardo Dalisi, architetto, Italia; Francesco Ferrini, docente di Arboricoltura urbana, Università di Firenze, Italia; Anna Lambertini, architetto paesaggista, Italia; Jacques Leenhardt, professore presso l’Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales di Parigi, Francia; Stefano Mancuso, direttore del LINV, International Laboratory of Plant Neurobiology, Italia; Roberto Marcatti, architetto, Italia; Luc Schuiten, architetto, Belgio; Marta Pozo, studio MVRDV, Architetto, Olanda. Per assistere al convegno è necessaria la preiscrizione, che da diritto all’entrata gratuita al Made Expo, da effettuarsi sul sito: www.madeexpo.it

Alig’Art 2011

7 - 15 ottobre 2011, Cagliari
Il Festival Alig’Art 2011 - Arte, Riciclo per l’Abitare sostenibile, ritorna a Cagliari negli spazi del Ghetto, del Liceo Artistico, della Facoltà di Architettura e del club Muzak. Mostre, laboratori, arredi urbani e una sezione dedicata a incontri, conferenze e pratiche virtuose. Il Festival, promosso dall’Associazione Sustainable Happiness, quest’anno si addentrerà nel complesso mondo dell’Abitare Sostenibile. Abitare inteso come dimorare, risiedere in un’abitazione o in un luogo generalmente condiviso nella vita pubblica con una comunità; perciò lo spazio dell’abitare è anche uno spazio mentale che investe il siano delle relazioni e degli affetti. Abitare in modo sostenibile significa, sul piano pratico, utilizzare una serie di accorgimenti che ci permettano di alleggerire la nostra impronta ecologica, ma anche di avere un atteggiamento (habitus) impostato sulla condivisione, proattivo verso gli scambi sulla base di valori fondamentali come il rispetto, la conservazione dell’ambiente, la coscienza dei propri diritti e delle proprie responsabilità. Una rinnovata sezione espositiva, nuove collaborazioni, nuovi laboratori, junior e senior, una sezione dedicata alla diffusione scientifica e alle pratiche virtuose con incontri, dibattiti, presentazione di libri e musica. L’edizione del Festival Alig’Art 2011 è stata organizzata con il patrocinio e il contributo del Comune di Cagliari e dell’Ente Foreste della Sardegna. Info: www.sustainablehappiness.it - programma.pdf

Oriol Bohigas - lectio magistralis al Saie

Il 7 ottobre 2011 alle ore 17.30, presso la Sala Europa - Palazzo dei Congressi, Bologna, nell’ambito di Saie 2011, si terrà la lectio magistralis di Oriol Bohigas MBM arquitectes. Introduce la lezione Carlo Olmo, Direttore de “Il Giornale dell’Architettura”. In chiusura, Oriol Capdevila - MBM arquitectes dialoga con Oriol Bohigas sulla riqualificazione e il futuro della “città”. “Bohigas è l’uomo della rinascita di Barcellona, e al tempo stesso ne è l’autore e l’animatore, una figura, cioè, non assoluta e unica, ma rappresentativa di un grande impulso vitale che ha coinvolto nella città gli amministratori, gli architetti, i cittadini stessi. La dimensione etica che si esprime nella sua pasion por la Ciudad è una chiave di lettura delle opere dello studio MBM e questo è il primo dato da assumere. Il progetto non sarà mai concepito da essi come opera d’arte, come fatto isolato ed avulso dal senso del luogo. La loro concezione corrisponde all’etica del fare a servizio della città e dei cittadini.” (Bruno Gabrielli) Info: www.saie.bolognafiere.it

Paul Graham - Europe : America

7 ottobre 2011 - 8 gennaio 2011, Santander (España)
Two key periods of Paul Graham’s art career are contrasted in the exhibition Europe : America curated by Vicente Todolí and organized by the Botín Foundation for its venue in Santander where it will be showing until January 8th 2012. The show, which complements the British photographer’s contribution as director of the Villa Iris workshop in Santander last July, juxtaposes two of his series: New Europe (1986-1992) and A Shimmer of Possibility (2004-2006). The series titled New Europe, in allusion to the European dream, includes pictures the photographer took during his journeys in 1988, 1989 and 1990 across nine Western European countries: Germany, Switzerland, Italy, Spain, France, Belgium, The Netherlands, England and Northern Ireland. The photographs contain underlying historical references, such as an image in which the figure of Hitler has been scratched away, or another in which the Star of David has been successively drawn and crossed out on the orangey paint of a steel beam. The images produced during his travels in Spain include one of Franco’s sculpted tomb and another of some coins stamped with the dictator’s effigy, which are no longer in circulation. In the second series, A shimmer of possibility, focusing on isolated figures inserted in urban spaces and presented in film-like sequences, Graham depicts the division of classes in American society. This concern, that of making the underprivileged classes visible, is one that the photographer also explored in his previous series American Night (2003). A video on the Foundation’s channel features testimonies of the artist and the curator, in addition to a tour of the exhibition space. Info: www.fundacionbotin.org

8/10/2011


Josef Albers

8 ottobre 2011 - 12 febbraio 2012, Modena
Inaugura l’8 ottobre 2011 alle 18 nei due spazi espositivi della Galleria Civica di Modena la retrospettiva su Josef Albers. La mostra, la più ampia mai organizzata in Italia, intende ricostruire il percorso dell’artista in tutte le sue fasi salienti, dagli anni del Bauhaus di Weimar, di Dessau e di Berlino a quelli del Black Mountain College, della Yale University, a quelli, infine, nei quali – lasciato l’insegnamento – si dedicò esclusivamente alla pittura. La retrospettiva, coprodotta dalla Galleria Civica di Modena con la Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, è stata organizzata con la collaborazione della Josef & Anni Albers Foundation di Bethany (Connecticut) che ha prestato, con una sola eccezione, le 179 opere esposte. La Terra Foundation for American Art di Chicago ha supportato il progetto attraverso un contributo di 50.000 dollari. Del periodo del Bauhaus, la straordinaria scuola fondata da Walter Gropius di cui Albers è stato prima allievo e poi ininterrottamente docente fino alla chiusura, sono esposte 12 opere in vetro realizzate dal 1921 al 1932, 29 fotografie e photocollage, una piccola selezione di xilografie e di gouache e alcuni mobili. Se i vetri denunciano già con pienezza il rigore della composizione e lo straordinario sentimento del colore che caratterizza la successiva e più celebrata pittura a olio di Albers, le fotografie – assai spesso assemblate dall’artista in forma di photocollage – rappresentano la testimonianza di un occhio attento e appassionato, capace di sottrarre i volti degli amici e dei colleghi (Klee, Kandinsky, Gropius) alla dimensione quotidiana e allo stesso tempo di rivelare straordinarie geometrie, forme e cadenze nascoste nella natura e nelle cose. Di particolare interesse i mobili disegnati in questo periodo, che uniscono una spiccata funzionalità alla purezza di linee e a una forte inclinazione per i diversi materiali e la loro combinazione (vetro, legni, stoffe) […]. Info: www.comune.modena.it

Luci della Città

Sabato 8 ottobre 2011 alle ore 20, in occasione della VII Giornata del Contemporaneo la Fondazione Filiberto Menna – Centro Studi d’Arte Contemporanea (Salerno) propone, a cura di Stefania Zuliani, Luci della Città. Si tratta di un appuntamento che vuole riflettere sull’arte e sull’abitare. Sulla città, appunto, sulle sue varie declinazioni e sui suoi disegni presenti. Luogo plurale, territorio privilegiato del divenire sociale, spazio collettivo chiamato a rispondere alle esigenze di una società complessa, la città è territorio in cui l’arte e l’architettura si incontrano per cambiare la vita, per intessere il racconto profetico di una società estetica, «di una realtà», insomma, «di cui si vogliono conoscere i dati costitutivi per trasformarla» (F. Menna). Partendo da queste considerazioni, Luci della Città dunque propone, attraverso il lavoro di artisti da tempo attivi sulla scena italiana e internazionale – la coppia Bianco-Valente (Sulla pelle, 2010, Video, 4′18″), il “teknoartista” Giacomo Verde (Solo limoni, 2001, Video, 44′35″) e il collettivo Zimmer Frei (Panorama_Bologna, 2005, Video, 30′) – uno sguardo sulla scena urbana, letta nei suoi spazi privati e pubblici come pure nelle tensioni sociali e politiche che da sempre la città accoglie, sollecita e organizza. Selezionati e presentati da tre critici e curatori indipendenti di ultima generazione (Maria Giovanna Mancini, Stefano Taccone e Antonello Tolve), i materiali proposti nel corso della serata restituiscono così in tutta la sua complessità la vita e il paesaggio di tre grandi città italiane – Napoli, Bologna, Genova – interpretate attraverso prospettive plurali che privilegiano ora il documento ora la poesia dell’invenzione e della visione. Info: www.fondazionefilibertomenna.it

SUPERSTUDIO/backstage

9 ottobre 2011 - 1 aprile 2012, Prato
Inaugura l’8 ottobre 2011 alle ore 18, in occasione della VII giornata del contemporaneo promossa da AMACI, presso il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato, la mostra SUPERSTUDIO/backstage a cura di Stefano Pezzato e Cristiano Toraldo di Francia. La mostra documenta il percorso di Superstudio dal 1966 al 1978, proseguendo l’azione di recupero e valorizzazione della storica esperienza dell’architettura radicale fiorentina, già sviluppata dal Centro Pecci - nel suo ruolo di Museo regionale toscano per l’arte contemporanea - attraverso acquisizioni di opere e documenti o progetti espositivi come le recenti proposte di Invito al viaggio al Museo Pecci Milano che hanno incluso, fra gli altri, alcuni progetti di Superstudio. La nuova esposizione, allestita nello Spazio CID/Arti visive, presenta una serie di immagini fotografiche scelte dall’archivio Toraldo di Francia, con le quali si documenta un’attività di ricerca che ha dilatato i confini dell’architettura per comprendere altre pratiche artistiche, intendendo il progetto non solo come opera tesa alla risoluzione di problemi, ma come strumento di investigazione e conoscenza. Insieme alle numerose fotografie, saranno esposti anche oggetti della serie Istogrammi (1969), litografie, lampade originali, pubblicazioni e film di Superstudio; sarà inoltre riproposto il modello della prima mostra congiunta di Superstudio e Archizoom Superarchitettura (1966/2002), realizzato in occasione della rassegna regionale Continuità in Toscana: 1945-2000 e oggi appartenente alla collezione del museo pratese, e la ricostruzione di Supersuperficie (1971/2011), il microambiente originale realizzato per la mostra Italy: The New Domestic Lanscape al MoMA di New York, che è stata presentata in anteprima al Museo Pecci Milano la scorsa primavera. Info: www.centropecci.it

Video Medium Intermedium_ conferenza stampa

Sabato 8 ottobre 2011 alle ore ore 11.30, presso Ca’ Giustinian, 1° piano (S. Marco, 1364/a), Venezia, si terrà la conferenza stampa di presentazione di “Video Medium Intermedium. Mostra di video d’artista dalle collezioni ASAC - Archivio Storico delle Arti Contemporanee”. Interverranno: Paolo Baratta, Presidente della Biennale di Venezia | Bice Curiger, Curatrice della 54. Esposizione Internazionale d’Arte | Info: www.labiennale.org

Mondrian. L’armonia perfetta

8 ottobre 2011 - 29 gennaio 2012, Roma
Il Complesso del Vittoriano di Roma ospita “Mondrian. L’armonia perfetta”, una grande retrospettiva che ripercorre l’intero cammino artistico di uno dei più importanti maestri del XX secolo, fondatore, assieme a Kandinsky, dell’Astrattismo. Attraverso 70 olii e disegni, oltre a opere di artisti che influenzarono la sua evoluzione, l’esposizione ripercorre la produzione di Piet Mondrian fino al punto d’approdo della sua ricerca, le composizioni con linee e spazi geometrici rettangolari e l’uso dei colori primari, sintesi “ascetica” di una creatività originaria, universale: “Nella realtà vitale dell’astratto - sosteneva Mondrian - l’uomo nuovo ha superato i sentimenti della nostalgia, della gioia, dell’estasi, della tristezza, dell’orrore: nell’emozione resa costante dalla bellezza, essi vengono purificati e chiarificati”. L’esposizione presenta capolavori in gran parte concessi eccezionalmente dal Gemeentemuseum dell’Aia e vanta la collaborazione e il supporto di grandi istituzioni museali come il Denver Art Museum, il Philadelphia Art Museum, la National Gallery of Canada di Ottawa, il National Museum of Modern Art di Kyoto. La mostra “Mondrian. L’armonia perfetta” è a cura di Benno Tempel, Direttore del Gemeentemuseum dell’Aia, e si avvale di un prestigioso comitato scientifico composto da Hans Janssen, Gemeentemuseum, L’Aia, Franz W. Kaiser, Gemeentemuseum, L’Aia, Michael White, Università di York, Frans Postma, Architetto. Info: www.comune.roma.it

Nina Rosenblum - Fotografia indagine storica e diritti civili nell’America contemporanea

8 - 23 ottobre 2011, Roma
Nina Rosenblum, candidata all’Oscar nel 1992 e riconosciuta negli Stati Uniti tra i più impegnati autori del documentario d’inchiesta, sarà la protagonista di una serie di incontri, seminari e proiezioni, in programma a Roma presso la Casa del Cinema. A cura di Manuela Fugenzi in collaborazione con Officine Fotografiche, l’Università degli Studi Roma Tre e la Casa del Cinema, agli eventi parteciperanno la stessa Nina Rosenblum e Daniel Allentuck, co-fondatore della casa di produzione indipendente Daedalus Productions Inc. di cui Nina è presidente. Un’occasione unica per il pubblico italiano per conoscere il lavoro di questa eccezionale regista e della sua casa di produzione che negli anni ha realizzato documentari e inchieste di grandissimo impatto sull’opinione pubblica americana: dall’inchiesta impossibile nell’unità sperimentale femminile di massima sicurezza del carcere federale di Lexington (sostenuta da Amnesty International, con la voce narrante di Susan Saradon), ai racconti sul ruolo e il trattamento riservato ai soldati afroamericani della Seconda Guerra Mondiale (Nomination all’Academy Award per la sezione Feature Documentary 1992) e sui cowboys afroamericani nella conquista del West, al documentario su Rikers Island (il più grande penitenziario degli Stati Uniti che ospita ben 15.000 persone), fino alla testimonianza del primo ufficiale americano che ha rifiutato di partecipare alla guerra in Iraq per motivi morali rischiando la corte marziale. L’iniziativa rientra tra gli Eventi Speciali di Fotoleggendo 2011. Tutti i film sono in versione originale con sottotitoli in italiano. L’ingresso è gratuito. Info: www.casadelcinema.it - www.fotoleggendo.it

9/10/2011


Master in Architettura del Paesaggio UPC/ACMA 2011/2012_ presentazioni

Giunto quest’anno alla quarta edizione, il Master in Architettura del Paesaggio è nato da un progetto formativo congiunto della UPC di Barcellona e di ACMA Centro di Architettura di Milano con l’obiettivo di offrire un programma modulare composto da singoli workshop e seminari di progettazione che per l’attualità dei temi trattati e per l’esperienza internazionale dei docenti invitati è divenuto rapidamente un riferimento nel dibattito europeo dell’architettura del paesaggio. La frequenza al master universitario di secondo livello (1500 ore di cui 750 frontali, 60 crediti CFU/ 75 ETCS) o dei singoli moduli, analoghi a quelli realizzati dal 1983 in Catalogna, prevede il rilascio di un titolo della Fondazione UPC di Barcellona (riconosciuto dalla EFLA), titolo legato ai più autorevoli programmi formativi europei del settore. Direttori: Jordi Bellmunt (Barcellona) João Nunes (Lisbona) Antonio Angelillo (Milano). Sedi attività: Milano, Barcellona, Lisbona. Presentazioni a cura di Antonio Angelillo. Calendario:
- domenica 9 ottobre 2011, h.13.00_MILANO
Fondazione Falciola/Camplus Rubattino, Via Caduti di Marcinelle 2
- martedì 11 ottobre, h. 10.00_NAPOLI
Università degli studi di Napoli Federico II_ Facoltà di Architettura_Palazzo Gravina_Aula 10
Laboratorio di Composizione Architettonica e Urbana/ Corso di Architettura del Paesaggio
Prof. Roberto Serino - Prof. Vito Cappiello
- martedì 11 ottobre, h. 15.00_PORTICI (NA)
Università degli studi di Napoli Federico II_ Facoltà di Agraria_ Sala dei Grifoni
Info: tel +39 02 70639293 fax +39 02 70639761 e-mail: acma@acmaweb.com - www.acmaweb.com - www.masterpaesaggio.it

alternative/milano - Expo 2015: opportunità per il riassetto paesaggistico dell’area occidentale di Milano

Domenica 9 ottobre 2011 alle ore 11, presso la Fondazione Falciola/Camplus Rubattino, via Caduti di Marcinelle 2 (Milano EST, zona Ventura), si terrà il dibattito “Expo 2015: opportunità per il riassetto paesaggistico dell’area occidentale di Milano” a conclusione del workshop di progettazione “ISABEL AGUIRRE Ecologia e paesaggio. La costruzione di sistemi ambientali” organizzato da ACMA Centro di Architettura. Le aree destinate all’Expo 2015 saranno oggetto di profonda trasformazione nei prossimi anni. Il Masterplan delle aree espositive prevede tra l’altro la realizzazione di una nuova via d’acqua che collega l’area destinata all’evento al Parco Agricolo Sud di Milano, offrendo l’opportunità di una connessione dalle elevate potenzialità ecologiche. Affrontare tale tema dal punto di vista progettuale mette in discussione il progetto del Masterplan della Expo, contribuendo ad elevare il suo insediamento ad una scala territoriale. Grazie al recupero delle antiche linee d’acqua e alla formazione di nuovi fontanili (sorgenti semi-spontanee di acqua di cui è ricco il territorio milanese) sarà possibile ridisegnare un nuovo sistema idrico efficiente e totalmente sostenibile dal punto di visto ambientale, assegnando al contempo ad un nuovo canale una dimensione di assoluto interesse paesaggistico per l’area metropolitana. Al termine del dibattito presentazione del Master in Architettura del Paesaggio 2011-2012 a cura di Antonio Angelillo. Il dibattito fa parte dell’iniziativa “Alternative Milano”, una serie di incontri aperti al pubblico in cui i protagonisti delle più rilevanti esperienze internazionali, esperti e tecnici, giovani paesaggisti e rappresentanti delle istituzioni locali discuteranno su proposte ed elaborazioni progettuali concrete al fine di coinvolgere la cittadinanza sulle scelte per il futuro migliore della città di Milano. I dibattiti del ciclo “Alternative Milano”, ad ingresso libero, sono aperti al pubblico. Si richiede conferma di partecipazione via mail. Info: tel +39 02 70639293 fax +39 02 70639761 e-mail: acma@acmaweb.com - www.acmaweb.com

10/10/2011


Iconemi 2011

Lunedì 10 ottobre 2011 alle ore 17, presso la sede dell’Urban Center di piazzale degli Alpini, a Bergamo, prende il via la 2. edizione di “Iconemi”, iniziativa dedicata al paesaggio, organizzata dal Comune di Bergamo con il Centro Studi per il Territorio “Lelio Pagani” dell’Università, patrocinata dagli Ordini professionali degli Architetti, degli Ingegneri e dei Dottori Agronomi e Forestali. La scoperta del territorio bergamasco per una riflessione sui confini tra città e campagna, un approfondimento sul tema del paesaggio, sintesi di aspetti plurimi e complessi che riguardano la natura, le geografie, gli ambienti e le culture. L’evento si divide in un ciclo di conferenze ed una mostra che fanno dell’attività di osservazione il loro fulcro. L’iniziativa si propone di leggere i paesaggi attraverso discipline diverse e complementari per individuare gli Iconemi cioè gli elementi fondativi del territorio di Bergamo e provincia. Un ciclo di conferenze darà voce ad esperti che approfondiranno i vari temi e i vari metodi di lettura dei luoghi. Allo sguardo degli esperti verrà affiancato lo sguardo dei non addetti mediante la raccolta di fotografie che metteranno in evidenza il sentire soggettivo di chi abita quel territorio. L’osservazione dell’esistente, il saper cogliere gli aspetti significativi dei luoghi, superando gli stereotipi e i luoghi comuni, è una capacità fondamentale per poter agire correttamente: non c’è paesaggio senza uno sguardo che osserva, seleziona, indaga e attribuisce valore agli elementi che vede. Vediamo ciò che conosciamo e che sappiamo interpretare. Per questo l’obiettivo è quello di sollecitare l’osservazione dell’esistente e di creare un confronto attivo e fertile tra i diversi codici di lettura, mirato alla costruzione allargata e condivisa di una cultura del territorio e dei paesaggi che si trasformano. Info: www.iconemi.it

11/10/2011


Potlatch

L’11 ottobre 2011, dalle ore 19 alle 22, nell’ambito di Milanofficine - Officine indipendenti, ciclo di incontri a cura di Sintetico e Elisa Legnani, Sottobosco presenta la prima edizione di Potlatch: un progetto di mappatura delle comunità di pratica che operano nel campo della produzione culturale in Italia. I gruppi invitati per il primo appuntamento ospitato a Milano presso lo spazio Pagoda sono: Visual Container, Dynamoscopio, Fuori dal Vaso, Temporiuso. Il termine Potlatch fa riferimento ad una pratica rituale introdotta dai nativi nord-americani e basata sul concetto di scambio e di economia del dono. Il rituale innesca una serie di pratiche attraverso le quali gli individui, dissipando i loro beni, stimolano la circolazione dei doni. Invertendo le logiche mercantilistiche di accumulazione, il Potlatch si fonda sulla redistribuzione delle risorse e degli oggetti che vanno ad incrementare il prestigio di colui che li offre. Potlatch prevede una serie di incontri che si terranno in varie città italiane con cadenza irregolare dove i gruppi che si configurano come comunità di pratica nel campo della progettazione culturale sono invitati a presentare pubblicamente il proprio lavoro e a discutere aspetti legati ai propri valori di orientamento, ai metodi, agli obiettivi, alle strategie organizzative e di azione. Le comunità di pratica sono definite come gruppi di individui che in un certo lasso di tempo interagiscono con l’intento di produrre azione, apprendimento e cambiamento attraverso la condivisione di valori e finalità. Il riferimento alla pratica del Potlatch attiva una traslazione dall’oggetto, che rappresenta il dono all’interno del rituale originario, al complesso dei saperi e delle esperienze accumulate. L’idea è quella di condividere e mettere in circolazione il proprio capitale culturale e le competenze pratiche acquisite in ambito progettuale. Potlatch è lo strumento di un più ampio progetto di analisi e mappatura delle comunità di pratica presenti sul territorio nazionale, in vista di un meeting che possa coinvolgere simultanemente tutte le realtà che interagiranno nel tempo con i singoli appuntamenti. Info: www.sottobosco.net

12/10/2011


Green Desire / Desiderio Verde

12 -20 ottobre 2011, Milano
Isola Art Center & Sassetti Cultura presentano Green Desire / Desiderio Verde, evento che nasce dalla volontà di analizzare e attualizzare l’urgenza della questione ambientale. Il quartiere milanese Isola è da tempo soggetto a processi di gentrificazione, politiche di territorializzazione capitalistica che minano direttamente il carattere sociale del quartiere stesso sempre più privato di spazi plurali e condivisi, come ad esempio parchi e giardini, e minacciano le basi fondamentali del diritto all’urbano. La necessità di adattare questi temi alla dimensione urbana di una città come Milano ci porta a riflettere sul rapporto ambiente/territorio/società. Gli spazi verdi si fanno intermediari tra l’architettura e i cittadini, si inseriscono nel tessuto edile interrompendo il suo continuum e vengono richiesti sempre con più frequenza da chi li vive quotidianamente. In questo contesto la ricerca artistica, italiana e internazionale, si fa portavoce nella proposta di un nuovo modo per leggere la complessità del tema del verde nelle metropoli proponendo diversi processi di sensibilizzazione e spunti per una riflessione e azione collettiva. Durante i giorni della mostra Green Desire / Desiderio Verde sarà possibile esplorare attraverso diverse esperienze artistiche le proposte concrete alle esigenze della collettività. A cura di Valeria Mancinelli, Elena Mantoni, Camilla Pin. Artisti: Emanuela Ascari, Atelier d’Architecture Autogéré (Parigi), Massimo Bartolini, Stefano Boccalini, Danilo Borelli, Fuori dal Vaso, out (Carmelo Mutalipassi, Angelo Castucci, Lorenzo Ronzoni, Bert Theis), Pierfabrizio Paradiso, Park Fiction (Amburgo), Public Works (Londra), Mirko Smerdel, Bert Theis. Info: www.isolartcenter.org

Zappata Romana. Spazi verdi condivisi

Sono oltre 50 gli spazi verdi fra giardini, orti e “giardini spot” ad opera di cittadini e associazioni che in prima persona ne curano la realizzazione e/o gestione contro il degrado delle aree verdi urbane a Roma. Queste, sommate ai 65 siti di orti spontanei individuali, portano ad oltre 100 le aree così gestite. “studioUAP” ha realizzato l’iniziativa, denominata “ZAPPATA ROMANA: SPAZI VERDI CONDIVISI”. Attraverso Google Maps è possibile visionare la mappa degli spazi verdi autogestiti. Nella mappa sono indicate alcune significative esperienze riguardanti le fattorie urbane, le case della partecipazione ed altre modalità di gestione delle aree verdi. La mappa è in continuo aggiornamento. Info: e-mail: zappataromana@gmail.com - www.zappataromana.net

13/10/2011


Arte Cinema 2011

13 - 16 ottobre 2011, Napoli
Torna a Napoli, nella location del Teatro Augusteo, l’appuntamento con la 16. edizione del Festival Internazionale di Film sull’Arte Contemporanea. Il Festival, diviso in tre sezioni, Arte e Dintorni, Architettura, Fotografia, presenta al grande pubblico le diverse realtà dell’arte contemporanea attraverso una selezione di documentari sui maggiori artisti, architetti e fotografi degli ultimi cinquant’anni con interviste, biografie filmate e narrazioni montate con materiali d’archivio. Al Teatro Augusteo di Napoli saranno presentati, nei giorni della manifestazione, oltre venti documentari ricercati direttamente presso i registi e i produttori in tutto il mondo. Le proiezioni, in lingua originale con traduzione simultanea in cuffia, saranno intervallate da incontri-dibattito con i registi, gli artisti e i produttori. Nella sezione Arte e Dintorni si potranno vedere, tra gli altri, filmati dedicati a: Marina Abramović, Banksy, Jean Michel Basquiat, Olafur Eliasson, Antony Gormley, Rebecca Horn, Anish Kapoor, Vik Muniz, Perino e Vele, Niki de Saint Phalle & Jean Tinguely, Luigi Ontani, Nam June Paik, Pipilotti Rist, Sol LeWitt, William Kentridge oltre ai collezionisti Herb e Dorothy Vogel. Nella sezione Architettura saranno presentati film su Ieoh Ming Pei e su Zaha Hadid. La sezione Fotografia sarà dedicata a Charlotte Dumas, Oliviero Toscani e Massimo Vitali. Sarà pubblicato un catalogo, in italiano e inglese, distribuito gratuitamente insieme a un magazine con interviste ai protagonisti. Info: www.artecinema.com

14/10/2011


Vittore Fossati - incontro e mostra a Torino

14 ottobre - 13 novembre 2011, Torino
Venerdì 14 ottobre 2011 alle ore 19, presso la Libreria Trebisonda, in via S. Anselmo 22, Torino, all’interno del progetto “Di cosa si parla quando si parla di fotografia” a cura di Ivan Catalano - la libreria trebisonda e l’associazione culturale bin11 presentano: VIAGGIO IN UN PAESAGGIO TERRESTRE di Vittore Fossati e Giorgio Messori (Edizioni Diabasis, Reggio Emilia, 2007)_ Presentazione del libro e incontro con Vittore Fossati che dialogherà con l’amico Sisto Giriodi. Saranno proiettate alcune immagini tratte dal libro; Andrea D’Agostino ne leggerà qualche pagina. Gli autori raccontano, per parole e immagini, nove viaggi fatti nell’arco di cinque anni, dal 1997 al 2002. La comune passione per i luoghi in cui trascorsero le loro esistenze poeti e pittori amati e l’esigenza di testimoniare l’esistenza di un paesaggio terrestre assumono via via la forma del saggio, ma anche quella del racconto illustrato. Parole e immagini non sono mai didascaliche o decorative, ma concorrono insieme a restituirci l’idea che un altro mondo è possibile. E che altri lo hanno cercato, mappato, ricostruito, consegnato a noi come modello. Alle ore 20.30 presso la sede dell’associazione bin11, via Belfiore 22a, Torino, inaugura la mostra: FOTOGRAFIE FATTE ASCOLTANDO LA RADIO di Vittore Fossati. “Caro Filippo, […] le foto che ti mando sono “foto fatte ascoltando la radio” e quindi non una musica in particolare ma “la radio”, e proprio “radio 3″. Posso anche dirti che senza la radio non le avrei proprio fatte: semplicemente non sarei neanche rimasto in casa più di tanto. Ma sai, la maggior parte dei fotografi quando entravano in camera oscura la prima cosa che facevano era accendere la radio. Ricordo che la musica più bella era proprio quella che univa l’ariosa lontananza dei suoni e delle voci radiofoniche alla prossimità del gorgoglìo dell’acqua che scorreva nella vasca del lavaggio. Proprio così anche per queste foto dove però al posto dello scorrere dell’acqua c’è quello dei miei pensieri sugli oggetti che tengo nella prossimità degli scaffali e dei cassetti. Ciao, Vittore”. Info: www.bin11.it

A Socially Engaged Drink – incontri su arte e società

Viafarini propone una serie di incontri dedicati a temi e case studies paradigmatici dell’attuale dibattito riguardante la relazione tra arte e sfera pubblica. Saranno proposti e discussi progetti di carattere contestuale e di impegno pubblico, e situazioni in cui l’arte diventa confronto e dialogo con le istanze della società civile. Le esperienze in questione saranno presentate dagli autori e dai protagonisti. Gli appuntamenti sono volti a stimolare un possibile contraddittorio: figure di esperti analizzeranno i casi presentati al fine di ampliare il dibattito e di favorire una discussione critica del tema. L’iniziativa è supportata da Fondazione Cariplo con l’intento di promuovere forme di arte socialmente sensibile. L’iniziativa prende il via venerdì 14 ottobre 2011, dalle 18 alle 20, con un incontro organizzato in occasione del lancio da parte di Connecting Cultures del nuovo open call “Milano e Oltre”. Anna Detheridge e Anna Vasta approfondiranno, insieme ai giovani autori, l’analisi di due progetti realizzati rispettivamente nel quartiere Bovisa e Barona. Alla discussione parteciperanno Stefano Boccalini e Alterazioni Video, coinvolti nei prossimi progetti a Quarto Oggiaro e Bicocca. I successivi appuntamenti continueranno fino alla prossima primavera. Info: www.viafarini.org

Kontraste 2011 – Imaginary Landscapes

14 - 16 ottobre 2011, Krems (Austria)
The 2011 edition of the Kontraste Festival is curated by Sonic Acts. The first revamped edition will take place from 14-16 October in Krems in Austria, an hour’s drive from Vienna. This edition of the festival explores a wide range of imaginary landscapes created by composers, filmmakers, musicians and artists. Imaginary Landscapes is obviously a reference to the groundbreaking compositions by John Cage. His Imaginary Landscape #4 is probably the first composition to exclusively use pre-recorded and electronic sounds. But Imaginary Landscapes refers to any landscape conjured up for our senses by artistic or technological means. It refers to abstract two- and three dimensional spaces, to immersive environments made from pure light and spatialized sound. Imaginary Landscapes refers to the potential of sound and light to make us imagine what is not there, make it feel real, or make us dream. You can immerse yourself in cinematic experiences, a mesmerising fog environment, spatial laser works, and electronic music by pioneers and new heroes of the genre. These compositions – some specially commissioned – are performed on the massive loudspeaker orchestra of the Acousmonium. The revamped festival also hosts an extensive film programme, soundwalks and site-specific works. A publication and a symposium with keynotes, panel discussions and presentations will contextualise the festival theme. Expect cutting-edge sonic and visual experiments by Eliane Radigue, Douglas Kahn, KTL, Keith Fullerton Whitman, Edwin van der Heide, Chrstina Kubisch, Jan-Peter Sonntag, Yutaka Makino, HC Gilje, Gert-Jan Prins, Greg Pope, Kees Tazelaar, Hilary Jeffery and many others. Info: www.kontraste.at

15/10/2011


Garden Marathon

15 - 16 ottobre 2011, London
The Serpentine Gallery Garden Marathon is the sixth in the Gallery’s acclaimed Marathon series. This two-day event is an exploration of the concept of the garden. A product of the creative encounter between the man-made and the natural, between order and disorder, the garden can offer productive metaphors for the interactions between human life and time, care, thought or space. The event is directly inspired by the Serpentine Gallery Pavilion 2011, designed by Peter Zumthor. The encounter of architecture and garden creates a contemplative space that is both set within – and meditatively separated from – the wider surroundings of Kensington Gardens. Participations will range from the fields of horticulture, design and architecture to explore the creation of gardens and their spatial, urban and scientific importance, through to works by artists and readings by poets and writers exploring the significance of the garden in our experience of the world. Participants include: Etel Adnan, Maria Thereza Alves, Rosie Atkins, Gianfranco Baruchello, Yto Barrada, Gerry Bibby, Stefano Boeri, Andrea Branzi, John Brockman, Pablo Bronstein, Hélène Cixous, Gilles Clément, Pascal Cribier, Adam Curtis, Elizabeth Diller, Jimmie Durham, Marcus du Sautoy, Patrick Eyres, Hans-Peter Feldmann, FIELDCLUB, Sophie Fiennes, Jef Geys, Adriaan Geuze, Dominique Gonzalez-Foerster, Dan Graham, Rodney Graham, Fritz Haeg with Denise Withers, Zarina Hashmi, Will Holder, Jennifer Jacquet, Charles Jencks, Koo Jeong-A, Alison Knowles, Pablo León de la Barra, Jonas Mekas and David Ellis, Catherine Mosbach, muf architecture/art, Silke Otto-Knapp, Philippe Parreno, Dan Pearson, Giuseppe Penone, Christian Philipp Müller, Alice Rawsthorn, Carissa Rodriguez and Avena Gallagher, David Rowan, Peter Saville and Anna Blessmann, Rüdiger Schöttle, Richard Sennett, Bas Smets, Paul Smith, Something & Son, Susan Stenger, Corin Sworn, Wolfgang Tillmans, Mierle Laderman Ukeles, Sophie von Cundale, Alex Waterman and Andrea Zanzotto. Info: www.serpentinegallery.org

Coltivare Paesaggi Straordinari

Il 15 ottobre 2011 alle ore 9, presso l’Auditorium Comunità di Valle Valsugana e Tesino, Borgo Valsugana (Tn), si terrà il convegno “Coltivare Paesaggi Straordinari. Crescita del territorio, cultura e valore del paesaggio”. programma: - Nuove terre: il progetto del paesaggio tra arte e natura, Prof. Arch. Elisabetta Bianchessi, Politecnico di Milano / NABA | - Impatti dei progetti culturali, tra misurazioni ed evidenze, Prof. Anna M. Alessandra Merlo, Università della Valle d’Aosta / Università Bocconi | - Il caso Fiumara d’arte, un’utopia progressiva tra arte, paesaggio, turismo e nuove alleanze territoriali, Prof. Lorenzo Canova, Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica / Programma Sensi Contemporanei Ministero dello Sviluppo Economico | - Mente e paesaggio tra arte e cultura, Prof. Ugo Morelli, Università degli Studi di Bergamo / Trentino School of Management | Alle ore 17, presso gli Spazi Livio Rossi, si terrà l’esposizione “Paesaggi straordinari”, mostra dei lavori realizzati in occasione di PROGETTO 2011, workshop/mostra/concorso promosso da Politecnico di Milano e Master Paesaggi Straordinari. Info: www.artesella.it - www.paesaggistraordinari.org

Architettura, Verde, Città

Il 15 ottobre 2011, ore 9.30-13.00, presso AGRILEVANTE – MIA, Spazio Regione Puglia, Pad. 20, a Bari, si terrà il convegno “Architettura, Verde, Città. Per una nuova primavera mediterranea”. Il 2011 è stato proclamato l’anno internazionale delle Foreste, ormai è evidente che la strada dell’architettura sostenibile porta verso un rapporto sempre più profondo e consapevole con il verde. Partendo dai nuovi orientamenti sia in campo dell’urbanistica che dell’architettura sostenibile, il convegno intende mostrare come la componente vegetale, utilizzata come materiale da costruzione tanto per il progetto architettonico che per quello urbano e paesaggistico, costituisca di fatto un elemento chiave per ottenere una trasformazione dello scenario costruito dello sviluppo sostenibile. In questo scenario, agricoltura e architettura si trovano indissolubilmente legate nella costruzione del paesaggio futuro. Stiamo assistendo in questi anni al miglioramento delle qualità tecnologiche ed energetiche degli edifici con l’utilizzo anche del verde e della sua applicazione in contesti che fino a pochi anni fa erano impensabili. Si propongono e si realizzano soluzioni che oltre a favorire la sostenibilità energetica dell’edificio, includono un valore aggiunto estetico esprimendo benessere e qualità di vita. Questa nuova espressione progettuale dell’architettura viene chiamata “Vegetecture”, sintetizzando quell’unione fra verde e architettura che va oltre il verde tecnico dei giardini pensili e del verde verticale e che considera l’elemento vegetale come materiale primario della costruzione, non un semplice abbellimento ma il nucleo centrale del costruito. L’elemento vegetale è di fatto entrato fra i materiali da costruzione sostenibili per le sue indiscutibili e dimostrate qualità e assume un ruolo importante nell’attuazione del protocollo di Kyoto per la sua capacità di compensazione delle emissioni di CO2. Info: www.agrilevante.eu

17/10/2011


Arte diffusa: interventi, azioni, oggetti nello spazio pubblico

Lunedì 17 ottobre 2011, ore 9.30-18.30, presso la Cripta dell’Aula Magna, Università Cattolica del Sacro Cuore, Largo Gemelli 1, Milano, l’Istituto di Storia dell’Arte Medioevale e Moderna e la Scuola di Dottorato in Studi Umanistici. Tradizione e Contemporaneità dell’Università Cattolica di Milano presenta la giornata di studi Arte diffusa: interventi, azioni, oggetti nello spazio pubblico. Il convegno intende porre attenzione ad alcuni dei temi di attualità nelle relazioni fra l’arte contemporanea e l’ambiente pubblico e urbano. I contributi di giovani studiosi, che hanno concluso o stanno svolgendo un Dottorato di Ricerca o lavori di ricerca nell’ambito dei diversi argomenti che qualificano tale area di indagine, sono articolati in quattro aree tematiche che toccheranno la questione dell’arte in rapporto allo spazio urbano a partire dalla prospettiva storica e critica fino alla dimensione più contemporanea relativa al ruolo delle istituzioni, della committenza e della rete. Promotori dell’iniziativa sono i docenti di Storia dell’arte contemporanea dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, Francesco Tedeschi ed Elena Di Raddo, coadiuvati da Silvia Bignami, Emanuela De Cecco e Roberto Pinto, docenti di Storia dell’arte contemporanea rispettivamente nell’Università degli Studi di Milano, di Bolzano e di Trento. Dalle 17 è prevista una tavola rotonda con Silvia Bignami, Emanuela De Cecco, Elena Di Raddo, Roberto Pinto, Alessandra Pioselli, Gabi Scardi, Marco Scotini, Francesco Tedeschi. Coordinamento: Caterina Iaquinta, Giacomo Magistrelli, Kevin Mc Manus. Info: www.unicattolica.it

18/10/2011


Incontro con Guido Guidi a MiCamera

Martedì 18 ottobre 2011 alle ore 19 presso MiCamera, in via Medardo Rosso 19, Milano, si terrà l’incontro col fotografo Guido Guidi. La recente pubblicazione di due importanti volumi è l’occasione di questo incontro. Mentre l’editore americano Loosestrife dedica all’autore una monografia retrospettiva (A new map of Italy), consacrandone definitivamente la fama internazionale, i tedeschi Hatje Cantz pubblicano i risultati di una ricerca intorno alla tomba Brion, opera di Carlo Scarpa, cui Guido Guidi cominciò a dedicarsi alla fine degli anni novanta. Due volumi molto diversi tra loro, che verranno presentati brevemente in questa serata. A seguire, booksigning con l’autore. Modera l’incontro Sabrina Ragucci. Info: www.micamera.com

Conferenza di Daniel Libeskind

Il 9° LId’A Il progetto dell’esistente e il restauro del paesaggio in Calabria, organizzato in collaborazione con l’Autorità Portuale e i comuni di Gioia Tauro, Rosarno e San Ferdinando, si concluderà con l’evento-conferenza di Daniel Libeskind il 18 ottobre 2011 alle ore 16.00 presso l’aula magna “A. Quistelli” dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria. La conferenza, pensata come offerta didattica nell’ambito del 9° LId’A, oltre agli iscritti al Laboratorio, è aperta a tutti gli studenti e gli interessati, fino alla capienza dell’aula magna. Essa si configura come un momento di confronto internazionale sui temi dell’architettura contemporanea attraverso l’opera e la testimonianza di uno dei suoi maggiori protagonisti. Info: www.unirc.it

Osservare, descrivere, interpretare i luoghi intermedi

18 - 19 ottobre 2011, Roma
Martedì 18 ottobre 2011, nell’ambito del workshop “Osservare, descrivere, interpretare i luoghi intermedi”, si terrà un sopraluogo-passeggiata che partirà da Ponte Nomentano fino ad arrivare al quartiere San Basilio. Lo scopo è quello di scoprire un territorio attraverso l’osservazione e la scoperta di uno spazio metropolitano in grado di offrire nuove possibili trame di relazioni tra paesaggi urbani e paesaggi naturali, tra spazi edificati e spazi aperti. L’appuntamento proseguirà mercoledì 19 ottobre alla facoltà di Ingegneria civile ed industriale, presso l’aula piccola del Chiostro, con un seminario di approfondimento rivolto a docenti, dottorandi, esperti di settore, associazioni e amministratori. L’area di questo secondo workshop ricade all’interno del quadrante nord est di Roma ed è compresa fra la via Nomentana e la via Tiburtina all’altezza del fiume Aniene. Si tratta di territorio urbano non più descrivibile attraverso la dicotomia classica centro-periferia, quanto piuttosto in relazione ad una coesistenza molteplice di agglomerati “intermedi” che alternano spazi poco riconoscibili morfologicamente e funzionalmente, ma pervasivi e diffusi, ad altri ben individuabili e quasi ermetici nella loro stereometria. Gli spazi aperti di diversa natura, come la riserva naturale della Valle dell’Aniene, il parco regionale urbano di Aguzzano, i frammenti di agro, le corti residenziali piantumate e i piccoli lacerti di verde, si alternano, infatti, a zone residenziali, a grandi attrezzature, a servizi di vario genere e dimensione che si affiancano senza dialogo né connessione. Si tratta di un territorio in trasformazione all’interno del quale sembrano dissolversi e stemperarsi diversità e gerarchie tra gli elementi strutturanti e il loro connettivo, ma che lasciano, tuttavia, intravedere aperture diverse nei confronti di possibili trame di relazioni tra paesaggio urbano e paesaggio naturale. Per il sopralluogo è richiesta la prenotazione entro il 14 ottobre all’indirizzo e-mail: www.uniroma1.it

19/10/2011


Jordi Bellmunt-João Nunes_Paesaggi dell’agricoltura e turismo sostenibile

19 - 23 ottobre 2011, Sorrento
Esiste un intrinseco e strutturato rapporto tra la produzione agricola italiana e i paesaggi delle sue regioni di origine, la cui vita dipende proprio dal delicato equilibrio tra mantenimento della loro struttura e sostenibilità economica della produzione. Con l’insieme delle solide relazioni sociali instaurate da generazioni e con la storia della cultura materiale locale, la potenzialità di una agricoltura multifunzionale, in grado di offrire beni e servizi integrati all’attività produttiva, concorrono alla tutela e alla creazione di paesaggi unici che rappresentano per il nostro paese un vero e proprio giacimento, una risorsa economica da spendere in grado di promuovere lo sviluppo di turismo etico e di forme di produzione sostenibili. Ma come il diffondersi di nuovi modelli culturali che privilegiano la produzione agricola tradizionale, le filiere corte e il turismo consapevole possono tradursi in approcci politici e soprattutto in temi concreti di progetti per la tutela e la valorizzazione di paesaggi? ATTIVITA’/ PROGRAMMA_ Il workshop contempla una serie di apporti teorici giornalieri (lezioni degli autori attinenti il tema) e si svilupperà in tre fasi pratiche: conoscenza ed interpretazione del luogo (visione dei materiali e dell’area; elaborazione del progetto (singolarmente o in gruppo); dibattito e presentazione delle proposte. ISCRIZIONI_ Il workshop fa parte del programma di Master in Architettura del Paesaggio e di Formazione Permanente della UPC di Barcellona/ACMA Milano. Si configura come un corso intensivo di perfezionamento ed aggiornamento rivolto a: diplomati, studenti e laureati nelle discipline di carattere tecnico-scientifico legate alla gestione del territorio (architettura, architettura del paesaggio, ingegneria, scienze ambientali, scienze naturali, scienze agrarie e forestali, beni culturali, antropologia, sociologia, urbanistica, scienze e politica del territorio ecc.). In particolare è indicato al personale, ai collaboratori e ai consulenti dei parchi e delle soprintendenze, agli studi professionali che operano nelle progettazione ambientale. Le iscrizioni verranno raccolte fino al raggiungimento del numero massimo di partecipanti previsto. Info: www.masterpaesaggio.it

Sustainable Experience - itinerario + workshop internazionale

12 - 16 novembre 2011, Pamplona/Saragozza >[deadline: 19 ottobre 2011]
L’Università degli Studi di Ferrara - Facoltà di Architettura, in collaborazione con Premio Internazionale Architettura Sostenibile Fassa Bortolo, Consorzio Ferrara Ricerche, ProViaggiArchitettura, organizza l’iniziativa Sustainable Experience, un Itinerario + Workshop Internazionale di aggiornamento professionale sull’Architettura Sostenibile con la partecipazione e la guida di Francisco Mangado e Magén Arquitectos. Iscrizioni entro il 19 ottobre 2011. L’iniziativa denominata “Sustainable Experience” nasce dalle medesime radici del Premio Internazionale Architettura Sostenibile Fassa Bortolo e si concretizza in una serie di viaggi-seminario all’estero in collaborazione con gli importanti giurati del Premio che si sono alternati nelle diverse edizioni. Info: www.sustainablexp.com

Culture|Futures

Il 19 ottobre 2011, dalle ore 9.00 alle 13.30, presso la Sala Alessi, Palazzo Marino, Milano, si terrà Culture|Futures_Design, Fashion, Food and Innovation in the newly born Ecological Age, conferenza organizzata dall’Associazione Culturale Ragnarock e Culture|Futures, con il patrocinio del Comune di Milano ed in collaborazione con la Commissione Europea e l’Istituto di Cultura Danese. Obiettivi: - Discutere dell’importanza di un’evoluzione degli atteggiamenti, dei valori culturali e degli stili di vita nel rispetto del clima e delle attuali sfide ecologiche e di quanto sia importante che aziende ed istituzioni favoriscano tali cambiamenti | - Illustrare e comparare l’esperienza riguardante la sostenibilità proveniente dai Paesi Nordici con quella italiana, riflettendo su questioni relative allo sviluppo urbano, l’ambiente, il design, il cibo e la moda per aumentare le conoscenze e l’interesse settoriale e la cooperazione interdisciplinare | - Stimolare enti pubblici e privati ad implementare processi interni più sostenibili che portino un vantaggio economico e creino situazioni nuove e processi creativi | - Promuovere le best practices dei Paesi Nordici nella sostenibilità ambientale, cercando di creare una riflessione condivisa sul binomio: cultura e sostenibilità | La conferenza sarà in lingua inglese. La conferenza è ad ingresso libero previa iscrizione via e-mail. Info: e-mail: conferenza@ragnarock.eu - www.ragnarock.eu

Festival dell’Architettura 2011

19 - 22 ottobre 2011, Parma, Modena, Reggio Emilia
Apre la 6. edizione del Festival dell’Architettura dedicata al tema “L’architettura della città europea: progetto, struttura, immagine”. Il Festival intende sviluppare le problematiche del rapporto tra architettura e città, coinvolgente al tempo stesso aspetti di qualità delle strutture spaziali, funzionali, paesaggistiche e ovviamente sociali dei fenomeni insediativi. La questione che si vorrebbe porre all’interno di questo indirizzo tematico riguarda però anche il problema della caratterizzazione europea dell’architettura e della città nella più generale e per certi aspetti assai dinamica scena internazionale. L’internazionalizzazione di strumenti e metodologie del progetto architettonico, ieri ma assai di più oggi, comportano da una parte la circolazione di modelli quale stimolo all’evoluzione della qualità insediativa, dall’altra il rischio di produrre omologazione sopratutto la dove non vi siano condizioni culturali in grado di elaborare un’interpretazione critica originale degli stessi modelli circolanti. In questo quadro di evidente complessità non è difficile riscontrare l’emergere di certo provincialismo oppure di pratiche di straordinaria validità, derivate da una capacità di rielaborazione consapevole da parte del progetto nel coniugare identità, caratteri ed esigenze contestuali in rapporto ad altre esperienze da cui trarre incentivo all’innovazione. Info: www.festivalarchitettura.it

20/10/2011


Sadali Arte Natura

18 - 20 novembre 2011, Sadali (Ca) >[deadline: 20/10/2011]
Il Centro Commerciale Naturale Su Stangu e il Comune di Sadali in collaborazone con l’associazione TiConZero presentano “Sadali Arte Natura”, bando di concorso per progetti artistici da realizzare nel territorio di Sadali. Obiettivo del concorso Sadali Arte Natura è la valorizzazione e riqualificazione del territorio di Sadali tramite la creazione di un percorso espositivo di opere d’arte a tematica e realizzazione naturalistica, che verrà presentato durante l’omonima manifestazione tra 18-20 novembre 2011. Possono partecipare al concorso artisti o gruppi di artisti che abbiano compiuto 18 anni, con esperienza di interventi di arte pubblica e di arte naturale nell’ambito dell’arte contemporanea. Le opere, da realizzare nel rispetto dell’ambiente e tenendo conto delle caratteristiche specifiche del territorio, saranno inserite tra gli scenari naturali e architettonici di Sadali; utilizzeranno materiali locali e costituiranno un percorso che condurrà il visitatore attraverso tutto il paese: dagli orti e le campagne circostanti passando per la stazione ferroviaria di fine ‘800, attraverso le stradine su cui si affacciano le caratteristiche case in pietra dai balconi in ferro battuto, fino alla cascata, il mulino, la chiesa parrocchiale. Rami, tronchi, siepi e rovi, pietre e sassi, foglie secche, terra, corde, elementi naturali gli strumenti che gli artisti potranno utilizzare per realizzare il loro intervento. Nessun premio in denaro, ma agli artisti selezionati sarà garantita la copertura delle spese per la realizzazione dell’opera e il soggiorno a Sadali. Al termine della manifestazione è prevista inoltre la pubblicazione di un catalogo. Info: www.sustangu.it

The State of Things - conferenza di Saskia Sassen

Il 20 ottobre 2011 alle ore 17.30, presso il palazzo Badoer, Università Iuav di Venezia, nell’ambito di The State of Things si terrà la conferenza di Saskia Sassen dal titolo “Quando le sfide fondanti della nostra epoca si trasformano in città”. The State of Things è un ciclo di conferenze aperta al pubblico organizzato da Office for Contemporary Art Norway (OCA), in funzione di commissario per la partecipazione della Norvegia alla 54. Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia, su tematiche quali l’ambiente, i rapporti di pace, i diritti umani, il capitale, la migrazione, l’asilo politico, l’Europa, l’estetica e la rivoluzione. Le conferenze, tenute da personaggi internazionalmente riconosciuti nella ricerca scientifica e dell’architettura, saranno ospitate in diverse sedi dell’Università Iuav di Venezia, tra le altre sedi veneziane. www.iuav.it

Ennio Brion: committenza d’autore

20 ottobre - 18 novembre 2011, Milano
Lo SpazioFMG per l’architettura inaugura un nuovo ciclo di rassegne e appuntamenti dedicato al ruolo chiave del committente in architettura con la mostra Ennio Brion: Committenza d’autore a cura di Luca Molinari e Simona Galateo. Durante il periodo espositivo della mostra, il giorno 27 ottobre, vi sarà un appuntamento d’eccezione: un dialogo aperto tra Ennio Brion e gli architetti Cino Zucchi e Luca Molinari. Anima ispiratrice del design dell’azienda Brionvega fino alla metà degli anni ottanta, Ennio Brion ha proseguito il suo percorso professionale rivelandosi un committente visionario e illuminato. Grazie a lui hanno visto la luce opere importanti realizzate da Marco Zanuso (Fabbrica Brionvega, Asolo), Carlo Scarpa (Complesso monumentale Brion, San Vito d’Altivole), James Stirling (Ristrutturazione Palazzo Citterio, Milano), Gino Valle, Cino Zucchi e molti altri. In mostra, accompagnati da una lunga intervista di Luca Molinari, gli storici televisori Brionvega Algol e Black e la radio TS 502, disegnati da Marco Zanuso e Richard Sapper e i principali progetti di architettura commissionati da Brion. Info: www.spaziofmg.com

Rogelio Salmona. La poesia dello spazio che continua nel tempo

20 ottobre - 20 novembre 2011, Roma
Giovedì 20 ottobre 2011 alle ore 18, presso la Casa dell’Architettura, Roma, l’Ambasciata di Colombia in Italia, insieme alla Fundacion Rogelio Salmona e all’Associazione Interazioni Urbane, con il patrocinio dell’Ordine degli Architetti di Roma, presenta la mostra intitolata “Rogelio Salmona: la poesia dello spazio che continua nel tempo”, per ricordare e diffondere l’immagine e l’opera di uno tra i più grandi architetti dell’America Latina. Tre anni fa la mostra “Rogelio Salmona: spazi aperti/spazi collettivi” era stata ospitata nella stessa cornice, portando l’architettura di Salmona per la prima volta in Italia. In questa seconda occasione si vuole estendere uno dei capitoli della scorsa esposizione intitolato appunto”Extender el limite”, presentando tutta la nuova produzione di Salmona, in cui emerge l’interesse a trascendere dalla propria opera ed a lanciarsi alla scoperta di nuove spazialità, nuovi materiali e nuove tecniche. Il titolo della mostra esplicita la continuità che questa ricerca ha trovato nella mano dell’architetto Maria Elvira Madrinan, sposa di Rogelio Salmona, sua socia e più stretta collaboratrice, che ha portato avanti lo studio dopo la sua morte, sviluppando anche gli ultimi progetti della sua ampia produzione. Questa esposizione rappresenta innanzitutto un invito ad entrare nel mondo dell’architettura di Rogelio Salmona ed attraverso immagini e video filmati tra le sue opere, arrivare a comprendere la dimensione della sua architettura. Info: www.casadellarchitettura.it

21/10/2011


La cultura della città. Dall’8oo ai nostri giorni e nuovi orientamenti per un’architettura in armonia con il territorio

21 - 22 ottobre 2011,
Il 21 ottobre 2011 presso il Monastero Santa Croce, via Santa Croce 30, a Bocca di Magra, La Spezia, l’associazione Andel -in collaborazione con ADAO-Amici dell’Architettura Organica, la rivista Le carrè bleu - Feuille International d’Architecture, CASA FUTURA - Centro Studi sull’Energia- organizza il convegno “La cultura della città. Dall’8oo ai nostri giorni e nuovi orientamenti per un’architettura in armonia con il territorio”. Conducono: Carlo Sarno, Valeria Scandellari, Sandro Lazier. Info: programma.doc - locandina.pdf

Arte Video Roma Festival 2011

21 - 23 ottobre 2011, Roma
Torna presso il Cineteatro Volturno di Roma Arte Video Roma Festival, la manifestazione organizzata dal C.A.R.M.A. -Centro d’Arti e Ricerche Multimediali Applicate-, che ancora una volta porta nella capitale un autorevole campione della recente produzione internazionale di arti audiovisive digitali: undici le opere selezionate dal gruppo curatoriale Le Momo Electronique tra quelle pervenute in risposta al bando di concorso lanciato in primavera, come sempre accompagnate da una serie di proposte provenienti da alcune tra le più prestigiose realtà della videoarte mondiale. Di grande rilievo sarà la giuria chiamata a selezionare tra le opere in concorso per il premio C.A.R.M.A. nella quale figurano i nomi di alcuni tra i massimi esperti italiani come Marco Maria Gazzano e Lorenzo Taiuti, i quali assegneranno anche alcune menzioni speciali. 11 artisti in concorso: Cosimo Cappagli, Piero Chiariello, Guglielmo Emmolo, Harvey Goldman, Mattias Harenstam, Igor Imhoff, Salvatore Insana, Maria Korporal, Petri Paselli, Mario Raoli, Ingeborg Stana. Selezioni di videoarte internazionale proveniente da: - VISUALCONTAINER a cura di Alessandra Arnò e Giorgio Fedeli | - IMAGE PASSAGES a cura di Annie Aguettaz | - COLOGNE OFF a cura di Wilfred Agricola de Cologne | Presentazione di opere fuori concorso: Theo Eshetu, Isabel Rocamora e Lino Strangis. Ad arricchire il valore della rassegna saranno allestite nel foyer una installazione interattiva realizzata dal gruppo PATCHWORK oltre che una postazione costruita con gli shermi del progetto Ricicli catodici inoltre a fine delle tre serate saranno proposte delle azioni performative multimediali proposte da ACT THEATER PROJECT e PATCHWORK. Info: www.artevideoromafestival.org

22/10/2011


Renato De Fusco - Lezioni sul Design

22 ottobre - 26 novembre 2011, Napoli
Sabato 22 ottobre 2011, alle ore 11, ha inizio presso la Sala Conferenze del PAN - Palazzo delle Arti Napoli, un ciclo di cinque lezioni, con cadenza settimanale, sul Design tenute dal professore Renato De Fusco. L’industrial design è una disciplina che in gran parte ha sostituito il vecchio artigianato in una società dominata dalla tecnologia. Esso non riguarda solo l’estetica dei prodotti ma l’intera loro conformazione. Donde la tesi di de Fusco che il design si fonda su quattro componenti: il progetto, la produzione, la vendita e il consumo ognuna legata indissolubilmente all’altra. Info: www.palazzoartinapoli.net

24/10/2011


La progettazione dell’Eur. Formazione e trasformazione urbana dalle origini a oggi

Lunedì 24 ottobre 2011 alle ore 20, presso l’Acer, via di Villa Patrizi 11, Roma, nell’ambito de ‘i lunedì dell’architettura’, si terrà la presentazione del volume “La progettazione dell’Eur. Formazione e trasformazione urbana dalle origini a oggi” di Emma Tagliacollo per Officina edizioni. Ne parlano Antonello Monaco, Franco Purini, Vieri Quilici, Laura Thermes, Franco Zagari. Sarà presente l’autrice. Il volume si occupa di indagare sotto nuove prospettive il quartiere Eur di Roma. Inizialmente luogo a vocazione espositiva e centro direzionale, già dal 1960 - anno delle Olimpiadi - diventa un vero e proprio quartiere, come oggi lo conosciamo. Nel libro si analizzano i cambiamenti che lo hanno portato a essere quell’area in trasformazione che ha sollevato recentemente numerosi dibattiti. Il testo prende avvio dallo studio delle nuove architetture che interessano questa parte della città, alcune in fase di realizzazione, altre ancora allo stadio di progetto. Assolutamente inedita la parte dedicata alle abitazioni. Il volume è corredato da interviste a noti architetti e studiosi che hanno prestato la loro voce a questa rilettura dell’Eur. Info: www.inarchlazio.it

Vedo dunque sono

24 ottobre 2011 - marzo 2012, Milano
Prende il via lunedì 24 ottobre 2011 alle ore 18, presso lo Spazio Oberdan, il nuovo ciclo di incontri organizzato da Italia Nostra Onlus sezione Milano, con l’intento di fermare l’attenzione del pubblico sulle innovazioni visive contemporanee. Infatti, quest’anno, l’iniziativa “VEDO DUNQUE SONO” prende in considerazione l’attuale concezione dell’arte come ambito senza limiti e confini fra discipline, tecniche, metodologie e scelte estetiche. Già da fine Ottocento la fotografia è entrata nella nostra quotidianità influenzando l’arte figurativa. E’ così cominciato un percorso di trasformazione del nostro modo di vedere. Pertanto le conferenze di Italia Nostra andranno a esaminare i più significativi passaggi di una ‘visione dell’arte e della creatività’ completamente ampliata e arricchita grazie all’evoluzione tecnologica e sociale. Si comincia con ‘Il Novecento e la rivoluzione dello sguardo’: Antonello Negri, direttore del Dipartimento di Storia delle arti, della musica e dello spettacolo all’Università degli Studi di Milano, analizza il primo trentennio del secolo scorso, con speciale attenzione alla pittura dei futuristi - Boccioni in modo particolare - e agli intrecci di perimentazione formale e fotografica nell’ambito del Bauhaus - Moholy-Nagy. Gli incontri si susseguiranno con una frequenza di cerca due al mese fino a marzo 2012, sempre presso lo Spazio Oberdan e saranno intervallati da visite guidate presso varie esposizioni o installazioni milanesi di attualità e pertinenti al tema. Info: www.italianostra-milano.org - www.provincia.milano.it

26/10/2011


Álvaro Siza Vieira. Disegni e pensieri

26 ottobre – 30 novembre 2011, Milano
Il 26 ottobre 2011 alle ore 19, la galleria Antonia Jannone Disegni di Architettura, Corso Garibaldi 125, a Milano, inaugura l’apertura di stagione con uno dei più celebri architetti viventi, esponendo circa trenta tra i suoi studi, appunti e progetti. Disegni, schizzi a penna Bic, e-o matita su carta (in prevalenza formato 30 x 21) elementi essenziali e principali strumenti di studio, di ricerca e comunicazione dell’architettura di Álvaro Siza, che assume la semplicità come propria ricchezza, mescolando rigore ed eclettismo, ragione e fantasia e dove in diversi stadi i suoi pensieri prendono forma. Colpisce a prima vista proprio la rispondenza immediata del pensiero già appena formulato anche in minimi tratti, alla sostanza di quello che sarà il progetto ultimo e l’incantevole ed utile sobrietà dell’opera compiuta. Catalogo in galleria con testo di Vittorio Gregotti. Info: tel 02 29002930 e-mail: info@antoniajannone.it - www.antoniajannone.it

AmatelA. Trasmissione radiofonica sull’Architettura

AmatelA è una trasmissione radiofonica che andrà in onda dal 26 ottobre 2011 tutti i mercoledì alle ore 19 sulle frequenze di Radio Prima Rete [Caserta 95.00 – Napoli 95.100, con possibilità di ascolto in streaming sul sito www.radioprimarete.it] in cui architetti giovani e meno giovani, studenti, cittadini e istituzioni sono chiamati a confrontarsi sui temi legati all’architettura. La voglia di fare una trasmissione radiofonica sull’architettura nasce qualche anno fa e ha trovato una via concreta grazie all’incontro di un gruppo di giovani architetti di Caserta i quali hanno convogliato ricerche, passioni e conoscenze all’interno di un network radiofonico. Nella prima edizione sono stati chiamati ad intervenire in trasmissione architetti, operanti in Campania e fuori, giovani e meno giovani, per affrontare tematiche relative al territorio, alla professione, alle difficoltà e ai successi legati al lavoro. Quest’anno AmatelA pone l’attenzione sui luoghi: in ogni puntata saranno proposte interviste di operatori del settore e non riguardo un edificio, una piazza, una via, oppure un oggetto o un’idea di luogo. Le prime puntate saranno incentrate su: - Villa Malaparte di Adalberto Libera a Capri | - Il paesaggio rurale nel casertano | - L’Alto Casertano | - L’architettura industriale d’autore in Campania | - Il Metropolitan di Torre Annunziata | - Le cantine di Hikaru Mori per l’azienda Feudi di San Gregorio ad Avellino | Le puntate sono in diretta quindi con possibilità di interazione con gli ascoltatori, i quali sono chiamati a telefonare, inviare sms o e mail, mentre al di fuori dell’orario della trasmissione è attiva una pagina Facebook in cui si possono inviare commenti, proposte, idee. Info: www.radioprimarete.it - Facebook

P_Stop: call for entries

[deadline: 26/10/2011]
Museum of Contemporery Art PERMM, within the Public art Program realisation, Perm Center of Developement of Design, with the support of: Ministry of culture, youth policy and mass communication of Perm Region, Administration of Perm City, Roads and Transport Department of Perm, presents public-art project P_Stop. We are invites artists, designers, architects to participate in “P_Stop” project. Age and stylistic preferences of the authors do not matter. All types and genres of planar images are good – street-art, photo, illustration, comics etc. 119 bus stop complexes in Perm becomes public art projects with Your help. All you need to do - to find the image that fit format and send it by e-mail (JPG-files) on PermStop@gmail.com or by one of the file share services (if the size of a file is larger than 6 mb). The rest we will do - prepare the layout, print, install - and already the New Year bus stop with your image will decorate one of the streets in Perm! We accept: - Original designs made specifically for the project P_ Stop | - Images from your portfolio that will fit into the format of the project | - Images has already shown at fairs and festivals, which can be re-formatted and placed on stopping pavilions | The number of sketches of a single author or art group - Unlimited! Info: http://publicartperm.ru

Premio e Biennale internazionale di architettura “Barbara Cappochin” 2011

26 ottobre 2011 - 12 febbraio 2012, Padova
La 5. edizione della Biennale internazionale di architettura “Barbara Cappochin”, istituita dalla Fondazione “Barbara Cappochin” e dall’Ordine degli architetti della provincia di Padova, vede protagonista, per l’edizione 2011, il tema della rigenerazione urbana sostenibile, al fine di promuovere strategie di interventi su scala urbana e metropolitana, mirate a riqualificare quartieri degradati per gli aspetti edilizi, urbanistici, sociali ed ambientali. Il Premio di architettura “Barbara Cappochin”, associato alla Biennale, ha l’obiettivo di sensibilizzare i soggetti coinvolti (progettisti, costruttori, committenti) nel promuovere la qualità del progetto e della costruzione, tenendo in considerazione il contesto urbanistico e paesaggistico, in una prospettiva orientata al futuro ma protesa al rispetto del passato. La mostra, allestita da Michele De Lucchi (AMDL), Andrea Boschetti e Alberto Francini (Metrogramma), prevede un’esposizione di esperienze nazionali e internazionali di riqualificazione e rinnovo urbano. I vincitori del Premio, annunciati il 15 settembre 2011, sono Fabrizio Barozzi e Alberto Veiga. Info: www.bcfoundation.info

Henk Ovink - The Politics of Planning

Mercoledì 26 ottobre 2011 alle ore 18.30 presso la The British School at Rome, in via Gramsci 61, si terrà il penultimo evento del ciclo “Three Cities in Flux” e a seguito della mostra di Reinier De Graaf (OMA), l’Accademia Britannica di Roma ha invitato Henk Ovink a parlare delle “Politics of Planning” in Olanda. “Viviamo in un mondo sempre più urbanizzato. Ma questa urbanizzazione ci porta fortuna o disperazione? La utilizziamo veramente al massimo? Conosciamo il suo potenziale? Possiamo usarla tenendo conto delle gigantesche sfide che dobbiamo affrontare? La città magnifica le nostre sfide, mettendo a confronto i cambiamenti climatici con la segregazione, la qualità con la disoccupazione, la mobilità con l’innovazione e la creatività con la crisi economica. La città raggruppa tutte le nostre sfide in una, l’estremo confronto tra le storie di oggi e quelle di domani, il luogo dove il design e la politica devono confrontarsi. La città però non è solo il luogo e il catalizzatore del confronto, è anche il luogo dove il confronto sfocia nella crescita, nel cambiamento, nell’innovazione, portando nuova forza e potere. La città rende politiche le nostre sfide territoriali […]”. (Henk Ovink) Conferenza presentata da Alberto Iacovoni. Info: www.bsr.ac.uk

27/10/2011


Festival Internazionale del Film di Roma 2011

27 ottobre - 4 novembre 2011, Roma
La 6. edizione del Festival Internazionale del Film di Roma si svolgerà presso l’Auditorium Parco della Musica di Roma. La manifestazione occuperà ogni ambito del complesso. Le cinque sale - Santa Cecilia, Sinopoli, Petrassi, Teatro Studio, Studio 3 – accoglieranno proiezioni e incontri, mentre negli spazi di Foyer, AuditoriumArte, Spazio Risonanze e il museo Archeologico ospiteranno numerose altre iniziative. Quest’anno saranno quattro le sezioni di gara in cui verranno presentati lungometraggi, corti e documentari. La più importante è la selezione ufficiale, in cui vengono assegnati i famosi Marc’Aurelio, riconoscimenti ufficiali rispettivamente per il miglior film in concorso, il miglior attore e la migliore attrice protagonisti dei lungometraggi presentati al festival capitolino. Altre sezioni di gara sono L’altro cinema, dedicato a documentari e cinema sperimentale, Alice nella città, che premia i giovani talenti, e l’Occhio sul mondo, in cui il cinema si mescola ad altre arti figurative. Il Festival Internazionale del Film di Roma è realizzato dalla Fondazione Cinema per Roma: soci fondatori sono il Comune di Roma, la Regione Lazio, la Provincia di Roma, la Camera di Commercio e la Fondazione Musica per Roma. Info: www.romacinemafest.it

MAXXIinWeb - Michelangelo Pistoletto

Giovedì 27 ottobre 2011 alle ore 21, presso l’Auditorium del MAXXI, Roma, si terrà il 3. appuntamento di MAXXIinWeb con Michelangelo Pistoletto. Telecom Italia e il MAXXI hanno chiesto ad alcuni protagonisti delle arti contemporanee di raccontare la loro visione del mondo, le loro passioni. Per la prima volta sul web l’arte contemporanea si svela al pubblico, accogliendo domande e offrendo materiali esclusivi. È MAXXIinWeb: nove incontri con altrettanti “big” della creatività contemporanea che Telecom Italia rende disponibili gratuitamente al pubblico del web, in streaming e on demand, sul sito maxxinweb.telecomitalia.com. Info: www.fondazionemaxxi.it

Superurbano. Rigenerazione urbana sostenibile

27 ottobre 2011 - 13 febbraio 2012, Padova
È ancora una volta il Palazzo della Ragione la prestigiosa cornice scelta per la mostra della Biennale internazionale di Architettura “Barbara Cappochin”. “Superurbano. Rigenerazione urbana sostenibile” è il racconto di 19 esperienze di riqualificazione e rinnovo urbano in chiave sostenibile realizzate in diverse città del mondo: da Milano a Copenaghen, da Siviglia a Tripoli, e ancora Torino, Nantes, Vienna, Madrid, Medellin, Seul, New York, Dublino, Barcellona… Esempi assunti a modello di quella che dovrà essere la città del futuro: sostenibile, intelligente, inclusiva, categorie ispirate alle linee guida proposte dal documento europeo “Europa 2020. Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva”. Progetti realizzati in contesti socioeconomico e culturali anche molto diversi tra loro, che si caratterizzano per l’essere costruzioni aperte e condivise, intrinsecamente connesse al paesaggio e al territorio circostante. La mostra, a cura di Andrea Boschetti con Grammatiche Metropolitane, è frutto del progetto di allestimento ideato da Andrea Boschetti e Alberto Francini (METROGRAMMA) e Michele De Lucchi (AMDL), realizzato da Ar.te. La Mostra sarà accompagnata da conferenze e tavole rotonde con architetti, urbanisti, economisti giuristi, esperti in sociologia urbana, amministratori di importanti città nazionali e internazionali oggetto di virtuosi interventi innovativi per approfondire, in modo interdisciplinare, i criteri di applicabilità di un approccio integrato alla riabilitazione urbana. Info: www.bcbiennial.info - CS.doc

Trame – Omaggio a Louise Bourgeois

27 ottobre - 3 novembre 2011, Roma
Giovedì 27 ottobre 2011, alle ore 18.00, negli spazi espositivi del MLAC - Museo Laboratorio di Arte Contemporanea dell’Università Sapienza di Roma, si inaugurerà Trame – Omaggio a Louise Bourgeois, collettiva di giovani artisti curata da Giancarlo Brocca, Manuel Carrera, Susanna Elettra Cecchini, Riccardo Cuomo, Silvia D’Ecclesia, Emanuela Iorio e Carolina Rossi. La mostra nasce dalla volontà di rendere omaggio, in occasione del centenario dalla nascita e del primo anniversario dalla scomparsa, ad una delle icone dell’arte contemporanea: la scultrice francese Louise Bourgeois, figura poliedrica che ha attraversato l’arte del Novecento sviluppando un percorso originale e difficilmente classificabile. Così sei giovani artisti, attraverso performance, video e installazioni, celebrano la produzione della Bourgeois rievocandone la componente onirica e tormentata. I laboriosi ragni di Maria Giovanna Ambrosone, le performance trasognate di Nicola Antonelli, la delicatezza espressiva del video di Elena Arzuffi, l’animazione gotica del regista Juan Delcan, le sinuose sculture di Fabrizio Pompili e i leggeri manufatti di cellophane di Angela Zurlo sono declinazioni personali di un’estetica che vuole rassicurare e turbare al contempo. L’evento, sostenuto dall’Ente per il Diritto agli Studi Universitari Laziodisu e patrocinato dal Dipartimento di Storia dell’Arte della Sapienza, è il frutto della collaborazione di sette curatori riunitisi con l’intento di promuovere l’arte di giovani emergenti e di valorizzarne e diffonderne la produzione nel contesto socio-culturale romano, nella convinzione che il settore dell’arte contemporanea e sperimentale vada maggiormente promosso e incentivato. La mostra si svolge nell’ambito della programmazione scientifica del MLAC, diretta da Simonetta Lux. Info: www.luxflux.net

28/10/2011


Apre la nuova sede di Sottobosco

Il 28 ottobre 2011 alle ore 18.30 in via Buccari 1, Venezia Mestre, si terrà la festa di apertura del nuovo spazio dell’organizzazione no profit Sottobosco. Abbiamo riattivato uno stabile in disuso mettendo in moto un meccanismo di riconversione che lo ha restituito al tessuto urbano e ai suoi abitanti in quanto spazio per la produzione culturale. Il progetto è il frutto di una ricerca condotta nel quartiere Piave, una porzione della città di Mestre che si presenta come un laboratorio aperto per la complessità sociale e culturale che ospita e che per il suo assetto urbanistico restituisce in modo chiaro le risultanti economiche e sociali dei processi urbani contemporanei. Da Dicembre 2010 abbiamo lavorato ad una mappatura degli spazi abbandonati o poco appetibili dal punto di vista immobiliare e commerciale, individuandone alcuni con le giuste caratteristiche strutturali e di accessibilità. Dopo questa fase è iniziata la trattativa con i proprietari degli immobili, attraverso la quale Sottobosco ha ottenuto il comodato d’uso per un periodo di due anni in cambio dei lavori di ripristino estetico. Oggi, dopo la ristrutturazione realizzata grazie ai numerosi contributi dei nostri sostenitori, lo spazio Sottobosco si presenta come un’ambiente flessibile e multifunzionale: è composto dallo studio di progettazione del collettivo, da un laboratorio officina e da un’area di carattere pubblico che ospita l’archivio artisti di Sottobosco, una libreria dedicata alle realtà no profit e un punto di distribuzione di free press. L’appartamento sarà anche la sede nella quale si svolgeranno gli ShowDesk, le Poetry Lectures, i workshop con gli artisti e le altre attività. Lo spazio è stato pensato come risorsa condivisibile, luogo aperto al quartiere e punto di partenza per una serie di attività capaci di innescare pratiche partecipative attraverso il coinvolgimento dei comitati di quartiere e le associazioni che operano sul territorio. L’obiettivo è fare in modo che lo spazio si configuri come centro di produzione culturale attivo anche sul piano locale e community specific. Info: www.sottobosco.net - CS.pdf

Yona Friedman. Architecture without building

28 ottobre 2011 - 8 gennaio 2012, Budapest
The architect and thinker of Hungarian origin, Yona Friedman is one of the outstanding and exceptionally versatile figures of the urban architectural discourse that developed in the second half of the twentieth century. He drew cities on colossal trusses rising up, floating above metropolises, rivers or marshes, bridges connecting four continents, multi-storeyed urban gardens, residential quarters from water mains elements; in his comic strip manuals he provided directions on survival for those in difficult situations, proclaiming that instead of architects, everyone should plan and build their own home. In 1961, he proposed a Europe forged into a single unit by an express train network, and in the 1980s, he planned a national theatre for Budapest. […] The exhibition is organised around key concepts of Yona Friedman`s work. The exhibition`s large-scale installation offers numerous viewpoints and scales, and serves as a framework for the drawings, illustrations and maquettes to be exhibited. The installation is being planned by Philippe Rizzotti Architects in collaboration with Yona Friedman, and built by Budapest volunteers together with members of the French group EXYZT. The astounding, challenging built space is exceptional in Hungarian museum practice, and is itself a realised utopia that becomes complete with the participation of its visitors. Info: www.lumu.hu

Plasmare il sensibile. Studio Azzurro tra passato e presente

28 ottobre – 2 novembre 2011, Padova
Nell’ambito di un progetto pluriennale dedicato ad artisti contemporanei attivi nella ricerca delle interazioni tra i diversi linguaggi artistici (gli appuntamenti precedenti erano stati dedicati a William Kentridge, nel 2009, e a Matthew Barney, nel 2010) si inaugura venerdì 28 ottobre alle ore 18.00, presso il Centro Culturale San Gaetano a Padova, l’installazione di Studio Azzurro Nodi del Mediterraneo, visibile sino al 2 novembre, giornata in cui, presso la stessa sede, avrà luogo il convegno dedicato all’attività e alla poetica della formazione artistica. L’iniziativa, frutto della collaborazione tra Università degli Studi e Comune di Padova e curata da Guido Bartorelli, Leonella Caprioli, Cristina Grazioli e Farah Polato, docenti della Scuola di dottorato in Storia e critica dei beni artistici musicali e dello spettacolo e del corso di laurea DAMS, prevede interventi di specialisti delle differenti discipline artistiche interessate dal lavoro di Studio Azzurro (arti visive, cinema, musica e teatro). Nel corso della mattinata interverranno Valentina Valentini, Roberto Diodato, Leonella Caprioli e Bruno Di Marino; nel pomeriggio, che sarà concluso da una tavola rotonda, seguiranno gli interventi di Guido Bartorelli, di Angela Madesani e di Paolo Rosa, membro di Studio Azzurro. Alle 21.00, attraverso una serie di proiezioni, lo stesso artista condurrà il pubblico a scoprire l’opera di Studio Azzurro. Info: http://padovacultura.padovanet.it

Henri Cartier-Bresson - Photographe

28 ottobre 2011 - 29 gennaio 2012, Nuoro
Inaugura al MAN-Museo d’Arte Provincia di Nuoro l’esposizione “Henri Cartier-Bresson - Photographe”. La mostra, a cura della Fondation Henri Cartier-Bresson, dell’Agenzia Magnum Photos e dell’Agenzia Contrasto, è organizzata da Imago Multimedia – agenzia fotografica e casa editrice di Nuoro – col contributo fondamentale dell’Agenzia Regionale Sardegna Promozione e la collaborazione del Museo MAN. Sarà un evento unico in Sardegna. L’esposizione comprende 155 fotografie che furono scelte dallo stesso autore, con l’intenzione di creare una retrospettiva esauriente della sua opera fotografica. La mostra è come un lungo viaggio attraverso il tempo di Henri Cartier-Bresson e il suo essere presente in ogni attimo dell’esistenza; nessuno come lui ha saputo condensare negli anni di intensa attività fotografica e artistica in giro per il mondo un’osservazione puntuale e profonda, cosciente e originale in ogni situazione. La realtà documentaristica e la propensione di Henri Cartier-Bresson a non manipolare lo sguardo e l’evento che si trovava davanti, trova sbocco in una profonda poesia del quotidiano, di gesti, avvenimenti e volti comuni in apparenza privi di importanza. Ma che sia gente di strada – bambini che giocano, venditori ambulanti, passanti – nei tempi usuali del lavoro e nei riti della festa, o che siano i protagonisti degli avvenimenti principali del Novecento – la fine della Seconda Guerra Mondiale, la morte di Gandhi, gli artisti più noti del momento – ogni evento è per lui occasione di esercitare la consapevolezza interiore; un’azione e un esercizio che condensava in attimi significanti la vita, “attimi decisivi” che lui – e solo lui – riusciva a cogliere quando riusciva a “mettere sulla stessa linea di mira il cuore, la mente e l’occhio”. Una mostra che scalza le debolezze, le incongruenze, le distrazioni del nostro sguardo oggi persino troppo sollecitato dalle immagini che corrono veloci; una mostra che rende omaggio all’opera tutta di Henri Cartier-Bresson, al disegno e alla pittura che furono le sue prime vere passioni e che lui per primo in Occidente seppe condividere e articolare in una pienezza dove il rapporto e l’uso dei diversi mezzi di espressione è solo un gioco, utile per comunicare coi propri simili. Info: www.museoman.it

29/10/2011


Inaugurazione Spazio ACMA

18 anni di attività / 160 iniziative realizzate / 14 paesi stranieri e 60 città italiane ospitanti / 20.000 architetti e studenti, istituzioni iscritte al mailing list / 50 newsletters annuali / 10.000 contatti nei gruppi di discussione di facebook / 600 docenti e relatori / 240 partner nelle iniziative / 50 collaboratori nelle principali città italiane / 1000 partecipanti ai seminari e ai workshop / 650 partecipanti ai viaggi e itinerari di architettura. Il 29 ottobre 2011, in occasione dei diciotto anni di vita del Centro, si terrà dalle 16 alle 20, presso la sede di via Conte Rosso 34, l’inaugurazione dei nuovi spazi di ACMA in Zona Ventura a Milano. Una occasione per ritrovare i collaboratori e i partecipanti alle iniziative passate, per conoscere lo staff e ricevere informazioni sulle attività in corso, per partecipare attivamente alla costruzione di un allestimento “in progress” attraverso immagini che descrivono per frammenti il percorso culturale fino ad ora realizzato. Per chi avesse partecipato alle iniziative di ACMA, la possibilità di contribuire all’allestimento consegnando personalmente o inviando una o più foto rappresentative (formato 10×15). Per chiunque fosse interessato, un modo simpatico per ritrovarsi, condividere informazioni e contatti per festeggiare i cinquant’anni del direttore. E’ richiesta una conferma e-mail (acma@acmaweb.com) o telefonica (02 70639293). Info: www.acmaweb.com

30/10/2011


The Next Stop 3

[deadline: 30/10/2011]
The Next Stop è un educational, tra formazione e laboratorio, strutturato in quattro giornate full immersion con i migliori operatori del settore. Da questa terza edizione, grazie alla partecipazione di quattro innovative organizzazioni legate all’arte contemporanea - Ex Elettrofonica, Nomas Foundation, Viafarini e Peep-Hole - sono stati introdotti dei workshop di progettazione su un evento reale. Sono aperte le iscrizioni a The Next Stop, ciclo di seminari e workshop sulle professioni e la progettazione nell’arte contemporanea, organizzati da Downing Street. La terza edizione dell’educational si svolgerà al MAXXI B.A.S.E. di Roma, a partire dal 5 novembre 2011. Con il patrocinio di Provincia e Comune di Roma, in collaborazione con Zètema e BassmArt gruppo Bassilichi, The Next Stop - Piattaforma per l’arte contemporanea raccoglie il meglio dell’esperienza professionale italiana. Gli argomenti affrontati fanno riferimento alla completa filiera dell’arte contemporanea. Dall’analisi dei mercati, all’evoluzione delle frontiere del marketing della cultura; dalle metodologie di progettazione, agli aspetti più artistici della curatela; dai principi del fundraising/sponsorizzazione, ai processi organizzativi di eventi e festival; dai nuovi scenari legati all’avvento delle ultime tecnologie digitali, agli strumenti di comunicazione come periodici specializzati, web-zine e siti internet. Il format si rivolge a professionisti che intendono aggiornare le proprie competenze, e a laureati/laureandi o appassionati che vogliono specializzarsi nell’ambito operativo dell’arte contemporanea. Possibilità di stage e collaborazioni in gallerie ed enti culturali alla fine del percorso. Fino a venerdì 30 settembre, sarà possibile iscriversi all’educational usufruendo della promozione del 10% di sconto. Chiusura iscrizioni il 30 ottobre 2011. Info: www.thenextstop.eu

31/10/2011


Paesaggio Utile. Progetti di gestione del paesaggio

23 novembre 2011 – novembre 2012, Torino e sedi varie >[deadline: 31/10/2011]
“Paesaggio Utile. Progetti di gestione di paesaggio” è il nuovo corso di alta formazione che Fondazione Fitzcarraldo e Landscapefor lanciano a partire da novembre 2011, dura un anno e si suddivide in 12 moduli di 2-4 giorni, con cadenza mensile. Questo corso, che si avvale della direzione scientifica di Paolo Castelnovi, si pone l’obiettivo quanto mai urgente di far incontrare le esigenze di enti locali, fondazioni o associazioni che ritengono di poter scommettere sulle risorse paesistiche, ambientali e culturali del proprio territorio per migliorare la qualità della vita dei loro cittadini e con le competenze di professionisti, funzionari o giovani laureati che, adeguatamente formati, saranno in grado di partecipare in modo progettuale alle dinamiche di trasformazione del territorio. Le nuove figure avranno competenze manageriali e gestionali per realizzare programmi e progetti di valorizzazione del paesaggio e dei beni culturali in quadri di sviluppo locale. Durante il percorso formativo, che si svolgerà tra Torino e altre città italiane ed europee, ogni partecipante svilupperà un progetto operativo su un territorio specifico e “commissionato” da un soggetto. Sono previste borse di studio da 3000 €. Iscrizioni entro il 31 ottobre. Info: www.fitzcarraldo.it

Infrarealities: Beyond Infrastructural Capacities

31 ottobre - 5 novembre 2011, Vico Morcote (Svizzera)
i2a - istituto internazionale di architettura ha invitato l’unità di Master in Urban Vision and Architectural Design della Domus Academy (Milano, Italia) a sviluppare una ricerca intitolata Beyond Infrastructural Capacities per studiare la possibilità di organizzare il territorio urbanizzato attraverso il progetto architettonico delle infrastrutture. […] _il workshop. Puntando a studiare come un progetto di sviluppo infrastrutturale possa aumentare la capacità funzionale dei territori urbanizzati, la ricerca studierà la linea ferroviaria FLP - Ferrovia Lugano Ponte Tresa, una infrastruttura particolarmente interessante poiché, ibrida fra treno e tram urbano, riassume tutte le questioni che rendono la particolare urbanità del Ticino un laboratorio in cui i territori urbanizzati di tutto il mondo si possono rispecchiare. La ricerca consiste in 6 giorni di workshop intensivo che si svolgeranno presso i2a - istituto internazionale di architettura dal 31 ottobre - 5 novembre - in cui lo staff della Domus Academy collaborerà con un team internazionale di studenti al fine di fornire una serie di proposte progettuali relazionate al tema della ricerca. A questo periodo seguiranno poi 3 settimane di workshop presso Domus Academy a Milano per approfondire ulteriormente le proposte. Lungo i 6 giorni di workshop intensivo una serie di esperti in analisi e progetto del territorio urbanizzato saranno invitati a presentare il loro lavoro e così contribuire alla ricerca. Una serie di eventi / conferenze serali sono stati organizzati al fine di chiarire ulteriormente il tema della ricerca e consentire il confronto dei ricercatori con realtà progettuali diverse per quanto interessate ai medesimi temi. Se non diversamente indicato, tutti gli eventi / conferenze serali saranno aperti al pubblico e trasmessi in live-streaming su www.i2a.ch - CS.pdf

vai su>|news|