NEWS in archivio novembre 2010
by Luisa Siotto
contact news@archphoto.it
vai su>|news|

4/11/2010


Artissima 17

5 - 7 novembre 2010, Torino
Apre il 4 novembre 2010 a Torino, nella nuova sede dell’Oval, Artissima 17, sotto la direzione di Francesco Manacorda. La Fiera presemta 153 gallerie, scelte dai Comitati di Selezione tra i nomi più attuali e di maggior interesse del mercato internazionale dell’arte. La presenza degli espositori seguirà la tradizionale partizione in sezioni: MAIN SECTION, che raccoglie 98 tra le gallerie più rappresentative del panorama artistico mondiale; NEW ENTRIES, speciale punto di riferimento per la nuova creatività, riservato a 29 giovani gallerie, con meno di cinque anni di attività presenti per la prima volta ad Artissima; PRESENT FUTURE dedicata a 15 giovani artisti, presentati dalle loro gallerie di riferimento in uno speciale spazio espositivo all’interno della Fiera, e invitati da un team di curatori internazionali. Infine, novità assoluta per l’edizione 2010, BACK TO THE FUTURE, proporrà una serie di mostre personali dedicate a 24 artisti attivi tra gli anni ‘60 e ‘70, selezionati da un comitato di curatori tra i diversi progetti presentati dalle gallerie. Un’opportunità per far meglio conoscere alcuni grandi innovatori del linguaggio dell’arte moderna di totale attualità proprio in un contesto dedicato alle sperimentazioni più nuove del contemporaneo. POESIA IN FORMA DI ROSA è il titolo, preso a prestito dalla raccolta di poesie che Pier Paolo Pasolini pubblicò dopo i suoi esordi cinematografici, del calendario culturale di Artissima 17, basato sul tema dello “sconfinamento”. La Casa delle contaminazioni è il progetto architettonico, realizzato all’interno dell’Oval dal collettivo raumlabor, che farà da cornice spaziale e concettuale al calendario culturale. Info: www.artissima.it

5/11/2010


TurnmeON 2010. Water

[deadline: 5/11/10]
OzQuest & turnmeON seek the design of a system to deliver water that addresses current problems associated with water supply, quality and use in the rural region of Nepal. The primary purpose of the system is to: - deliver water from a natural spring site to a tap at a separate location | - filter water to improve water quality | - store water to ensure regular suplly | - educate user about water management | Design cosiderations_ Hov can the water be tanked and filtered considering: - the site/ geography/topography | - cultural context | - skills of local trades people | - avaliable materials | - community driven implemantation | - low cost, low tech, low maintenance | - cultural, economical, enviromental sustainibility | Info: www.turnmeon.ws - booklet.pdf

Karim Rashid - Unplanned Brutalism

5 novembre - 5 dicembre 2010, New York
Vintage20 is very pleased to announce the opening of Unplanned Brutalism an exhibition of new work by internationally acclaimed designer Karim Rashid. Using innovative modeling technologies and impeccable craftsmanship, Rashid has built a reputation as a leading product designer and tastemaker — with over 3000 works in production. For this highly anticipated show Rashid will present six new designs including variations on standing lamps, side tables, and couches. In each design the boundaries of technical achievement are checked only by the conceptual appetite of the designer. Rashid has repeatedly drawn on popular culture to inspire his work, appealing to both the dystopian vision of Hollywood and the potential transformative power of superheroes. This curiosity and critical engagement in American entertainment culture and what Rashid calls its obsession with “subversive and nocturnal Armaggedon” was the artist’s inspiration for Unplanned Brutalism. But instead of a strictly noir vision, it is Rashid’s belief that the combination of power and hope that make superheroes so appealing and important can be translated into forms - a promise he pursues passionately in Unplanned Brutalism. Rashid’s six new works in the show displays this optimism in exuberant and eloquent ways by appealing to both a whimsical and sophisticated palette of materials. In the artist’s own words, here are descriptions of the works and the heroes that inspired them: Kuva – an elastic Mister Fantastic bench | Galaktik - a flexing Hulk-like sofa | Sofa Kage – an Ironman-like table | Kaos – a Spiderman inspired lamp | Ekto – a Wolverine cleaved chair | Info: www.vintagetwenty.com

6/11/2010


Lens Based Art Show

6 - 30 novembre 2010, Torino
Il Lens Based Art Show è una manifestazione culturale ideata e realizzata dall’Osservatorio Gualino di Torino per promuovere l’eccellenza delle forme d’arte contemporanea basate in tutto o in parte sulla tecnica fotografica. L’evento principale del Lens Based Art Show consiste in una grande mostra collettiva di 40 artisti, provenienti dalla ricerca come dal fotogiornalismo e rigorosamente selezionati da una giuria altamente qualificata. La mostra è allestita a Torino dal 6 al 30 novembre 2010 negli spazi della prestigiosa Villa Gualino. Durante i primi tre fine settimana del mese di esposizione si succedono incontri, dibattiti e letture di portfolio a cura di autorevoli esperti del settore. Le opere in mostra spaziano dalla ricerca formale realizzata con tecniche fotografiche tradizionali o digitali dell’ultima generazione, fino alle immagini in puro stile documentario, passando per l’uso di vere e proprie performance attoriali e allestimenti scenografici. I vari incontri e presentazioni in programma affrontano il tema della fotografia come forma espressiva della ricerca artistica contemporanea, dalle gallerie al web, nei suoi vari aspetti sociali, storici, estetici con riferimento anche ad altri ambiti artistici ed economici. Info: www.lensbasedartshow.net

8/11/2010


IIDA Student Sustainable Design Competition 2010

[deadline: 8/11/2010]
The International Interior Design Association (IIDA) announced the eighth annual IIDA Student Sustainable Design Competition (SSDC). The competition was created to celebrate and encourage sustainable design and thinking and to award individuals who demonstrated consistent, creative incorporation and the understanding of sustainable principles. 2010 marks several new and exciting developments for the competition, helping to elevate the visibility of students’ work. Entries to the competition will be accepted online from October 18 through November 8. In addition to the judges’ selections for Grand Prize and First Place Awards, IIDA is opening up the competition to virtual promotions by entrants, and will award a Popular Vote category. The Grand Prize winner will receive a $2,000 cash prize, a special feature on the IIDA Student blog and the IIDA website, and a spotlight in the IIDA “Hire Me” campaign. The First Place winner will receive a $1,500 cash prize and will also be featured on the IIDA Student Blog and website. The submission with the most votes will win $1,000 and an IIDA Student Membership valid for one year. The winners of the 2010 Student Sustainable Design Competition will also be featured in the Winter edition of quad, the IIDA student newsletter. The jury for this year’s competition will include: Elizabeth Williams, IIDA, Marmon Mok, San Antonio, Texas; Liset Robinson, IIDA, Savannah College of Art and Design, Atlanta, Georgia; and Kelly Bauer, FIIDA, Richard + Bauer Architecture, Phoenix, Arizona. Info: www.iida.org

10/11/2010


Stieglitz, Steichen, Strand

10 novembre 2010 - 10 aprile 2011, New York
This exhibition features three giants of photography—Alfred Stieglitz (American, 1864–1946), Edward Steichen (American, b. Luxembourg, 1879–1973), and Paul Strand (American, 1890–1976)—whose works are among the Metropolitan’s greatest photographic treasures. The diverse and groundbreaking work of these artists will be revealed through a presentation of approximately 115 photographs, drawn entirely from the collection. Alfred Stieglitz, a photographer of supreme accomplishment as well as a forceful and influential advocate for photography and modern art through his gallery “291″ and his sumptuous journal Camera Work, laid the foundation of the Met’s collection. He donated twenty-two of his own works in 1928—the first photographs to be acquired by the Museum as works of art—and more than six hundred by other photographers, including Steichen and Strand, in later decades. Featured in the exhibition will be portraits, city views, and cloud studies by Stieglitz, as well as numerous images from his composite portrait of Georgia O’Keeffe (American, 1887–1986), part of a group selected for the collection by O’Keeffe herself. Stieglitz’s protégé and gallery collaborator Edward Steichen was the most talented exemplar of Photo-Secessionist ideas, with works such as his three large variant prints of The Flatiron and his moonlit photographs of Rodin’s Balzac purposely rivaling the scale, color, and individuality of painting. By contrast, the final issue of Camera Work (1917) was devoted to the young Paul Strand, whose photographs from 1915–1917 treated three principal themes—movement in the city, abstractions, and street portraits—and pioneered a shift from the soft-focus Pictorialist aesthetic to the straight approach and graphic power of an emerging modernism. Info: www.metmuseum.org

11/11/2010


Brasilia. Un’utopia realizzata. 1960-2010

12 novembre 2010 - 23 gennaio 2011, Milano
L’11 novembre 2010 la Triennale di Milano presenta Brasilia. Un’utopia realizzata. 1960-2010, una mostra sulla capitale brasiliana a 50 anni dalla sua realizzazione, che ne descrive la storia affascinante all’incrocio tra vicende politiche, culturali e sociali di un Brasile in tumultuosa espansione. La mostra si articola lungo un percorso cronologico, dall’epoca coloniale a oggi, affiancando a materiali tecnici e documenti storici, aneddoti, storie personali, oggetti e testimonianze della vita quotidiana nella città costruita nel deserto del Planalto. I documenti, i disegni, i materiali fotografici e audio-video raccolti per la mostra costruiscono la tesi e il significato dell’esposizione: Brasilia è la realizzazione di una utopia a lungo inseguita, è una città-capitale realizzata in un solo coraggioso atto di fondazione, che oggi si presenta come una città giovane, piena di contraddizioni e al tempo stesso di energia. La mostra apre il campo a una riflessione non solo su una stagione dell’architettura e dell’urbanistica, fortemente segnata dal Movimento Moderno, ma anche, più in generale sul rapporto tra gli spazi della città e la vita che li anima. I materiali presentati consentono di portare argomenti ad un dibattito attualmente in corso che, dopo una lunga fase di rimozione da parte della cultura urbanistica ed architettonica Europea e Nordamericana, riscopre Brasilia e ne discute le ragioni, le forme del progetto, la originale struttura urbana, le architetture, gli spazi aperti e le possibilità di appropriazione da parte dei suoi abitanti. La mostra si articola in quattro sezioni che affrontano sotto diversi aspetti il tema della concezione e realizzazione di Brasilia capitale, le celebrazioni, le critiche e le contraddizioni che ne hanno accompagnano lo sviluppo, fino al suo significato contemporaneo. Info: www.triennale.org

Creare Paesaggi 2010

11 novembre - 12 dicembre 2010, Torino
La rassegna biennale internazionale “Creare Paesaggi”, nata nel 2002, è giunta alla sua 5. edizione e si presenta al pubblico con due eventi: un convegno internazionale (11 novembre ore 14:00) e una mostra (12 novembre – 12 dicembre; inaugurazione 11 novembre ore 18:30) negli spazi del Museo Regionale di Scienze Naturali a Torino in via Giolitti 36. La Rassegna è promossa e organizzata da Fondazione OAT in collaborazione con Regione Piemonte – Museo Regionale di Scienze Naturali, con il patrocinio del Politecnico di Torino e del FAI – Delegazione Torino, ed è a cura di Francesca Bagliani e Claudia Cassatella con la collaborazione di Luigi La Riccia, Chiara Martini, Pierpaolo Tagliola, Bianca Seardo. Con questa edizione Creare Paesaggi prosegue il suo itinerario nella cultura del paesaggio contemporaneo indagandone gli aspetti di percezione individuale e collettiva; a partire dalla riflessione sui cambiamenti e sul significato attuale della fruizione del paesaggio, la rassegna promuove il confronto con esempi internazionali di progettazione e pianificazione, quali la creazione di percorsi attrezzati e punti di osservazione, la regolamentazione per la protezione degli aspetti scenici e percettivi, la gestione tanto dei paesaggi naturali quanto di quelli urbani. “Paesaggio e bellezza - Enjoy the Landscape” invita quindi a tornare ad occuparsi e a godere delle bellezze naturali e culturali e degli aspetti scenici del paesaggio (visuali e multisensoriali) e a migliorarne la fruizione pubblica, attraverso progetti di luogo e di rete e modalità di gestione del territorio. La mostra, articolata in tre sezioni, illustra attraverso oltre 120 immagini 28 casi tra progetti, realizzazioni, piani, modi di gestione del paesaggio. Info: Liana Pastorin, tel 011 5360513 e-mail: l.pastorin@awn.it - www.to.archiworld.it

Señales Rojas 2010

11 novembre - 11 dicembre 2010, Roma
L’IILA, Istituto Italo-Latino Americano e la Fondazione Volume! presentano Señales Rojas 2010, secondo appuntamento del ciclo espositivo ideato e curato da Patricia Rivadeneira, Segretario culturale dell’IILA, e dedicato alla indagine del concetto di emergenza. Nucleo centrale della manifestazione è la Galleria IILA che fino all’11 dicembre propone la mostra collettiva “Señales Rojas” a cura di Patricia Rivadeneira con Jota Castro (Perù), Regina Galindo (Guatemala), Alejandro Gómez de Tuddo (Messico), María Rosa Jijón (Ecuador), Emilio Leofreddi (Italia), Jorge Pineda (Repubblica Dominicana), Manuela Viera-Gallo (Cile), Camilo Yáñez (Cile). La mostra, con approccio trasversale al concetto di allarme sociale, si concentra in particolare sulla prospettiva del debole, costretto a divincolarsi tra oppressione, pregiudizio, aggressione fisica e giochi di potere. Partendo dalle riflessioni sulla crescente violenza nella società contemporanea, Señales Rojas si sviluppa come un terreno di confronto tra artisti il cui lavoro si concentra sull’osservazione, analisi, denuncia o trasfigurazione dell’emergenza sociale. I temi “caldi” del vivere civile vengono affrontati nella loro molteplicità, dalla migrazione alla criminalità, dall’alienazione alla violenza domestica, dalla discriminazione alla degenerazione del potere fino alla critica del sistema socio-politico. La Fondazione Volume! (11 novembre 2010) propone una video – istallazione tratta dalla performance di Myriam Laplante dal titolo “Lupus in fabula” che, con riferimento sviluppa come un terreno di confronto tra artisti il cui lavoro si concentra sull’osservazione, analisi, denuncia o trasfigurazione dell’emergenza sociale. Obiettivo del progetto di network – elemento fondamentale dell’edizione 2010 – è quello di creare un tessuto connettivo che parta dalla relazione tra le realtà culturali romane e si ampli nella creazione di una piattaforma dibattimentale, per riaffermare la funzione sociale dell’arte. Da questo nasce anche la tavola rotonda con gli artisti coinvolti – il 12 novembre all’IILA – per sviluppare la reciproca conoscenza delle ricerche e confrontarsi, assieme al pubblico ed operatori culturali, sul tema di arte, violenza, società. Info: www.iila.org - www.fondazionevolume.com

Le città degli altri. Spazio pubblico e vita urbana nelle città dei migranti

L’11 novembre 2010 alle ore 17.30, presso la Sala Borsa, Urban Center Bologna, Piazza Nettuno 3, Bologna, si terrà la presentazione del libro “Le città degli altri. Spazio pubblico e vita urbana nelle città dei migranti”, curato da Marco Guerzoni per le edizioni Edisai di Ferrara. Oltre 20 autori (di provenienza disciplinare e nazionalità diversa) per una comune missione: mostrare come la città possa essere, nel suo complesso, un dispositivo d’integrazione; come l’architettura e l’urbanistica possano contribuire all’integrazione sociale, tramite l’organizzazione di spazi urbani interculturali, inclusivi, aperti. Un’attività operativa alla cui base sta la necessità di saper cogliere gli elementi “comuni” che non hanno distinguo a nessuna latitudine: il vivere insieme, il bene comune, la dimensione pubblica delle relazioni. “Le città degli altri” raccoglie testimonianze da Pakistan, Egitto, Romania, Macedonia, Sudan, tramite l’esperienza diretta di chi vive e lavora in quei luoghi, studiando con diversi approcci la vita quotidiana e le relazioni che si innescano in contesi urbani complessi e problematici. Un caleidoscopio di riflessioni attorno ai principali cambiamenti delle città contemporanee, alla loro dimensione pubblica, con uno sguardo rivolto ai luoghi da cui partono gli stranieri che vivono le “nostre” città. Con il presupposto di un completo rifiuto degli atteggiamenti criminalizzanti ed emergenziali che dominano la cronache quotidiane sui migranti. “Le città degli altri” opera un inedito ribaltamento di prospettiva: indaga le condizioni urbane e le relazioni con la dimensione pubblica dei cittadini stranieri nel loro luogo d’origine, come metodo analitico per intervenire consapevolmente nelle città italiane contemporanee. E segue un filo rosso che fa percepire quanto “noi” siamo simili a “loro”, se la lente tramite cui si guarda non è quella del pregiudizio, ma delle necessità comuni di base. In un panorama nazionale di esperienze ancora troppo esigue, il libro stimola la necessità di produrre e sperimentare interventi che valorizzino la diversità delle comunità che vivono gli spazi urbani delle “nostre” città. Con gli autori ne discuteranno Matteo Agnoletto e Angelo Miotto . Introduce e modera: Marco Guerzoni. Info: www.urbancenterbologna.it

PAV@LAC_Arte e territori di resilienza urbana

11 novembre - 4 dicembre 2010, Torino
L’11 novembre 2010 alle ore 18, presso il LAC Contemporary Art inaugura “PAV@LAC_arte e territori di resilienza urbana”, esposizione di opere video dal PAV - Parco Arte Vivente di Torino. L’esposizione è una selezione, a cura di Claudio Cravero, di documenti e opere video che ripercorrono le attività del PAV individuandone i confini entro un insieme di territori di resilienza urbana, ossia luoghi che “resistono” ai cambiamenti, alternative flessibili rispetto al contesto cittadino in cui si inseriscono e in cui si legano contemporaneamente una serie di entità e possibilità di negoziazione e adattabilità con l’altro. Attraverso i video di Andrea Caretto e Raffaella Spagna, Ettore Favini e Brandon Ballengè e vengono esplorate alcune tra le variazioni nel campo d’indagine delle relazioni tra arte e natura. Quasi tutta la storia dell’arte, dopotutto, nasce all’interno di questo rapporto dialettico alimentandosene costantemente. Nella cornice del LAC i video costituiscono degli esempi di pratiche e poetiche, di mezzi e strumenti impiegati e, soprattutto, tematiche affrontate nell’arte contemporanea in quella che, genericamente e deterministicamente, è definita Eco-Arte. Perchè, senza trovare soluzione o inscrivendosi in categorie ed etichette, i temi sollevati dagli artisti di questo filone si traducono spesso in forma interrogativa ponendo nuove domande sulla posizione che occupiamo nel mondo. Ai quesiti, infatti, sembrano non corrispondere reali risposte, se non invece ulteriori questioni generate da diversi sguardi e visioni, quelli che in fondo gli artisti - da sempre - offrono con i propri punti di vista. Nella conferenza si analizzeranno i rapporti tra arte e natura. Una relazione che attraversa l’intera storia dell’arte, e di cui l’arte stessa sembra alimentarsi costantemente. Le variazioni in questo ampio campo d’indagine saranno esplorate dai primi e significativi interventi di Land Art, sino all’evoluzione di ciò che è stata definita Arte Ambientale e infine, attraverso le mutazioni della scena artistica internazionale a cavallo del XXI secolo, all’arte cosiddetta del Vivente. Info: www.liceocaravaggio.com

12/11/2010


International Garden Festival 2011: Secret gardens

[deadline: 12/11/2010]
The International Garden Festival, presented at the Jardins de Métis/Reford Gardens in the Gaspésie region of Quebec, is preparing its 12th edition and is issuing an international call for proposals to select designers who will create temporary gardens that will be presented from June 25 to October 2, 2011. This year the theme of the Festival is “Secret Gardens”. Each year the Festival chooses a theme that guides the spirit of an edition while also exploring a very particular aspect of contemporary garden design. Secret gardens are part of our lives, figuratively and literally. Who has not had in childhood a secret space? Everyone has experienced at once the need to create a territory enveloped by nature and in touch with the inner world. Secret gardens are re-assuring, they wrap us in a protective cocoon and stimulate the imagination. Both a shelter and a refuge from the world, they act as doors for a dialogue both with oneself and with the universe. From a scientific perspective the secret garden offers a complete ecological system in which living organisms live in symbiosis. This ideal biodiversity makes the secret garden the perfect place to connect with nature and to be inspired by it. The Festival encourages participants to form multidisciplinary teams to favour an approach that encompasses of the various design disciplines. This call for proposals is thus open to: - Canadian and international designers | - Multidisciplinary teams composed at least one landscape architect accompanied by an architect, designer, artist, engineer, scientist, botanist, etc. | The design and construction of the temporary gardens will be overseen by the artistic and technical committee, consisting of the director, the artistic director, and the technical co-ordinator of the Festival. The candidates chosen to participate in the Festival agree to work to the schedule established by the Festival. Info: www.refordgardens.com

Expo Edilizia 2010 - Working with nature

Roma come Parigi, Londra, Madrid e altre capitali europee. Aree verdi abbandonate o parchi in cattivo stato di manutenzione, in centro e in periferia, sono il campo di sperimentazione di un nuovo modello di spazio pubblico di relazione a contatto con la natura che caratterizza l’ultima stagione dell’urbanistica romana. Cittadini e associazioni si mettono insieme per recuperare questi spazi abbandonati per piccoli orti urbani, aree gioco e ambiti dove camminare, riposarsi o semplicemente parlare. Sono oltre 100 siti. 65 censiti dal Comune di Roma come orti spontanei, e altri 50 censiti da studioUAP nella mappa interattiva disponibile on line “Zappata romana” (www.urbanarchitectureproject.org). I nuovi cantieri per il recupero degli spazi pubblici della capitale presentati nella sessione Agrocittà, il verde urbano come nuova rete produttiva e sociale curata da studioUAP per conto di Land Group, alla 2. edizione di Working with Nature nell’ambito di Expo Edilizia alla nuova Fiera di Roma, organizzato da Greencity ed Expo verde, che si terrà nel pomeriggio del 12 novembre 2010. Ad aprire la sessione da Parigi Action Vert l’Avenir presenterà Charte Main Verte, la rete dei 57 giardini parigini realizzati e gestiti dai cittadini. A Parigi l’amministrazione ha definito regole uguali per tutti. Esiste una convenzione base per concedere in uso alle associazioni il terreno per sei anni; il Comune provvede a portare l’acqua e il terriccio vegetale; i cittadini garantiscono l’apertura del giardino per almeno due mezze giornate alla settimana e l’ospitalità di iniziative pubbliche. La sessione vedrà anche la presentazione di altre iniziative che nell’insieme costituiscono la chiave per un nuovo rapporto con la natura in città: i city farmer’s markets della Fondazione Campagna Amica di Coldiretti, l’Orto-Giardino a Valle Giulia presso la facoltà di Architettura, gli Orti in Campidoglio e i Mercati della Terra di Slow Food e Heinz Beck. Giuseppe Barbera (Agronomo e paesaggista dell’Università di Palermo), Francesco Ghio (Direttore del Master OPEN dell’Università di Roma III), Maria Luisa Palumbo (direttore del Master in Sustanaible Urban Design dello IED), Gaetano Benedetto (Ambientalista già Direttore Generale del WWF e Presidente del Parco del Circeo) saranno chiamati nella tavola rotonda a rispondere se siamo di fronte a tendenze temporanee oppure davanti ad un fenomeno strutturale come in altre realtà internazionali. Info: www.expoedilizia.it

Stephen Shore - Uncommon Places

12 novembre 2010 - 8 gennaio 2011, Berlino
Stephen Shore’s first solo show in Berlin for over 15 years. The exhibition will feature 80 previously unseen works from the series Uncommon Places, in addition to a number of pages from his seminal Road Trip Journal. Stephen Shore embarked on his first road trip in the summer of 1972 which resulted in the series American Surfaces. With a Rollei 35 mm camera, the forerunner of the point-and-shoot, Shore was able to immediately capture the people, places and objects he encountered, producing a series of consciously casual and intimate snapshots. While Shore continued to document his travels, he wanted to explore a greater visual intentionality and, therefore, began his next series of work in 1973 entitled Uncommon Places. Here the artist focuses on the minutiae of modern life in America, capturing anonymous intersections, residential architecture, uniform drive-by diners, generic motel rooms and monotonous gas stations, all of which were shot using colour film and a view camera, a combination that had rarely been put to use in recording America’s social landscape. Info: http://spruethmagers.com

13/11/2010


Festival dei Popoli 2010

13 - 20 novembre 2010, Firenze
Al via la 51. edizione del Festival dei Popoli, che si svolgerà al cinema Odeon e allo Spazio Uno di Firenze, sotto la direzione di Luciano Barisone. Tra le novità di quest’anno la sezione Panorama Italiano, la selezione delle opere più significative della produzione nazionale dell’ultimo anno; la personale su Peter Mettler, l’acclamato regista canadese critico e artista interdisciplinare, già vincitore, con “Petropolis”, del premio per la distribuzione Fondazione Ente dello Spettacolo al 50. Festival dei Popoli. La retrospettiva della 51. edizione è dedicata alla cinematografia elvetica, una produzione ricca di opere innovative e di grandi sorprese. L’omaggio dedicherà particolare attenzione ai film sull’esplorazione e sul viaggio. Titolo della retrospettiva: Voci da uno spazio interno. Il cinema documentario svizzero: viaggiatori, militanti, visionari. Confermate le sezioni dellaselezione ufficiale: il Concorso Internazionale Lungometraggi (sedici lungometraggi inediti in Italia) cui saranno assegnati i premi “Miglior film”, “Migliore regia” e “Miglior film Etno-Antropologico” e il Concorso Internazionale Cortometraggi,sedici cortometraggi inediti in Italia che concorreranno al premio “Miglior cortometraggio” e al premio attribuito dal pubblico. Per il terzo anno consecutivo consolidata la sezion Stile Libero, dedicata a opere che contemplano le forme più originali del documentario con una particolare attenzione al contemporaneo. Da segnalare due iniziative collaterali: la 6. edizione degli Italian Doc Screenings 2010 (17–20 novembre), la più grande iniziativa italiana nel campo del mercato internazionale del documentario, a cui partecipano più di 40 broadcasters internazionali, provenienti da tutto il mondo e resa possibile grazie all’accordo tra Doc/it, Fondazione Sistema Toscana - Mediateca Toscana Film Commission, Ministero dello Sviluppo Economico e ICE - Istituto nazionale per il Commercio Estero, e gli Stati Generali del Documentario in Toscana, organizzati dall’associazione “Documentaristi Anonimi - Associazione Documentaristi Toscani” (21 novembre), che avranno come obiettivo la valutazione dello stato dell’arte del settore in una regione che vuole puntare proprio sul “cinema del reale” come prospettiva futura. Info: www.festivaldeipopoli.org

Lo Spazio delle parole - Lucy Orta, Teddy Cruz, Franco Farinelli

Ecologia, sviluppo sostenibile, dialogo interculturale, città a misura d’uomo, coesione sociale. Sono i temi al centro dell’incontro con LUCY ORTA, artista e performer britannica di fama internazionale e TEDDY CRUZ, architetto che da San Diego indaga i temi dell’abitare in una delle zone di confine più roventi del pianeta, quella tra USA e Messico, sabato 13 novembre 2010 al MAXXI alle ore 16.30. Con loro, il geografo Franco Farinelli. Un inedito incontro, dunque, che accomuna arte e architettura nella denuncia dei più scottanti temi sociali e umanitari di oggi e che trasforma la creatività contemporanea in impegno civile. Come nel lavoro Antarctit Village - No Borders. Dome Dwelling di Lucy e Jorge Orta esposto al MAXXI, sui temi della diaspora, della libera circolazione tra i popoli e dei rischi ambientali, parte del più ampio progetto che ha visto la coppia protagonista di una spedizione in Antartide dove, nel 2007 ha dato vita a un vero e proprio insediamento temporaneo di 50 tende da essi stessi progettate. E in quello di Teddy Cruz che, nel piccolo padiglione realizzato per il MAXXI con coni spartitraffico dal titolo Cultural Traffic: from the Global Border to the Border Neighbourhood riflette sulla zona della frontiera Tijuana-San Diego e sulle politiche dell’emigrazione, del lavoro, della sorveglianza e di tutti gli elementi che caratterizzano la città contemporanea. Info: www.fondazionemaxxi.it

Laurie Anderson - Delusion (l’inganno)

L’artista americana Laurie Anderson arriva a Firenze per la prima nazionale di “Delusion”, show multimediale di grande effetto che si terrà Sabato 13 novembre 2010 alle 21 presso EX3 Centro per l’Arte Contemporanea (Viale Giannotti 81, Firenze). “Delusion (l’inganno)” ha debuttato in febbraio ai giochi olimpici di Vancouver, ed è stato commissionato da VANCOUVER 2010 CULTURAL OLYMPIAD, Vancouver e da BARBICANBITE10, London. Lo show amalgama video-installazioni, musica, monologhi, marionette elettroniche e violini, esprimendo al meglio il talento della Anderson come narratrice di storie: la capacità di raccontare attraverso immagini, suoni, parole, linguaggi, con un occhio critico sulla politica e la società americana. “Delusion” è composto da una serie di brevi romanzi gialli che oscillano fra il mitico e l’oggi, un racconto fra memoria, identità e speranza perduta, tra mondo quotidiano e mondo immaginario. Il tema centrale è il piacere del linguaggio e lo sgomento che il mondo sia fatto interamente di parole. Dai sogni alla morte, ai cani, alla luna, alle incongruenze del vocabolario, alla politica, alle password ed i nomi. Una meditazione sulle parole e le cose, sulla vita e il linguaggio. Il tutto tra video-installazione, concerto e monologhi che incantano. L’evento è organizzato da Nuovi Eventi Musicali in collaborazione con Florens2010, Gruppo Cultura Impresa Confesercenti di Firenze, Assessorato alla cultura del Comune di Firenze e EX3. Main Sponsor Eni Spa. Info: www.ex3.it

14/11/2010


Città dell’uomo

14 - 22 novembre 2010, Ivrea (To)
In occasione della Settimana della Cultura d’Impresa promossa da Confindustria su tutto il territorio nazionale e coordinata da Museimpresa, l’Associazione Archivio Storico Olivetti propone un ricco programma di iniziative. Tutti gli eventi si svolgono a Ivrea, presso la Villetta Casana, in via Miniere 31 a Ivrea, con ingresso libero. Con queste iniziative l’Archivio Storico Olivetti rilancia un messaggio tipicamente olivettiano: la cultura di un’impresa responsabile si esprime in mille modi e forme, senza limitarsi ai temi strettamente industriali ed economici e al semplice racconto dei luoghi del lavoro. Il programma della settimana:
_14 - 22 novembre, dalle 15 alle 19_ Cento anni di Olivetti. Il progetto industriale_ Nella Villetta Casana è possibile visitare la mostra celebrativa del centenario olivettiano, realizzata nel 2008 dall’Archivio Storico Olivetti e divenuta mostra permanente dell’Archivio.
_17 novembre, alle 17.30_ Macchine per pensare. Lavoro manuale, tecnica e pensiero alla Olivetti_ Una narrazione delle invarianti del linguaggio visivo olivettiano, quale espressione del pensiero di Adriano Olivetti e delle sue assonanze con le opere di Simone Weil e di Leonardo Sinisgalli. A cura di Caterina C. Fiorentino.
_18 novembre, alle 17.30_ La musica e il jazz nella Città dell’Uomo_ Come la cultura Olivetti ha saputo alimentare un territorio durante e dopo l’utopia della società di Adriano. Dall’Euro Jazz festival all’Open World Jazz Festival.
_20 novembre, alle 17.30_ 500 quintali di sale_ Resa scenica dell’omonimo testo di Renzo Zorzi, un romanzo che fa rivivere i giorni della passione partigiana e delle grandi speranze. Interpretazione e allestimento di Pamela Guglielmetti.
_21 novembre, alle 17.30_ Una vita_ Resa scenica del testo di Luciana Nissim Momigliano I Ricordi della casa dei morti, una delle prime testimonianze sulla drammatica esperienza della deportazione e della prigionia nei lager nazisti. Interpretazione e allestimento di Pamela Guglielmetti.
Info: tel 0125 641238 fax 0125 641127 e-mail: segreteria@arcoliv.org - www.arcoliv.org

15/11/2010


Premio James Ackerman 2011

[deadline: 15/11/2010]
Obiettivo del Premio James Ackerman per la storia dell’architettura è la pubblicazione annuale di uno studio originale nel campo della storia dell’architettura. Sono ammessi alla selezione anche manoscritti realizzati da due autori, purché nessuno dei due abbia ancora pubblicato un libro. Nella scelta degli studi da pubblicare non verrà fatta alcuna distinzione circa il periodo trattato, purché all’interno degli studi di storia dell’architettura, né la nazionalità dell’autore. I testi dovranno essere in lingua italiana, in inglese, tedesco, francese o spagnolo. Saranno presi in considerazione solamente manoscritti completi e pronti per la stampa, corredati di apparato iconografico definitivo per il quale ogni aspetto relativo a diritti e copyright sia già assolto dall’autore. Coloro che intendono partecipare alla selezione per l’edizione annuale del Premio devono aver conseguito il dottorato di ricerca oppure aver pubblicato almeno un approfondito contributo di storia dell’architettura su una rivista scientifica qualificata (allegarne copia alla domanda di partecipazione); dovranno far pervenire al Centro un abstract di non più di cinque cartelle (in italiano o inglese), due lettere di presentazione (in italiano o inglese) e il proprio curriculum vitae di non oltre una pagina (in italiano o inglese); la Commissione giudicatrice selezionerà i progetti ammessi al secondo livello di valutazione, per il quale si richiederà l’invio dei manoscritti. La Commissione giudicatrice individuerà il manoscritto vincitore, che sarà pubblicato dal C.I.S.A. Andrea Palladio, e potrà segnalarne un secondo particolarmente meritevole. La Commissione può decidere di non assegnare il Premio qualora non ritenga meritevole di pubblicazione alcun manoscritto fra quelli esaminati. Le decisioni della Commissione sono inappellabili. Per l’edizione 2011 del Premio James Ackerman per la storia dell’architettura, abstract, lettere di presentazione e curriculum vitae dovranno pervenire al Centro, anche in formato elettronico, entro e non oltre il 15 novembre 2010. Ai finalisti sarà chiesto di inviare i manoscritti completi di note, appendici e fotocopie delle illustrazioni entro il 14 marzo 2011. Info: www.premioackerman.it

International Museum of the Volcanoes (IMOV) 2010

[chiusura iscrizioni: 15/11/2010]
Arquideas, a company dedicated to divulging and organization of architectural contests, is pleased to invite all students of architecture in the international area, to the competition of ideas “International Museum of the Volcanoes (IMOV) in Lanzarote” to be held between the months of September 2010 and February 2011. Full details of the contest, and the information necessary for registration for participating, is available on the web www.arquideas.es. The contest objective is to select the best idea for the International Museum of Volvanes (IMOV) located in the Timanfaya area on the island of Lanzarote. We will pay special attention to their location and proposed relationship with the environment and the resolution needs program proposed in the Bases of the contest. OBJECTIVE_ The contest objective is to select the best idea for the International Museum of Volvanes (IMOV) located in the Timanfaya area on the island of Lanzarote. We will pay special attention to their location and proposed relationship with the environment and the resolution needs program proposed in the Bases of the contest. PRIZES_ The following prizes will be awarded for the best proposals: -1st Prize_ 2,000 euros + Publication in Future Arquitecturas magazine + 1 year free subscription to Future Arquitecturas magazine + Book collection from Pencil Editorial | - 2nd Prize_ 1,000 euros + Publication in Future Arquitecturas magazine + 1 year free subscription to Future Arquitecturas magazine + Book collection from Pencil Editorial | - 3rd Prize_ 500 euros + Publication in Future Arquitecturas magazine + 1 year free subscription to Future Arquitecturas magazine + Book collection from Pencil Editorial | Honorable mentions will be awarded to the most interesting in terms of architectural quality concerns, which have not received any of the three first prizes. Info: e-mail: concursos@arquideas.es - www.arquideas.es

tYps - tell Your public space

[deadline: 15/11/2010]
Lo spazio pubblico è la trama di cui si intesse la città, un filo rosso che connette persone, luoghi e percorsi. Spazi aperti diversi l’uno dall’altro, ma con qualcosa in comune: sono ovunque e sono di tutti. Perché “pubblico” non indica solo il proprietario, ma anche e soprattutto l’uso che se ne fa: c’è chi si ferma, chi li attraversa, chi li trasforma. A Torino non mancano idee e spunti per vivere il territorio urbano con originalità, e sono proprio queste pratiche informali, gli usi extra-ordinari, fantasiosi e spontanei che il progetto tYps intende far emergere e far conoscere. Tra gli obiettivi di tYps: rivelare un volto inedito di Torino per stimolare un uso più creativo degli spazi e allo stesso tempo contribuire a costruire una città più vissuta, più viva e percepita come più sicura. tYyps prevede: - un concorso pubblico: indirizzato principalmente ai giovani fra i 16 e i 30 anni chiamati a indagare, cogliere e restituire gli usi degli spazi pubblici torinesi con foto, video o racconti | - un lavoro di ricerca e analisi: finalizzato a realizzare una mappa interattiva di Torino costruita a partire da tutti i contributi provenienti dal concorso | - una campagna di sensibilizzazione e informazione: per diffondere le opere dei partecipanti al concorso e incentivare un uso attivo e consapevole dello spazio pubblico | Per ogni sezione (foto, video e racconto breve) sono previsti due premi in denaro (il primo da 1000 euro e il secondo da 500 euro). Info: www.typs.it

Docucity – Documentare la città 2011

[deadline: 15/11/2010]
Sono aperte le iscrizioni per la partecipazione alla 2. edizione del Concorso Docucity – Documentare la città, che si svolgerà presso il Polo di Mediazione Interculturale e Comunicazione dell’Università degli Studi di Milano nel mese di maggio 2011. Il Concorso è aperto a film e documentari in qualunque formato e di qualunque durata, che trattino in modo originale il tema della città contemporanea come entità complessa e spesso duplice: sogno e desiderio, luogo “culturale” o collezione di luoghi in sviluppo dinamico, memoria ufficiale e rimossa, città della ragione o luogo oscuro. La scadenza per l’invio delle opere è il 15 novembre 2010. Info: www.ctu.unimi.it/docucity

16/11/2010


Franco Fortini: storie di cinema tra lavoro e impresa

16 - 17 novembre 2010, Torino
Si svolgerà a Torino la 2. edizione di Memoria contesa - memoria condivisa il progetto di ricerca sulla storia sociale del Novecento attraverso il campo/controcampo tra produzioni cinematografiche d’impresa e film militanti. L’edizione di quest’anno è dedicata alla figura di Franco Fortini, una delle personalità intellettuali più vive del dopoguerra, che in parallelo all’impegno come poeta, scrittore, critico militante, polemista acuto e arguto, si è misurato sia con il cinema militante che con le produzioni di film industriali. A cura di Sergio Toffetti. In collaborazione con: Museo Nazionale del Cinema, Cineteca Nazionale, Centro Storico Fiat, Fondazione Ansaldo, Archivio Storico Olivetti, Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza, Cineteca del Comune di Bologna. Info: www.arcoliv.org

18/11/2010


Paris Photo 2010

18 - 21 novembre 2010, Paris
Paris Photo 2010 se tiendra au Carrousel du Louvre à Paris. Paris Photo présente un panorama de la photographie 19ème, moderne et contemporaine. Avec 77 % de participation étrangère, 25 pays représentés, 32 nouveaux participants, la 14e édition accorde une place de choix à la découverte. L’évènement rassemble 106 exposants (91 galeries et 15 éditeurs). L’Europe centrale à l’honneur cette année (Hongrie, Pologne, République tchèque, Slovaquie, Slovénie). La photographie est l’un des modes d’expression les plus féconds de la création artistique en Europe centrale. Dès le début du XXe siècle, Bratislava, Budapest, Prague, Ljubljana, Varsovie ont été les foyers intellectuels novateurs et promoteurs d’une nouvelle vision en photographie. D’André Kertész à Mohology-Nagy, de František Drtikol à Josef Sudek, de Brassaï à Robert Capa, nombreux sont ceux qui ont révolutionné l’histoire de la photographie. Au croisement de diverses pratiques, art visuel et performance, expression subjective et veine documentaire, la photographie demeure à l’orée du XXIe siècle le langage de prédilection des artistes d’Europe centrale pour traduire une nouvelle réalité politique et sociale. Info: www.parisphoto.fr

Video.it 2010

18 - 19 novembre 2010, Torino
Dopo l’edizione del decennale di attività, Video.it continua l’esplorazione dedicata alle creazioni audiovisive dei giovani artisti under 35. Pur a fronte di una situazione generale di crescente difficoltà e di crisi all’interno delle politiche culturali, attualmente segnate da sostanziali tagli finanziari, Artegiovane assieme alla preziosa collaborazione della Fondazione Merz, del Centro e Archivio d’arte Careof, della Regione Piemonte e dell’Associazione Paralleli, mantiene e prolunga il proprio impegno di sostegno alla giovane creazione, cercando anzi di ampliare l’orizzonte delle proposte dedicate alla ricerca artistica. Proprio per questa nuova edizione 2010 si è deciso di affiancare alle proiezioni un nuovo programma di interventi ed azioni d’artista, rimarcando così il carattere interdisciplinare della rassegna, peraltro già sviluppato negli anni passati grazie alle precedenti proposte di danza contemporanea curate da MosaicoDanza. Lungo la rassegna - programmata in due sere presso la Fondazione Merz, a Torino - si articoleranno una serie di interventi appositamente concepiti per gli spazi della Fondazione Merz da Alessandro Sciaraffa e Cristiana Palandri. Il focus del programma di proiezioni, come intrapreso l’anno passato, dedica una serie di riflessioni ai sempre più drammatici fatti e alle situazioni che caratterizzano i transiti, i flussi e le migrazioni presenti nell’area mediterranea. In questa nuova edizione, quale nucleo tematico centrale si è scelto di ripartire da una riconsiderazione attorno all’idea di ”A Nord/Sud del Mediterraneo” - situazione concreta che sempre più caratterizza i fluidi rapporti fra popoli migranti e popoli residenti - tentando di non lasciare distanti cultura artistica e società civile, provando bensì a porsi in relazione dialettica di ponderata riflessione. Info: www.artegiovane.com - http://fondazionemerz.org

Mediarc 2010 - Festival Internazionale di Architettura in Video

18 - 20 novembre 2010, Firenze
Mediarc - Festival Internazionale di Architettura in Video, promosso e organizzato dal Dipartimento di Tecnologie dell’Architettura e Design ‘P. Spadolini’ dell’Università degli Studi di Firenze, giunto alla sua 10. edizione, rappresenta ormai un tradizionale appuntamento di visione e riflessione sulla rappresentazione dell’architettura, del design, della sostenibilità della proposta progettuale dell’ambiente costruito, ed è un significativo punto di riferimento sia per la comunità scientifica ed accademica che per un largo pubblico. L’evento, nella 9. edizione del 2008, è stato anche insignito del ‘Premio Presidenza della Repubblica’, riconfermato anche per questa decima edizione. Nell’edizione 2010, l’anno del decennale, il tema guida sarà ‘I filosofi e l’architettura’, articolato in due sezioni principali: ‘Architettura e paura’ e ‘Architettura e bellezza’, che a loro volta conterranno elementi visivi e di riflessione culturale dedicati al tema dell”architettura al tempo della crisi’. L’evento si svilupperà attraverso tavole rotonde, conferenze, proiezioni di film, video e documenti visivi, videoinstallazioni, interventi e videoconferenze. Sono previsti importanti momenti di riflessione dove saranno presenti figure autorevoli del mondo dell’architettura e della filosofia. Il festival è inserito nella programmazione della Settimana Internazionale dei Beni Culturali e Ambientali di Firenze. Info: tel 055 2055504 fax 055 2347152 e-mail: segreteria@taed.unifi.it - www.mediarcfestival.it

19/11/2010


Premio PAV 2011

[deadline: 19/11/2010]
Il PAV-Parco Arte Vivente, Centro Sperimentale d’Arte Contemporanea di Torino, promuove il PREMIO PAV 2011, concorso internazionale, curato dal Paesaggista Gianluca Cosmacini, per la realizzazione di un intervento d’arte ambientale in una porzione di territorio del PAV. Tema della 1. edizione del premio è “La biosfera del PAV: Confini osmotici interni ed esterni”. Nell’ultimo decennio il rapporto dell’individuo con l’ambiente si è esteso - sconfinando per osmosi tra il dentro e il fuori - agli spazi ordinari del lavoro e della socialità. Lo spazio urbano è vissuto con una rinnovata consapevolezza collettiva, intesa non solo come contenitore e cornice della vita quotidiana, ma anche come parte esperienziale della stessa. Il ripensamento di determinati luoghi implica un’ulteriore riflessione sull’abitare, cioè il vivere a misura d’abito l’ambiente e la natura negli spazi della città. Riorganizzando il suo tessuto e le cellule in possibilità semantiche e identitarie, il PAV si conferma come spazio di produzione artistica, culturale e sociale. L’intervento ambientale nell’ambito del PREMIO PAV 2011 è dunque site-specific, ma soprattutto people & action specific, cioè si pone come risposta sostenibile alle esigenze della collettività, alle necessità dell’individuo nell’abitare un luogo. Se la creazione di uno spazio contempla nella sua abitabilità una serie di azioni che possono richiedere una rilettura semantica degli apparati infrastrutturali, obiettivo del concorso è la realizzazione di un intervento d’arte ambientale che stimoli modi di essere e attitudini nuove. È dunque l’opera d’arte oggetto del premio, e non viceversa, a suggerire azioni e comportamenti sostenibili fondati su una concezione di benessere integrabile con l’ambiente. L’osmosi dei confini del PAV ha infine il potere di ridefinire i parametri tradizionali del concepire e fare esperienza del paesaggio, aprendosi alla creatività delle persone, risorsa e strumento imprescindibile dell’idea abitativa, collettiva e individuale. Info: tel/fax +39 011 3182235 e-mail: info@parcoartevivente.it - www.parcoartevivente.it - bando.pdf

Open Design Italia - Nuovi talenti invadono Modena e Bologna

19 - 21 novembre 2010, Modena / Bologna
Dal 19 novembre 2010 al Foro Boario di Modena il primo festival dedicato al design autoprodotto e in piccola serie: in programma una mostra-concorso internazionale e un ricco cartellone di eventi off che coinvolgono studi, attività commerciali e spazi pubblici di Modena e Bologna con esposizioni, itinerari, workshop e dibattiti animati dai grandi nomi del design.
L’evento, ideato dall’architetto Elena Santi e organizzato da La Pillola e Leedesign, in collaborazione con l’Ufficio giovani d’arte del Comune di Modena e con Iceberg-giovani artisti a Bologna (il progetto dell’Area Cultura del Comune di Bologna), prende le mosse da una concezione di design che punta sull’autoproduzione come stimolo creativo per far emergere il legame tra il designer, il prodotto e il territorio. Autoproduzione, funzionalità, originalità, sostenibilità: sono i cardini del nuovo concetto di creatività espresso da Open Design Italia, manifestazione al debutto dedicata al design autoprodotto e di piccola serie. Protagonisti dell’iniziativa, cinquantuno giovani talenti che espongono le loro opere in una mostra-mercato in programma dal 19 al 21 novembre al Foro Boario di Modena (via Bono da Nonantola 283). Abbinato alla manifestazione un ricco cartellone di eventi off che coinvolgono studi, attività commerciali e spazi pubblici di Modena e Bologna con esposizioni, itinerari, workshop e dibattiti animati dai grandi nomi del design. Le opere, firmate da cinquantun designer selezionati dal concorso di Open Design Italia, saranno messe in vendita per il pubblico. Il 20 novembre, i tre migliori lavori saranno premiati da una giuria internazionale presieduta dal designer Dodo Arslan. Parallelamente alla mostra-mercato, Open Design Italia prevede un cartellone off tra Modena e Bologna, che ha in programma esposizioni, itinerari e dibattiti per chiunque voglia avvicinarsi al mondo del design, ammirarne lo stile e carpirne i segreti. Info: www.opendesignitalia.net

La Natura delle immagini

11 - 19 dicembre 2010, Teana (Pz) >[deadline: 19/11/2010]
La GePA Spa su incarico della Comunità Montana Alto Sinni, in partnership con il Noeltan Film Studio, organizza il primo workshop internazionale per filmmakers in Basilicata condotto dal regista Michelangelo Frammartino. Il workshop è destinato a 10 filmmakers senza alcun limite di età e di provenienza ed in possesso di una già minima ma comprovata esperienza realizzativa in ambito cinematografico (nelle sue più disparate proiezioni stilistiche e linguistiche). Tre di tali posti saranno riservati a partecipanti nati e/o residenti in Basilicata. Il workshop sarà di tipo intensivo e teorico-pratico: ciascun partecipante, partendo dalla poetica di Michelangelo Frammartino, avrà l’occasione di approfondire le tecniche di regia e di produzione cinematografica e si confronterà sul piano stilistico-formale attraverso la produzione di alcuni film brevi in digitale frutto dell’interazione con la comunità locale e le sue identità culturali. I migliori film realizzati verranno inseriti in una compilation dvd e distribuiti nei principali circuiti cinematografici internazionali. Il workshop si svolgerà in lingua italiana con traduzione consecutiva in inglese. Il workshop si svolgerà in Basilicata, nella splendida cornice di Teana – situata nell’area dell’Alto Sinni e del Parco Nazionale del Pollino - presso il palazzo del Museo della Civiltà Contadina dall’11 al 19 dicembre 2010. Iscrizioni e costi di vitto e alloggio sono gratuiti. Info: www.noeltanfilm.com

FORMULA_X Series - Ecosistema Urbano

19 novembre 2010 - 16 gennaio 2011, Berlino
FORMULA_X, is the new Deutsche Architektur Zentrum (DAZ) exhibitions series, dedicated to presenting architectural positions of the up-and-coming generation. In a triptych, three emerging offices will show their sustainable ideas and individual ways of working within the overlying theme of ‘Visions’. ecosistema urbano’ s name is program: Their projects combine architecture, urbanism, engineering and sociology to strive for a ‘creative urban sustainability’. The focus of their work is on the complex phenomenon of the city, which they react to (or activate) through innovative, creative and holistic interventions. The interdisciplinary office from Madrid is an international consultant on sustainable urban development for cities and regions. Public space is thereby a central issue : ecosistema urbano catalyses urban processes that help citizens to change their own environment through proactive interventions. The work of ecosistema urbano defines new boundaries of the profession of architecture and urban planning: They are moderators, develop strategies, systems and social media interfaces for a spurring on urbanity. With their own social network, blog and web - TV, ecosistema urbano offers various platforms to bring people together and to share knowledge about sustainable urban development and ideas for the city. Designing processes and situations where the relations between people can be optimized is ecosistema urbano’ s key to a successful project. Their exhibition at the DAZ will visualize, through a classical 3 D optical system, the process and strategies for a selection of recent works. Info: www.daz.de - www.ecosistemaurbano.com

Venezia città industriale

19 - 20 novembre 2010, Venezia
L’Associazione Italiana per il Patrimonio Archeologico Industriale (AIPAI), in collaborazione con l’Università IUAV di Venezia, l’Università di Padova, il Centro Internazionale Città d’Acqua, e con il patrocinio del Comune di Venezia e della Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Venezia e Laguna, organizza due giornate di studio sul recupero di aree ed edifici industriali riguardanti la città di Venezia; in questa occasione si tiene anche un confronto più ampio con altre realtà europee. L’iniziativa si svolge a trent’anni dalla mostra e dalla pubblicazione Venezia città industriale (Franco Mancuso, Marsilio Editori, Venezia 1980) che rivelò questo importante aspetto della realtà storico-urbanistica della città, e che diede il via a moltissimi interventi di recupero, tanto da far considerare Venezia come uno straordinario Laboratorio che non ha eguali in Italia. Il convegno intende analizzare e discutere questo “Laboratorio Venezia”, per mettere a confronto le diverse esperienze, le differenti procedure di attuazione e modalità di recupero, per ricavare utili indicazioni nell’ambito di buone e cattive pratiche, da proporre in un contesto più ampio di riflessione sulle modalità di intervento e di valorizzazione del patrimonio industriale, in tutte le sue componenti. Info: www.citiesonwater.com - www.iuav.it

Routes/Strade artisti in residenza urbana temporanea

19 novembre - 13 dicembre 2010, Pisa
Si apre alle ore 21 del 19 novembre 2010 al centro espositivo SMS – San Michele degli Scalzi di Pisa, “Routes/Strade artisti in residenza urbana temporanea”. Il progetto artistico, curato da Stefano Coletto e coordinato da Ilaria Mariotti, intende, grazie al linguaggio dell’arte, mettere in contatto le città del mediterraneo, ispirandosi al libro di James Clifford, Routes: Travel and Translation in the Late 20th Century pubblicato nel 1997 e tradotto in italiano nel 1999 con il titolo Strade. Viaggio e traduzione alla fine del XX secolo. Nasce così un percorso residenziale che permetterà a due giovani artiste, una greca e l’altra turca, di conoscere Pisa, viverla quotidianamente per un mese e, a partire dalle sensazioni che la città induce, produrre opere che troveranno spazio proprio presso SMS. La residenza consentirà infatti alle artiste di esplorare le città, seguendo metodi proprio degli studi culturali, concentrandosi su come gli abitanti delle aree urbane interpretano e vivono la loro mobilità, il loro connettersi a culture, spazi, comunità esterne al loro luogo di nascita o di vita abituale. In questa prima fase le due città ad essere coinvolte da Strade – oltre ovviamente a Pisa - sono Atene e Istanbul. Grazie alla School of Fine Arts di Atene e Platform Garanti Contemporary Art Center di Istambul è stata possibile la selezione degli artisti partecipanti. Dalle proposte pervenuteci sono state scelte le giovani Ceren Oykut e Sophia Dona. A conclusione del soggiorno i lavori ed i progetti realizzati a Pisa verranno presentati in una mostra a cui parteciperanno anche Eriphyli Veneri ed Elmas Deniz con opere che interpreteranno i contesti urbani di Atene e Istanbul – le città dove vivono e lavorano - ponendosi come ulteriore elemento di riflessione e di confronto tra questi contesti urbani. Il periodo compreso tra l’inizio della residenza e l’esposizione finale popone incontri pubblici ed eventi dedicati allo scambio culturale e ai temi affrontati dal progetto. Routes/Strade artisti in residenza urbana temporanea è un progetto della Fondazione Teseco per l’Arte e del Comune di Pisa e promosso dalla Regione Toscana, dalla Provincia di Pisa, dal Comune di San Giuliano Terme in collaborazione con mcm&partners, Associazione Pisa Musica 2000, An Insolent Noise Festival, Associazione Arsenale, Librerie Feltrinelli - Pisa. Info: www.teseco.it/fondazione

22/11/2010


Lo Schermo dell’Arte Film Festival 2010

22 - 25 novembre 2010, Firenze
Da Jean-Michel Basquiat a Shirin Neshat; da Antony Gormley a Francesca Woodman; da Vik Muniz a Olafur Eliasson; Renzo Martens a Phil Collins. Infine un tributo al grande architetto Oscar Niemayer. Questi e altri saranno i protagonisti dei film dedicati alle arti contemporanee de “Lo schermo dell’arte” che si terrà all’Odeon Firenze. Giunto alla sua 3. edizione e diretto da Silvia Lucchesi, il festival. è un appuntamento atteso da chi è interessato a conoscere la ricchezza delle diverse esperienze dell’arte contemporanea. Verranno presentati 14 film tra corti e lungometraggi provenienti da tutto il mondo, di cui 7 prime italiane, che sono una attenta selezione di film d’artista e documentari sui maggiori artisti, architetti e fotografi di oggi. Raccontare le esperienze creative del nostro tempo attraverso lo strumento popolare del cinema: questa la formula di successo dello Schermo dell’arte. Il programma comprende le sezioni: Sguardi, film dedicati ai principali protagonisti delle arti contemporanee; Cinema d’artista, film realizzati da artisti che hanno scelto il cinema come strumento espressivo; e Festival Talks dedicata ad incontri con artisti, curatori ed esperti di arti contemporanee. Nell’ambito di quest’ultima, mercoledì 24 novembre alle ore 10.30 al Museo Marino Marini, si terrà una tavola rotonda dal titolo ‘Il documentario nella pratica dell’arte contemporanea’. Un incontro che intende riflettere sul crescente interesse mostrato in questi ultimi anni dagli artisti per la capacità documetaria dell’arte. Novità di questa edizione è il Premio Lo schermo dell’arte 2010 per la produzione di un video realizzato da un giovane artista italiano. Info: www.schermodellarte.org

25/11/2010


La città senza nome. Segni e segnali nel paesaggio contemporaneo

25 - 26 novembre 2010, Milano
Si terrà presso la Triennale di Milano, in Viale Alemagna 6, il convegno “La città senza nome. Segni e segnali nel paesaggio contemporaneo”. In cosa differisce l’uomo urbano di oggi dal cittadino di qualche decennio fa? Forma mentale e forma della città disegnano una nuova fenomenologia dell’agire contemporaneo, tra ritrovate inibizioni e rinnovate e abilità. Relatori: Giovanni Anceschi, Marc Augé, Ruedi Baur, Oriol Bohigas, Edoardo Boncinelli, Emanuela Bonini Lessing, Achille Bonito Oliva, Fulvio Cardarelli, Germano Celant, Lim CJ, Gillo Dorfles, Matthew Gandy, Pierre Grunfeld, Enzo Mari, Paul Mijksenaar, Renato Nicolini, Franco Purini, Marc Rowlinson, Silvia Sfligiotti, Lisa Strausfeld, Sébastian Thiery, Valentina Vezzani, Tiziana Villani. Info: www.triennale.org

26/11/2010


MarchN+Y’11 - master in Architettura della nave e dello yacht

[deadline: 26/11/2010]
Il programma del Master in Architettura della Nave e dello Yacht intende continuare a sviluppare la riflessione culturale e scientifica intorno ai temi della progettazione navale e nautica, tenendo conto dell’ambito accademico veneziano. La nuova edizione sarà in grado di formare a livello accademico una figura professionale tra le più richieste, capace di progettare e gestire il processo di costruzione del mezzo marino. Venezia con la sua lunga tradizione storica di Repubblica Marinara, il suo contesto lagunare unico e il suo porto fungono da scenario ideale. Il programma è rafforzato dalla presenza di grandi cantieri navali nei dintorni di Venezia, quali Fincantieri a Marghera, e di numerosi cantieri nautici, alcuni tra i quali lavoreranno in sinergia con questo corso. Al completamento del Programma di Master in Architettura della Nave e dello Yacht, gli studenti masteristi otterranno la preparazione professionale necessaria che permetterà loro di operare come futuri manager e progettisti nello stimolante campo del trasporto marittimo. Sono ammessi studenti con una laurea specialistica/magistrale/vecchio ordinamento, in Architettura, Ingegneria, o con discipline affini e che, a giudizio insindacabile della commissione giudicatrice, possiedano un curriculum adeguato a seguire il corso con profitto. Se in possesso di titolo di studio straniero, la commissione giudicatrice valuterà l’equivalenza a uno dei titoli di studio precedentemente citati, ai soli fini di ammissione al master. È richiesta una buona conoscenza della lingua italiana e inglese. Info: www.iuav.it

Casa Capriata di Carlo Mollino

Casa Capriata sta prendendo forma nel comprensorio sciistico di Weissmatten (AO) a quota 2100 mt, grazie ad un progetto di ricerca sviluppato dal Dipartimento di Progettazione architettonica e di Disegno Industriale del Politecnico di Torino, con il Comune di Gressoney Saint Jean e la partecipazione dell’Ordine degli Architetti della Provincia di Torino e
la Fondazione OAT. Il progetto originario di Carlo Mollino, importante architetto e designer, docente della Facoltà di Architettura di Torino, maestro di sci FISI, direttore della Coscuma (commissione delle scuole e dei maestri di sci), nonché fotografo, è stato riproposto dal gruppo di ricerca del Politecnico di Torino coordinato dall’arch. Guido Callegari, ideatore e responsabile scientifico del progetto. Il team di ricercatori (Liliana Bazzanella, Guido Callegari, Alessandro Mazzotta, Mario Sassone, Elena Tamagno) ha ripreso il carattere sperimentale del progetto originario che, nell’ambito del Concorso Vetroflex Domus (1951) e della X Triennale di Milano (1954), costituiva un manifesto della sperimentazione di materiali e tecniche costruttive innovative. L’iniziativa, nata nel 2006 come progetto culturale in occasione delle celebrazioni della nascita di Carlo Mollino e inserita dall’Ordine degli architetti di Torino e Fondazione OAT d’intesa con l’Ordine degli architetti della Regione autonoma Valle d’Aosta tra gli eventi Off Congress del XXIII Congresso Mondiale degli Architetti UIA Torino 2008, si è poi trasformata in un vero e proprio progetto di ricerca con la firma, nel 2008, del protocollo d’intesa con i partner istituzionali (Comune di Gressoney Saint Jean, Regione Autonoma Valle d’Aosta, Politecnico di Torino e Comunità Montana Walser) e tecnici. Il cantiere per il nuovo edificio è stato avviato lo scorso luglio 2010 con il contributo del Comune di Gressoney Saint Jean e della Comunità Montana Walser. L’edificio giunto al completamento dell’involucro edilizio, sarà terminato nel corso della primavera 2011, per entrare in funzione nel corso dell’estate e diventare il rifugio alpino Carlo Mollino. Info: www.casacapriata.polito.it - CS.pdf

5. edizione Festival dell’Architettura - Comunità/Architettura

26 novembre - 12 dicembre 2010, Modena, Reggio Emilia, Parma
Apertura della 5. edizione del Festival dell’Architettura che si svolgerà nelle tre città di Modena, Reggio Emilia e Parma. Filo conduttore degli eventi e tema principale della manifestazione è il rapporto tra comunità ed architettura espresso come legame tra effetti identitari reclamati dalla società ed il significato delle forme architettoniche e urbane, le quali, andando a configurare uno spazio vissuto devono necessariamente confrontarsi con le istanze ed il pensiero della comunità che le abita. Il Festival, diretto da Carlo Quintelli conferma la sua vocazione di strumento di sviluppo e divulgazione dei principali temi della ricerca architettonica contemporanea. Il programma di quest’anno riesce a restituire un’articolata serie di contributi, sotto forma di mostre ed eventi, dove il rapporto tra concetto comunitario e progetto dello spazio architettonico ed urbano vengono rivisti criticamente alla luce delle mutate condizioni delle strutture sociali, degli stili di vita, dei comportamenti individuali e collettivi. Tra le iniziative si segnala la mostra “Declinazioni architettoniche dell’esperienza insediativa comunitaria” dove docenti di 11 facoltà di architettura di ambito internazionale presentano altrettanti modi di interpretare il tema sul piano progettuale. Diverse le mostre collegate a lavori inediti dei dottorati di ricerca tra cui quelle dedicate a Oswald Mathias Ungers e ad Hans Scharoun e per l’architettura italiana a Raffaele Panella, uno dei protagonisti della scuola veneziana e romana, in stretta collaborazione con la figura di Carlo Aymonino. Da segnalare, inoltre, i lavori dei dottorandi sul tema “Comunità/architettura, modelli e mutazioni spaziali”, in cui si analizzano le modalità di relazione delle idee di quartiere e comunità in rapporto, anche, all’approccio progettuale. […] Info: www.festivalarchitettura.it

La periferia anulare: edilizia e città

26 novembre 2010 - 28 gennaio 2011, Roma
Si terrà presso l’Aula delle conferenze dell’edificio della didattica, facoltà di Ingegneria dell’Università di Roma Tor Vergata, in via del Politecnico 1, Roma, il ciclo di sei conferenze intitolato “La periferia anulare: edilizia e città”. L’iniziativa, promossa da Architettiamoci in collaborazione con la cattedra di Storia dell’Architettura, ha l’obiettivo di analizzare alcune significativi brani del tessuto urbano della periferia romana, adottando metodi interpretativi legati alla storia, alla società, alla programmazione urbanistica, al progetto e alla costruzione. In particolare, i relatori si propongono di fornire agli studenti una chiave di lettura sia del connettivo urbano sia dell’emergenze architettoniche che costituiscono il complesso puzzle della periferia. Alcuni aspetti salienti dei quartieri periferici verranno delineati dai relatori partendo spesso “dal di dentro”, sottolineando i percorsi, gli spazi e i nuclei compositivi che sono all’origine della struttura e della forma stessa dei quartieri periferici disposti a cavallo del Grande Raccordo Anulare. Come di consueto si metteranno in evidenza le scelte architettoniche e costruttive, il rapporto con la committenza (spesso pubblica) e le procedure burocratiche talune volte disattese: aspetti tutti che ingaggiano le competenze del progettista (ingegnere o architetto). Info: www.architettiamoci.it

27/11/2010


Architettando…

27 novembre – 31 dicembre 2010, Milano
Isola Art Center continua la produzione di eventi culturali ospitati dai residenti del quartiere, promuovendo Architettando…, a cura di Valerio Del Baglivo, Aria Spinelli e Elvira Vannini. Inteso nella sua duplice accezione linguistica il termine “architettando” indica sia l’attività del costruire - nel suo aspetto concreto ed utopistico - sia la pianificazione di un inganno. I meccanismi politici che controllano lo sviluppo urbano e i suoi squilibri, riflesso di un’economia neoliberista, si sono tradotti, ormai da alcuni anni, nel quartiere Isola, in un continuo quanto irreversibile processo di gentrificazione, che risponde ai bisogni di un’elite sempre più capitalizzata. I progettisti, gli immobiliaristi e i politici stanno architettando. Lo spazio che era pubblico, ora è privatizzato. Le ultime architetture del passato agrario e industriale sono ormai cancellate. Gli architetti stanno progettando, le gru stanno dominando l’orizzonte, le nuove costruzioni crescono a vista d’occhio. Sono quasi tutti uffici, commerci o abitazioni di lusso, destinati a cambiare radicalmente la natura popolare e mista del quartiere. Formata da inevitabili antagonismi ed interessi prevalentemente politici, la città non è più espressione dei bisogni e delle richieste della società, di una comunità, di un quartiere. Già Lefebvre aveva sottolineato come la forma fisica della città viene fuori dall’accumulazione di capitale, ma anche come dalla legittimazione degli stessi poteri socioeconomici scaturisca il potenziale sovversivo: resistenza nell’uso di spazi estetici e opposizione all’edificazione urbana. Nella sua complessità, Architettando… vuole dunque riflettere sulle pratiche artistiche, architettoniche e documentariste che hanno assunto la trasformazione sociale e urbana come punto centrale della propria ricerca. Info: e-mail: info@isolartcenter.org - www.isolartcenter.org

Joan Jonas

27 novembre - 23 dicembre 2010, Roma
Si inaugura il 27 novembre 2010 alle ore 19, presso la Galleria Alessandra Bonomo, in via del Gesù 62, a Roma, la personale di Joan Jonas. In mostra alcuni disegni tratti dalle sue performance, altri della serie Bodyworks ed il video My new theater VI, Good Night Good Morning ’06. Per la serie My new Theater, iniziata nel 1997, Joan Jonas concepisce una sorta di teatro portatile, una struttura che evoca lo spazio scenico ed allo stesso tempo, nelle parole stesse dell’artista, la camera oscura e gli altri dispositivi visivi del passato. Il video in esso proiettato – realizzato una prima volta dall’artista nel 1976 – si inserisce con vigore in una delle ricerche più significative di Joan Jonas: quella sulla natura dell’immagine, che con sé porta una riflessione sul tempo, sullo spazio e sull’identità. Joan Jonas sarà intervistata da Laura Cherubini il 27 novembre alle ore 16.30 presso l’auditorium del MAXXI. Saranno proiettate immagini tratte dalle sue performance eseguite in diversi musei e gallerie. Info: tel 06 69925858 fax 06 6797251 e-mail: mail@bonomogallery.com - www.bonomogallery.com

28/11/2010


Breaking News

28 novembre 2010 - 13 marzo 2011, Modena
La Fondazione Cassa di Risparmio di Modena è lieta di annunciare Breaking news, la rassegna che presenterà al pubblico il terzo nucleo di acquisizioni della collezione internazionale di fotografia contemporanea, film e video d’artista, curata da Filippo Maggia. Oggetto d’indagine sarà la scena artistica contemporanea di Medio Oriente e Africa, esplorata attraverso le opere fotografiche e video di 21 artisti, provenienti da 12 diversi Paesi. Dopo Asian Dub Photography, mostra che ha presentato a fine 2008 la prima sezione della collezione, dedicata all’arte dell’Estremo Oriente, e Storia Memoria Identità, incentrata, lo scorso inverno, sulla scena artistica dell’Est Europa, l’attenzione si sposta ora su un’area geografica ampia, segnata da profonde contraddizioni e al contempo intrisa di forza straordinaria. Dominata per oltre un secolo dalle visioni prodotte dal colonialismo, l’Africa esprime oggi una molteplicità di voci creative capaci di indagare tanto i retaggi del passato quanto la complessità contemporanea, locale e globale. […] In un percorso di oltre 115 opere, tra video, film, installazioni e fotografie che rimandano alla ricchezza di culture millenarie, Breaking News offre uno sguardo approfondito sulle criticità che, a partire da quest’area geografica, attraversano il mondo contemporaneo. L’elenco degli artisti selezionati include: Philip Kwame Apagya (Ghana), Yto Barrada (Francia/Marocco), Yael Bartana (Israele), Taysir Batniji (Palestina), Jodi Bieber (Sudafrica), Mounir Fatmi (Marocco), Samuel Fosso (Camerun), David Goldblatt (Sudafrica), Bob Gosani (Sudafrica), Pieter Hugo (Sudafrica), Goddy Leye (Camerun), Daniel Naudé (Sudafrica), Cedric Nunn (Sudafrica), George Osodi (Nigeria), Hrair Sarkissian (Siria/Armenia), Wael Shawki (Egitto), Ahlam Shibli (Palestina), Mikhael Subotzky (Sudafrica), Jinoos Taghizadeh (Iran), Guy Tillim (Sudafrica), Akram Zaatari (Libano)… Info: e-mail: ufficiostampa@fondazione-crmo.it - www.mostre.fondazione-crmo.it

30/11/2010


Ecohousing Art - opere e progetti per abitare gli spazi

[preiscrizione: 30/09/2010 | iscrizione: 15/12/2010]
House Company presenta il concorso d’Ideecostruttive che richiami le energie mentali, le suggestioni dell’anima, le competenze specifiche di artisti o aspiranti tali e di futuri o attuali professionisti in Architettura, Ingegneria e Design, perché investano creatività e talento per la realizzazione di opere e progetti che irrompano nella realtà per ricreare l’equilibrio dell’Ecosistema Uomo-Casa-Ambiente. Protagonisti del Concorso di Ideecostruttive sono Junior e Senior Artisti, Designer, Architetti Ingegneri. Il concorso a carattere nazionale è suddiviso in 3 Sezioni: Arte, Design, Architettura/ Ingegneria. Gli Artisti sono chiamati a progettare realizzare - attraverso qualsiasi tecnica - opere che esprimano, celebrino, rendano omaggio, sublimino, estetizzino l’indissolubilità dei legami Uomo-Casa-Ambiente. I Designer sono chiamati a progettare realizzare oggetti, complementi, strumenti, arredi che, per loro stessa identità oggettuale o per i materiali che li caratterizzano, integrino funzionalità con fruibilità nella dimensione Uomo-Casa-Ambiente. Gli Architetti e gli Ingegneri sono chiamati a progettare realizzare opere architettoniche che adempiano allo status Uomo-Casa-Ambiente, assolvendo alle qualità pulchrum et decorum. Sono chiamati a progettare realizzare ambienti costruiti innovativi e contemporanei che contestualizzino lo status Uomo-Casa-Ambiente, sviluppando una approfondita riflessione sull’utilizzo ottimale e rispettoso delle risorse naturali. Premi_ Partecipano alla mostra e concorrono al “Premio Immobiliare 2010” le prime 30 opere o progetti in graduatoria, per sezione e categoria, più votati dalla Giuria Popolare al termine della 2a fase Ideecostruttive award in progress e le 12 opere o progetti, per sezione e categoria, selezionati dalla Giuria Tecnica. La premiazione verrà effettuata nei mesi di aprile o maggio 2010 in un importante spazio espositivo pubblico della città di Milano, al termine della mostra “Ecohousing Art - progetti per abitare gli spazi”. Info: tel 039 2499190 fax 039 2324894 e-mail: info@housecompany.it - www.ecohousing-art.it - bando

Imagina Velluters 2010

[deadline: 30/11/2010]
“Imagina Velluters” es un Concurso de ideas convocado por la Agrupación Sostre arquitectos por la Habitabilidad Básica, Cooperación y el Desarrollo Sostenible, y la Agrupación de Arquitectes pel Paisatge, en coordinación con la Plataforma “Recuperem el Princesa, reviscolem el barrio”. El barrio de Velluters, antiguamente un barrio próspero y bullicioso del centro histórico de València, ahora sufre una fuerte degradación por la falta de servicios, el envejecimiento de la población, las bolsas de marginalidad y la existencia de numerosos solares y edificaciones en estado de abandono. Se trata de aportar ideas a que revitalizan el barrio través de intervenciones temporales a sus solares, respondiendo a necesidades funcionales, sociales, culturales, ambientales y incorporando calidad en su paisaje urbano. Las propuestas pueden abordar intervenciones concretas en los solares o estrategias de acción y/o gestión de los solares. Las propuestas pueden comprender escalas de intervención distintas, que implican una intervención global en los solares del barrio, o acciones puntuales en solares. Una propuesta en un solo solar, diversos, o todos. En un solar concreto o abstracto y adaptable a diversos solares. Incluso propuestas itinerantes. Propuestas con tiempo de duración distintos, desde escenarios de futuro hasta acciones efímeras. Intervenciones artísticas, plásticas, audiovisuales. El concurso está abierto a todo el mundo. Todas las propuestas serán expuestas en locales del barrio de Velluters durante 20 días. El público general, a través de internet, participará en la preselección de los mejores trabajos. Los participantes con las diez mejores propuestas deberán exponer públicamente su idea delante del vecindario y los miembros del jurado que posteriormente decidirán los ganadores. El concurso cuenta con un premio del jurado y dos menciones. El plazo de inscripción está abierto hasta el 30 de Noviembre y lo entrega de propuestas se cerrará el día 15 de Diciembre. Info: www.imaginavelluters.es

vai su>|news|