NEWS in archivio dicembre 2008
by Luisa Siotto
contact news@archphoto.it
vai su>|news|

1/12/2008


Make me a Home

[deadline: 01/12/2008]
The Northshore Development Partnership, a joint venture between Urban Splash and Muse Developments, has today launched the “Make me a Home” international architecture competition, challenging architects to shape the future of family housing. The competition, organised by the Royal Institute of British Architects (RIBA), invites architects to raise the bar and deliver a new housing typology at Northshore, a £300m redevelopment scheme in Stockton-on-Tees. It is planned that 250 family homes will eventually stand at the site, and the partners want creativity and a concept which will break the mould. This is an RIBA International Architecture Competition and a notice has been placed in the European Journal (OJEU). The competition is open to registered architects or designers in collaboration with other design disciplines. For more information contact the RIBA Competitions Office, or to register for this competition and receive an official declaration form; not forgetting the beautiful brief, send a £50.00 cheque payable to ‘RIBA Competitions Office’. Info: tel +44 (0)113 2341335 fax +44 (0)113 2460744 e-mail: riba.competitions@inst.riba.org; www.northshorestockton.co.uk - www.architecture.com

2/12/2008


Dislocazioni #1- Luca Vitone. Una mappa senza luoghi

Il 2 dicembre 2008, ore 9–11, presso il Dipartimento di Storia dell’arte, Aula 1, Università di Roma La Sapienza, si terrà ‘Dislocazioni 1. Luca Vitone. Una mappa senza luoghi’, primo incontro nell’ambito di “Dislocazioni. Artisti, poeti, architetti raccontano il paesaggio”, con il coordinamento scientifico di Carla Subrizi. Le emergenze ambientali, l’incremento demografico, l’urbanizzazione del pianeta, la distruzione delle risorse naturali, le condizioni a rischio per la vita in tutte le sue forme e modi di essere, la stessa crisi economica attuale, spingono a una riflessione per nuove e costruttive ipotesi per il presente e il futuro, intese come sfida culturale necessaria, anche sul piano etico e sociale, da cui partire. L’arte, nelle forme più diverse del suo linguaggio e della sua pratica, costituisce un punto di vista e una fonte di ipotesi per la creazione di nuovi immaginari. Concetti, punti di vista, pratiche artistiche e narrazione di luoghi tra parole e immagini, hanno negli ultimi decenni non soltanto enunciato idee per l’ambiente e il paesaggio ma anche introdotto prospettive innovative per pensare e intervenire in maniera concreta nel territorio. La lezione di Luca Vitone, artista che dalla fine degli anni Ottanta lavora sui concetti di atopia, mappa e territorio, dà inizio a una serie di appuntamenti in cui artisti, poeti e architetti raccontano come intendono attualmente il paesaggio. Dislocazioni nasce dall’idea di collegare situazioni, esperienze, pubblici diversi intorno al rapporto tra arte contemporanea e paesaggio per sollecitare interrogativi, riflessioni, iniziative. Questa serie di incontri, che avrà luogo in sedi diverse, rientra all’interno del progetto che la Fondazione Baruchello ha avviato con il sostegno dell’Assessorato all’Ambiente della Regione Lazio. Le lezioni, gli interventi, le visite guidate, gli eventi di Dislocazioni, sono connessi con la convenzione per i tirocini che la Fondazione Baruchello ha in atto con la Sapienza Università di Roma, Facoltà di Scienze Umanistiche. Gli studenti potranno seguire il progetto nelle sue varie fasi collaborando con attività formative di ricerca e assistenza pratica. Info: w3.uniroma1.it - CS.doc

Ecomediterranea 2008

2 - 5 dicembre 2008, Palermo
Si svolgerà presso l’ex deposito delle locomotive di Sant’Erasmo, a Palermo, la 2. edizione di “Ecomediterranea”, Fiera Internazionale dell’ambiente e dello sviluppo sostenibile dei paesi del Mediterraneo. La manifestazione, organizzata da “A.r.e.a.”, é promossa dalla Provincia regionale di Palermo. Alla fiera si affiancheranno 4 giorni di convegni internazionali dove i maggiori esperti e i professionisti del mondo della tutela e dei servizi ambientali si confronteranno per mettere a punto le migliori strategie per coniugare difesa dell’ambiente e opportunità di sviluppo dei paesi del Mediterraneo. Particolare attenzione verrà riservata anche al pubblico dei bambini e degli adolescenti. Per essi verrà realizzata una mostra divulgativa e una serie di percorsi didattici su temi legati alla salvaguardia ambientale. Ecomediterranea è rivolta alle aziende, alle associazioni e agli enti pubblici che operano nel settore dell’agricoltura, dell’ambiente, delle energie alternative e tutto quello che è collegato alla qualità della vita. In particolare, alla fiera saranno presenti le seguenti categorie: Certificazione di Qualità (ISO 9000, tracciabilità, certificazione di prodotto), Agricoltura (biologica, integrata e biodinamica), Consulenza ambientale, Raccolta e trattamento rifiuti, Riciclaggio e recupero, Gestione integrata dei rifiuti, Bonifica acque e siti contaminati, Trattamento acque, Gestione integrata dei servizi idrici, Energia da fonti rinnovabili, Mobilità sostenibile, Depurazione aria, Trattamento antinquinamento, Trattamento polveri, Ingegneria ambientale, Natura (parchi, riserve e biodiversità), Educazione e comunicazione ambientale, ATO Rifiuti/Acque. Info: tel +39 091 6196241 fax +39 091 6196235 e-mail: info@areasicilia.com; www.areasicilia.com - www.provincia.palermo.it

4/12/2008


Patrizia Mello - Design contemporaneo_ presentazione libro

Il 4 dicembre 2008 alle ore 15, presso la sede del Corso di Laurea in Disegno Industriale, in Via Vittorio Emanuele 41, Calenzano (Firenze), verrà presentato il libro di Patrizia Mello “Design contemporaneo - mutazioni, oggetti, ambienti, architetture”. Introducono: Raimondo Innocenti, Preside della Facoltà di Architettura di Firenze | Vincenzo Legnante, Presidente del Corso di Laurea in Disegno Industriale | ne parlano: Denis Santachiara, Designer | Francesco Trabucco, Facoltà del Design, Politecnico di Milano | Maurizio Vitta, Facoltà del Design, Politecnico di Milano | Coordina: Massimo Ruffilli, Presidente del Corso di Laurea Magistrale in Design | In libreria per Electa un volume che fa il punto sulle nuove mutazioni del design contemporaneo, puntando a colmare un vuoto di impegno teorico e critico. L’autrice Patrizia Mello mira in particolare a configurare una mappa degli eventi più significativi che stanno segnando lo sviluppo del design contemporaneo, all’interno della quale orientarsi e trovare di nuovo senso per l’azione progettuale, al di là della semplice registrazione dei fatti e delle tendenze. A partire dagli anni ’70 fino a oggi, viene esplorato il tema dell’innovazione nel progetto e dell’influenza esercitata sul sociale: dal nostro rapporto con gli oggetti ai differenti comportamenti che ne scaturiscono, dal modo di vivere in casa a quello di concepire l’ambiente domestico. Il volume fornisce una valutazione delle attuali tendenze nel settore dell’industrial design e dell’ambiente domestico in generale, in particolare alla luce di uno dei cambiamenti più significativi che riguardano l’attuale momento storico: l’influenza delle nuove tecnologie elettroniche, che porta a un rapporto sempre più intimo e disinibito con gli oggetti, i quali finiscono per essere considerati parte integrante di se stessi. Inoltre i cambiamenti che interessano i metodi di produzione, e il conseguente moltiplicarsi delle possibilità di dare forma alle idee, sta ampliando da diversi anni la gamma di scelte del progettista […] **[Patrizia Mello si interessa di teoria del progetto contemporaneo, di architettura e di disegno industriale, argomenti su cui svolge attività di ricerca, con pubblicazione di numerosi articoli e saggi, organizzazione di convegni e incontri di studio. Insegna presso la Facoltà di Architettura di Firenze. Nel 1995 ha fondato e diretto, fino alla chiusura, IDEA. (Industrial Design Electronic Address), uno dei primi siti Internet di design esistenti a livello internazionale, e il primo in Italia.Tra le sue pubblicazioni ricordiamo Philippe Starck. Progetti in movimento (Festina Lente, 1997), Spazi della patologia Patologia degli spazi (Mimesis, 1999), L’ospedale ridefinito. Soluzioni e ipotesi a confronto (Alinea, 2000), Metamorfosi dello spazio. Annotazioni sul divenire metropolitano (Bollati Boringhieri, 2002), Ito Digitale. Nuovi media, nuovo reale (Edilstampa, 2008)]. Info: tel 02 21563456 fax 02 21563314 e-mail: electalibri@mondadori.it; www.electaweb.com

Progettare la città vasta. Luoghi pubblici condivisi

Il 4 dicembre 2008 presso il ridotto del Teatro Verdi di Pordenone l’associazione culturale “La città complessa” e gli studi di architettura czstudio di Marghera, Kallipolis di Trieste, Ludens di Modena, tamassociati di Venezia - invitati al 4. laboratorio di progettazione urbana “Progettare la città|luoghi pubblici condivisi” - illustreranno le proposte elaborate per l’area a nord del comparto industriale Electrolux, attraversato dai confini amministrativi dei Comuni di Porcia, Pordenone, Roveredo in Piano. Verrà inoltre presentato il volume ‘Progettare la città vasta. Luoghi pubblici condivisi’ che raccoglie le riflessioni e i progetti per l’area indagata nel laboratorio. Un territorio urbano allargato raccoglie in sè centri abitati cresciuti uno accanto all’altro fino a confondere i bordi: è la città vasta, sistema insediativo fluido a diversa densità composto spesso da un capoluogo a cui si accostano città di dimensioni minori. I luoghi attraversati dalle linee dei confini amministrativi hanno accumulato nel tempo addensamenti, fratture, incongruenze, spazi della casualità edilizia e dell’abbandono geografico; su aree considerate, fisicamente, ai margini della pianificazione si mostra l’assenza di confronto e di progetti condivisi fra comuni limitrofi. I cambiamenti urbani, sociali ed economici degli anni recenti richiedono un diverso atteggiamento nella gestione del governo del territorio allargato, in cui strategie politiche concordate possano dare risposte alle esigenze di una popolazione sovralocale che quotidianamente vive lo spazio continuo urbanizzato. Tre sono i temi che diventano gli elementi di riferimento della città vasta degli anni a venire: i luoghi pubblici condivisi per rispondere a mutate esigenze sociali e proporre nuove centralità, lo spessore dei confini per rendere più sottili le linee giuridiche territoriali e riconsegnare identità allo spazio naturale ed edificato, la costruzione di un paesaggio abitato consapevole come progetto sostenibile in cui sia prioritario il dialogo tra luoghi, infrastrutture ed edifici. Il tema affrontato è ampio e prevede lo studio di aspetti diversi che connotano la città contemporanea. Socialità, mobilità, lavoro, trasporti, tempo libero, gestione e creazione delle risorse energetiche, tutela del patrimonio ambientale. Temi che hanno un valore sovralocale, per ragioni pianificatorie, per usi, per scala delle politiche di intervento, per la consistenza di richieste, risposte e che rappresentano anche la complessità di un paesaggio urbano che ha cambiato radicalmente i suoi punti di riferimento e che è alla ricerca di nuove risposte […]. Info: e-mail: info@lacittacomplessa.eu; www.lacittacomplessa.eu

MULTIPLE CITY. Urban Concepts 1908-2008

4 dicembre 2008 - 1 marzo 2009, München (DE)
The Architekturmuseum der TU München, in the Pinakothek der Moderne, Barer Strasse 29, München, organize the exhibition “MULTIPLE CITY. Urban Concepts 1908-2008″. The exhibition is showing current, world-wide urban developments as mirrored in central concepts of the city over the past 100 years. By juxtaposing and presenting the inter-relationships of historical and contemporary ideas on town planning it illustrates and provides insights into the complex and multi-layered developments in this field. The spectrum reaches from the historical garden city at the beginning of the 20th century to the concepts of urban landscapes in the early post-war period and those of today, from the “new towns” of the 1960s to the current creation of new cities in China and the United Arab Emirates, from the leading idea of a “mobile city” to the “telepolis” of the digital age and from the “pleasure city” of the global consumer landscape to the strategy of branding, the city as a trademark. Urban structures are subject to constant transformation, with new phenomena emerging that can, at the same time, be the product of established strategies. The phenomena are heterogeneous; there is neither a distictive, regognisable form nor a strategy for coping with the city of today: the multiple city. Visitors to the exhibition are given the opportunity to explore sixteen themes and to experience town planning as a stimulating discourse in which we are all involved. Original plans and models present international examples to document historical concepts of the city. These are systematically jutaposed to current changes in urban spaces in a photographic documentation. Info: tel +49 (0)89 23805379 fax +49 (0)89 23805310 e-mail: info@pinakothek.de www.pinakothek.de - tel +49 (0)89 28922493 fax +49 (0)89 28928333 e-mail: archmus@lrz.tum.de; http://www.architekturmuseum.de

6/12/2008


XS - La Festa dei centri storici

6 - 8 dicembre 2008, Spoleto
Spoleto ospita XS - Festa dei centri storici: si tratta di un’occasione per analizzare e comunicare tutta la straordinaria ricchezza e le molteplici qualità del centro storico di Spoleto, presentato e fatto vivere attraverso tutte le sfaccettature e le caratteristiche che lo rendono unico. XS - Festa dei centri storici è un evento promosso dal Comune di Spoleto, realizzato dal centro di ricerca Fo.cu.s e Master ACT, Sapienza, Università di Roma, e dalla società Monti&Taft, con il patrocinio della Regione Umbria. Nei tre giorni della manifestazione, una serie di conferenze e di incontri partecipativi, così come di appuntamenti con le arti e lo spettacolo, consentiranno al pubblico di immergersi nella conoscenza di tutti gli aspetti rilevanti che rendono peculiare il centro storico di Spoleto: dalle eccellenze urbanistico-architettoniche, alla qualità del suo patrimonio artistico-culturale, dalle dinamiche che interessano il tessuto sociale ed economico alle potenzialità del suo comparto turistico-promozionale. Molti gli appuntamenti in programma: si va dagli incontri sulla rivitalizzazione del centro storico (attraverso i progetti del piano urbano complesso di Seconda Generazione recentemente presentato in Regione) a quelli sul ruolo della cultura quale fattore di sviluppo urbano, dai seminari sulla presenza degli immigrati nei centri storici, agli approfondimenti sui grandi progetti della mobilità alternativa per il miglioramento della qualità della vita, dalle conferenze spettacolo sul rapporto tra cultura-arte e territorio alle proiezioni di pellicole che hanno visto Spoleto come set cinematografico, fino alla inaugurazione del nascente Centro commerciale Naturale di Spoleto. E poi una ricca proposta di eventi Extra-festival come mostre fotografiche, proiezioni cinematografiche, interventi di arte pubblica e video-arte. Il tutto nelle location più belle della città: dalla Rocca Albornoziana a Palazzo Leti-Sansi, da Piazza Collicola e Piazza del Mercato. XS - Festa dei centri storici propone una visione del centro storico come un luogo fisico in cui lo sviluppo è legato non soltanto alle attività economiche (commerciali e produttive) ma anche ad altri sistemi, ugualmente capaci di generare attrattività, come quelli dei racconti, dei ricordi, dell’identità delle tradizioni delle popolazioni locali, dei beni immateriali che sono patrimonio di chi il centro storico lo abita o lo ha abitato. Tre giorni dunque in cui ci si interrogherà su quali siano le condizioni e le opportunità per una vera rivitalizzazione del centro storico della città. Info: tel +39 06 5759501 fax +39 06 57305277 e-mail: info@extra-smallfestival.it; www.extra-smallfestival.it

7/12/2008


Lancement des “échanges métropolitains”

[ouverture: 7/12/2008]
Le Pavillon de l’Arsenal, centre d’information, de documentation et d’exposition d’urbanisme et d’architecture de Paris, lance “échangesmétropolitains” et vous invite tous, franciliens et internautes, à contribuer au débat sur l’actualité et l’avenir de la métropole. Réagissez, prenez position, contribuez et exprimez vous autour de 5 grandes questions : Qu’avons nous en commun ? Comment tous nous loger ? Comment mieux se déplacer ? Quels services et équipements partagés? Une métropole européenne durable ? Pour échanger autour de chacune de ces questions, le Pavillon de l’Arsenal vous donne rendez-vous pendant 6 mois : dès le 7 décembre 2008 sur www.echangesmetropolitains.com. Cette plate-forme internet participative donne la parole, au travers d’entretiens vidéos, à des témoins de l’Île-de-France, des acteurs locaux, des architectes, des artistes, des dirigeants d’institutions, des entrepreneurs, des responsables associatifs, des urbanistes …, mais permet aussi à tous de réagir aux témoignages, de poser des questions ou de poster des contributions sur les différents enjeux de la métropole. Véritable espace communautaire ouvert à tous, echangesmetropolitains.com est conçu pour s’enrichir semaine après semaine de nouveaux témoignages, de ressources documentaires et de toutes les contributions et réactions des internautes. échangesmétropolitains est conçu par le Pavillon de l’Arsenal avec Cyrille Poy, journaliste indépendant spécialisé dans la politique de la ville, l’urbanisme, le développement durable et l’architecture, qui animera les 5 débats publics. En partenariat avec le Journal du Dimanche et le JDD.fr. Info: Julien Pansu, tel +33 (0)1 42 763195 fax +33 (0)1 42 762632 e-mail: julienpansu@pavillon-arsenal.com - Benoit Martin, tel +33 (0)1 42 762376 e-mail: benoitmartin@pavillon-arsenal.com; www.pavillon-arsenal.com - CS.pdf

8/12/2008


The Art Newspaper launches web TV channel

The Art Newspaper is proud to announce the launch of a web TV channel for the art world. It features interviews with key collectors, curators, dealers, artists, and art world luminaries. The Art Newspaper TV aims to further the success of The Art Newspaper and continue to provide breaking news, art market analysis and insight for the art world, online. The site features interviews with sculptor Sir Anthony Caro, painter Ellsworth Kelly and singer Patti Smith – all recorded this year. There are also illuminating interviews with John Richardson, Jeffrey Deitch, Adam Lindemann and Simon de Pury, to name but a few. Anna Somers Cocks, founder of The Art Newspaper and presenter for The Art Newspaper TV says, “We have always insisted on going to primary sources for our stories in the print edition and the online channel will maintain these standards. Firsthand comment from experts in their respective fields will be the hallmark of our interviews”. Recent features and interviews include: - Frieze Round Up_ Dealers arrived at the Frieze art fair fearing the worst on the back of a global economic meltdown. The buying frenzy of previous years was over and buying far more considered | - John Richardson, Art Historian. Part 1_ In part one John Richardson lifelong friend of Pablo Picasso talks to Anna Somers Cocks about the current crop of emerging artists and reflects upon his early days in America | - Zoo Art Fair Feature_ This year, its fifth, has more international galleries showcasing works. Collectors were out in force and, with the economic crisis just a few miles away in the city, artists and gallery owners didn’t seem to be worrying | - Martin Parr_ Martin Parr talks about his latest project which sees him photographing the rich and famous around the world. We caught up with him at this year’s Frieze Art Fair | - Don and Mera Rubell, Rubell Family Collection. Part 1_ Anna Somers Cocks talks with two of America’s largest collectors of contemporary art about why they are based in Miami, how they started their collection and the legacy they hope to leave | Info: www.theartnewspaper.tv

9/12/2008


Nasce E-cube park a Gorizia

Economy, energy, environment. E’ E-cube park il nome del progetto concepito dalla Facoltà di Architettura dell’ateneo di Gorizia e sarà un luogo di produzione energetica. Si tratta di un piano per la realizzazione di un parco delle energie rinnovabili: un impianto di dimensioni industriali integrato con quattro tipi di energie sostenibili ricavate dall’ impiego congiunto di biomasse, impianto fotovoltaico, eolico e geotermico. Il progetto nasce dalla volontà della Talento consulting srl, organismo di ispezione e controllo collegato a Sincert, impegnato nel campo della certificazione energetica. I dipartimenti di Ingegneria meccanica e Ingegneria chimica dell’ambiente e delle materie prime dell’Università di Trieste valuteranno le rese energetiche di alcuni particolari tipi di biomassa e, congiuntamente ai docenti del Dipartimento di Progettazione architettonica e urbana, realizzeranno un impianto-pilota da assumere a riferimento per un’azione di promozione dell’impiego di energie alternative. Altre attività previste saranno la sperimentazione e la dimostrazione tecnologica che saranno ottenute attraverso la realizzazione di laboratori ad hoc destinati alla ricerca. Il progetto coinvolgerà anche studenti e neolaureati interessati al settore. In programma c’è un’attività formativa mirata che sarà organizzata a vari livelli, a partire dalla formazione di livello superiore, che sarà destinata a laureati di varie aree disciplinari. Le funzioni più pratiche saranno, invece, dirette alla gestione di impianti destinati alla produzione di energie alternative. su www.ansa.it

As_Tide Networks - pcp.net.tv- ética/estética

9 - 13 dicembre 2008, Barcelona
Il 13 dicembre Love Difference partecipa al quarto workshop As_Tide (Art for Social Trasformation and Intecultural Dialogue in Europe) Networks, dal titolo “pcp.net.tv : ética y estética”, che si tiene presso il centro Hangar (Barcellona). “Dopo una settimana in cui un gruppo di 28 persone ha trascorso 40 intense ore a spremersi le meningi e a sporcarsi le mani discutendo, scoprendo e creando materiali audiovisivi ecco pronto un viaggio in un mondo in cui etica ed estetica non possono essere separate l’una dall’altra: la prima trasmissione di pcp.net.tv, live da Hangar sabato 13 dicembre dalle 18 alle 22 (fuso orario di Barcellona). La trasmissione è aperta al pubblico: fisicamente divenendo parte dell’audience ad Hangar (Passatge del Marquès de Santa Isabel, 40 Can Ricart - 08018 Barcelona) e virtualmente dal link http://pcp.net.tv usando VLC (scaricabile da http://www.videolan.org/vlc/). E’ possibile contribuire alla trasmissione usando tre canali: video-answering-machine, chat e Flickr. Mandate ad Hangar i vostri video, registrazioni webcam o audio oppure contattate Hangar durante il broadcast via chat. Non tutto il materiale ricevuto potrà essere trasmesso per ragioni di durata della trasmissione. Per fornire video e audio andate su www.youtube.com ed eseguite il login con user: elvideocontestador e password: estetica. Per inviare relativi testi e link usate la chat del sito di Hangar durante la trasmissione. Per caricare foto su www.flickr.com, eseguite il login con user: pcpnettv e password: estetica. Per vedere i contributi presentati: http://youtube.com/elvideocontestador. Info: e-mail: pcp.net.tv@gmail.com - pcpnettv@yahoo.es; www.hangar.org - www.astide.eu - www.lovedifference.org

10/12/2008


The Image of Heritage: Changing Perception, Permanent Responsibilities

7 - 8 marzo 2009, Firenze >[call for papers: 10/12/2008]
The Romualdo Del Bianco Foundation of Florence, ICOMOS (International Council on Monuments and Sites), and ICCROM (International Centre of the Preservation and Restoration of the Cultural Heritage) are glad to announce that the abstract submission for the III ICOMOS Scientific Committee Theory and Philosophy of Conservation and Restoration Conference The Image of Heritage: Changing perception –permanent responsibilities is now open. The conference is divided into 4 sections: - SESSION I: Changing the approach to the cultural property in the past: physical and intellectual | - SESSION II: Media between man and cultural property: their influence on the perception | - SESSION III: Mass tourism and cultural property: the place of cultural tourism | - SESSION IV: Responsibility for the future; the role and responsibility of mass media; the sustainable cultural tourism | Please submit your abstract (and specify the session chosen) no later than December 10th 2008. The abstract should not be longer than 5.000 characters (without images). The first-order headings should be in Times New Roman 12, bold, upper/lowercase letters with the text in Times New Roman 11, 1.5 spacing. | Among all the abstracts received: - a)_ 20 of them will be selected by December 20th, 2008 by the ISC Theory Commission Members (headed by Prof. Andrzej Tomaszewski) for the oral presentation during the conference in Florence |- b)_ the ISC Theory Commission reserves the right to select other abstracts whose authors will be invited to submit final reports; those reports will be included in the virtual proceedings of the conference and visible on the official ISC Theory Commission’s web site | The authors will also have the opportunity to take part in the conference in Florence as auditors (non-speakers). The official ISC Theory Commission’s web site will also host a Forum where users can interact with the Members of the ISC Theory Commission. Info: tel +39 055 216066 fax +39 055 283260 e-mail: icomos.theory@fondazione-delbianco.org; www.fondazione-delbianco.org

Italian Experimental Cinema V.1 ‘08 - Mostra del cinema d’artista italiano

10 - 14 dicembre 2008, Roma
Il 10 dicembre alle ore 18 inaugura la 1. edizione di Italian Experimental Cinema - una mostra di cinema d’artista italiano dalla protostoria del Futurismo fino ai nostri giorni che si terrà presso il Nuovo Cinema Aquila, in via L’Aquila 68, Ambasciata di Francia, a Roma. Questa mostra antologica sul cosiddetto “Cinema d’artista” e più in generale su quello indipendente include proiezioni cinematografiche, opere grafiche, fotografiche e installazioni multimediali, ed è a cura di Piero Pala. Italian Experimental Cinema ripercorre la storia del cinema d’artista e/o sperimentale, partendo dalle origini del cinema, quando le potenzialità del dispositivo di ripresa e di proiezione cominciavano ad essere indagate, fino a spalancare la porta alla contemporaneità. Gli oltre 40 artisti e cineasti coinvolti sono qui chiamati in causa in virtù della loro entrata nella nuova era digitale attraverso il riciclo di materiale in pellicola, la costruzione di apparecchiature stenopeiche Super-8, l’uso di cineprese Super8, 16mm, 35mm, videocamere digitali, personal computer, applicazioni di editing scanning e rendering. Questa infinita serie di dispositivi ha consentito agli artisti di produrre immagini e di rinnovare il linguaggio audiovisivo di un cinema in cui le tecniche utilizzate per la realizzazione dei film non erano e non sono indifferenti al contenuto degli stessi. Il progetto Italian Experimental Cinema sarà accompagnato da un catalogo critico e informativo con contributi di differenti autori. La manifestazione è realizzata con il sostegno del Comune di Roma – Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione e con il patrocinio e il sostegno dell’Ambasciata di Francia in Italia. Info: tel 333 7358983 e-mail: info@complusevents.com; www.complusevents.com - www.cinemaaquila.com - programma.pdf

Marina Ballo Charmet - Il parco

10 dicembre 2008 - 18 gennaio 2009, Milano
Il 10 dicembre alle ore 18 inaugura presso la Triennale di Milano, in Viale Alemagna 6, IL PARCO, mostra personale di Marina Ballo Charmet, promossa dalla Provincia di Milano in collaborazione con il Museo di Fotografia Contemporanea, con il sostegno di Four Partners e con la sponsorizzazione tecnica di LAB (Laboratorio Arti Bovisa). L’artista presenta il suo ultimo progetto, articolatosi nell’arco di tre anni, dal 2006 al 2008, nelle maggiori città europee e a New York. Il parco urbano: l’area pubblica per eccellenza, la necessità di natura e di verde; ma soprattutto un luogo da abitare in cui si rimettono in moto l’articolazione dentro/fuori, privato/pubblico, centro/periferia. Il progetto IL PARCO di Marina Ballo Charmet documenta frammenti di vita ed esperienze colti attraverso l’obiettivo fotografico nei parchi di diverse città del mondo, tra le quali: Milano, Roma, Parigi, Berlino, Londra, Madrid, Palermo e New York. Il parco con il suo potenziale di libertà: libertà dello stare insieme e nello stesso tempo stare insieme con una libertà che la quotidianità non consente. Nelle grandi città il parco, soprattutto nei giorni di festa, diventa laboratorio di convivenza, teatro di gioco in cui leggere, dormire, ballare, fare pic-nic. Diventa terreno di socialità e condivisione, insieme di microcosmi che vivono temporaneamente l’uno di fianco all’altro senza rinunciare alla propria specificità. La mostra comprende fotografie di diverso formato e una videoinstallazione a tre schermi realizzata nel Parco Sempione di Milano. Mostra a cura di Gabi Scardi e Roberta Valtorta. Info: tel 02 724341 fax 02 72434239 e-mail: info@triennale.it; www.triennale.it

Dialogo elastico col viadotto di Corso Francia a Roma

[rinviato a gennaio 2009]
Il 10 dicembre 2008 dalle ore 14:00 alle ore 17:30 sotto il viadotto di Corso Francia a Roma avrà luogo “Dialogo elastico”, instant workshop e performance di Alessandro Lanzetta + Emanuele Piccardo /Archphoto e Anna Rita Emili /altro_studio con Miki Fossati, insieme agli abitanti del quartiere e ai cittadini interessati. L’evento è organizzato dal Laboratorio di Allestimento Urbano della Prima Facoltà di Architettura “Ludovico Quaroni” - Università di Roma “La Sapienza, curato da Daniele Mancini. In streaming su www.archphoto.it - www.unpacked.it

Mediarc - Festival Internazionale di Architettura in Video

10 -13 dicembre 2008, Firenze
Il 10 dicembre 2008 apre alla Casa della Creatività, Vicolo S. M. Maggiore 1, a Firenze, la 9. edizione di “Mediarc: Festival Internazionale di Architettura in Video”. L’evento, promosso dal Dipartimento di Tecnologie dell’Architettura e Design “Pierluigi Spadolini” dell’Università degli Studi di Firenze. L’evento rappresenta un appuntamento di visione e riflessione sulla rappresentazione dell’architettura, del design, della sostenibilità della proposta progettuale dell’ambiente costruito, e dovrà essere un significativo punto di riferimento sia per la comunità scientifica ed accademica, che per un largo pubblico. Mediarc sarà un viaggio attraverso la città muovendosi dalle testimonianze dei maestri dell’architettura moderna per arrivare alle nuove visioni del paesaggio urbano. Una finestra spalancata sul mondo del design e dell’architettura, un’avventura mediatica piena di suggestioni culturali e di ricerca visiva. La manifestazione si svolgerà in 4 giornate/serate di proiezione di materiale audiovisivo di recente produzione, ma anche storico, prodotto sia in Italia che a livello internazionale. Info: tel 055 2381240 fax 055 2678780 e-mail: info@casadellacreativita.it; www.casadellacreativita.it - www.unifi.it

11/12/2008


Ecomuseo Urbano della Città di Torino

L’11 dicembre alle ore 17 presso l’Ecomuseo Urbano, in via Medici 28, a Torino, si terrà l’naugurazione del Centro di Interpretazione e della mostra ‘Il territorio storico’. La salvaguardia del patrimonio culturale riguarda tutti noi. Con ruoli e responsabilità diverse, ciascuno ha il dovere di tutelare i beni materiali e immateriali ereditati dalle generazioni precedenti e, contemporaneamente, il diritto di conoscerli e di goderne. Con l’apertura al pubblico del Centro, l’Ecomuseo Urbano di Torino si arricchisce di un ulteriore presidio territoriale per la tutela attiva della storia e del patrimonio culturale locale. I quartieri di San Donato, Parella e Campidoglio, oggi compresi amministrativamente nella Circoscrizione Quattro, pur condividendo la storia della Città, conservano infatti beni, edifici simbolo, memorie e identità proprie di cui i più profondi esperti sono i loro abitanti. Il Centro si presenta così come uno spazio in cui la storia e le memorie plurali di Torino possono essere dinamicamente interpretate e rappresentate, un luogo di socialità in cui i cittadini possono partecipare all’elaborazione di saperi, alla progettazione di attività culturali e all’organizzazione di momenti di vita della comunità territoriale. Non un museo dunque, chiuso, circoscritto e con collezioni definite, ma un ecomuseo, appunto, un processo aperto alle esigenze del territorio che compie ricerche, studia e valorizza una collezione grande quanto la città | - Ecomuseo Urbano di Torino_ è un’esperienza unica a livello nazionale, promossa e sostenuta dalla Città di Torino in stretta collaborazione con le Circoscrizioni, è una sfida per rendere la cultura accessibile a tutti ma, di più, per rendere tutti i cittadini protagonisti e responsabili nel dare valore al patrimonio culturale. L’ Ecomuseo Urbano di Torino è un progetto della Città realizzato in collaborazione con le Circoscrizioni che svolgono il ruolo di portavoce delle esigenze e delle aspirazioni degli abitanti. Ha radici nel pluriennale lavoro di ricerca, di documentazione, di riflessione sulla storia cittadina che associazioni culturali, centri di documentazione storica, istituti di cultura, scuole realizzano nel territorio torinese. Nato nel 2004 e coordinato dal Settore Educazione al Patrimonio Culturale della Città, l’EUT è uno strumento per contribuire alla salvaguardia e alla tutela del patrimonio diffuso nei quartieri di Torino. Punti di riferimento sul territorio sono i Centri di Interpretazione, aperti al pubblico ad oggi in otto Circoscrizioni, dove è possibile consultare documenti e archivi, partecipare alla costruzione del progetto e alla realizzazione delle attività. Info: tel 011 4428420 fax 011 4428421 e-mail: ecomuseo4@comune.torino.it; www.comune.torino.it/ecomuseo

Giovanni Bartolozzi - I Quaderni del Corso_1

Esce il 1. numero di ‘I Quaderni del Corso. Corsi in corso della Facoltà di architettura di Firenze’, a cura di Giovanni Bartolozzi. “Si tratta di un quaderno nato spontaneamente durante l’attività didattica svolta in questi anni con gli studenti del laboratorio del prof. Breschi. E’ un’iniziativa fatta con poco, che tiene dentro un piccolo universo di novità, di possibilità, di pensieri in costante evoluzione e finalizzati alla costruzione di un sistema didattico nuovo. I Quaderni del Corso sono un’iniziativa concreta per iniettare linfa nella didattica, sempre più dispersiva, omologata e poco gratificante. Nello specifico riguarderà le attività, i progetti sviluppati nei corsi di progettazione dei professori Breschi, Lo Russo e Moretti. Il quaderno è autofinanziato e già in distribuzione in tutte le sedi della facoltà di architettura di Firenze. In questo primo numero presentiamo i concept di progetto elaborati in poche settimane dagli studenti del Laboratorio di Orientamento del prof. Breschi, per la trasformazione dell’ex inceneritore di San Donnino in museo dell’energia. La copertina è un omaggio al prof. Paolo Galli, recentemente scomparso e membro di 9999, uno dei gruppi radicals più attivi e originali nel panorama fiorentino dell’architettura radicale. Infine, per questo primo numero, un ringraziamento sentito a Edoardo Cesàro, perché è stato lui a farmi comprendere che oggi ‘la rivoluzione è possibile’ solo queste condizioni”. (Giovanni Bartolozzi) | E’ disponibile sul web: Quaderni_1.pdf

12/12/2008


Premio del Paesaggio del Consiglio d’Europa

[deadline: 12/12/2008]
Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali organizza la selezione di interventi significativi in funzione della candidatura italiana al Premio del Paesaggio promosso dal Consiglio d’Europa nell’ambito dell’attuazione della Convenzione Europea del Paesaggio sottoscritta nel 2000 a Firenze. Il premio biennale, la cui prima edizione si terrà nel 2009, riguarda quei progetti realizzati da almeno tre anni che esprimano in termini pratici i principi contenuti nella convenzione ed è rivolto ad amministrazioni pubbliche, anche organizzate in forma di consorzi e ONG. Si vuole individuare e premiare gli interventi che costituiscano il risultato di politiche sostenibili ed integrate con il territorio di appartenenza (sostenibilità), che rappresentino modelli significativi di buone pratiche (esemplarità), e che rilevino una presenza pubblica deducibile sia dall’integrazione dei diversi livelli amministrativi che dal coinvolgimento delle popolazioni nelle varie fasi di realizzazione (partecipazione), momenti di consapevolezza del valore del patrimonio presente sul territorio (sensibilizzazione). L’organizzazione del premio non è solo l’occasione per costruire un possibile scenario delle politiche territoriali messe in atto dalle amministrazioni italiane negli ultimi anni, ma una opportunità per la promozione e la diffusione di una rinnovata attenzione nei confronti del paesaggio come patrimonio culturale determinante per lo sviluppo del Paese. I progetti inviati per la selezione alla candidatura italiana devono pervenire entro il 12 dicembre 2008 secondo la procedura indicata nel sito www.premiopaesaggio.it e previa compilazione della scheda di iscrizione. Info: tel +39 02 70639293 fax +39 02 70639761 e-mail: acma@acmaweb.com - info@premiopaesaggio.it; www.acmaweb.com - www.premiopaesaggio.it

Ecologies urbaines – Pour un urbanisme performatif

L’Ecole Spéciale d’Architecture organise le 12 décembre 2008 un colloque international sur le thème Ecologies urbaines – Pour un urbanisme performatif. Ce colloque s’inscrit dans le cadre d’une recherche d’un an, financée par le Ministère de la Culture et de la Communication, le Ministère de l’Ecologie, du Développement et de l’Aménagement durables et le Ministère du Logement et de la Ville, suite à la 3eme session d’appel à propositions “Architecture de la grande échelle”. Il sera l’occasion d’un débat sur les méthodes et problématiques de recherche liées à la question des écologies urbaines et aura pour objectif de définir l’hypothèse principale de la recherche à développer. L’équipe de chercheurs associée à l’ESA pour cette recherche est composée de : Michael Hensel (ingénieur/architecte - directeur scientifique) | Paolo Cascone (ingénieur/architecte - coordinateur) | Andrea Di Stefano (architecte/paysagiste) | Chris Younès (philosophe) | Les intervenants sont des professionnels travaillant depuis plusieurs années sur ce thème et enseignant pour la plupart dans des écoles d’architecture en Europe : AA School of architecture (Londres), AHO (Oslo), BerlageInstitute (Rotterdam), Ecole Spéciale d’Architecture (Paris), Uni Stuttgart. Ils sont en outre membres de divers laboratoires ou réseaux de recherche : ESA-Lab, Ocean, RST Philau. La société d’aménagement Rhône Saône Développement participe également à la recherche en tant que maître d’ouvrage et sera représentée par son directeur général Jean-Paul Viossat. Ce colloque, qui se déroulera à l’Ecole Spéciale d’Architecture, 254 Bd Raspail, Paris 14ème, sera le premier d’une série d’événements liés à la recherche Ecologies urbaines. Info: Amina Chady, tel +33 1 40474024 fax +33 1 43228116 e-mail: achady@esa-paris.fr; www.esa-paris.fr - CS.pdf

Progettare la sostenibilità - workshop con Behnisch Architekten

12 - 16 dicembre 2008, Firenze
AND Rivista di architettura, città e architetti e DNA Associazione culturale promuovono il workshop “Progettare la sostenibilità” con Behnisch Architekten che si configura come un’occasione importante per una riflessione sulla progettazione sostenibile applicata ad una concreta realtà urbana, quale può essere un’area in trasformazione all’interno di una città così peculiare e urbanisticamente rappresentativa come Firenze. Il workshop sarà condotto dall’architetto Martin Haas, dello studio Behnisch Architekten di Stoccarda, che da anni si occupa di queste tematiche, diventando uno dei maggiori studi del settore a livello internazionale (www.behnisch.com), in grado di affrontare progetti a diversa scala, come la sede tedesca della Unilever ad Amburgo, il nuovo Campus dell’Università di Harvard o, in Italia, la nuova sede per gli uffici del Comune di Ravenna e dell’ARPA. Martin Haas, coadiuvato da un team di docenti, guiderà 20 tra architetti ed ingegneri nella progettazione di un’area urbana di Firenze, secondo un approccio ed una metodologia sostenibile. Nel corso della progettazione i partecipanti al workshop saranno supportati da consulenti tecnici di primarie aziende produttrici di materiali per l’edilizia eco-sostenibile. Al termine del workshop verrà rilasciato un attestato di partecipazione. Partecipanti: 20 architetti e ingegneri su iscrizione fino ad esaurimento posti. Sede: Spazio A18, via degli Artisti, 18R Firenze. Info: tel 055 2461361 fax 055 2461362 e-mail: info@and-architettura.it; www.and-architettura.it

Al via il Cineporto di Torino

Il 12 dicembre 2008 il Cineporto di Torino, la casa dei produttori voluta da Film Commission Torino Piemonte, sarà inaugurato alla presenza del sindaco Sergio Chiamparino, della presidente della Regione Piemonte, Mercedes Bresso, degli assessori alla Cultura del Comune, Fiorenzo Alfieri, e della Regione, Gianni Oliva. Dopo 5 anni di lavori, le società cine-televisive che sceglieranno il territorio di Torino e del Piemonte per le loro produzioni, avranno a loro disposizione il più grande e attrezzato business-centre d’Europa, polivalente e dotato di tutti i servizi più moderni e tecnologicamente avanzati. Sorto nel complesso industriale dell’ex cotonificio Colongo, stabile di inizi ‘900, la realizzazione del Cineporto (progetto dello Studio Baietto-Battiato-Bianco per il recupero e la riconversione), costata intorno a 8 milioni e mezzo di euro, equamente suddivisi tra Regione Piemonte e Comune di Torino, intende rispondere a quello che è l’obiettivo di Film Commission Torino Piemonte: offrire a produzioni nazionali e internazionali le migliori condizioni logistico-organizzative durante lo svolgimento della loro attività produttiva sul territorio. Nello specifico, la struttura copre un’area di 9.400 mq., di cui 6.400 coperti, suddivisa in 5 moduli che consentiranno la compresenza in contemporanea di altrettante produzioni; la struttura è dotata di spazi per sartoria, piccola scenografia, falegnameria, attrezzeria, lavanderia, locali per ricovero di mezzi mobili di grandi dimensioni, sala casting, sale riunioni, bar-ristorante, sala cinematografica (il Movie) di 96 posti per visionare i giornalieri e che proporrà cortometraggi e documentari esclusivamente italiani privi di distribuzione commerciale. Le 40 produzioni sostenute nel 2008 e i relativi investimenti sul territorio superiori a 25 milioni di Euro – entrambi i dati aggiornati a fine ottobre – confermano, per gli organizzatori, che il Cineporto, “intervenendo in un contesto di già riconosciuta eccellenza e nell’offrirsi quale avanzata struttura di servizi, che si affianca a studi di produzione e laboratori di postproduzione già attivi in Piemonte, saprà rispondere alla missione di potenziare produttivamente il comparto cinema dell’economia piemontese”. Saranno presenti all’inaugurazione molti produttori cinematografici italiani. Info: tel +39 011 5660177 fax +39 011 5920555 e-mail: info@fctp.it; www.fctp.it - www.regione.piemonte.it

13/12/2008


Moretti visto da Moretti

13 dicembre 2007 - 15 marzo 2008, Roma
A conclusione delle iniziative di valorizzazione promosse per onorare il centenario della nascita dell’arch. Luigi Moretti (1907-1973) sarà inaugurata oggi presso l’Archivio Centrale dello Stato, Piazzale degli Archivi 27, a Roma la mostra monografica a lui dedicata: “Moretti visto da Moretti”. Luigi Moretti è uno dei massimi esponenti di quello che i critici chiamano razionalismo italiano. Fin da giovanissimo, infatti, gli furono commissionate da parte del governo italiano, la realizzazione dei principali edifici che dovevano essere espressione e simbolo dell’utopia fascista. Fu Moretti infatti che progettò la Casa della Scherma e il Piazzale dell’Impero al Foro Italico, la Piazza Imperiale e il Grande teatro per l’Esposizione Universale programmata per il 1942 a Roma e mai realizzata a causa della guerra. Depositato nel 2000, l’archivio Moretti comprende 195 fascicoli relativi ad altrettanti progetti, consistenti in circa 9000 tavole, di cui circa 2000 disegni originali, ma anche oltre 3000 fotografie, 17 plastici, spezzoni di pellicole collezionate dall’Autore e numerose rarità bibliografiche relative alla sua opera; inoltre corrispondenza, manoscritti, testi di articoli, conferenze, materiale relativo agli studi di carattere urbanistico, alla rivista “Spazio” ecc… La mostra antologica è la riproposizione, aggiornata e arricchita dei disegni, dei plastici e delle foto originali, della esposizione autobiografica realizzata dallo stesso Maestro nel 1971 a Madrid. Si tratta di 21 opere giudicate dall’Autore come rappresentative del suo percorso professionale, artistico e culturale. Sarà inoltre presentato il sito web www.architettoluigimoretti.it dove tutti i materiali del fondo Moretti conservato presso l’Archivio Centrale dello Stato possono essere liberamente consultati. […] Alla cerimonia di apertura della mostra, che sarà presentata dal Prof. Aldo G. Ricci, Sovrintendente all’Archivio Centrale dello Stato, interverranno: Maurizio Fallace, Direttore Generale per gli archivi, Luciano Marchetti, Direttore Generale per i beni culturali e paesaggistici del Lazio,Giulia Rodano, Assessore alla Cultura, Spettacolo e Sport della Regione Lazio e ne discuteranno:Antonella Greco. Luisa Montevecchi,Renato Nicolini, Luigi Prisco, Bruno Reichlin, Livio Sacchi. Info: tel +39 06 545481 fax +39 06 5413620 e-mail: acs.archivi@beniculturali.it; www.archivi.beniculturali.it/ACS/ - www.architettoluigimoretti.it

92ma Collettiva Giovani Artisti alla Bevilacqua La Masa

14 dicembre - 16 gennaio 2009, Venezia
Inaugura il 13 dicembre 2008 alle ore 12 presso la galleria Bevilacqua La Masa, in Piazza San Marco a Venezia, la 92ma Collettiva della Fondazione Bevilacqua La Masa. 25 giovani artisti e 10 giovani grafici, tanti sono i selezionati tra i 280 giovani - 40 in più rispetto alla passata edizione - che quest’anno hanno partecipato al concorso, che festeggia il centenario dalla prima esposizione di Ca’ Pesaro del 1908, portando le proprie opere e documentazione alla Fondazione. Nei giorni dedicati alla consegna si sono alternati nella stanza del camino del complesso dei Santi Cosma e Damiano, trasformato per l’occasione in un vivace e colorato deposito d’arte, centinaia di ragazzi. In 72 ore sono state archiviate 397 opere, 32 in più rispetto all’edizione della 91ma Collettiva. Le tecniche usate sono state tra le più varie: pittura, installazione, fotografia, scultura, video e proposte di performance consegnate dai giovani artisti. 57 le immagini grafiche per la comunicazione: a presentarle giovani creativi che hanno cercato di ideare il progetto per dare vita alla comunicazione della mostra. I 10 selezionati della Grafica avranno la possibilità di partecipare alla mostra Collettiva nella sezione dedicata, esponendo vicino al vincitore, i rispettivi manifesti nella galleria di piazza San Marco. […] Quest’anno la mostra dei Borsisti della 91ma Collettiva Giovani si svolgerà nello stesso spazio. Roberta Bruzzechesse, Martina Dinato, Daniele Franzi e il Gruppo Rca, i giovani artisti che nella passata edizione avevano vinto le borse di studio messe a disposizione dalla Blm, esporranno i propri lavori all’interno della galleria di piazza San Marco. A loro infatti verrà dedicata una sala all’interno della quale potranno fra vedere al pubblico i risultati di un anno di lavoro. Artisti selezionati in mostra: Marco Citron, Mario Tomè, Giorgio Andreotta Calò, Charles Heranval, Riccardo Giacconi, Claudia Rossini, Roberto De Pol, Dario Lazzaretto, Andrea Kvas, Stefano Bullo, Ivana Bukovac, Marco Bulfoni, Lia Cecchin, Mario Ciaramitaro, Tommaso Gorla, Maija Markovic, Georg Malfertheiner, Niccolò Morgan Gandolfi, Edoardo Tronchin, Antonio Cataldo, Mario Ciaramitaro, Riccardo Giacconi, Alessandra Messali, Adriano Nasutti Wood, Nicola Nunziata, Giulio Squillacciotti, Laure Zarif Keyrouz. Info: tel 041 5207797 e-mail: press@bevilacqualamasa.it; www.bevilacqualamasa.it

My Space. Cosa vuol dire ‘pubblico’?

13 dicembre 2008 – 20 aprile 2009, Napoli
Inaugura il 13 dicembre alle ore 19, presso il PAN-Palazzo delle Arti Napoli in via dei Mille 60, l’evento “My Space. Cosa vuol dire ‘pubblico’?”, a cura di Laura Barreca e Julia Draganovic. Nell’accezione più comune l’arte pubblica si riferisce ad interventi di natura urbana che presentano opere in spazi pubblici, aperti alla fruizione collettiva. In molti casi, però, tali interventi non instaurando col territorio una vera e propria relazione, provocano attorno all’opera ciò che il critico americano Clement Greenberg definisce “isolamento estetico”. Gli artisti di My Space. Cosa vuol dire ‘pubblico’? offrono spunti per una riflessione sfaccettata sulla dicotomia fra “privato” e “pubblico”: dagli elementi fisici, come lo spazio inteso nella sua accezione di nido familiare, piazza aperta o sistema urbanistico, la gamma tematica si estende al comportamento individuale (dall’introverso quasi “invisibile” al performer che si offre al pubblico in modo estremo e senza filtri, fino alla possibilità di diventare una “star”, anche ma non solo tramite i diversi media) fino ai ruoli differenti attributi a uomini e donne. Più che dare risposte gli artisti, stimolano dibattiti immaginari di tipo sociologico e urbanistico, ispirano ricerche architettoniche e più in generale estetiche , sollecitando una riflessione su opportunità e limiti legati al genere. Nella mostra tre linee di ricerca disegnano altrettante modalità di interpretazione del tema: il concetto di pubblico osservato attraverso la dualità tra l’affermazione dello spazio personale e l’approccio urbanistico; il concetto di pubblico attraverso la comunicazione telematica, la condivisione orizzontale del sapere, internet come spazio di interazione globale, i networks come forma di partecipazione collettiva. Infine la riflessione sul rapporto del ruolo pubblico e privato dell’uomo e della donna configura lo spazio d’azione e l’appartenenza al genere maschile o a quello femminile, ruoli definiti sia nella cultura occidentale che in quella orientale. […] La mostra è prodotta dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli e da Change Performing Arts, Milano | Artisti: Vito Acconci, Fikret Atay, Kuba Bakowski, Michael Beutler, Mieke Gerritzen, Kate Gilmore, Niklas Goldbach, Kaarina Kaikkonen, Lorenza Lucchi Basili, Sabrina Mezzaqui, Cesare Pietroiusti, Melita Rotondo, Gerry Schum, Sissi, Giuseppe Stampone, Janaina Tschäpe, Nico Vascellari, Vedovamazzei. Info: tel +39 081 795863052 e-mail: info@palazzoartinapoli.net; www.palazzoartinapoli.net

15/12/2008


Borse di studio per Archivi Audiovisivi

[scadenza: h 12 - 15/12/2008]
L’Ordine Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di Roma e Provincia bandisce un concorso per titoli e colloquio per il conferimento di due borse di studio per: “Attività di ricerca ed aggiornamento dell’Archivio Audiovisivo storico di documentazione sulla rappresentazione dell’Architettura nei film dei maggiori registi italiani contemporanei” per architetti iscritti all’Ordine Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di Roma e Provincia. Sono istituite n. 2 borse di studio per attività di: a) ricerca, acquisizione, catalogazione e archiviazione di video (film, documentari ecc.) sulla rappresentazione dell’architettura nel cinema | b) esame e selezione dei brani di interesse dei video | c) elaborazione di un database integrato e messa in rete dell’archivio | d) progettazione, montaggio di dvd “a tema” con cortometraggi monografici su architettura e cinema d’autore. L’attività di ricerca è da svolgersi presso la sede del “Centro di documentazione sulla storia della cultura architettonica Italiana”, in via Crescenzio 16 a Roma. L’ammontare delle borse è di € 3.000,00 ciascuna, da corrispondere in un’unica rata alla consegna dei lavori e comunque previa verifica dal responsabile del progetto che fornirà idonea relazione finale. Info: tel 06 97604511 e-mail: architettiroma@archiworld.it; bando.pdf

XXIV edizione dei Premi Pier Paolo Pasolini 2008

Il 15 dicembre alle ore 17 è in programma al cinema Lumière di Bologna la cerimonia ufficiale di premiazione della XXIV edizione dei Premi Pier Paolo Pasolini 2008, bandita dall’Associazione Fondo Pier Paolo Pasolini, fondata e istituita da Laura Betti e da alcuni anni con sede presso la Cineteca di Bologna. I Premi riguardano la migliore tesi di laurea o di dottorato dedicata alla vita e all’opera di Pier Paolo Pasolini. I membri della giuria (Gianni Scalia, Marco Antonio Bazzocchi, Luciano De Giusti, Massimo Fusillo, Hervé Joubert-Laurencin, Peter Kammerer, Giacomo Manzoli, Guido Santato e Giovanni Spagnoletti) consegneranno al vincitore un assegno del valore di duemila Euro. Ospite d’onore della serata Franco Citti, attore pasoliniano per eccellenza, indimenticabile protagonista di “Accattone” e di molti altri capolavori del regista, dei quali verranno mostrate alcune sequenze. Con lui Dario Bellini, videoartista collaboratore di Federico Fellini sul set di “Ginger e Fred”. Ad arricchire l’evento la proiezione di un vera rarità d’archivio: il cortometraggio “Il ragazzo motore” di Paolo Faloja con il commento di Pier Paolo Pasolini. Il documentario prende spunto da un fatto realmente accaduto a Pasolini e da lui stesso riportato all’inizio del film: la passione dei giovani delle borgate romane per i motori e per le corse clandestine. Segue dunque un’inchiesta su questa passione/ossessione dei ragazzi di strada. Per l’occasione verrà presentato anche il secondo numero della rivista ‘Studi pasoliniani’, diretta da Guido Santato. Martedì 16 alle ore 20.15 ancora un’occasione pasoliniana: la proiezione di “L’armata cavallo” di Miklós Jancsó ambientato nella Russia degli anni Venti, dilaniata dalla guerra civile fra le opposte fazioni ‘bianchi’ zaristi a quelle dei ‘rossi’ bolscevichi e che mostra, quasi in alternanza, le reciproche violenze commesse dalle due parti, focalizzando l’attenzione dello spettatore sul nudo meccanismo della sopraffazione fisica del vincitore (provvisorio) sul vinto. Si tratta del primo di una serie di appuntamenti a cadenza mensile che intendono riflettere sulle matrici e sulle filiazione di “Salò”, il capolavoro maledetto di Pasolini, che proprio al film di Jancsó sembra ispirarsi soprattutto nella rappresentazione della spoliazione e dell’umiliazione fisica e morale dell’avversario. Lo stesso Jancsó avrebbe omaggiato Pasolini, alcuni anni dopo la sua tragica morte, in “Il cuore del tiranno”, non a caso interpretato da Ninetto Davoli. Info su www.cinetecadibologna.it

Impronta globale - Inchiostro Indelebile. Impronte a regola d’arte

15 - 20 dicembre 2008, Roma
Il 15 dicembre 2008 alle ore 18 presso l’ISA–Istituto Superiore Antincendi, in via del Commercio 13, a Roma, avrà luogo la mostra d’arte contemporanea Impronta globale - Inchiostro indelebile. Impronte a regola d’arte, a cura di Daniele Arzenta. L’evento, che riunisce circa 300 artisti nazionali ed internazionali, è l’ultima tappa prima dell’asta finale il cui ricavato verrà devoluto all’Associazione “Nonne di Plaza del Mayo”, al fine di sostenere il loro progetto “Banca del sangue e laboratorio di ricerca genetica sul DNA”, necessario per ritrovare i figli scomparsi dei “desaparecidos”, strappati agli oppositori politici durante la dittatura argentina e mai più ritrovati. La mostra Inchiostro indelebile. Impronte a regola d’arte è stata presentata per la prima volta nel 2003 al MACRO di Roma. Un evento espositivo di alto valore che ha riscosso un notevole successo, diventando un vero e proprio work in progress. Negli ultimi anni infatti, sono aumentate notevolmente il numero delle opere e parti della mostra hanno viaggiato in tutta Italia e all’estero. La tematica della mostra prende spunto dal dibattito svoltosi qualche tempo fa sulle impronte digitali richieste agli immigrati, per estendersi più in generale al tema degli strumenti di controllo nella società contemporanea. Su tali questioni sono state coinvolte personalità della cultura, dello spettacolo, opinion leader, figure politiche e pubblico spontaneo, che hanno dato il loro “contributo” imprimendo su tela le proprie impronte digitali. Tra i personaggi che hanno “donato” le loro Impronte: il premio Nobel Lech Walesa, il cantautore Vasco Rossi, il capitano della Roma Francesco Totti, il critico d’arte Maurizio Calvesi, l’Onorevole Massimo D’Alema, il regista Michelangelo Antonioni, l’attrice Claudia Cardinale, sono solo alcuni degli oltre cinquecento nomi noti. In seguito circa 300 artisti, fra i più affermati nel panorama internazionale dell’arte contemporanea, hanno completato l’opera lasciando la loro “impronta artistica indelebile”, ognuno attraverso il proprio linguaggio: dalla fotografia al video, dalla scultura all’installazione. […] L’evento, organizzato dall’associazione culturale Horti Lamiani Bettivò, da Hybrida Contemporanea e da Giuseppe Ussani d’Escobar, è sostenuto dalla Fondazione Internazionale Don Luigi di Liegro e dalla Provincia di Roma. Dipartimento IX – servizio n.3 “Immigrazione e Emigrazione”. Info: tel +39 06 5758023 fax +39 06 5758040 e-mail: info@hybridacontemporanea.it; www.hybridacontemporanea.it

Premio Francesca Alinovi 2008

Il 15 dicembre 2008, alle ore 17, nell’Aula Magna dell’Accademia di Belle Arti, in via Belle Arti 54, a Bologna, si terrà l’assegnazione del Premio Francesca Alinovi 2008. Quest’anno la giuria ha concentrato l’attenzione su Enrica Borghi, artista quarantenne residente sul lago di Orta ma anche a Berlino, la cui attività riguarda una delle funzioni principali che ai nostri giorni si possano riconoscere agli artisti, quella di affrontare il trash quotidiano, i rifiuti del consumismo, e più precisamente l’infinita popolazione dei contenitori di plastica per bibite e altri prodotti di uso popolare, in genere tinteggiati con colori grossolani e stridenti. La Borghi in sostanza riedita per i nostri tempi il mito di un Re Mida capace di trasformare in oro il materiale più triviale che si possa incontrare. Una ragione aggiuntiva della scelta a favore di Enrica Borghi è la Biennale dei Giovani che in questi giorni si sta svolgendo all’Accademia di Belle Arti di Bologna. La rassegna quest’anno espone alcuni progetti elaborati da allievi delle Accademie e dei Dams del nostro paese rivolti all’arredo urbano di edifici, piazze, spazi pubblici, e dunque nei confronti di queste proposte la Borghi può davvero fungere da madrina propiziatrice. Il Premio Alinovi è “povero ma bello”, di ricco valore morale ed estetico, ma di nessun importo in denaro. Consiste infatti nel dono di un’opera che il vincitore della passata edizione reca al suo successore. Quest’anno dunque sarà il duo teatrale Rezza e Mastrella a dare questo omaggio simbolico alla Borghi. E’ pure tradizione che la cerimonia sia accompagnata dalla conferenza di un rappresentante delle nuove leve della critica, volta a tratteggiare la situazione in atto. Nella presente occasione la scelta è caduta su Elena Volpato, curatrice della collezione di film e video d’artista della Galleria d’Arte Moderna di Torino. La sua conferenza verterà su “Tempo filmico e tempo fotografico, verso la mostra Cronostasi”. Info: tel 051 4226411 fax 051 253032 e-mail: info@accademiabelleartibologna.it; www.accademiabelleartibologna.it - e-mail: dipartivis.specializzazione@unibo.it; www.artivisive.unibo.it

16/12/2008


Videoarch 08

Il 16 dicembre 2008 alle ore 18, presso lo Spazio SASS, piazza Battisti, a Trento, si terrà la presentazione di “Videoarch 08″, a cura di Mariella Rossi. L’evento, organizzato da CITRAC, costituisce la 2. edizione di un progetto biennale che indaga i territori comuni crossmediali tra architettura – per definizione immobile – e videoarte – per definizione in movimento. Il progetto si divide in una selezione di opere video che mettono in evidenza questi punti di contatto e che vengono proiettate direttamente sulle facciate dei palazzi cittadini, e nell’invito rivolto ad un artista internazionale a creare una nuova opera video site-specific attorno all’architettura della città e della provincia. In questo modo Videoarch sta dando vita ad un laboratorio attivo e una collezione inedita legata al luogo. A caratterizzare questa 2. edizione è un apporto nuovamente internazionale degli artisti invitati che quest’anno vede la presenza di artisti presenti alle Biennali Arti Visive e architettura di Venezia e un laboratorio attivo di creazione sul territorio. Il progetto si sviluppa in 2 sezioni: la proiezione rivolta ad un pubblico ampio della selezione di opere video sulla facciata di un palazzo storico di via San Pietro, che diventa così architettura “attiva”, e un laboratorio di indagine sul territorio che a sua volta si biforca nella realizzazione di un’opera video site-specific e in una coppia di tavole rotonde. La selezione di video che nella precedente edizione aveva come punto di partenza l’uomo e la sua presenza sociale all’interno del tessuto urbano, quest’anno prende alla lettera la provocazione lanciata dalla Biennale Architettura di andare Beyond architecture, oltre l’architettura. […] I video tracciano un preciso percorso in cui l’individuo tenta di appropriarsi dell’architettura, che invece sfugge sempre più fino a divenire qualcosa di estraneo. […] Info: tel +39 0461 230171 fax +39 0461 230072 e-mail: sopr.archeologica@provincia.tn.it; www.trentinocultura.net - www.citrac.it

17/12/2008


No Limit

18 dicembre 2008 - 18 gennaio 2009, Paris
Le mercredi 17 décembre 2008 à 11h30 au Pavillon de l’Arsenal on tiendra l’inauguration de l’exposition “No Limit. Etude prospective de l’insertion urbaine du périphérique de Paris”. Cette exposition offre un nouveau regard sur le boulevard périphérique et projette de possibles transformations en travaillant à la fois sur, sous et contre l’infrastructure. Maquettes d’études, perspectives et vidéos permettent à chacun d’imaginer des métamorphoses du paysage urbain traversé par cette infrastructure. En contrepoint de l’image négative et simpliste dont le boulevard périphérique fait l’objet, la jeune agence d’architectes urbanistes TVK (Lauréats des Nouveaux Albums des Jeunes Architectes et du Palmarès des Jeunes Urbanistes), auteurs de cette étude pour la Direction de l’Urbanisme de la Ville de Paris et commissaires scientifiques invités de l’exposition, expliquent que le périphérique, autoroute la plus empruntée du monde et limite à la fois historique et symbolique, peut donner naissance à d’autres développements. En examinant avec attention ce territoire longtemps délaissé et en inventant une cartographie propre, l’exposition montre d’abord les différentes relations que le périphérique entretient avec la ville à travers ‘16 identités métropolitaines’ puis en approfondit 6 qui font l’objet de projets de transformations possibles autour de cette infrastructure. Sans bien sur effacer sa valeur principale, qui en fait, à l’instar de la Seine et dans une version contemporaine, un grand espace ouvert métropolitain. Ils seront présents: - Bertrand Delanoë, Maire de Paris | - Anne Hidalgo, Première Adjointe au Maire de Paris chargée de l’Urbanisme et de l’Architecture - Présidente du Pavillon de l’Arsenal | - Dominique Alba, Directrice Générale du Pavillon de l’Arsenal | Info: tel +33 1 42762653 e-mail: infopa@pavillon-arsenal.com; www.pavillon-arsenal.com - CS.pdf

Le Tramway, l’exposition

18 dicembre 2008 - 1 marzo 2009, Paris
Le mercredi 17 décembre 2008 à 11h30 au Pavillon de l’Arsenal on tiendra l’inauguration de l’exposition “Le Tramway, l’exposition”. Cette exposition présente pour la première fois l’opération du tramway parisien dans son ensemble, du tronçon réalisé entre le pont de Garigliano et la porte d’Ivry au projet d’extension en cours jusqu’à la Porte de la Chapelle. Le Pavillon de l’Arsenal souhaite ainsi faire découvrir la multiplicité des savoir-faire mis en œuvre dans cette opération exceptionnelle qui, combinant performances techniques et esthétiques, ambitions urbaines et architecturales, modifie la mobilité des usagers et marque de son empreinte l’urbanisme et le paysage des boulevards des Maréchaux au cœur de la métropole. Véritable promenade, l’exposition traverse les paysages urbains de 7 arrondissements parisiens, franchit la Seine et les canaux, fait découvrir au fil du tracé les bâtiments emblématiques du XXe siècle, explique les opérations d’aménagement urbain en cours. L’exposition donne la parole aux équipes d’architectes et de paysagistes associés en charge de l’aménagement des différents secteurs pour expliquer leurs visions et en particulier sur les espaces majeurs : Grumbach/Devigne, Devillers/Corajoud, Reichen et Robert & Associés/Peña & Pena. Le visiteur est également plongé au cœur des processus de conception et de mise en œuvre de cette opération : vidéos des réunions de concertation avec les habitants, films de chantier* illustrant les transformations urbaines, principes d’implantation des espaces verts, détails de plantation et des essences, dessins de l’équipe Wilmotte/Arnaud de Bussière pour le mobilier des stations et de l’infrastructure. “Le Tramway, l’exposition” est réalisée avec le soutien de la RATP et d’Alstom. Ils seront présents: - Bertrand Delanoë, Maire de Paris | - Anne Hidalgo, Première Adjointe au Maire de Paris chargée de l’Urbanisme et de l’Architecture - Présidente du Pavillon de l’Arsenal | - Dominique Alba, Directrice Générale du Pavillon de l’Arsenal |- Annick Lepetit, Adjointe au Maire de Paris chargée des déplacements, des Transports et de l’Espace public | Info: tel +33 1 42762653 e-mail: infopa@pavillon-arsenal.com; www.pavillon-arsenal.com - CS.pdf

PhotoCairo4 - The Long Shortcut

17 dicembre 2008 - 14 gennaio 2009, Cairo (Egypt)
PhotoCairo4: The Long Shortcut, curated by Aleya Hamza and Edit Molnar, is a large-scale visual arts project that explores the dynamics between informal and official modes of operation that continue to shape the social reality in this region and beyond. The program revolves around a number of loose coordinates. One main site is Cairo itself as a quintessential example of an explosive mega city situated in a state characterized by a mode of perpetual crisis. Under these conditions one can think of informal structures and strategies of existence as creatively pragmatic answers that are by definition - rather than design - subversive. On the one hand, we would like to examine transformations in images of officialdom and the rhetoric of power through media representations. However, we are also interested in poetic accounts of daily life, personal narratives and creative strategies employed by Individuals faced with the reality of navigating these mutating hybrid structures. Artists: Agency, Ala’ Younis , Ahmed Kamel, Artur Żmijewski , Babak Afrassiabi, Bernard Guillot , David Thorne & Julia Meltzer, Doa Aly, Hala Elkoussy, Hassan Khan, Heidrun Holzfeind, Ihab Jadallah, Kareem Lotfy, Larissa Sansour , Leopold Kessler, Maha Maamoun, Mahmoud Khaled, Mandy Gehrt, Mohamed Allam, Raed Yassin, Rana El Nemr. […] Info su www.photocairo4.com

19/12/2008


Le politiche per la casa e per la riqualificazione dei quartieri

Il 19 dicembre 2008 alle ore 17, presso il Salone di Rappresentanza del Banco di Chiavari e della Riviera Ligure, in via Garibaldi 2, a Genova, si terrà l’incontro “Le politiche per la casa e per la riqualificazione dei quartieri” promosso nell’ambito dell’iniziativa ‘Gli incontri della Fondazione Labò per la città’. I programmi di edilizia pubblica hanno condotto alla realizzazione dei “Piani 167” nelle loro diverse localizzazioni nell’ambito del territorio genovese, giungendo alla configurazione di nuovi quartieri che presentano significative carenze di carattere strutturale. È necessario riflettere sulle modalità e sulle metodologie di intervento attraverso cui conferire o riconferire qualità alla vita e qualità all’abitare in questi ambienti periferici della realtà urbana. A partire dagli anni novanta si è animato il dibattito sul tema della riqualificazione e si sono proposti interventi insieme complessi e innovativi per operare nelle situazioni di debolezza dei margini urbani periferici. Alla prima fase insediativa, che non ha consentito di ottenere risultati qualitativamente soddisfacenti, ha fatto riscontro una seconda indirizzata a sanare le carenze più marcate riconducibili peraltro alla dimensione edilizia senza affrontare il più complesso e inadeguato impianto urbanistico. È evidente infatti che il percorso della riqualificazione non può essere intrapreso con le stesse modalità adottate nella formazione dei quartieri di fronte a due rischi quello dello spreco di risorse pubbliche e quello di disattendere le aspettative dell’utenza | Moderatore: Rinaldo Luccardini | Proiezione di un filmato | Intervengono: - Luigi Lagomarsino - Problematiche e prospettive di intervento nei quartieri popolari | - Antida Gazzola - Gli aspetti sociali delle politiche per la casa | - Emanuele Piccardo - Le esperienze INA CASA e i margini urbani | - Agostino Petrillo - Periferie spaziali e periferie sociali | - Luciana Arcangeli - Il recupero del patrimonio esistente | - Michele Parodi - Contributo e aspettative degli operatori privati | Info: tel +39 010 2474777 fax +39 010 2474760 e-mail: info@fondazionelabo.com; www.fondazionelabo.it - CS.pdf

20/12/2008


Premio Lissone Design 2008

[deadline: 20/12/2008]
La Città di Lissone (Mi) attraverso il suo Museo d’arte contemporanea propone la 2. edizione del Premio Lissone Design, un concorso a premi, che vuole stimolare la creatività di giovani che ambiscono l’inserimento nel mondo del design. Fra gli elementi di suggestione e di interesse, vi è l’impegno da parte degli organizzatori di individuare entità produttive disponibili a realizzare i prototipi dei progetti premiati e a porli eventualmente in produzione. Esito interessante, per i giovani progettisti, è inoltre la possibilità di dare visibilità alle proprie idee, sia in una mostra organizzata presso il museo, sia in esposizioni significative al di fuori di esso. Tema del premio è quest’anno “Arredare con la luce” e richiede la progettazione di nuovi concept di prodotto / arredo luminoso e/o corpi illuminanti, con riferimento al settore delle nuove tecnologie dell’illuminazione ed alle sue molteplici, possibili ed innovative applicazioni nel campo dell’interior ed exterior design. […] Il concorso è aperto a studenti di Università (Facoltà di Design, di Architettura, Ingegneria) e Scuole superiori di Design, a progettisti, artisti, architetti e designer di qualsiasi nazionalità che nell’anno solare 2008 non abbiano ancora compiuto 36 anni di età. Sono previsti tre premi in denaro per un ammontare complessivo di € 10.000,00 (€ 5.000,00 al 1° classificato - € 3.500,00 al 2° classificato - € 1.500,00 al 3° classificato), la realizzazione dei prototipi dei primi 6 progetti classificati, l’esposizione di tutti i progetti pervenuti presso il Museo d’Arte Contemporanea di Lissone, l’inserimento di tutti i progetti regolarmente ammessi al concorso su CD o DVD realizzato per l’occasione ed inserito nel catalogo della mostra dei prototipi. Info e bando: e-mail: lissonedesign@comune.lissone.mb.it; www.comune.lissone.mb.it

30/12/2008


BilbaoJardín 2009

>[deadline: 30/12/2008]
The purpose of the second edition of BilbaoJardín 2009 is to create 27 new spaces in our city, 27 personal and creative conceptions of modern gardening. These 27 spaces have been carefully selected in order to form a creative mesh within the city, allowing locals and visitors alike to enjoy a very special stroll throughout the different quarters of Bilbao and marvel at the garden projects participating in the contest. BilbaoJardín 2009 aim is to continue on its invitation to the development of creative gardeners, landscape artists, architects and other creative people wishing to participate. The contest has no theme, so contestants are free to choose their own topics. Also, the organizers will value those proposals based on living matter, that is, on vegetation, as the main element of their creations, since it is precisely this use of botanical elements (trees, bushes, ivy, perennial plants, flowers, water plants, succulent plants) that we wish to particularly disseminate. The contest is open to all those individuals or teams interested in participating. Info: tel +34 94 4238600 e-mail: bilbaojardin@ayto.bilbao.net; www.bilbaojardin.com - bando_en.pdf

31/12/2008


Premio di laurea in architettura “Luca Andreasi”

[deadline: h.12 - 31/12/2008]
Il Comune di Montecchio Maggiore (Vi) ha istituito la 1. edizione del Premio Luca Andreasi per Tesi di Laurea in Architettura e Tutela del Paesaggio, nel ricordo del giovane architetto prematuramente scomparso che a Montecchio Maggiore ha dedicato gli studi e una significativa opera professionale. Il Premio viene promosso dal Comune di Montecchio Maggiore e dalla famiglia Andreasi, in collaborazione con l’Ordine degli Architetti P.P.C. di Vicenza. Il Premio di Studio Luca Andreasi per Tesi di Laurea nasce dalla convinzione che l’educazione alla buona architettura si eserciti con la sua divulgazione, e vuole essere un omaggio ed un riconoscimento alle sensibilità e ai caratteri che gli studenti di architettura, di pianificazione territoriale, di conservazione e di paesaggistica, esprimono alla fine del proprio ciclo di studi diventando momento di confronto sulle migliori espressioni progettuali elaborate in ambito accademico sulle realtà del territorio vicentino. Il Premio è rivolto a Tesi di Laurea elaborate su Montecchio Maggiore e sul territorio dell’Ovest Vicentino, sull’architettura del paesaggio, le tecnologie dei materiali e le tecniche costruttive, sul recupero di edifici storici, sullo sviluppo e la pianificazione del territorio. Il Premio si divide in 2 sezioni: - la prima, sezione medicina, per onorare la figura del dottor Andrea Andreasi, creatore del Reparto di Ortopedia e Traumatologia dellOspedale di Montecchio, di cui si è celebrato lo scorso anno il 35° anniversario della fondazione; - la seconda, sezione architettura e tutela del paesaggio, per ricordare la figura generosa dell’architetto Luca Andreasi, attento conoscitore del territorio, della sua evoluzione urbana e delle vicende umane che lo hanno caratterizzato nel tempo. Il Premio di Studio Luca Andreasi prevede l’assegnazione di due premi, attribuiti a giudizio insindacabile della Commissione Giudicatrice: - al 1° classificato un premio di 3.500 euro | - al 2° classificato un premio di 1.500 euro | Info: tel 0444 323548 fax 0444 545794 e-mail: architettivicenza@archiworld.it; www.comune.montecchio-maggiore.vi.it

Feel the Planet Earth 2008 - Cifial Design Award

[deadline: 31/12/2008]
The Cifial Design Award “Feel the Planet Earth” is organized with the aim of promoting design, both as a culture, and as a tool, capable of proposing innovative solutions to man’s approach to his social and natural environment. The object of this contest is to promote the exchange of ideas and spread the values of design, offering new approaches to tasks products and services, visualizing, interpreting technologies, etc. Its theme arises from the day-to-day concerns around the huge transformations that are presently taking place in our society economy culture and environment, and which the present paradigms seem to be unable to deal with. The goal of this award is to identify and disseminate design contributions to help build a path towards sustainability on issues that we all face, and must urgently discuss. It will be run on a two-phase selection based firstly on an Abstract submission and then a further development for those selected. The theme for the 2008 Award will be the over-dependence on non- renewable sources of energy in the current pattern of development. Any design work on this issue, whether a vehicle, a public transport service, a cooking device or a lighting system, a water pump or any other practical or theoretical contribution, as well as a synopsis from an MsC or PhD dissertation, can be proposed. English will be the only accepted language for the competition. Info: e-mail: cifial@cifial.pt; www.feeltheplanetearth.org

Premio Internazionale Architettura Sostenibile Fassa Bortolo 2009

[deadline: 31/12/2008]
Il Premio Internazionale di Architettura Sostenibile, giunto alla sua 6. edizione, è nato nell’ambito dell’importante manifestazione internazionale del decennale di fondazione della Facoltà di Architettura di Ferrara, svoltasi nel 2003. Ideato e promosso dalla Facoltà stessa con il sostegno economico dell’azienda Fassa Bortolo, il Premio intende riportare l’attenzione sulla necessità di riesaminare il rapporto tra processo edilizio e qualità dell’habitat attraverso il perseguimento della compatibilità tra produttività economica, tutela delle risorse e qualità dell’ambiente. Il Premio vuole quindi incentivare e promuovere architetture che sappiano rapportarsi in maniera equilibrata con l’ambiente, che siano pensate per le necessità dell’uomo e che siano capaci di soddisfare i bisogni delle nostre generazioni senza limitare, con il consumo indiscriminato di risorse e l’inquinamento prodotto, quello delle generazioni future. Il Premio è suddiviso in 2 sezioni: - opere realizzate da professionisti | - progetti elaborati come Tesi di Laurea | Saranno assegnati per ciascuna sezione un Premio al primo classificato e due Menzioni Speciali alle opere e ai progetti ritenuti, a giudizio della giuria, meritevoli per aspetti particolari. Per la sezione delle “opere realizzate da professionisti” il montepremi complessivo è di 10 mila euro così distribuito: - 1 premio al vincitore del Premio “Architettura Sostenibile” pari a 5 mila euro | - 2 premi alle Menzioni Speciali pari a 2.500 euro ciascuno | Per la sezione dei “progetti elaborati come Tesi di Laurea” il montepremi complessivo è di 8 mila euro così distribuito: - 1 premio al vincitore del Premio “Architettura Sostenibile” pari a 4 mila euro | - 2 premi alle Menzioni Speciali pari a 2 mila euro ciascuno | Info: tel 0422 7222 fax 0422 887509 e-mail: fassa@fassabortolo.it; www.fassabortolo.com

vai su>|news|