NEWS in archivio aprile 2007
by Luisa Siotto
contact news@archphoto.it
vai su>|news|

1/04/2007


Hiroshi Sugimoto

1 aprile - 30 settembre 2007, Codroipo (Ud)
Apre oggi, presso il Centro d’Arte Contemporanea di Villa Manin, la prima mostra in Italia dedicata a Hiroshi Sugimoto, uno tra i fotografi più importanti del panorama contemporaneo internazionale. L’esposizione, a cura di Francesco Bonami, raccoglie 50 opere fotografiche di grande formato e due sculture dell’artista giapponese. L’ampia varietà di opere presenti tocca tutte le tematiche del suo lavoro, dai primi Dioramas del 1975 alle serie Theaters, Seascapes, Portraits, Conceptual Forms, fino agli inediti Lightning Field e Talbot. Fortemente ispirati dalla tradizione concettuale e minimalista, i lavori di Hiroshi Sugimoto affrontano l’idea di fotografia e ne negano limiti e definizioni. L’intero allestimento è stato concepito dallo stesso artista che […] ha creato tra le sue opere e gli spazi espositivi una serie di rimandi e allusioni, a volte palesi e più spesso sottili, quasi a coinvolgere il visitatore in un gioco mentale che si dipana lungo le varie sale. […] Durante il percorso di questa retrospettiva s’incontrano le diverse serie, come quella sui diorami -Dioramas- con scene di vita primitiva fotografate nei musei di storia naturale, che disorientano lo spettatore, abituato ad associare un certo tipo di fotografia documentaria alla riproduzione della realtà; o quella intitolata Theaters, scattata in cinema-teatri degli anni ‘20-’30 come il Radio City Music Hall di New York e il Metropolitan Theatre di Los Angeles, dove Sugimoto ha tentato di condensare il corso del tempo e la percezione dello spazio in un singolo momento, uniformando il tempo di esposizione a quello della durata della proiezione di un film. Il rettangolo bianco e luminoso che ne deriva illumina la sala altrimenti buia e contiene le tracce di un’unità di tempo più lunga. Il tempo è ancora protagonista nella serie sugli orizzonti marini, Seascapes, dove acqua e aria si incontrano nella metà esatta dell’immagine, nel tentativo di ricreare la prima, assoluta visione del mare da parte di antichi esploratori. Il desiderio di misurarsi con la riproduzione di ciò che “non è rappresentabile” ha portato l’artista, negli anni, a confrontarsi con modelli tangibili per esprimere concetti teoretici e spirituali, come le superfici curve delle Conceptual Forms, che rappresentano formule numeriche. Con sofisticati giochi di illusioni e rimandi, l’artista spinge lo spettatore a confrontarsi attivamente con l’immagine e con l’ambiguo intreccio tra tempo e memoria che essa comunica. Info: tel +39 0432 821211 fax +39 0432 908387 e-mail: info@villamanincontemporanea.it; www.villamanincontemporanea.it

Werner Bischof - Immagini

1 aprile - 27 maggio 2007, Reggio Emilia
Si inaugura oggi a Palazzo Magnani, in corso Garibaldi 29, a Reggio Emilia, una grande mostra fotografica dedicata a Werner Bischof. Promossa dalla Provincia di Reggio Emilia e da Palazzo Magnani, con il contributo di Fondazione “Pietro Manodori” e CCPL di Reggio Emilia, l’esposizione curata da Marco Bischof raccoglie 100 scatti del grande fotoreporter della Magnum, maestro riconosciuto del bianco e nero. Attraverso le immagini esposte sarà possibile ripercorrere i lunghi viaggi che dalla Svizzera portarono Bischof negli angoli più remoti del mondo: dall’India al Giappone, dalla Corea all’Indocina fino ad arrivare a Panama, in Cile ed in Perù. Nelle sue esplorazioni dei paesi del sud e dell’est del mondo Werner Bischof rimase fortemente colpito dal forte contrasto tra modernità e tradizione, che raccontò con i suoi scatti di paesaggio e le sue nature morte. Ma non solo, Bischof è passato giustamente alla storia come il fotografo delle persone, volti di uomini donne e soprattutto bambini colti nella loro quotidianità. La mostra raccoglie una ricca selezione dei suoi più importanti reportage, affiancando ai famosi ritratti di bambini che giocano e di uomini e donne nella loro terra, le meno note, ma altrettanto affascinanti, fotografie di paesaggio e di still life. In contemporanea, nel palazzo reggiano, si terrà l’antologica dedicata all’artista americano Richard Estes, uno dei maggiori esponenti dell’iperrealismo. Info: tel 0522 454437 fax 0522 444436 e-mail: info@palazzomagnani.it; www.palazzomagnani.it

2/04/2007


Berkeley.It - Forme nella città/spazi nella metropoli_ convegno

2 - 3 aprile 2007, Roma
Si apre alle ore 9.30, presso l’Università degli Studi di Roma La Sapienza, Facoltà di Ingegneria, Aula del Chiostro, in via Eudossiana 18, il convegno “Berkeley.It”, a cura di Claudia Mattogno. Il convegno prende in esame gli aspetti strutturali e morfologici delle trasformazioni in atto nei paesaggi urbani contemporanei e mette a confronto approcci teorici, metodi di ricerca ed esiti progettuali, con particolare attenzione alle configurazioni insediative californiane e italiane, a grande come a piccola scala. Nell’immaginario della cultura urbanistica italiana le metropoli statunitensi hanno rappresentato, per antonomasia, un ambito di sperimentazione moderna oltre che una prefigurazione dell’immediato futuro. D’altro canto, la città europea, e più ancora quella italiana, ha costituito per il nordamerica un intenso e suggestivo riferimento di carattere storico. Dall’incrocio di queste traiettorie nasce l’idea di un confronto allargato per verificare l’attuale stato degli studi urbani. La scuola di Berkeley, ed in particolar modo il College of Environmental Design, costituisce un consolidato punto di convergenze per gli studiosi internazionali che operano nell’organizzazione del territorio, del paesaggio e del disegno urbano. Alcuni dei docenti più rappresentativi del Landscape Department presenteranno lo stato della produzione scientifica e dell’operatività progettuale condotta negli anni più recenti. Essi intrecceranno la loro discussione con ricercatori provenienti da vari atenei italiani, ma tutti partecipi, seppur in tempi diversi, di vivificanti esperienze di studio condotte a Berkeley. Info su proArch

Arnaldo Cecchini (a cura di) - Al centro le periferie_ presentazione libro

Stasera alle ore 17, presso la Biblioteca Comunale Palazzo d’Usini, in Piazza Efisio Pasquale Tola, Sassari, si terrà la presentazione del libro “Al centro le periferie. Il ruolo degli spazi pubblici e dell’attivazione delle energie sociali in un’esperienza didattica per la riqualificazione urbana”, a cura di Arnaldo Cecchini. Scritti di Giuseppe Balzani, Alessandra Casu, Arnaldo Cecchini, Elena Cenami, Graziella Guardagno, Valentina Talu | Progetti degli studenti del “blocco didattico” Progetto e Ambiente del secondo anno dei Corsi di Laurea in Architettura e Pianificazione della Facoltà di Architettura di Sassari (sede di Alghero) | Introduzione di Giovanni Maciocco | Le periferie sono aree di bordo, terre di confine, talvolta veri spazi di transizione tra città e territorio, altre volte vere e proprie cerniere ambientali: ridare loro caratteristiche urbane, significa costruire insieme urbs e civitas, tenendo conto del fatto che spesso in esse si esprimono nuove culture e nuove forme di aggregazione, rapide nell’evolversi e pronte a degenerare. Queste energie oltre ad essere un problema della città, spesso sono una risorsa potenziale della sua evoluzione. La soluzione ai problemi delle periferie non è l’omologazione ma l’ibridazione, non la costruzione di una città centripeta, per sua natura creatrice di luoghi periferici, ma la promozione di una città multi-centrica e plurale, anche sapendo che molte periferie non sono periferiche, che alcuni centri sono periferie. Avendo ben presente che oltre alla cattiva architettura, alla cattiva urbanistica, alla cattiva politica, rovina della città è in primo luogo la cattiva economia, ovvero il dominio pieno ed incontrollato della rendita e della speculazione. L’esperienza didattica raccontata in questo libro è significativa anche per i suoi risultati, ma soprattutto perché dà conto di un percorso progettuale coraggioso, riferito ad aree periferiche della città di Sassari, che ha coinvolto giovani studenti di architettura e pianificazione per due mesi intensi e pieni di sorprese. Info: tel +39 079 9720431 fax +39 079 9720420 e-mail: serena.orizi@uniss.it; Arch-UniSs - loc.pdf

Speciale Web-Conference: Corsi di inglese per architetti “Do you speak architecture?”

web-conference: 2 aprile 2007 - ore 14-17
Sei un architetto, conosci l’inglese, ma non sufficientemente per confrontarti con un collega straniero? Vuoi esplorare l’architettura internazionale e allo stesso tempo perfezionare la lingua, magari acquisendo la terminologia tecnica specifica? Insomma, “Do you speak architecture?” Se la risposta viaggia fra il “così così”, il “poco poco” o il “sì, ma voglio migliorare” è l’occasione giusta per sperimentare il programma di corsi di inglese pensato per gli architetti e organizzato da ABACUS e Collaboratorio. “Do you speak architecture?” è l’iniziativa che offre l’opportunità di perfezionare la lingua in Inghilterra e in Italia attraverso lezioni in aula e visite guidate alle più significative opere di architettura realizzate da importanti progettisti negli ultimi anni. Alcuni di loro, fra l’altro, apriranno il proprio office agli “studenti” di “Do you speak architecture?” per raccontare la quotidianità del loro lavoro. Il programma prevede anche una serie di simulazioni legate alle ordinarie interazioni fra progettista e colleghi e fra progettista e committente. Vieni in web-conference gratuita e ascolta direttamente dalla voce del docente Oliver Learmont che cosa ti possono offrire i nostri corsi di inglese “Do you speak architecture?”. Prossima web-conference: lunedì 2 aprile 2007 dalle ore 14:00 alle 17:00 - collegati cliccando qui - Le prossime date dei corsi sul sito. Info: tel +39 041 5093450 fax +39 02 700444302 e-mail: contatto@collaboratorio.com; www.architecture.it - blog-corsi/EN - CS.pdf

XIII edizione - Premio Europeo di Fotografia Riccardo Pezza

Stasera alle ore 18.30, presso la Triennale Bovisa, in via Lambruschini 31, a Milano, nell’ambito del Photofestival 2007, evento in contemporanea con Photoshow e MiArt (30/03- 2/04), Album Associazione Culturale organizza una conferenza stampa per la presentazione del Premio di fotografia Riccardo Pezza XIII edizione, che dal 2007 diventa internazionale. Il premio fotografico Riccardo Pezza, promosso da Provincia di Milano - Assessorati alla Formazione Professionale e alla Cultura, Culture e integrazione -, dal CFP Bauer, dal Museo di Fotografia Contemporanea, dalla Triennale di Milano, da Album e dagli Amici di Riccardo Pezza, si apre alle scuole post diploma e alle università europeee, nell’intento di confermare la sua vocazione al confronto dei linguaggi contemporanei e alla promozione dei giovani autori. a seguire: - Proiezione in loop dei lavori degli studenti sulla parete esterna della Triennale Bovisa | - CFP Bauer: la didattica dei corsi di fotografia: una questione di metodo (1954-2007) le forme, gli oggetti, l’uomo | Il CFP Bauer organizza un evento presso la Triennale Bovisa: tra le 19.30 e le 24.00, sulla parete esterna dell’edificio che ospita le mostre temporanee, verrà proiettata in loop una selezione di lavori degli allievi dei corsi di fotografia. Le immagini sono tratte dall’archivio storico e contemporaneo del cfp e la sequenza di immagini rappresenta il percorso formativo: chimigrammi, fotogrammi e materia, forme naturali e oggetti, fino alla realizzazione di progetti personali che rappresentano la complessità del mondo contemporaneo, teatro e metafora della presenza umana. Info: Irene Opezzo, e-mail: info@sitoalbum.org; www.sitoalbum.org - www.cfpbauer.it - tel 02 36577801 fax 02 72434239 e-mail: ufficio.stampa@triennale.it; www.triennalebovisa.it

Nasce MASAD_rete per diffondere la cultura scientifica e tecnologica nel Mediterraneo

Nascerà il 2 aprile a Napoli presso la Città della Scienza sotto il patrocinio dell’Osservatorio EuroMediterraneo e del Mar Nero (costituito dal Comune di Napoli, l’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale” e la Fondazione IDIS-Città della Scienza di Napoli) la MASAD (Mediterranean Association for Science Advancement and Dissemination): un’associazione che vuole essere una rete fra le persone impegnate nella diffusione della cultura scientifica e tecnologica nell’area del Mediterraneo. Il Memorandum of Understanding e i regolamenti interni dell’Associazione verranno firmati nel corso dell’incontro: “La scienza per la pace: La comunicazione scientifica per il dialogo interculturale”. Nel corso dell’incontro verranno anche discussi alcuni dei progetti che vedranno impegnata l’Associazione, come il proseguimento dell’azione intrapresa dalla Città della Scienza di Napoli per la realizzazione di un Science Centre in Palestina, di cui è stato inaugurato un primo prototipo il 12 febbraio scorso presso l’Università Al Quds di Gerusalemme Est e altre iniziative promosse da Manuela Arata, direttore del Festival della Scienza di Genova. Il principale obiettivo della MASAD è rinforzare la collaborazione e il dialogo scientifico e tecnologico tra i paesi dell’area mediterranea. L’impegno prefissato è quello di creare e promuovere una nuova rete di interscambio capace di coinvolgere tutti gli scienziati e le persone che sono impegnate nel campo della comunicazione scientifica e tecnologica nel bacino del Mediterraneo e nel Vicino Oriente. La MASAD riunirà persone singole e istituzioni, come giornalisti, scienziati, musei scientifici ed enti, i quali metteranno in comune esperienza e materiale divulgativo esistente e collaboreranno in progetti congiunti per la comunicazione della scienza e della tecnologia. […] Info: Roberto Race tel 3470885233 e-mail: ufficiostampapress@gmail.com - Jennifer Palumbo, tel 081 5702158 e-mail: info@mediterraneomarnero.it; MediterraneoMarNero - CittadellaScienza - loc.pdf

4/04/2007


La città storica contemporanea_incontri sulle politiche urbane

4 aprile - 14 giugno 2007, Bologna, Forlì, Rimini
Prende il via oggi la rassegna “La città storica contemporanea”, dodici incontri sul progetto contemporaneo dei centri urbani storici. La parte della città che riconosciamo come storica è il prodotto di una evoluzione che l’ha resa di volta in volta contemporanea ai suoi abitanti: la dimensione contemporanea della città storica richiede un continuo aggiornamento sul significato attribuito alle forme storiche e sull’inserimento di nuovi valori e di nuove forme. Dopo l’aspro dibattito che, in Italia, tra gli anni Sessanta e Ottanta del 900, divise il campo dell’architettura tra “innovatori” e “conservatori”, trovando poi una tregua nella comune consapevolezza che il progetto contemporaneo è uno strumento per la valorizzazione e la conservazione dell’antico, non una minaccia per la sua integrità, oggi l’antica controversia sembra riaccendersi, in Emilia-Romagna, a partire da casi concreti. In risposta alla necessità di una riflessione pacata e priva di pregiudizi, l’IBC-Istituto Beni Culturali della Regione Emilia-Romagna, l’INU-Istituto Nazionale di Urbanistica Emilia-Romagna e l’Urban Center di Bologna organizzano “La città storica contemporanea”, una rassegna di dodici incontri con studiosi, artisti e professionisti che affrontano il tema del progetto contemporaneo dei centri urbani storici a partire dall’illustrazione di interventi recenti, in corso o già completati, in particolare in Emilia-Romagna. Si tratta di una ricognizione multidisciplinare sulla città storica nel momento in cui essa fa fronte alla nuova realtà demografica, sociale e artistica, un’occasione per fornire dati e strumenti aggiornati, non condizionati dalle antiche contrapposizioni, soprattutto a chi deve impegnarsi nelle politiche di trasformazione e di riqualificazione. La rassegna è curata da Mario Piccinini, Piero Orlandi e Francesco Evangelisti. Info e programma: tel 051 271006 e-mail: urbancenter@comune.bologna.it; UrbanCenter-Bo - tel 051 217411 fax 051 232599; IBC-Reg-Emilia-Romagna - INU - loc.pdf

12/04/2007


Monter/Brocher/Plier 2: l’architecture radicale dans la presse…

12 aprile - 9 settembre 2007, Montréal, Québec
Le Centre Canadien d’Architecture, 1920 rue Baile, Montréal, present l’exposition “Monter/Brocher/Plier 2 : l’architecture radicale dans la presse parallèle des années 196X-197X”. L’explosion de petites revues d’architecture indépendantes dans les années 1960 et 1970 a été à l’origine d’une transformation majeure de la culture architecturale. L’exposition fait l’inventaire de soixante-dix périodiques internationaux publiés au cours de cette période, et réunis pour la première fois. Ces documents remarquables associent un contenu critique avant-gardiste et une utilisation radicale de graphiques et d’images, tout en offrant une perspective unique sur une période clé pour l’architecture en expérimentation et en innovation. L’exposition, dont les commissaires sont Beatriz Colomina et un groupe d’étudiants au doctorat de l’école d’architecture de l’Université Princeton, inclut du matériel original rarement exposé provenant des collections spéciales de périodiques d’architecture et des archives du CCA. Info: tel 514 9397026; CCA

14/04/2007


RAM 2006/07 - Giovani Artisti della Provincia di Ravenna

14 aprile - 6 maggio 2007, Ravenna
Stasera alle ore 18, nell’Urban Center della ex chiesa di S. Domenico, in via Cavour, Ravenna, inaugura la collettiva degli artisti vincitori di RAM 2006, il concorso nato per la promozione e il sostegno ai giovani artisti della provincia e del Comune di Ravenna e inserito nel circuito GAI (Giovani Artisti Italiani). Il concorso, giunto alla 6. edizione, si è presentato quest’anno in una veste completamente nuova: per RAM 2006 la commissione giudicatrice, anziché selezionare delle opere, ha scelto direttamente una rosa di artisti candidati, a cui proporre un progetto specifico, che permettesse loro di sperimentarsi su un tema legato al territorio in cui vivono e creare così un’occasione di dialogo e confronto tra il mondo dell’arte e la cittadinanza. Il tema di riferimento consegnato ai giovani artisti vincitori dell’ edizione 2006 è risultato subito di grande interesse. La commissione, infatti, ha deciso di rivolgere l’attenzione su una zona della nostra città, che nel corso del tempo è cambiata fortemente sia nel suo tessuto architettonico-urbano che sociale: l’ex-Villaggio Anic. Il titolo della traccia è divenuto così: “Chi non ha un villaggio nel cuore, non può essere cosmopolita. Trasformazioni, storie, immagini dell’ex Villaggio Anic”. Un’occasione quindi per riflettere sul processo di industrializzazione della città di Ravenna, dove la nascita del polo petrolchimico ha contribuito fortemente a influenzarne il patrimonio economico, sociale, storico e culturale. L’Urban Center è divenuto quindi un luogo di elezione per l’esposizione di questi lavori, che interpretano un tema che trae origine dal territorio. Da qui l’esigenza di modificare la formula di RAM con una nuova scadenza biennale, che ha permesso ai curatori e agli artisti di realizzare ciascun progetto visivo, in maniera strutturata e in collaborazione con le persone, la Circoscrizione e gli Enti legati all’ex-Villaggio. Info: tel 0544 217359 e-mail: info@mirada.it; www.mirada.it

16/04/2007


IED Torino - Master in Comunicazione e Valorizzazione delle Risorse Territoriali e Culturali

16 aprile - 24 luglio 2007, Torino
L’emergente interesse verso le nuove strategie di marketing del territorio ed i nuovi ruoli che la Pubblica Amministrazione sta assumendo nella compagine governativa del nostro Paese, nonché l’incalzare della competitività turistico-economica dei paesi europei, la necessità per l’Italia di recuperare importanza come “culla della cultura” e terra di eccelse bellezze naturali, un tempo guardata dal mondo intero con grande ammirazione, fanno di questo Master un valido strumento di formazione per tutti coloro che vogliano dare completezza al proprio profilo professionale, e sono particolarmente attenti alle professioni emergenti e importanti per il futuro del nostro Paese. Il Master intende formare i partecipanti sull’utilizzo strategico ed operativo degli strumenti di marketing e comunicazione per promuovere e dare maggior valore al patrimonio locale e ai beni artistico-culturali del territorio, considerati tra le maggiori risorse del futuro per l’economia di regioni, distretti, province e città. Non solo il Master focalizza anche gli aspetti legati alla valorizzazione delle strutture e infrastrutture del territorio al fine di considerarlo come un patrimonio a tutto tondo da utilizzare sfruttando le possibili sinergie tra strumenti pubblici e privati. Ai fini di una completa e adeguata preparazione, il Master affronterà tematiche pertinenti non solo al marketing e alla comunicazione dunque, ma anche legate al territorio e ad aspetti dell’organizzazione, della pianificazione e programmazione gestionale. Tutto questo supportato dall’intervento di qualificati docenti e tecnici professionisti, anche attraverso lo sviluppo di case study ed esercitazioni d’aula. Info: tel +39 011 541111 fax +39 011 5170167 e-mail: master@torino.ied.it; IED-Torino

18/04/2007


Paolo Soleri: esperienze a confronto

Stasera alle ore 17, presso il MAXXI, in via Guido Reni 2f, Roma, si terrà l’incontro “Paolo Soleri: esperienze a confronto”, promosso da: DARC, MAXXI, Archphoto.it. programma:
- ore 17 - Introduzione_ Alessandra Vittorini, architetto, Servizio Architettura DARC
- ore 17.15 - Progettare la città ecologica. Il laboratorio urbano di Paolo Soleri, esperienze di progetto: esiti del workshop realizzato a Napoli nel novembre 2006_ Sandra Suatoni, storica dell’arte, Istituto Nazionale per la Grafica
- ore 17.45 - Soleri: la città contro la metropoli_ conversazione in occasione della pubblicazione del libro “soleritown”, un progetto fotografico sulle opere americane di Paolo Soleri a cura di plug_in, con il sostegno di Provincia di Torino, Ordine Architetti Torino e Fondazione Ordine Architetti Torino | intervengono: - Massimo Ilardi, sociologo urbano, Facoltà di Architettura_Ascoli Piceno | - Peter Lang, architetto, Texas University_Castiglion Fiorentino | - Emanuele Piccardo, architetto e fotografo, curatore Archphoto.it | - Filippo Romano, fotografo | - Antonino Saggio, architetto, Facoltà di Architettura L. Quaroni_Roma | coordina: Sandra Suatoni, Istituto Nazionale per la Grafica | Info: tel 06 3210181 fax 06 32101829 e-mail: lbolelli@darc.beniculturali.it - info@archphoto.it; MAXXI - DARC - CS.doc

Concorso Luoghi di valore 2007

[deadline: 18/04/2007]
La Fondazione Benetton Studi Ricerche, nel quadro delle proprie attività culturali dedicate alla conoscenza, al disegno e al governo del paesaggio, organizza il concorso “Luoghi di valore” al fine di individuare in ambito locale (Provincia di Treviso) paesaggi, giardini, spazi aperti nei quali la condizione dei patrimoni di natura, di memoria e di invenzione sia tale da contribuire alla elevazione della cultura, del gusto, della qualità della vita delle persone e delle comunità che li abitano o li visitano. L’iniziativa si affianca idealmente alla annuale campagna di attenzioni verso un luogo del mondo, in particolare dell’Europa, denominata Premio Internazionale Carlo Scarpa per il Giardino. Il concorso “Luoghi di valore” è organizzato attraverso la raccolta di segnalazioni che diano informazioni e testimonianze adeguate a comprendere lo stato di salvaguardia e di valorizzazione dei luoghi medesimi, nonché i tratti essenziali della loro forma e vita. Info: tel 0422 5121, fax 0422 579483 e-mail: luoghidivalore@fbsr.it; www.fbsr.it - bando.pdf - CS.pdf

19/04/2007


RADAR - incontri tra arte e architettura_Maria Giuseppina Grasso Cannizzo

Si terrà stasera alle ore 17.30, presso il Museo Villa Croce, in via J. Ruffini 3, a Genova, l’appuntamento con l’architetto Maria Giuseppina Grasso Cannizzo, nell’ambito di “RADAR - incontri tra arte e architettura”, ciclo di incontri organizzati da Archphoto.it con il Museo d’Arte Contemporanea Villa Croce e l’Accademia Ligustica di Belle Arti. “A meno che non scelga la pura dimensione utopica, l’Architettura si misura con la Necessità e il Limite. Incorporare altre arti nell’atto costruttivo si muove in direzione contraria. Il gesto di questo Architetto è segnato organicamente, sia nell’ideazione che nella realizzazione, dallo sguardo e la riflessione sull’arte visiva contemporanea: riconoscere quali particolari tendenze di essa sembrano aver portato le loro ramificazioni negli ambienti di comune uso civile così ideati e realizzati definisce anche il carattere dell’intenzione architettonica di cui qui si tratta. Dalle ramificazioni risaliamo agli alberi: l’Arte ambientale californiana degli anni Settanta, per l’uso direzionato della luce e i volumi spaziali di pura atmosfera luminosa, per le forme geometriche primarie isolate come “spettri” energetici, per l’uso “urbano” dello spazio interno, per l’enigma poliprospettico, per lo scambio tra convenzione e trasgressione nelle leggi ottiche e percettive…” (Luciana Rogozinski, in: Maria Giuseppina Grasso Cannizzo, Libria, 2006). Info: tel 010 580069 e-mail: museocroce@comune.genova.it; www.museovillacroce.it - e-mail: info@archphoto.it; www.archphoto.it

Greenbuilding 2007 - 1. edizione_ mostra + convegno

19 - 21 aprile 2007, Verona
Fa il suo esordio alla Fiera di Verona “Greenbuilding”, il nuovo evento dedicato all’efficienza energetica e all’architettura sostenibile. In esposizione tutte le soluzioni per costruire edifici energeticamente efficienti. L’evento, che si terrà in contemporanea a Solarexpo, pone l’attenzione sull’efficienza energetica del sistema edificio-impianto e sulla necessità di promuovere un connubio sempre più stretto tra edilizia e fonti rinnovabili. Con i loro tre padiglioni espositivi, Solarexpo e Greenbuilding offriranno una aggiornata rassegna di prodotti e servizi nell’ambito delle rinnovabili e dell’efficienza energetica. Greenbuilding sarà affiancato da un programma convegnistico di assoluto prestigio, un’opportunità di aggiornamento che non trascurerà di affrontare anche la situazione del quadro normativo e dei programmi di incentivazione all’edilizia sostenibile. Info: tel 0439 849855 fax 0439 849854 e-mail: segreteria@greenbuildingexpo.eu; www.greenbuildingexpo.eu

Alessandro Lanzetta - Litorali opachi_ mostra+dibattito

Si terrà stasera alle ore 19, presso lo Studio Lipoli & Lopez, in via Della Penitenza 5, Roma, l’inaugurazione della mostra fotografica di Alessandro Lanzetta “Litorali opachi”, a cura di Viviana Gravano. dibattito: Alle ore 17.30, presso l’Associazione abitanti di Trastevere, in via Della Penitenza 35, in occasione della mostra e della presentazione del numero della rivista “Gomorra” edita da Meltemi, si terrà un dibattito su “Architettura Politica Potere”. intervengono: - Carmen Andriani | - Massimo Canevacci | - Umberto Cao | - Gea Casolaro | - Pippo Ciorra | - Paolo Desideri | - Viviana Gravano | - Renato Nicolini | - Franco Purini | - Antonio Terranova | coordina: Massimo Ilardi | Con il patrocinio del DipARch - I Facoltà di Architettura L. Quaroni - UniRoma “La Sapienza”. Info: tel +39 066875937 e-mail: info@studiolipolilopez.com; www.studiolipolilopez.com - CS.pdf - loc.jpg

Holcim Forum 2007 - Urban_Trans_Formation

19 - 21 aprile 2007, Shanghai (Cina)
Si svolgerà a Shanghai il 2. Holcim Forum for Sustainable Construction. Holcim Forum è una delle iniziative di Holcim Foundation for Sustainable Construction, e nasce come piattaforma che riunisce specialisti di ogni generazione provenienti da tutto il mondo per lo sviluppo e la condivisione di nuove idee e soluzioni a favore dell’Architettura Sostenibile. Il 1. Holcim Forum svoltosi nel 2004 presso il Swiss Federal Institute of Technology, ha avuto come tema centrale “I bisogni primari”: abitazioni, rete idrica, istruzione, sanità e disponibilità di merci e servizi quali infrastrutture essenziali di ogni civiltà. Questa 2. edizione del Forum, sarà focalizzata sul tema “Urban_Trans_Formation”. Un tema di particolare attualità nel dibattito contemporaneo sulla questione della città che incoraggerà, quindi, lo scambio di esperienze e la ricerca di nuovi approcci nella trasformazione urbana. […] Holcim Foundation for Sustainable Construction è promossa in Italia da Holcim (Italia) SpA. Info: tel 031 616378 fax 031 616367 e-mail: corporatemkt-ita@holcim.com - tel +41 58 8588292 fax +41 58 8588299 e-mail: info@holcimfoundation.org; www.holcimforum.org

Solarexpo 2007 - 8. edizione

19 - 21 aprile 2007, Verona
Si terrà alla Fiera di Verona l’8. edizione di Solarexpo, la mostra e convegno internazionale dedicata a energie rinnovabili e generazione distribuita. Reduce da un successo che ha confermato l’evento leader in Italia e secondo in Europa nel panorama delle rinnovabili (365 espositori provenienti da 19 paesi europei ed extraeuropei e 22.000 visitatori professionali qualificati), la prossima edizione di Solarexpo promette grandi novità. Prima fra tutte la nascita di “Greenbuilding”, la mostra e convegno internazionale dedicata a efficienza energetica e architettura sostenibile, che si terrà proprio in contemporanea a Solarexpo. Già la passata edizione di Solarexpo aveva visto crescere il numero di espositori proprio di questi settori: case in legno, infissi ad alte prestazioni, pavimenti radianti, LED, caldaie ad alta efficienza, impianti per il riciclo dell’acqua piovana… Info: tel 0439 849855 fax 0439 849854 e-mail: segreteria@solarexpo.com; www.solarexpo.com

21/04/2007


ACMA Visite guidate 2007 - Milano moderna / Il Novecento a Milano

21 - 22 aprile 2007, Milano
In occasione delle giornate del Salone del Mobile di Milano, il Centro di Architettura ACMA organizza due visite guidate nella città di Milano:
- 21/04 - Milano moderna_ visita guidata ai principali quartieri realizzati nella periferia della città nel corso del Novecento e nei primi anni del secolo attuale. Dal QT8 di Piero Bottoni, al Gallaratese di Carlo Aymonino e Aldo Rossi, all’intervento di Metanopoli a San Donato Milanese con il palazzo per uffici di Gabetti e Isola; l’tinerario comprenderà inoltre il comune di Segrate con il Municipio di Canella e Achilli e la piazza di Aldo Rossi e la nuova sede della Mondadori di Oscar Niemeyer e ill complesso progetto della Bicocca di Vittorio Gregotti
- 22/04 - Il Novecento a Milano_ visita guidata alle principali opere realizzate a Milano dagli anni ‘20 al dopoguerra. La visita partirà dalla Stazione Centrale seguendo un itinerario che comprende il Grattacielo Pirelli, la Ca’ brutta di Muzio e la Montecatini di Giò Ponti, la Torre Velasca di BBPR e la Casa Rustici di Terragni. Rientrano nel programma opere di: Figini e Pollini, Caccia Dominioni, Asnago e Vender, Gardella, De Finetti, Bottoni, ecc. L’iniziativa si presenta come un valido approccio a una delle città che hanno maggiormente favorito lo sviluppo dell’architettura moderna in Italia
Per informazioni e iscrizioni: tel +39 02 70639293 fax +39 02 70639761 e-mail: acma@acmaweb.com; www.acmaweb.com

Editing Projects - Il centro si trova nel confine

21 - 23 aprile 2007, Roma
Si terrà stasera alle ore 17, presso la sede dell’ex-mattatoio di Testaccio, Facoltà di architettura - UniRoma 3, in via Aldo Manuzio 72 (ingresso da P.zza Orazio Giustiniani 54), l’inaugurazione dell’evento “Editing Projects”, promosso da Zerynthia, coordinato da Felix Monguilot-Benzal e a cura di Lorenzo Benedetti e Marta Casorati. Editing è un percorso che possiede un’identità articolata, volutamente aperta; è un montaggio non programmatico, un progetto che dribbla ordini e strutture predefinite, riflettendo i metodi e le costruzioni del pensiero contemporaneo. Editing è stato l’incontro a Gorizia, nell’ottobre del 2005, di dodici nazioni dell’Europa centro orientale - Austria, Bulgaria, Croazia, Germania, Italia, Macedonia, Repubblica Ceca, Romania, Serbia, Slovacchia, Slovenia, Ungheria -; è stato poi un libro (2006) che ha raccolto le ricerche, i percorsi, le scelte dei protagonisti di quell’incontro, a cui sono seguiti quattro workshops, durante i quali gli artisti dei diversi paesi hanno ascoltato e vissuto la città per un breve tempo. Editing è, ora, la presentazione dei progetti concepiti durante il soggiorno a Gorizia. Gli artisti che hanno partecipato ai workshops - Vladimir Peric, Petar Mircovic, gli Unz, i PH.ON, Vesna Bukocev Metka Zupanic Lada Cerar, Vlad Nanca, Dorota Kenderova, Martin Piacek, Tanja Dabo, Antun Bozicevic, Kosta Tonev, Hainalka Bessenyei - hanno progettato per questa mostra nuove percezioni della città, immaginando terre condivise. ‘Il centro si trova nel confine’ è il titolo del testo, scritto a quattro mani e pubblicato nel libro del 2006; un apparente controsenso che rappresenta la sintesi dei pensieri e delle discussioni, generati da una riflessione sulla città che ha ospitato le varie fasi del progetto, che ci hanno condotto (insieme a Giovanni Iovane) a Editing. Dopo il crollo del muro che per decenni aveva sfregiato il suo territorio e riaffermato quotidianamente la natura negativa del confine, Gorizia è (ri-)diventata una città di transito, di innocua invasione e di scambio. Un luogo nel quale il confine non è limite, ma cerniera, punto di raccordo tra idee, culture ed esperienze diverse; o, come abbiamo già scritto nel testo precedente: il confine come elemento caratterizzante della città e, dunque, come punto centrale di un progetto che vuole focalizzare il concetto della divisione come una possibilità di costruire e creare nuove combinazioni nel panorama dell’arte contemporanea internazionale. Info: tel 06 488871226 fax 06 488871230 e-mail: zerynthia@zerynthia.it; www.zerynthia.it

26/04/2007


RADAR - incontri tra arte e architettura_Boris Bakal

Si terrà stasera alle ore 17.30, presso il Museo d’Arte Contemporanea Villa Croce, in via J. Ruffini 3, a Genova, l’appuntamento con l’artista Boris Bakal, nell’ambito di “RADAR - incontri tra arte e architettura”, ciclo di incontri organizzati da Archphoto.it con il Museo d’Arte Contemporanea Villa Croce e l’Accademia Ligustica di Belle Arti. Il lavoro di Boris Bakal è incentrato sugli stati alterati della percezione teatrale nell’interazione con situazioni reali seguendo un proprio metodo di “riciclaggio della realtà” attraverso il quale lo spettatore è messo in situazioni di ambiguità fra teatro e realtà. I suoi spettacoli sono stati presentati in spazi teatrali (gallerie e teatri) e non teatrali (stazioni ferroviarie, aeroporti, banche, appartamenti privati, uffici postali, cunicoli e tunnel sotterranei). In tutti questi spazi egli esplora un particolare stile recitativo che scaturisce dall’interazione tra la drammaturgia interiore dell’attore e il flusso orizzontale della struttura dello spettacolo. **[Boris Bakal_ Nel 1995 ha co-fondato a Bologna con Pina Siotto il gruppo artistico Orchestra Stolpnik, con il quale ha prodotto e creato nove spettacoli: - B.E.N.E. o Lo Specchio della Differenza, 1996 | - B.E.N.E. - New Entry, 1998 | - Mi Ami Ancora? e X X X DOCUMENTO N° 2, 1998 | - Invocazione di un Eldorado, 1999 | - Hotel Europa, 2000 | - Un’Italia tutta per me, 2001 | -Shadow Casters, 2001-2003 | - Processo_Città, 2004-2006 | - festival interdisciplinare di residenze artistiche STAGIONE DI CACCIA (1999, 2000, 2001) | Nel 2001 ha fondato una piattaforma artistica di collaborazione internazionale a Zagabria (Bacaci Sjenki) con la quale ha creato diversi progetti interdisciplinari in Italia, Croazia, Francia, Stati Uniti, Austria e Olanda]. Info: tel 010 580069 e-mail: museocroce@comune.genova.it; www.museovillacroce.it - e-mail: info@archphoto.it; www.archphoto.it

27/04/2007


Fotografia Europea Reggio Emilia 2007_Le città/L’Europa

27 aprile - 5 maggio 2007, Reggio Emilia >mostre fino al 10 giugno 2007
Prende il via stasera alle ore 18, presso i Chiostri di San Domenico, a Reggio Emilia, la 2. edizione di “Fotografia Europea”, a cura di Elio Grazioli. Il Comune di Reggio Emilia - in collaborazione con Provincia di Reggio Emilia e Fondazione Cassa di Risparmio di Reggio Emilia Pietro Manodori - organizza e produce “Fotografia Europea”, un progetto di committenza pubblica ad artisti europei. “Fotografia Europea” è un evento culturale che propone opere fotografiche commissionate e realizzate ad hoc da fotografi europei, arricchito da un fitto programma di mostre, incontri, lezioni magistrali, workshop e spettacoli per tutta la settimana inaugurale. Al termine di ogni edizione le opere fotografiche vengono acquisite dal Comune di Reggio Emilia andando a costituire parte del patrimonio del Centro Marco Gerra per la Fotografia e l’Arte Contemporanea, il nuovo museo che sarà inaugurato il prossimo autunno. Il rapporto con la città caratterizza l’intera manifestazione che si sviluppa in 65 sedi espositive e numerosi altri luoghi che ospiteranno eventi, seminari, workshop e spettacoli, con l’apertura straordinaria di edifici normalmente chiusi al pubblico e con il recupero permanente di palazzi storici precedentemente in disuso. Quest’anno al centro dello sguardo dei fotografi invitati le città d’Europa, luoghi di aggregazione e sviluppo - la maggioranza della popolazione europea popola le città - in rapidissimo mutamento. Come può il senso di identità europea, di contaminazione culturale e di sviluppo urbano essere colto e tradotto in immagine, oggi? “Fotografia Europea 2007″ si propone di dare alla lettura del nostro presente alcune interpretazioni possibili. Info e programma: tel +39 0522 456635 fax +39 0522 456448 e-mail: info@fotografiaeuropea.it; www.fotografiaeuropea.it

28/04/2007


Bertien Van Manen - Give me your image

29 aprile - 16 giugno 2007, Rubiera (RE)
Inaugura il 28 aprile alle ore 18.30, presso L’Ospitale, in via Fontana 2, a Rubiera (RE), la mostra di Bertien Van Manen “Give me your image”, organizzata da Linea di Confine per la Fotografia Contemporanea in collaborazione con: Ambasciata Regno Paesi Bassi, Roma | Comune di Rubiera, Reggio Emilia | Fotografia Europea Reggio Emilia 2007 | IX Settimana della Cultura 12-20 Maggio 2007 | Gli interni delle case, sono una metafora dell’intimità umana. Ci mostrano in modo empatico, la storia, i sentimenti le idee e le speranze dei suoi abitanti. L’interno di una abitazione è come una conchiglia, dove le persone custodiscono i loro sogni. La fotografa olandese Bertien van Manen, ha realizzato dal 2002 al 2005, fotografie a foto-ricordo, visitando centinaia di private abitazioni in Europa, dalla Moldavia alla Spagna, dalla Gran Bretagna all’Italia (nel corso di due brevi soggiorni a Rubiera e a Roma dove ha iniziato il suo progetto), unendo in un solo sguardo popoli e storie che sempre più siamo chiamati a conoscere e a condividere, come cittadini della nuova Europa. Queste fotografie a fotografie-ricordo, fra oggetti, suppellettili, pareti e arredi domestici, sono diventate un libro ed una mostra che è già stata esposta al Moma di New York, USA (2005/2006), al Frans Hals Museum di Haarlem, NL (2006), al Mois Européen de la Photographie, Lussemburgo, L (2006), viene ora esposta all’Ospitale di Rubiera. […] Il 29 Aprile 2007, presso l’Università di Modena e Reggio Emilia, Aula Magna, alle ore 12.00 incontro pubblico con Bertien Van Manen e William Guerrieri. Conduce Elio Grazioli. Info: tel 0522 629403 fax 0522 2623422 e-mail: linconfine@comune.rubiera.re.it; www.lineadiconfine.org

Passaggi Fotografici_ mostra collettiva + presentazione catalogo

28 aprile - 13 maggio 2007, Treviso
Si inaugura stasera alle ore 18.30, presso lo Spazio Antonino Paraggi, in via Pescatori 23, a Treviso, la mostra “Passaggi Fotografici”, a cura di Marco Zanta. I lavori presentati: Guido Guidi - Strada Ovest 04.02 | Francesco Raffaelli - Uno di questi giorni | Lewis Baltz - Plenty | Gilbert Fastenaekens - Un progetto fotografico a Treviso | La mostra riprende i quattro lavori realizzati dal 2002 per conto dell’Arci di Treviso dai fotografi Guido Guidi, Lewis Baltz, Francesco Raffaelli e Gilbert Fastenaekens. Nel corso dell’inaugurazione verrà presentato il catalogo stampato per l’occasione, riassuntivo dei quattro lavori e intitolato Passaggi Fotografici. Il catalogo, oltre a tutte le immagini prodotte dai fotografi invitati, contiene un lungo saggio introduttivo del critico e docente d’arte Stefano Chiodi, curatore di numerose mostre di artisti contemporanei e autore di varie pubblicazioni. Chiude la pubblicazione una cronologia ragionata dal 1992 al 2007 della Provincia di Treviso, curata dallo storico trevigiano Daniele Ceschin. Info: tel 0422 410590 e-mail: treviso@arci.it; www.arcitv.it - tel 0422 56657 e-mail: info@antoninoparaggi.it; www.antoninoparaggi.it

30/04/2007


Premio del Paesaggio_concorso di idee

[deadline: 30/04/2007]
Concorso di idee per la promozione di interventi di qualità paesaggistica e sostenibilità ambientale di opere di urbanistica, edilizia e infrastrutturali. In conformità ai dettati della Convenzione Europea del Paesaggio e come prima sperimentazione delle indicazioni del Piano Paesaggistico Regionale approvato il 5/09/2006, la Regione Autonoma della Sardegna - Direzione Generale della Pianificazione Urbanistica Territoriale e della Vigilanza edilizia - intende promuovere un Premio del Paesaggio.Il coordinamento del progetto e la segreteria dell’operazione sono assunti dall’Assessorato Enti locali Finanze ed Urbanistica, Direzione Generale della Pianificazione Urbanistica Territoriale e della Vigilanza Edilizia. L’obiettivo del Premio del Paesaggio è quello di ricercare, analizzare, valutare azioni che esprimano la volontà di apportare, nelle trasformazioni del territorio, un contributo di qualità contemporanea, sulla base di una riflessione critica sul contesto naturale e culturale in cui si collocano. L’obiettivo principale del Premio del Paesaggio è contribuire alla sensibilizzazione dei cittadini, dei professionisti e degli amministratori locali sulle tematiche paesaggistiche e sull’importanza della qualità del progetti. Può concorrere al premio qualsiasi persona fisica o giuridica, pubblica o privata, che abbia partecipato all’elaborazione o alla realizzazione degli interventi messi a concorso. Info e bando: tel 070 6064390 fax 070 6064319 e-mail: eell.urbanistica@regione.sardegna.it; www.regione.sardegna.it

vai su>|news|