NEWS in archivio aprile 2011
by Luisa Siotto
contact news@archphoto.it
vai su>|news|

1/04/2011


ACMA Laboratorio - Nuovi usi per antichi territori: il turismo

aprile - maggio 2011, Milano
Il turismo rappresenta la seconda industria mondiale dopo l’estrazione e il trattamento del petrolio. Un fenomeno in piena crescita se si pensa che circa metà della popolazione della terra si sposta per tale motivo fuori dal proprio territorio, di cui un sesto fuori dal paese di residenza; se da un lato ha dato luogo ad una nuova specifica economia, analizzata, programmata e gestita dai grandi operatori turistici, dall’altra è divenuto sinonimo di libera fruizione dei territori, di contatto tra le diverse culture del mondo. Si tratta di un vero e proprio fenomeno migratorio poliedrico il cui flusso trova impreparate le principali città d’arte e le mete naturalistiche, innescando problematiche antropologiche, ambientali, urbanistiche e infrastrutturali. Interi territori vengono reinterpretati offrendosi disponibili a nuove funzionalità che devono tenere conto della valorizzazione e del rispetto della cultura e del paesaggio locale. Info: tel +39 02 70639293 fax +39 02 70639761 e-mail: master@acmaweb.com - www.masterpaesaggio.it

Evolving Heritage

Il 1 aprile 2011 alle ore 14.30, presso l’Oratorio San Filippo Neri, in via Manzoni 5, Bologna, Bononia University Press (BUP), casa editrice dell’Università di Bologna, organizza il seminario Evolving Heritage, una rivista online sul patrimonio e sulle sue trasformazioni. Il seminario, organizzato in collaborazione con l’associazione Heriscape, sarà l’occasione di presentare al pubblico la nuova rivista online EvHe, Evolving Heritage, uno spazio di informazione e discussione sule attività legate alle eredità patrimoniali urbane, in Europa e nel bacino del Mediterraneo. Intervengono: prof. arch. Romeo Carabelli (Tours University, Director of the magazine EvHe) | prof. arch. Daniele Pini (Università di Ferrara) | prof. arch. Giuliano Gresleri (Università di Bologna) | prof. arch. Ezio Godoli (Università di Firenze) | dott. arch. Paola Cordera (Politecnico Milano, condirettore della rivista EvHe) | arch. Roberto Scannavini (Museo della Città Fondazione CARISBO) | arch. Faika Bejaoui (Vice Director of ASM, Tunis, Tunisia) | arch. Farhat Muhawi (Director Planning Unit RIWAQ, Ramallah, Palestinian Territories) | arch. Khaldun Bshara (Director Conservation Unit RIWAQ, Ramallah, Palestinian Territories) | arch. Laure Augereau (Casamémoire Association, Casablanca, Morocco) | prof. arch. Laura Verdelli (Tours University, France) | prof. arch. Felicia Botino (Heriscape, Bologna) | arch. Alessandro Ferrari (Aiapp, Lombardia) | arch. Piero Orlandi (Istituto Beni Culturali della Regione Emilia-Romagna) | Il seminario vedrà la presenza di alcuni architetti impegnati nella salvaguardia dei beni architettonici anche in quei paesi del bacino del mediterraneo che sono stati recentemente interessati da movimenti rivoluzionari; in particolare Faika Bejaoui vice direttrice dell’Associazione per la salvaguardia della Medina di Tunisi. EvHe è un living journal dedicato alle trasformazioni degli spazi contemporanei, perennemente sottoposti ad azioni di ri-territorializzazione ove l’aspetto culturale –quello patrimoniale appunto- assume un ruolo dominante. EvHe vuole portare alla luce questi processi, valorizzare loro e i loro prodotti, renderli visibili, intelligibili e utili. EvHe, Evolving Heritage è una rivista diretta da: Romeo Carabelli, architetto e professore dell’Università di Tours, Paola Cordera, architetto e docente presso il Politecnico di Milano, Vittoria Capresi architetto e docente dell’Institute of History of Art, Building Archaeology and Restoration di Vienna. Info: www.evolving-heritage.net

4. edizione - Workshop “Il suono e lo spazio”

1 aprile - 3 giugno 2011, Torino
Dalla fabbrica del fumo alla fabbrica dei suoni: ipotesi progettuali relative alla riqualificazione dell’ex Manifattura Tabacchi in Torino. La 4. edizione de “Il suono e lo spazio”, approfondirà il tema della musica intesa come funzione aggregante che produce trasformazioni urbane e nuovi modi di vivere e usare la città. In particolare, il nuovo scenario dell’esplorazione progettuale sarà costruito intorno all’ipotesi di una valorizzazione e rifunzionalizzazione del complesso industriale dimesso dell’Ex Manifattura Tabacchi, per la creazione della Città della Musica. Il workshop progettuale è rivolto agli studenti universitari dei corsi di laurea specialistica/magistrale delle Facoltà di Architettura, come attività integrativa e occasione per un veloce ma significativo confronto con le realtà operative del progetto, a ingegneri e architetti liberi professionisti con meno di 35 anni di età, e a tecnici e funzionari della pubblica amministrazione come opportunità di formazione e aggiornamento. Il workshop è gratuito. I posti a disposizione sono 30. L’evento è organizzato con il patrocinio, tra gli altri, dell’Ordine degli Architetti PPC della Provincia di Torino e sua Fondazione. Info: www.musicaespazi.it - bando.pdf

4/04/2011


TAC - Technically Advanced Construction 2011

4 aprile - 9 luglio 2011, Milano >[deadline: 14/03/2011]
TAC Technically Advanced Construction è un corso di perfezionamento per laureati e professionisti promosso dal Dipartimento di Scienza e Tecnologie dell’Ambiente Costruito (BEST) del Politecnico di Milano e Co-de-iT. Avrà una durata di tre mesi e permetterà ai partecipanti di raggiungere livelli specifici di conoscenza nel processo di “design-to-production” tramite l’uso di strumenti digitali avanzati per la progettazione e macchinari per la creazione e lo sviluppo di modelli fisici. L’intero corso, con sede al Politecnico di Milano, si svolgerà attraverso studi, workshop, e periodi di lavoro costantemente assistiti (durante lo sviluppo, la fabbricazione e i test di prova) da uno staff di professionisti e insegnanti altamente specializzati (provenienti da studi e scuole internazionali come AA London, ARUP, Buro Happold, Zaha Hadid, Gehry Technologies, SPAN Architects…). L’obiettivo è la progettazione, la prototipazione, e infine il collaudo di “multi-performative skins” tramite software per il design computazionale. Le verifiche in itinere delle performance della “skin” costituiranno il feedback principale per ottimizzare il design finale. Il corso TAC sarà affiancato e completato da una serie di lectures “live” aperte a tutti, tenute dagli stessi tutors del corso e da professionisti e insegnanti di fama internazionale. Il corso inizierà il 4 aprile 2011 e terminerà il 9 luglio 2011 (frequenza giornaliera). Le registrazioni sono aperte fino al 14 marzo 2011. Info: www.tac.polimi.it

Gilles Clément - Il giardino in movimento

Il 4 aprile 2011 alle ore 17, presso l’Aula Magna del Rettorato, Piazza San Marco 4, a Firenze, si terrà il convegno organizzato dalla Fondazione Florens nell’ambitro del quale il paesaggista Gilles Clément presenterà in anteprima il suo ultimo libro: “Il giardino in movimento”. Forse nessuno come Gilles Clément ha studiato gli spazi verdi che ci circondano in modo tanto approfondito e nello stesso tempo umile: paesaggista, ingegnere, agronomo, botanico ed entomologo, da oltre vent’anni si dedica ad un progetto che coinvolge il giardino della sua casa di campagna, dove attraverso molti esperimenti ha avuto inizio un viaggio attraverso quello che Clément ama definire – nel quadro di una analisi che spesso mostra anche i limiti dei concetti tradizionali dell’ecologia – il giardino planetario. La Fondazione Florens, dopo il successo ottenuto con la prima edizione della Settimana Internazionale dei Beni Culturali e Ambientali nel novembre 2010, continua il suo percorso di approfondimento, presentando a Firenze la lezione di un grande intellettuale del nostro tempo. Gli argomenti trattati da Clément sono identificabili con i principali obbiettivi di Florens: intercettare nuove visioni, creare una discussione sui temi inerenti la cultura del paesaggio ed analizzare lo scontro tra civiltà e ambiente naturale. La Toscana e Firenze, con i modelli di riferimento sorti durante il rinascimento, rappresentano il luogo ideale per preoccuparsi dell’evoluzione planetaria del paesaggio. Inoltre, sembra essere questo il momento più opportuno, anche dal punto di vista politico, infatti in questi mesi si stanno discutendo le regole per stabilire un rapporto equilibrato tra sviluppo delle città, incremento delle infrastrutture e tutela del paesaggio. Ecco allora che la visione poeticamente narrata di Clément penetra anche nella discussione politica di questi tempi e apre una terza via su scala planetaria. Info: www.florens2010.com

5/04/2011


Global Award for Sustainable Architecture

6 - 21 aprile 2011, Roma
Il 5 aprile 2011 alle ore 18, presso la Casa dell’Architettura, piazza Manfredo Fanti 47, a Roma, la rivista di Architettura The Plan, membro del GBC Italia, con la collaborazione della Casa dell’Architettura, l’Acquario Romano, l’Ordine degli Architetti di Roma e Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico, ROMA CAPITALE è felice di presentare la mostra Global Award for Sustainable Architecture promossa dalla Cité de l’Architecture & du Patrimoine di Parigi. Il Global Award for Sustainable Architecture è stato creato nel 2006, per incoraggiare il dibattito mondiale sull’architettura, da Jana Revedin, architetto, docente universitario, presidente di LOCUS Fund, coadiuvata da un comitato scientifico e dai suoi esperti internazionali. Il premio è ora promosso da LOCUS Fund e dalla Cité de l’Architecture & du Patrimoine di Parigi. Ogni anno il Global Award premia cinque architetti che condividono la ricerca per uno sviluppo sostenibile e che hanno dato vita ad un approccio innovativo ed ecologico, sia nei Paesi industrializzati, sia nei Paesi Emergenti. L’obiettivo del Global Award è di creare un gruppo di architetti dotati di un talento straordinario per diffondere il loro approccio e stimolare lo scambio internazionale di esperienze. Dal 2007 venti architetti hanno vinto il premio. L’esposizione mostra il lavoro di questa nuova avanguardia. Info: www.casadellarchitettura.it

6/04/2011


OKRA STUDIO. Paesaggio e progetto sostenibile: tecniche e materiali

6 - 10 aprile 2011, Milano
La cultura architettonica tradizionale soffre di una scarsa disponibilità di modelli e di tecniche di intervento in aree la cui dimensione ambientale si rivela condizionante le scelte progettuali. I recenti studi innescati dal dibattito riferito ai principi della sostenibilità hanno aperto la strada a metodologie di indagine, ad applicazioni sperimentali di materiali e tecniche in grado di valorizzare e non compromettere le risorse ambientali: dai programmi di fruizione dei parchi alle piste ciclabili, dai manufatti idraulici al consolidamento e alla messa in sicurezza dei suoli. Suoli che, a causa dell’eccessiva pressione antropica e dell’intrusione di nuove e diverse attività che interferiscono nelle reti ecologiche precedenti, vengono condotti verso condizioni più basse di biodiversità. Per fortuna, ad un nuovo orientamento dell’azione politica sul territorio mirata al raggiungimento di un bilancio ambientale favorevole, si è coniugato l’impiego dell’architettura del paesaggio come strumento di progetto in funzione anche di consistenti programmi urbanistici e turistici che prevedono capacità di carico diverse rispetto a quelle precedenti. ATTIVITA’/ PROGRAMMA_ Il workshop contempla una serie di apporti teorici giornalieri e si svilupperà in tre fasi pratiche: conoscenza ed interpretazione del luogo (visione dei materiali e dell’area); elaborazione del progetto (singolarmente o in gruppo); dibattito e presentazione delle proposte. ISCRIZIONI_ Il workshop fa parte del programma di Master in Architettura del Paesaggio e di Formazione Permanente della UPC di Barcellona/ACMA Milano. Si configura come un corso intensivo di perfezionamento ed aggiornamento rivolto a: diplomati, studenti e laureati nelle discipline di carattere tecnico-scientifico legate alla gestione del territorio (architettura, architettura del paesaggio, ingegneria, scienze ambientali, scienze naturali, scienze agrarie e forestali, beni culturali, antropologia, sociologia, urbanistica, scienze e politica del territorio ecc.). In particolare è indicato al personale, ai collaboratori e ai consulenti dei parchi e delle soprintendenze, agli studi professionali che operano nelle progettazione ambientale. Le iscrizioni verranno raccolte fino al raggiungimento del numero massimo di partecipanti previsto. Info: tel 02 70639293 fax 02 70639761 e-mail: acma@acmaweb.com - www.acmaweb.com - www.masterpaesaggio.it

Le città di Roma. Housing e paesaggi urbani dal dopoguerra a oggi

6 - 30 aprile 2011, Roma
Al Museo dell’Ara Pacis, la mostra che documenta le diverse fasi dello sviluppo di Roma negli ultimi sessant’anni attraverso l’analisi dei tessuti residenziali della sua cintura periferica con l’obiettivo di indagarne i differenti paesaggi mettendoli in relazione con i meccanismi e le procedure che li hanno determinati: strategie urbane, leggi di finanziamento, norme urbanistiche, esigenze produttive. Chiave di lettura privilegiata di questa analisi sono i paesaggi dell’housing, cioè dell’edilizia residenziale a basso costo, interpretati attraverso un’apposita campagna fotografica che riguarda interventi realizzati nei quartieri di iniziativa pubblica da soggetti sia pubblici che privati. La mostra si apre con una sintetica documentazione delle condizione delle periferie di Roma alla fine della guerra ed è organizzata in dieci sezioni critiche ordinate secondo un criterio prevalentemente cronologico che arriva sino ai giorni nostri. Ogni sezione fotografica è introdotta da un tavolo che contiene schede e video con mappe, foto e materiali d’epoca insieme ad una sequenza di foto scattate dall’elicottero. All’interno del percorso espositivo, un filmato propone un insolito sguardo dall’alto sulla periferie della città. Info: www.arapacis.it

7/04/2011


Il punto sul Paesaggio - Conferenza di Christ-Jan van Rooij / OKRA Studio

Il 7 aprile 2011 alle ore 18, presso la Fondazione Falciola/Camplus Rubattino, via Caduti di Marcinelle 2 (Milano EST, zona Ventura) si terrà la conferenza di Christ-Jan van Rooij, docente del workshop di progettazione “Paesaggio e progetto sostenibile: tecniche e materiali”. La conferenza inaugura l’iniziativa “Il punto sul Paesaggio”, una serie di incontri aperti al pubblico con alcuni paesaggisti, docenti del Master in Architettura del Paesaggio UPC-ACMA con sede a Milano, interpreti delle principali esperienze internazionali: momento di scambio e confronto su tematiche sempre più attuali, non solo per tecnici e professionisti del settore ma anche per la crescita di una consapevolezza diffusa nella società che necessariamente condivide il patrimonio comune del paesaggio. *[OKRA Studio_ Fondato nel 1993 da Hans Oerlemans, Martin Knuijt, Christ-Jan van Rooij e Boudewijn, OKRA è tra i più noti studi europei di architettura del paesaggio e pianificazione urbanistica, composto da uno staff internazionale multidisciplinare di paesaggisti, urbanisti, architetti, ingegneri, grafici, artisti. Attivo principalmente in progetti di sviluppo urbano e del paesaggio, a scala nazionale e internazionale, lo studio associa l’immagine con la strategia, lavorando dalla fase iniziale di concezione fino al dettaglio, al fine di ottenere un progetto coerente in tutte le sue parti. Tra i premi e i riconoscimenti: la selezione per il Premio europeo del paesaggio Rosa Barba della Biennale di Barcellona nel 2008 con il progetto Mechelen Melaan in Belgio, il terzo premio per l’Earthquake Memorial Park a Sichuan in Cina, la Fieldwork European Selection per il progetto di Afrikaanderplein a Rotterdam. [www.okra.nl] Christ-Jan van Rooij (Deurne, Paesi Bassi, 1963) È uno dei soci fondatori di OKRA. La sua attività principale consiste nella direzione di complessi progetti di sviluppo urbano e di paesaggio, attraverso una vasta gamma di incarichi professionali. Ne è un esempio il progetto Mechelen Melaan in Belgio, che ha seguito dal concept iniziale alla sua realizzazione finale. Ha insegnato presso diversi istituti: dalla Academie van Bouwkunst di Amsterdam, alla Agricultural University di Wageningen (corso internazionale di architettura del paesaggio), alla School of Arts di Utrecht e al Van Hall, al Larenstein Institute a Velp]. PARTECIPAZIONE_ Le conferenze del ciclo “Il punto sul Paesaggio”, ad ingresso libero, sono aperte al pubblico. Si richiede conferma di partecipazione via mail o contattando telefonicamente la segreteria del Centro. Info: tel +39 02 70639293 fax +39 02 70639761 e-mail: acma@acmaweb.com - www.acmaweb.com

30 anni di arte in video: incontri visioni e storie

7 aprile - 28 maggio 2011, Bologna
L’Archivio Storico della Video Arte di Bologna – progetto promosso dall’associazione BoArt – presenta “30 anni di arte in video: incontri visioni e storie”, una rassegna interamente dedicata alla video arte e ai suoi protagonisti, che si terrà al MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna. Il palinsesto attraverserà trent’anni di ricerche tra arte e video, grazie al racconto dei più importanti protagonisti, artisti e critici italiani, che illustreranno l’evoluzione della video arte e le più note esperienze nazionali di promozione e produzione. Il ciclo di incontri – organizzato in collaborazione con MAMbo – è curato da Carlo Terrosi, responsabile dell’Archivio Storico della Video Arte. La rassegna prende il via da una riflessione sulla stagione dei videotapes d’artista degli anni Settanta, periodo in cui il video viene assunto come forma di linguaggio quasi rivoluzionario per la sua capacità di testimonianza dell’azione in tempo reale, contro la staticità dell’opera e dello spazio della rappresentazione. Saranno Renato Barilli – critico d’arte e letterario – e Roberto Daolio – docente all’Accademia di Belle Arti di Bologna – ad aprire la rassegna con la Settimana Internazionale della Performance organizzata nel 1977 e nel 1978 alla GAM di Bologna. Il ciclo di incontri prosegue con l’esperienza del Centro di Video Arte di Ferrara, passando per l’esplosione dell’uso del video tra gli artisti italiani nella metà degli anni Novanta, fino ad arrivare all’affermarsi dell’arte interattiva, al cyberpunk, alla new media art e alle frontiere attuali della biotech art. Ci si soffermerà poi su Catodica – Festival video della città di Trieste – e un appuntamento verterà sul rapporto tra video e movimenti sociali. Due gli omaggi previsti: il primo è dedicato all’importante video artista Gianni Toti scomparso di recente, il secondo alla poetessa bolognese Patrizia Vicinelli, a chiudere la rassegna. Info: tel 051 271533 fax 051 2915497 e-mail: associazioneboart@libero.it - www.mambo-bologna.org

8/04/2011


XVII Corso Superiore di Arti Visive - The Dream Seminar II_ Susan Hiller

28 giugno - 26 luglio 2011, Como >[deadline: 8/04/2011]
La XVII edizione del CSAV dal titolo The Dream Seminar II avrà come Visiting Professor Susan Hiller, artista che vive e lavora in Inghilterra dagli anni settanta dove acquisì un grande riconoscimento grazie alla sua ricerca di approfondimento degli aspetti della nostra cultura considerati marginali e largamente ignorati. L’utilizzo radicale e innovativo di diversi media nelle sue opere l’ha resa un punto di riferimento per le giovani generazioni di artisti. Il Corso Superiore di Arti Visive è dedicato a giovani artisti provenienti da tutto il mondo. Creato e diretto da Annie Ratti dal 1995, quest’anno è curato da Andrea Lissoni e Cesare Pietroiusti, con il coordinamento di Angela Maderna. Il corso è concepito come un laboratorio di sperimentazione artistica e teorica sotto la guida di un artista invitato a dare forma al corso condividendo con i partecipanti il proprio pensiero e la propria pratica artistica, e a sviluppare collettivamente con gli studenti un nuovo progetto ideato specificatamente per il corso. I 20 giovani artisti partecipanti saranno selezionati da una commissione scientifica in base ai dossier presentati. I partecipanti al workshop saranno coinvolti in attività quotidiane dedicate alla riflessione sulla pratica artistica, nonché al suo fare. Durante il corso, seminari e conferenze pubbliche tenute da personaggi della cultura internazionale, aiuteranno ad approfondire e ad ampliare il tema del corso. Come ogni anno l’artista invitato realizzerà una mostra personale e offrirà ai giovani artisti la possibilità di presentare pubblicamente i loro lavori. Info: tel +39 031 233111 e-mail: info@fondazioneratti.org - www.fondazioneratti.org

10/04/2011


Alternative/Milano - Progetti sostenibili per Chiaravalle

Il 10 aprile 2011 alle ore 15, presso la Fondazione Falciola/Camplus Rubattino, via Caduti di Marcinelle 2 (Milano EST, zona Ventura), si terrà il dibattito “Progetti sostenibili per Chiaravalle” a conclusione del workshop di progettazione “OKRA STUDIO. Paesaggio e progetto sostenibile: tecniche e materiali”. La proposta di realizzazione di una pista ciclabile lungo l’antico percorso ferroviario dismesso tra Rogoredo e Chiaravalle rappresenta un esempio di recupero di una infrastruttura attraverso la sperimentazione di tecniche e materiali sostenibili e una opportunità di sviluppo di fruizione turistica del sito monumentale fondato nel XII secolo da San Bernardo da Clarvaux. Il dibattito inaugura l’iniziativa “Alternative Milano”, una serie di incontri aperti al pubblico in cui i protagonisti delle più rilevanti esperienze internazionali, esperti e tecnici, giovani paesaggisti e rappresentanti delle istituzioni locali discuteranno su proposte e ed elaborazioni progettuali concrete al fine di coinvolgere la cittadinanza sulle scelte per il futuro migliore della città di Milano. PARTECIPAZIONE_ I dibattiti del ciclo “Alternative Milano”, ad ingresso libero, sono aperti al pubblico. Si richiede conferma di partecipazione via mail. Info: tel +39 02 70639293 fax +39 02 70639761 e-mail: acma@acmaweb.com - www.acmaweb.com

11/04/2011


Noi/altri - conversazione con Marc Augé

L’11 aprile 2011 alle ore 18, presso gli spazi Bomben, in via Cornarotta 7, a Treviso, lsi terrà la conversazione “Noi/altri” tra Marc Augé, Domenico Luciani, Comitato scientifico della Fondazione Benetton, e Massimo Venturi Ferriolo, docente di Estetica al Politecnico di Milano, sugli interrogativi posti dalla XXII edizione del Premio Internazionale Carlo Scarpa per il Giardino, intorno a un villaggio africano, tra arcaismo e ipermodernità. Da sempre, l’antropologo francese si occupa dei modi di concepire il rapporto tra le persone e i luoghi, fino all’estremo della perdita della loro relazione. Sarà un’occasione importante, che darà al pubblico la possibilità di partecipare a un dialogo che si annuncia di grande spessore culturale, ragionando insieme attorno ad alcune domande che ci stanno particolarmente a cuore: cosa significa “bisogno di luogo”? Esiste, e se sì, cos’è il genius loci nel mondo contemporaneo? I modi e i tempi del nostro vivere postmoderno ci danno ancora l’opportunità di un rapporto autentico con i luoghi della nostra vita? Info: www.fbsr.it

Mies van der Rohe Award 2011 - David Chipperfield

Announced the Berlin Neues Museum designed by David Chipperfield is the recipient of this years prestigious EU Prize for Contemporary Architecture – Mies van der Rohe Award. The Neues Museum is the result of blending old and new; the original Museum was designed by Friedrich August Stüler in the mid-19th century. Substantially damaged in the Second World War reconstruction of the Museum began in 2003. Also announced today was the recipient of ‘The Emerging Architect Special Mention’ award, given to Ramon Bosch and Bet Capdeferro for the Collage House in Girona, Spain. The awards will be presented in a ceremony at the Mies van der Rohe Pavilion in Barcelona on June 20th. David Chipperfield, who worked on the project in collaboration with fellow British architect Julian Harrap, adopted a dynamic approach in his restoration. Rather than attempting to conceal the difference between the old and new elements, the past and present are beautifully combined to create an unforgettable building with multiple layers. Info: www.miesarch.com

12/04/2011


ACMA Open Days

12 - 16 aprile 2011, Milano
Dal 12 al 16 aprile 2011, durante la settimana del Salone del Mobile, è possibile visitare dalle 10.00 alle 18.00 i nuovi spazi ACMA in zona Ventura a Milano e ricevere informazioni sul programma delle iniziative 2011-2012. Grande chiusura dell’evento domenica 17 aprile con una visita guidata all’architettura moderna di Milano. Numerose sono le attività organizzate dal Centro, a partire dalla promozione dei risultati del Premio del Paesaggio del Consiglio d’Europa organizzato daL MiBAC di cui ACMA ha seguito la segreteria organizzativa e la comunicazione, fino agli eventi collegati al Master in Architettura del Paesaggio in collaborazione con la UPC di Barcellona, giunto quest’anno alla sua terza edizione. È disponibile online l’elenco delle iniziative e dei moduli del master frequentabili anche separatamente: laboratori sul turismo sostenibile e sui sistemi del verde che comprendono una serie di workshop di progettazione sul progetto sostenibile, sui possibili modelli di housing in ambito rurale, sulla creazione dei sistemi ambientali. Come si costruisce un osservatorio del paesaggio sarà un tema del workshop fotografico di primavera. Materia-terra: un approfondimento sulle potenzialità progettuali con i docenti di Versailles. Inoltre: un workshop a Sorrento sui paesaggi dell’agricoltura, un viaggio a Marsiglia, futura capitale europea della cultura, un seminario in collaborazione con il comune di Lisbona per la ridefinizione del profilo della zona monumentale della capitale atlantica. Infine appuntamenti “open” a Milano: “Il punto sul paesaggio”, un ciclo di conferenze dei docenti del Master, protagonisti delle più rilevanti esperienze internazionali, e una serie di dibattiti sui risultati progettuali dei laboratori di progettazione, svolti anche grazie alla collaborazione con il Parco Agricolo Sud, che immaginano e ridisegnano “Alternative/Milano”. Info: tel 02 70639293 e-mail: acma@acmaweb.com - www.acmaweb.com

Architettura e Utopia in Toscana (1968-1973). Visioni e riflessioni

12 - 16 aprile 2011, Milano
In occasione del Salone Internazionale del Mobile, il Museo Pecci Milano organizza una serie di proiezioni e incontri dedicati a esperienze di ARCHITETTURA E UTOPIA IN TOSCANA (1968-1973), la neo-avanguardia di architettura e design emersa tra la fine degli anni Sessanta e i primi anni Settanta a Firenze, definita radicale per le sue azioni rivoluzionarie e il suo pensiero utopico. inserita nel contesto dell’esposizione in progress INVITO AL VIAGGIO: PROPOSTE DALLA COLLEZIONE DEL MUSEO che include opere e progetti dei gruppi radicali Superstudio e UFO. Programma:
_12 aprile 2011, ore 16.00_ Superstudio o la mossa del cavallo, Documentario, Italia, 2008, 50′. Regia: Matteo Giacomelli. Produzione: EMMEGIPROD
Adolfo Natalini, Cristiano Toraldo di Francia e Piero Frassinelli, membri del gruppo fiorentino di Architettura Radicale, raccontano l’esperienza di Superstudio dal Monumento Continuo alla globalizzazione, dalla Supersuperficie alla rete iperconnessa: pensieri, parole, opere e visioni senza soluzione di continuità, fino alla radice dell’uomo e dell’architettura.
_13 aprile 2011, ore 16.00_ Dopo la rivoluzione. Azioni e protagonisti dell’Architettura Radicale Italiana 1963-1973. Video interviste monografiche, Italia, 2009. Una ricerca di Emanuele Piccardo. Produzione: plug_in
Il critico di architettura Emanuele Piccardo ha raccolto le testimonianze dirette dei protagonisti della neo-avanguardia architettonica definita radicale per le sue azioni rivoluzionarie e il suo pensiero utopico, che ha caratterizzato il decennio 1963-73 in Italia e in particolare a Firenze, Torino, Milano.
_15 aprile 2011, ore 16.00_ Gli atti fondamentali - Incontro/dibattito con Gian Piero Frassinelli / Archivio Superstudio e proiezione dei film realizzati da Archivio Superstudio e Fundação Bienal de São Paulo (Brasile)
Le ricerche di Superstudio sui rapporti tra l’architettura come formalizzazione cosciente del pianeta e la vita umana. Il ciclo di film iniziato nel 1971-73 e completato nel 2010 costituisce una propaganda di idee su grandi temi mai toccati prima dall’architettura: vita, educazione, cerimonia, amore, morte.
_16 aprile 2011, ore 16.00_ La città radicale, dall’Urboeffimero allo Space Electronic - Incontro/dibattito con Emanuele Piccardo / plug_in, in collaborazione con archphoto.it
con la partecipazione di Lapo Binazzi / UFO e Carlo Caldini / 9999
La sperimentazione di nuovi linguaggi e di nuove forme per ripensare e ridefinire lo spazio pubblico: dall’occupazione delle piazze agli interventi in discoteca, le installazioni di oggetti del gruppo 9999 e le azioni performative di UFO a Firenze tra il 1968 e il 1973.
Info: tel +39 0574 5317 - www.centropecci.it - www.studiopesci.it

13/04/2011


Universo Rietveld. Architettura e design per la vita moderna

14 aprile - 10 luglio 2011, Roma
Il 13 aprile 2011, inaugura al MAXXI la mostra “Universo Rietveld. Architettura e design per la vita moderna”. Architetto, artigiano e falegname, progettista di interni e di mobili, ma anche docente, sapiente allestitore di mostre e progettista di spazi espositivi, anticipatore di molti sviluppi dell’architettura attuale e dell’idea contemporanea di democratic design, che sposa la qualità alla produzione di massa. A Gerrit Rietveld (Utrecht 1888 - 1964) e al suo universo il MAXXI Architettura dedica la prima retrospettiva monografica in Italia, coprodotta dal MAXXI con il Central Museum Utecht e NAi Rotterdam, a cura di Maristella Casciato, Domitilla Dardi e Ida van Zijl. La mostra - con oltre 100 opere di architettura e design per un totale di circa 400 pezzi tra disegni, foto, modelli - ripercorre a 360 gradi l’attività del maestro olandese: dai suoi rapporti con gli artisti del gruppo De Stijl (Theo van Doesburg, Bart van der Leck, Vilmos Huszár, J.J.P. Oud) e con i protagonisti dell’avanguardia modernista (Le Corbusier, Gropius, Mies van der Rohe, Frank Lloyd Wright) fino agli influssi sull’architettura e il design contemporanei (da Alessandro Mendini a Ettore Sottsass a Maarten Baas). Infine il rapporto di Rietveld con il XXI secolo, che irrompe dalle quattordici interviste ai progettisti contemporanei trasmesse in loop nello spazio di mostra (tra cui Gae Aulenti, Andrea Branzi, Vittorio Gregotti, Enzo Mari) e nelle loro opere esposte. Il percorso espositivo è inoltre arricchito dall’installazione del Laboratorio Rietveld, a cura del Dipartimento Educazione del MAXXI: uno spazio esterno progettato dagli scandinavi Rintala Eggerstsson Architects - in perfetto spirito rietveldiano all’insegna dell’essenzialità - in cui i visitatori possono sperimentare la costruzione di alcuni mobili di Rietveld. Info: www.fondazionemaxxi.it

14/04/2011


EnergyMed 2011

14 - 16 aprile 2011, Napoli
Dopo il successo delle precedenti edizioni, EnergyMed, “la Mostra Convegno sulle Fonti Rinnovabili e l’Efficienza Energetica”, giunge alla 4. edizione, consolidando il ruolo di principale appuntamento sull’Energia nel bacino del Mediterraneo. L’evento è organizzata da ANEA - Agenzia Napoletana Energia e Ambiente ed arricchita da un vasto programma congressuale e numerosi eventi speciali, tra cui workshop tematici e tavole rotonde. Una serie di eventi si susseguiranno per approfondire anche i temi della mobilità sostenibile, dell’edilizia e del riciclo. Lo scopo dell’evento è creare le condizioni ideali per l’aggiornamento professionale e per gli scambi commerciali tra aziende nazionali e straniere, favorendo un processo di internazionalizzazione proficuo nel particolare comparto produttivo. Anche per questa edizione EnergyMed presenterà una suddivisione in tre aree con saloni tematici dedicati all’edilizia sostenibile, Ecobuilding, che punta su progetti di costruzione e ristrutturazione finalizzati all’efficienza energetica; mentre la realizzazione di veicoli a basso impatto ambientale, con particolare attenzione alle fonti di alimentazione, saranno al centro di MobilityMed, il salone della mobilità sostenibile. Mentre Recycle, il Salone dedicato al recupero di materia ed energia dai rifiuti, rappresenta la rassegna di primaria importanza per un’adeguata gestione del ciclo completo dei rifiuti, con esposizione di novità, servizi e prodotti utili del settore.. Info: www.energymed.it

Fuori! Arte e spazio urbano 1968-1976

14 aprile - 4 settembre 2011, Milano
Apre il 14 aprile 2011 la mostra che inaugura lo spazio espositivo temporaneo del Museo del Novecento, situato al piano terra della manica lunga dell’Arengario. Realizzata dal Comune di Milano in collaborazione con la casa editrice Mondadori Electa, e resa possibile grazie al contributo di Bank of America, Fuori! Arte e spazio urbano 1968-1976, curata da Silvia Bignami e Alessandra Pioselli, presenta i momenti emblematici del rapporto tra arte e spazio urbano in Italia tra 1968 e 1976. La mostra è una riflessione sugli effetti dei profondi cambiamenti sociali e culturali italiani degli anni Sessanta sulle arti visive. Sono gli anni in cui gli artisti scendono in strada, “fuori” dal museo e dalle gallerie, per confrontarsi con il mondo reale e coinvolgere un pubblico più ampio, attraverso performance, azioni, animazioni, installazioni, sculture. Mossi da numerose questioni politiche, sociali e ideologiche, si trovano a dover ridefinire il loro linguaggio per una “riappropriazione creativa del tessuto urbano”. La loro arte non è più creata soltanto per il museo o per il mercato, ma mira alla sollecitazione estetica e ludica dello spettatore. La mostra, per il carattere effimero delle manifestazioni artistiche, avrà una forma narrativa. Un racconto di quegli anni sia attraverso video appositamente restaurati sia attraverso una varietà di sequenze fotografiche. Dalle indimenticabili immagini di Ugo Mulas per Campo Urbano (presentate sotto forma di una triplice proiezione video realizzata per questa esposizione) all’esposizione del significativo lavoro di “mappatura” fotografica dovuto a Enrico Cattaneo per Volterra ‘73. Quattro mostre storiche, imprescindibili modelli di riferimento per questa vicenda artistica, sono state scelte come esemplificazioni di anni così vivaci e contraddittori: - Arte povera + azioni povere (Amalfi, 1968; a cura di Germano Celant) | - Campo Urbano (Como, 1969; a cura di Luciano Caramel) | - Festival del Nouveau Réalisme (Milano, 1970; a cura di Pierre Restany) | - Volterra ’73 (Volterra, 1973; a cura di Enrico Crispolti) | Tra gli ulteriori interventi tipici di quel clima si presenteranno lavori particolarmente emblematici come, tra gli altri, i gonfiabili di Franco Mazzucchelli fuori dai cancelli dell’Alfa Romeo di Milano (1971); l’azione sonora di Maurizio Nannucci (Firenze, 1976); i “lenzuoli” di Giuliano Mauri alla Palazzina Liberty di Milano (1976); le azioni sul territorio di Ugo La Pietra e le prime ricerche “multimediali” del Laboratorio di Comunicazione Militante. Info: www.museodelnovecento.org

15/04/2011


Rilievo_IN_OUT_architettura - I disegni di Piazza Sordello a Mantova

15 aprile - 15 maggio 2011, Mantova
Inaugura il 15 aprile 2011 alle ore 17, presso il Museo Madonna della Vittoria in Via Monteverdi 1, a Mantova, la mostra “Rilievo_IN_OUT_architettura”. RILEVARE È CONOSCERE: questo è il principio che da circa dieci anni anima il Laboratorio del Rilievo della Città di Mantova, costituito allʼinterno del Polo universitario mantovano da Alessandro Bianchi con la collaborazione di Massimiliano Zigoi. Lo sviluppo delle tecniche contemporanee di misurazione e rappresentazione del costruito, mediante lʼutilizzo della fotografia, è condotto attraverso un progetto culturale che ci guida da Giorgio de Chirico a Luigi Ghirri, dalle “Piazze dʼItalia” al “Viaggio in Italia”, dalla città dipinta alla città fotografata. I disegni portati in mostra vogliono rappresentare unʼistantanea di Piazza Sordello, il tempo fermato ad oggi, affinché domani abbiano memoria reale di come “quel domani” sia stato possibile. Info: www.polo-mantova.polimi.it

Per un vivere eco-democratico

15 - 17 aprile 2011, Torino
All’interno della cornice di Biennale Democrazia, la Fondazione OAT approfondisce il tema del rapporto tra architettura e democrazia: le riflessioni si muoveranno dal livello “macro” dell’organizzazione e del futuro della città, a quello della progettazione dell’edificio per arrivare al livello “micro” dell’oggetto di design con l’obiettivo di mostrare come a tutti i livelli l’architetto possa essere promotore della diffusione di una cultura amica dell’ambiente e a beneficio di tutti. Organizzazione urbanistica e forma di governo sono strettamente connesse. È inevitabile quindi chiedersi all’interno di Biennale Democrazia come saranno organizzate le città del futuro. Quale direzione prenderanno gli spazi urbani? Si avvicineranno sempre più alle grandi megalopoli orientali come Singapore o manterranno invece tratti specifici legati alle loro radici storiche? E quali saranno gli spazi per la democrazia? Queste e altre questioni saranno al centro della lectio magistralis dell’architetto olandese Rem Koolhaas che avrà luogo venerdì 15 aprile alle 18.30, presso il Teatro Carignano. Il processo democratico si esercita anche attraverso la partecipazione alla progettazione e alla costruzione dell’edificio. Mario Cucinella, architetto italiano esperto di progettazione sostenibile e di housing a basso costo, Riccardo Vannucci, architetto italiano che ha operato a lungo in Africa ricercando un equilibrio tra etica e sostenibilità, e Reena Tiwari, architetto indiano che opera in Australia coniugando architettura, pianificazione e antropologia, saranno portatori della loro esperienza nella conferenza “Architettura per pochi, architettura per tutti” sabato 16 aprile ore 14.30 presso la Sala Congressi Intesa Sanpaolo. Il terzo appuntamento sarà l’evento conclusivo del Concorso sul Design eco democratico “Con.fine design”, bandito dall’associazione Proto Design con la collaborazione scientifica della Fondazione OAT per indagare nuove soluzioni di consumo responsabile che minimizzino l’impatto ambientale nella produzione, nell’uso e nello smaltimento del prodotto. Domenica 17 aprile alle 15.00, presso la Cavallerizza Reale, saranno presentati otto progetti selezionati tra quelli candidati e il pubblico in sala avrà la possibilità di decretare per alzata di mano il progetto vincitore, che si affiancherà (qualora non fosse lo stesso) a quello selezionato dalla giuria tecnica. Info: www.to.archiworld.it

LANDWORKS_Sardinia 2011

8 - 18 maggio 2011, Parco Geominerario, Sardegna >[deadline: 15/04/2011]
Nell’ambito del Master in Mediterranean Landscape Urbanism della Facoltà di Architettura di Alghero un workshop operativo per la realizzazione di opere di risistemazione paesaggistica all’interno di siti e manufatti ricadenti nell’ambito del patrimonio UNESCO del Parco Geominerario Storico e Ambientale della Sardegna, Montevecchio, Nacarauli e Ingurtosu. Il workshop si svolgerà in Sardegna, nel Parco Geominerario Storico e Ambientale della Sardegna (www.parcogeominerario.eu) che fa parte del patrimonio UNESCO, nello specifico nell’area dell’ex comparto minerario di Montevecchio e la valle del Rio Piscinas, che parte da Montevecchio e termina al mare con la meravigliosa spiaggia di Piscinas e le sue dune storiche, chiamato anche il deserto della Sardegna. Il Paesaggio unico e incomparabile per patrimonio naturalistico, storico e culturale, in quanto vi si trovano i resti di archeologia industriale del comparto minerario che è stato dismesso qualche decennio fa e ora è un museo a cielo aperto. Il workshop prevede la realizzazione di interventi paesaggistici in situ con alcuni dei grandi protagonisti del panorama dell’architettura del paesaggio europea: Henri BAVA | Agence TER | Paris Marc POUZOL | Atelier LeBalto | Berlin Martin REIN CANO | TOPOTEK 1 | Berlin Stefan BERNARD | Bernard + Sattler | Berlin Thilo FOLKERTS | 100land | Berlin Chris PHONGPHIT | SoA+D | Bangkok | Lo scorso anno si è svolta una prima edizione del workshop, all’interno della quale gli studenti hanno elaborato un masterplan guida generale, mentre quest’anno si prevede una fase operativa con la collaborazione dell’Ente foreste, SOGEA società mineraria, e comuni limitrofi (Arbus e Guspini). Gli studenti saranno divisi in 3 grandi gruppi e dopo aver deciso con i prof. i progetti per le installazioni, eseguiranno sotto la loro direzione la realizzazione delle opere. Info: www.architettura.uniss.it

16/04/2011


neon>video selection

neon>campobase è lieta di annunciare i vincitori della neon video>selection. I sei selezionati sono: - Giulio Delvè, And if a double decker bus crashes into us | - Bruno Di Lecce, Viaggio sul Danubio | - Anna Franceschini, The Player may not change his position | - Luana Perilli, Si dolce è il tormento | - Sidonie Zou Zou Roberts, His story in the making | - Marco Strappato, B (M) II | neon>video selection è un progetto di Vincenzo Estremo e di Anna Santomauro per neon>campobase. I video saranno proiettati Il 16 aprile a 91mQ Berlino e il 26 maggio 2011 a neon>campobase Bologna, e saranno inseriti in una pubblicazione a cura di neon>publishing. Una ulteriore scelta di video sarà pubblicata nella sezione 2Video di UnDo.Net a partire dal 28 marzo. Da alcuni anni neon>campobase ha rivolto un particolare interesse alla produzione video in Europa. Attraverso i programmi di approfondimento Playlist e Focus on video artists, curatori, critici e artisti sono stati invitati a raccontare a un pubblico più ampio il proprio lavoro in maniera diretta e partecipata, contribuendo ad arricchire l’archivio video di neon>campobase. neon>video selection non è un concorso, ma una ricognizione che si inserisce in una progettualità fatta di collaborazioni e scambi di metodologie. neon>campobase mira così ad aprire il proprio progetto a nuove e più numerose esperienze legate all’uso del mezzo video, dando vita ad una piattaforma aperta attraverso cui riflettere sulle attuali espressioni. A partire dal materiale raccolto in questi mesi (video d’artista, video performance, video d’archivio, documentario antropologico, animazione sperimentale, stop motion) la giuria, composta da artisti e curatori, ha selezionato 6 video che saranno esposti a 91 mQ e la nuova project room di neon>campobase. Grazie alla collaborazione di UnDo.Net i giurati hanno avuto la possibilità di selezionare altri video da pubblicare online su 2Video rassegna trasversale di video d’artista. neon>campobase e UnDo.Net tornano a condividere le rispettive ricerche incrociando progetti diversi tra loro ma finalizzati ad una mappatura della produzione video degli ultimi anni. Info: www.91mq.org - www.neoncampobase.com - http://undo.net/2video

Videodromo 2011_ Cristian Chironi - Cutter

VIDEODROMO inaugura il 16 aprile 2011 alle ore 19, presso l’Atelier Arco Amoroso, Piazza Plebiscito, Ancona, con la performance di Cristian Chironi. L’azione, dal titolo CUTTER, si articola in libri d’artista, video e performing art e coinvolge il pubblico in una riflessione sulla bellezza naturale e sulla bellezza dell’arte – che l’artista sembra voler fare coincidere – e sul problema dell’estinzione di molte specie botaniche e animali. Oltre a numerose collettive in tutto il mondo, Chironi (nato nel 1974), ha tenuto mostre personali al MAN di Nuoro e al Padiglione d’Arte Contemporanea di Ferrara. Il programma di VIDEODROMO prosegue durante l’anno con le esibizioni di Judith Siegmund (Germania), Matteo Giacchella e Gastone Clementi (Italia), Simon Senn (Svizzera), CAREOF DOCVA (Italia), Emilio Leofreddi (Italia), Cristiano Berti (Italia), Cristiano Carloni e Stefano Franceschetti (Italia), Calin Dan (Olanda), Andrew Schoultz (USA) e molti altri. Info: www.videodromo.it

CineMondo 2011

16 - 20 aprile 2011, Roma
L’Accademia di Francia a Roma presenta la 1. edizione di CineMondo, rassegna cinematografica che volge lo sguardo ai paesi del Medio Oriente - in particolare per questa occasione al Libano, Siria, Israele e territori palestinesi - mostrando film e documentari in anteprima e in proiezione speciale, premiati dalla critica internazionale per la loro forza espressiva e originalità; film fantasma, presentati in molti festival, a Venezia, Berlino, Cannes, ecc. e che difficilmente troveranno una distribuzione in Italia. In collaborazione con il Festival Internazionale del Documentario di Marsiglia - che da oltre 20 anni programma, con coraggio e grande originalità, una panoramica dell’attuale produzione documentaria del mondo – la rassegna sarà una vetrina sul cinema più recente e inedito di alcuni paesi del Medio Oriente, in un dialogo permanente e forte con le generazioni di registi e autori del passato. Un cinema di confine, alla frontiera tra il genere documentario e la finzione che svela una vitalità e creatività innovativa, erede di una generazione di registi che si sono affermati sin dagli inizi degli anni ‘70, attraversato e percosso dai conflitti armati e da una profonda riflessione sulla memoria e sull’identità che attraversa le nazioni nella loro molteplicità di lingue, etnie e credo religioso. Registi del presente, come Monika Borgmann, Hala Alabdalla, Mohammad Ali Atassi o ancora Raed Andoni e Avi Mograbi saranno protagonisti di questa edizione e mostreranno fino a che punto il cinema sia diventato un linguaggio artistico di vitale rilevanza, anche e soprattutto in un panorama storico e culturale in continua e violenta evoluzione. La rassegna si aprirà sabato 16 aprile con un omaggio speciale al grande regista siriano Omar Amiralay, recentemente scomparso, tra i più influenti cineasti del mondo arabo. Info: www.villamedici.it

Shigeru Ban e Mario Botta. Faccia a Faccia

L’innovatore e il razionalista. Shigeru Ban e Mario Botta, due dei massimi esponenti dell’architettura internazionale, saranno i protagonisti di un incontro pubblico al Mart di Rovereto il 16 novembre 2011, a partire dalle ore 18.00 nella sala conferenze del museo. Ingresso libero su prenotazione dal sito www.triennaledellegno.it. Il faccia a faccia si svolgerà a partire dalle ore 18.00 nella sala conferenze del Mart e sarà moderato dalla giornalista Susanna Legrenzi. La partecipazione è libera e gratuita. L’incontro è organizzato dal Mart in collaborazione con la Triennale Internazionale del Legno, un evento dell’Associazione Artigiani della Provincia di Trento tenutosi nel capoluogo trentino dal 14 al 23 ottobre di quest’anno e dedicato al Giappone. Info: www.mart.trento.it - www.triennaledellegno.it

17/04/2011


ACMA visite guidate - Il Novecena Milano

Il 17 aprile 2011, in occasione delle giornate del Salone del Mobile di Milano, il Centro di Architettura ACMA organizza una visita guidata alle principali opere realizzate a Milano dagli anni ‘20 al dopoguerra. La visita partirà dalla Stazione Centrale seguendo un itinerario che comprende il Grattacielo Pirelli, la Ca’ brutta di Muzio e la Montecatini di Giò Ponti, la Torre Velasca di BBPR e la Casa Rustici di Terragni. Rientrano nel programma opere di: Figini e Pollini, Caccia Dominioni, Asnago e Vender, Gardella, De Finetti, Bottoni, ecc. L’iniziativa si presenta come un valido approccio a una delle città che hanno maggiormente favorito lo sviluppo dell’architettura moderna in Italia. Info: tel +39 02 70639293 fax +39 02 70639761 e-mail: acma@acmaweb.com - www.acmaweb.com

19/04/2011


Ritratti di città - San Pietroburgo: la città e la sua immagine

19 - 20 aprile 2011, Venezia
Come secondo appuntamento della serie “Ritratti di città”, dopo quello su Pechino, alla Scuola di dottorato Iuav di Venezia si svolgerà nei giorni 19 e 20 aprile il convegno internazionale “San Pietroburgo: la città e la sua immagine”, a cura di Cristiano Guarneri con la collaborazione di Lora Rudko, patrocinato dall’Archivio del moderno dell’Accademia di architettura di Mendrisio e dal Centro di Alti Studi sulla Cultura e le Arti della Russia di Ca’ Foscari. Il convegno propone un’analisi dell’ambiente urbano di San Pietroburgo, città fondata dallo zar Pietro il Grande nel 1703 e che oggi conta poco meno di cinque milioni di abitanti, nella storia e nei suoi più recenti sviluppi. Parteciperanno al convegno studiosi di arte e letteratura russa, storici dell’architettura e della città, esperti di geografia urbana, architetti e urbanisti italiani e russi. Info: www.iuav.it

23/04/2011


Galaxia Medicea 2011

23 aprile - 29 maggio 2011, Sarevezza (Lu)
Giunta alla sua 3. edizione, Galaxia Medicea-Festival di arte, musica e cultura elettronica, rende omaggio a Bruno Munari, artista poliedrico e protagonista indiscusso dell’arte, del design e della grafica del Novecento, con una mostra che si terrà al Palazzo Mediceo di Sarevezza. Ideata e progettata dall’Associazione Culturale Officina TodoModo, la mostra è realizzata in collaborazione con la Fondazione Terre Medicee e il Comune di Seravezza, le Edizioni Corraini, Lo Studio di Monte Olimpino e il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato e intende recuperare quel filone di indagine e ricerca dei linguaggi contemporanei già inaugurato dalla prima edizione del festival, dedicata nel 2009 all’opera di Pietro Grossi. La luce, l’immagine e il suono tornano infatti ad essere protagonisti di questo secondo percorso espositivo, nell’intento di privilegiare, anche grazie all’interazione del pubblico, non tanto l’aspetto museale dell’opera di Munari, ma piuttosto quello filosofico e concettuale, rivelandone, come nel caso di Pietro Grossi, la grande attualità in rapporto sia all’arte che alla musica contemporanea. Dopo una sezione introduttiva dedicata alla figura di Bruno Munari, la mostra si apre con le sezioni Macchine inutili e Concavo Convesso, entrambe frutto della sperimentazione degli anni Cinquanta sulla luce e sul suono, e prosegue con Tetracono, dedicata alle opere degli anni Sessanta ed in particolare alla collaborazione dell’autore con il musicista Pietro Grossi, che nel suo Tetrafono sonorizzo’ il lavoro del maestro. Nella sezione Guardiamoci negli occhi saranno esposte le schede disegnate da Bruno Munari per l’omonimo libro, mentre Xerografie ospiterà un’installazione a parete che sarà il risultato dell’interazione del pubblico, grazie alla presenza di una fotocopiatrice messa a disposizione dei visitatori, con due xerografie originali degli anni Sessanta. Infine gli Ambienti di luce, sezione dedicata alla pittura proiettata realizzata a partire dal 1950 grazie all’utilizzo di materiale fissato
tra i vetrini di una diapositiva, e il Cinema di Ricerca, la sezione in cui saranno proiettati alcuni film realizzati da Bruno Munari e Marcello Piccardo tra il 1962 e il 1972. Info: www.galaxiamedicea.it

24/04/2011


XIV Conferenza SIU - Abitare l’Italia. Territori, economie, disuguaglianze

24 - 26 aprile 2011, Torino
Nell’ambito delle manifestazioni del 150° dell’Unità d’Italia, si terrà la XIV Conferenza della Società Italiana degli Urbanisti (SIU) sul tema “Abitare l’Italia. Territori, economie, disuguaglianze”. La Conferenza affronta attraverso la sovrapposizione di diversi registri tematici il tema dell’abitare. L’abitare è inteso in un’accezione ampia e inclusiva che investe i rapporti tra l’insediarsi, l’economia, la società e il modo in cui questi rapporti si stanno oggi riarticolando in funzione di nuovi rischi ambientali, di crescenti disuguaglianze sociali e di una rilevante crisi delle economie urbane. L’ipotesi che la Conferenza pone al centro è che trattare di abitare significhi essenzialmente riaprire una riflessione su quella che si sarebbe detta in passato una questione urbana e che ciò costituisca un fronte rilevante sul quale misurare oggi la migliore ricerca e la migliore pratica in campo architettonico e urbanistico nel nostro paese. Nell’arco di tre giornate la Conferenza proporrà diversi livelli di lettura alternando lezioni, discussioni, dibattiti, sequenze filmiche, visite a luoghi costruendo interpretazioni parallele ed autonome con lo scopo di dare forma ad un incontro che si apre, in modo non occasionale agli apporti provenienti da altre associazioni: l’Associazione geografica italiana, l’Associazione dei territorialisti, l’Istituto nazionale di urbanistica. Info: e-mail: siu.conferenza2011@gmail.com - http://conferenzasiu2011.it

26/04/2011


Premio fotografico Riccardo Prina

[deadline: 26/04/2011]
L’Associazione Amici di Piero Chiara, la famiglia Prina e la Galleria Ghiggini, con il sostegno della Provincia di Varese e del Comune di Varese, intendono ricordare il critico d’arte e di fotografia
Riccardo Prina realizzando un Premio di fotografia e parola a lui dedicato. La parola, simbolo connotante del Festival del Racconto Premio Chiara organizzato dall’Associazione Amici di Piero Chiara, vuole qui aprirsi ad un rapporto simbiotico con l’immagine fotografica rappresentata. La partecipazione è riservata a residenti in Italia e nella Svizzera Italiana, è rivolta a fotografi
professionisti e non, di età compresa tra i 20 e 35 anni. La partecipazione al Premio è gratuita, per iscriversi è necessario compilare l’apposita scheda di iscrizione qui allegata. I partecipanti garantiscono l’originalità dei progetti presentati, sia dell’immagine che del testo. Ogni partecipante deve presentare un’opera inedita, con un testo attinente, il tutto dovrà essere compreso nelle dimensioni massime 50 cm x 70 cm. Il Vincitore riceverà un Premio di 1.500 euro. Info: e-mail: amicichiara@premiochiara.it - www.ilfestivaldelracconto.it

29/04/2011


Premio “Architettura e Sostenibilità” 2011

20-22 maggio 2011, Firenze >[deadline: 29/04/2011]
Ritorna con Terra Futura (Firenze, Fortezza da Basso 20-22 maggio 2011) il Premio “Architettura e Sostenibilità”, riconoscimento alla migliore tesi di laurea e di dottorato di ricerca e alle migliori iniziative delle pubbliche amministrazioni in tema di edilizia e architettura partecipata e sostenibile. Come ogni anno, la mostra convegno sulle buone pratiche di sostenibilità ambientale, economica e sociale dedica una particolare attenzione ai temi dell’architettura sostenibile, dell’innovazione progettuale e della progettazione partecipata, quali leve non soltanto per garantire la sostenibilità del costruito e il rispetto dell’ambiente, nonché una migliore gestione del territorio, ma anche per favorire la qualità della vita delle persone e delle relazioni sociali. Scopo del Premio, la cui iscrizione scade il 29 aprile 2011 (bando scaricabile dal sito www.terrafutura.it), è promuovere la cultura della sostenibilità, stimolando la definizione di soluzioni innovative negli interventi di tipo insediativo, architettonico e tecnologico, e favorendo anche un forte legame tra istituzioni, mondo imprenditoriale e attori sociali che a livello locale operano, promuovono nuova cultura e costruiscono nuovi modelli. Riproposta anche quest’anno da Terra Futura e dall’Associazione internazionale “Ecoaction Cultura & Progetto Sostenibili”, l’iniziativa, alla sua sesta edizione, vede la collaborazione di numerose e importanti facoltà italiane di architettura e ingegneria. Oltre agli autori delle migliori tesi di laurea e dottorato, saranno premiate anche le pubbliche amministrazioni che hanno promosso e implementato con regolamenti, incentivi, linee guida e iniziative le buone pratiche di architettura sostenibile. Per il miglior laureato e miglior dottorato è previsto un riconoscimento in denaro e la possibilità di uno stage presso uno studio di progettazione architettonica, un’impresa o una PA; ad altri elaborati distintisi per l’efficacia e l’innovatività della proposta andranno le menzioni ad honorem, che contemplano oltre a un rimborso economico, l’opportunità di uno stage qualificante. All’amministrazione pubblica vincitrice andranno una targa e un riconoscimento istituzionale; previste per questa categoria menzioni speciali. La premiazione, come ogni anno, avverrà durante Terra Futura (Firenze, Fortezza da Basso, 20-22 maggio) nel corso di un convegno sui temi. In quella occasione sarà allestita una mostra dei progetti ritenuti idonei dalla commissione valutatrice; la mostra diventerà itinerante e farà tappa in alcuni atenei partner dell’iniziativa, oltre che in importanti fiere di settore. Info: tel 049 8726599 e-mail: segreteria@adescoop.it - www.terrafutura.it

QUATTRO - Incontro con Guido Guidi

Il 29 aprile 2011 alle ore 18.30, nelle sale dell’ex ospedale Sant’Agostino di Modena, prosegue il ciclo di incontri con i protagonisti della mostra di fotografia italiana contemporanea “QUATTRO. Barbieri, Fossati, Guidi, Niedermayr”, promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena e a cura di Filippo Maggia. Il secondo incontro vedrà protagonista Guido Guidi (Cesena, 1941) che racconterà - in un percorso tra le immagini che hanno scandito il suo lavoro – la sua ricerca sul paesaggio marginale e anti-spettacolare della provincia, condotta negli anni con forte rigore concettuale. Le sue immagini, alcune delle quali esposte nella mostra QUATTRO, sono tracce di un incontro, impressioni dell’atto stesso del guardare inteso come azione reciproca dell’uomo con l’ambiente. Figura di riferimento nella scena della fotografia italiana, Guido Guidi dalla fine degli anni sessanta realizza importanti ricerche personali, indagando il paesaggio e le sue trasformazioni e sperimentando al contempo il linguaggio fotografico. A partire dagli anni ottanta partecipa a numerosi progetti di documentazione del territorio come l’indagine sulla città diffusa tra Venezia, Padova e Treviso, promossa dallo IUAV nel 1982, “Viaggio in Italia” (1984), “Esplorazioni sulla via Emilia. Vedute nel paesaggio” (1986), “Archivio dello Spazio” della provincia di Milano (1991), “Atlante Italiano 003” (DARC, 2003). Alla professione di fotografo affianca da anni attività di didattica e promozione della fotografia: nel 1989 avvia a Rubiera, con Paolo Costantini e William Guerrieri, Linea di Confine per la Fotografia Contemporanea. Dallo stesso anno è docente di Fotografia all’Accademia di Belle Arti di Ravenna e dal 2001 insegna presso l’Università IUAV di Venezia. L’incontro del 29 aprile con Guido Guidi è ad ingresso libero, non è necessaria prenotazione. Info: www.fondazionefotografia.it

Pier Luigi Nervi – Architettura come sfida

29 aprile -17 luglio 2011, Torino
Apre al pubblico venerdì 29 aprile 2011 nello spazio di Torino Esposizioni la mostra “Pier Luigi Nervi. Architettura come sfida. Torino, la committenza industriale, le culture architettoniche e le politecniche italiane”. La tappa torinese della mostra proporrà, data la location scelta, un percorso espositivo “Nervi dentro Nervi” e presenterà una selezione delle 12 opere più celebri di Nervi, in Italia e nel mondo - dagli Hangars di Orbetello e Orvieto degli anni Trenta, alla Cattedrale di St. Mary a San Francisco, alla Sala delle Udienze Pontificie e dell’Ambasciata di Brasilia della fine degli anni Sessanta, passando per le opere olimpiche di Roma al termine degli anni Cinquanta e per quelle torinesi di Torino Esposizioni e del Palazzo del Lavoro. L’allestimento sarà anche animato da testimonianze in video, con interviste e filmati d’epoca ritrovati negli archivi di Raiteche e Istituto Luce. L’itinerario della mostra proseguirà anche fuori degli spazi di Torino Esposizioni. Per permettere di conoscere dal vivo le opere nerviane sparse nella città, l’Urban Center Metropolitano di Torino propone una serie di itinerari nerviani che si svolgeranno a bordo di un bus utilizzato all’epoca di Italia ‘61 e appositamente restaurato per l’occasione. Nel contesto della mostra, il 2 maggio, alle 9.00 nella Sala dei Mappamondi dell’Accademia delle Scienze di Torino è in programma una giornata seminariale a carattere internazionale sull’opera di Pier Luigi Nervi. Attenzione particolare sarà riservata da un lato ai rapporti fra scienza e arte del costruire e dall’altro, ai problemi di conservazione e riuso culturalmente corretto del patrimonio eccezionale di architettura strutturale del Novecento (in particolare proprio di Nervi, ma non solo) di cui Torino è dotata. La mostra internazionale nasce dalla cooperazione tra l’Associazione Pier Luigi Nervi Research and Knowledge Management Project con sede a Bruxelles, il Civa (Centre International pour la Ville, l’Architecture et le Paysage) di Bruxelles, il MAXXI/Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo e lo CSAC/Centro Studi e Archivi della Comunicazione dell’Università di Parma. La mostra fa parte degli eventi collaterali di Esperienza Italia 150°. Sotto la guida di un comitato scientifico internazionale, presieduto dallo storico dell’architettura Carlo Olmo, essa è frutto di una collaborazione tra il Politecnico di Torino, l’Università di Tor Vergata e Università Sapienza di Roma ed è stata realizzata anche grazie al progetto di ricerca Pier Luigi Nervi Arte e Scienza del Costruire, con il contributo di Compagnia di San Paolo e il coordinamento dell’Urban Center Metropolitano di Torino. Info: www.pierluiginervi.org

Zaha Hadid, une architecture

29 aprile - 30 ottobre 2011, Parigi
“Zaha Hadid, une architecture” will be the first exhibition held inside the Mobile Art pavilion since the installation of the pavilion in front of the Institut du monde arabe. Early in 2011 CHANEL donated the pavilion to the Institut du monde arabe (IMA). This travelling exhibition space, which has travelled to Hong Kong, Tokyo and New York since 2008, will now have a location at the IMA, where it will be used to host exhibitions in line with the centre’s policy of showcasing talent from Arab countries. “I think through our architecture, we can give people a glimpse of another world, and enthuse them, make them excited about ideas. Our architecture is intuitive, radical, international and dynamic. We are concerned with constructing buildings that evoke original experiences, a kind of strangeness and newness that is comparable to the experience of going to a new country. The Mobile Art pavilion follows these principles of inspiration,” states Zaha Hadid. Zaha Hadid Architects’ recent explorations of natural organisational systems have generated the fluidity evident in the Mobile Art pavilion. Its organic form has evolved from the spiralling shapes found in nature. This system of organisation and growth offers an appropriate expansion towards the pavilion’s circumference, giving it generous public areas at its entrance with a 125-square-metre terrace. The pavilion follows the parametric distortion of a torus. This circular torus creates a constant variety of exhibition spaces around its circumference, whilst at its centre, a large 65-square-metre courtyard with natural lighting provides an area for visitors to meet and reflect on the exhibition. Info: www.imarabe.org

30/04/2011


Prix européen d’architecture Philippe Rotthier 2011

[deadline: 30/04/2011]
Le 9. Prix européen d’architecture Philippe Rotthier, qui sera attribué en juin 2011, récompensera des réhabilitations remarquables réalisées ces cinq dernières années en Europe. Au cours du XXe siècle, la politique urbanistique de la tabula rasa a souvent prévalu et les édifices existants qui ne convenaient plus à leur usage ont souvent été sacrifiés en dépit de l’attachement que pouvaient y apporter les populations. Aujourd’hui, et plus encore demain, une très large part du domaine de l’architecture concerne désormais la réhabilitation d’anciens bâtiments qui se voient dotés le plus souvent d’une nouvelle affectation. Usines, ateliers, halles, entrepôts, casernes, édifices divers publics et privés, civils et religieux, désaffectés ou en déshérence, renaissent alors à la vie et sont d’autant plus appréciés qu’ils participent de la mémoire et de l’histoire d’une ville ou d’un quartier dont ils constituent souvent des éléments structurants. Le Prix 2011 visera à récompenser des réalisations qui s’inscrivent dans un processus de renaissance urbaine, qui valorisent le patrimoine préexistant et renforcent la qualité de vie dans les quartiers et privilégient la mixité. Le prix est doté d’un montant de 30.000 euros mis à la disposition du jury par le fondateur du prix, l’architecte Philippe Rotthier. Les réalisations primées et mentionnées seront rassemblées dans un catalogue et exposées en octobre 2011 dans les salles de l’Architecture Museum de Bruxelles et l’inauguration aura lieu simultanément à la cérémonie de remise de prix. Info: www.fondationpourlarchitecture.be

Fotografia Europea 2011 - Seminario sulla conservazione del patrimonio fotografico

8 giugno 2011, Reggio Emilia >[deadline: 30/04/2011]
All’interno di Fotografia Europea 2011 diversi incontri, seminari e workshop, dedicati ad un pubblico adulto, sono rivolti alla formazione in ambito fotografico. Per gli operatori culturali e studenti universitari è organizzata dalla Fototeca della Biblioteca Panizzi in collaborazione con Tecton e la Mediateca della Biblioteca Universitaria di Reggio Emilia una giornata seminariale sulla tutela e conservazione del patrimonio fotografico storico e contemporaneo. Il seminario è rivolto agli operatori culturali delle Biblioteche, dei Musei e agli studenti universitari che frequentano corsi di conservazione con lo scopo di aggiornare e divulgare i basilari criteri di conservazione nell’era della digitalizzazione e della comunicazione via web. Mercoledì 8 giugno 2011, ore 9.30 - 16.30, si terrà il seminario condotto da Anne Cartier Bresson dal titolo “Dal negativo al file digitale. Il positivo come oggetto fotografico”. Il seminario intende affrontare il tema della matrice fotografica e i passaggi tecnici e interpretativi per la realizzazione del positivo. La docente introdurrà le fasi più significative dall’analogico al digitale, sottolineando l’importanza dei materiali che costituiscono la fotografia intesa non solamente come immagine, ma anche come oggetto. Verranno presentati alcuni esempi e problematiche relative all’analisi dei materiali e dei procedimenti fotografici con particolare attenzione alla terminologia e agli aspetti di conservazione. Lo scopo del seminario è di offrire ai discenti una metodologia, unita ad elementi tecnici per la comprensione della realizzazione degli “oggetti” fotografici, al fine di una loro corretta lettura e conservazione. Modalità di iscrizione_ Il seminario si terrà solamente se si raggiungerà il minimo di 30 iscritti. Le iscrizioni si chiuderanno il 30 aprile 2011. Ai partecipanti verrà rilasciato l’attestato di partecipazione. Info: tel 0522 456089 e-mail: laura.gasparini@municipio.re.it - http://panizzi.comune.re.it

vai su>|news|