NEWS in archivio giugno 2010
by Luisa Siotto
contact news@archphoto.it
vai su>|news|

1/06/2010


Tiananmen Square Landscape Architecture Competition 2010

[deadline: 1/06/2010]
This is the first of several competitions run to identify a range of possible design solutions, against a broad conceptual brief, with no commitment to build. They will be for significant design sites around the world. The aim of the Tiananmen Square Landscape Compeition is to generate debate and ideas for re-designing part of the most important urban space in the history of Chinese Civilization. We hope this will also set a new course for Eastern Landscape Architecture, helping in the development of an ecologically and culturally distinctive design tradition. This is a Web 2.0 landscape design competition running from March 2009 to June 2010. Competition Entries should be published to Flickr as soon as they are ready. It is an ideas competetion so if two people submit similar ideas, priority will be given to the design idea which was published and added to the Tiananman Square Landscape Flickr Group first. Info: www.gardenvisit.com

FOAT - presentazione libri sul paesaggio

La Fondazione dell’Ordine degli Architetti di Torino presenta due libri editi da Marsilio: “Landscape to be. Passaggio al futuro” (a cura di Claudia Cassatella) e “Transmitting Landscape. Comunicare il paesaggio” (a cura di Francesca Bagliani) martedì 1 giugno 2010 alle ore 18.00 presso il Circolo dei Lettori. I due volumi raccolgono l’eredità della quarta edizione di “Creare Paesaggi”, la rassegna biennale internazionale sulla cultura del paesaggio, promossa a partire dal 2002 dalla Fondazione dell’Ordine degli Architetti PPC di Torino, dalla Regione Piemonte e dal Politecnico di Torino, in partnership con la Biennale Europea di Paesaggio di Barcellona. Nel 2008 la manifestazione aveva dato vita a due sessioni all’interno del XXIII Congresso Mondiale degli Architetti, interrogandosi sul concetto di paesaggio: quale ruolo gioca il paesaggio (e quale ruolo può giocare l’architetto) nel guidare scelte ambientali e nel dirimere possibili controversie tra ecologia ed estetica? Scelte come l’installazione di pannelli fotovoltaici o la creazione di parchi eolici, per esempio, possono entrare in conflitto con la tutela del paesaggio. E in che modo la formazione e le azioni di sensibilizzazione possono contribuire allo sviluppo di una consapevolezza del valore del paesaggio? […] Intervengono: Cristina Bianchetti, docente di Urbanistica del Politecnico di Torino | Antonio De Rossi, docente di Composizione architettonica e urbana del Politecnico di Torino | Guido Tiberga, giornalista | Saranno presenti le curatrici. Info: Liana Pastorin, tel 011 5360513 e-mail: l.pastorin@awn.it - www.to.archiworld.it

CinemAmbiente 2010

1 - 6 giugno 2010, Torino
CinemAmbiente, il primo e più importante festival italiano dedicato alle tematiche ambientali diretto da Gaetano Capizzi e organizzato con il Museo Nazionale del Cinema, in occasione della tredicesima edizione si sposta dall’autunno alla primavera per collegarsi ad un importante evento internazionale di sensibilizzazione sui temi dell’ecologia e della sostenibilità, la Giornata Mondiale dell’Ambiente (5 giugno 2010) indetta dall’Onu. Il Cinema Massimo di Torino sarà il luogo centrale del festival, mentre le proiezioni all’aperto saranno ospitate nel cortile del Museo Regionale di Scienze Naturali. Ma gli spazi coinvolti saranno molti e sparsi sull’intero territorio cittadino. Nell’anno della conferenza sul clima di Copenaghen, terminata in un solenne fallimento di disastri ambientali come quelli a cui stiamo assistendo sulle coste del Messico, sembra ancora più urgente continuare a parlare di ambiente. CinemAmbiente propone, per il tredicesimo anno, un punto di vista critico e profondamente contemporaneo su questo tema. Non si punta il cono di luce solo su casi di disastri ambientali, ma si propongono strumenti di riflessione complessa e si suggeriscono pratiche di azione individuale. Il tentativo è quello di proporre un nuovo modo di orientarsi nel presente, nella convinzione che sia urgente dotarsi di nuovi linguaggi e di nuove categorie politiche. E’ quest’ottica che ha spinto CinemAmbiente ad uscire dalle sale nelle giornate 5 e 6 giugno (raduno nazionale guerrilla gardners, Parking Day, conferimento premio Aica, Bike Pride: sono solo alcune delle iniziative), e più in generale durante tutto il festival. Sono previste infatti conferenze, aperitivi letterari, installazioni. Da segnalare che il 5 giugno si andrà oltre il confine cittadino: grazie alla collaborazione dei Comuni, in 14 piazze italiane contemporaneamente alle 21 verranno proiettati documentari sull’ambiente. Info: tel 011 8138860 e-mail: festival@cinemambiente.it - www.cinemambiente.it

3/06/2010


Waterways - Pianeta Acqua

3 - 5 giugno 2010, Venezia
Il Centro Città d’Acqua invita a partecipare a Pianeta Acqua, tre giorni di esposizioni, convegni e cultura, dedicati alla pianificazione delle vie d’acqua interne e del mare. In questa occasione, il Centro Città d’Acqua organizza due convegni dedicati al tema delle Waterways: tra turismo ed economia, Giovedì 3 giugno e Venerdì 4 giugno, con la finalità di promuovere la valorizzazione delle vie d’acqua interne, a livello locale e internazionale, quali strumenti di sviluppo del territorio. La manifestazione comprende un’interessante serie di eventi che si articolano in tre moduli: 1_ Convegni scientifici (ingresso gratuito)| - Riqualificazione e gestione costiera nell’Euroregione Mediterranea | - Waterways: tra turismo ed economia | - Privatizzazione dell’acqua | 2_ Un corso di formazione (a pagamento) | - Maritime Spatial Planning: l’ultima frontiera della pianificazione europea | 3_ Un progetto espositivo (ingresso gratuito) | - Rassegna Best Practice | Info: www.pianeta-acqua.com - programma.pdf

Ricerca artistica e territorio

Il 3 giugno 2010, ore 18-20, presso il PAV- Parco Arte Vivente di Torino, si terrà la presentazione dei progetti di Olivier Grossetête e di Maurizio Cilli nell’ambito dell’edizione pilota del Programma di sostegno alla produzione artistica Piemonte – Rhône-Alpes, realizzato con il sostegno di Regione Piemonte e Région Rhône-Alpes, a cura di a.titolo (Torino) e Art3 (Valence). Intervengono: gli artisti, le curatrici di a.titolo e Silvie Vojik di Art3, il Prof. Luciano Scaltrito del Politecnico di Torino. Nell’ambito dell’incontro al PAV verranno illustrati i progetti di Olivier Grossetête, realizzato in Piemonte tra il 2008 e il 2010, e quello, tuttora in corso in Rhône-Alpes, di Maurizio Cilli, architetto e artista vincitore dell’edizione francese. Il Programma, avviato nel 2007, si inscrive nel sistema di scambio e relazioni sancito dall’accordo di cooperazione bilaterale firmato tra le regioni Piemonte e Rhône- Alpes, e nasce dalla collaborazione tra a.titolo e Art3 per favorire la circuitazione dei progetti, la mobilità degli artisti e sostenere la creazione artistica contemporanea attraverso borse di ricerca e di produzione. Con questi obbiettivi le due associazioni hanno inteso rileggere il modello tradizionale delle residenze per artisti, vincolando la mobilità e la residenzialità extraterritoriale alla produzione di opere o di progetti, a partire dalla valorizzazione e dalla condivisione delle risorse culturali e/o produttive che caratterizzano i due territori, a livello di istituzioni pubbliche e private e di imprese di diversi settori, tra l’alta tecnologia e la cultura del “saper fare”. La riflessione sviluppata dalle due associazioni ha posto infatti l’attenzione sull’aspetto della produzione, intesa come processo radicato nel contesto dove si sviluppa, capace di attivare la circolazione e lo scambio di esperienze e di competenze tra i diversi attori coinvolti dalla sfera della creazione artistica a quella dell’economia, degli enti e delle istituzioni pubbliche e private. L’intenzione è di favorire il dialogo tra differenti forme di innovazione, secondo un indirizzo di governance che vede oggi sempre più spesso nella creatività un motore per lo sviluppo sostenibile dei paesi e delle regioni della Comunità Europea. […] Info: tel +39 011 3182235 e-mail: info@parcoartevivente.it - www.parcoartevivente.it

Festival delle Colline Torinesi 2010

3 - 26 giugno 2010, Torino
L’avventura culturale del Festival delle Colline Torinesi - Torino Creazione Contemporanea giunge alla 15. edizione. Il Festival continua ad essere un punto di riferimento per il territorio che lo ospita, per gli artisti che cercano con passione di rinnovare il linguaggio teatrale, per il pubblico che li ama. Condizione indispensabile al progetto sono le solide relazioni nazionali ed internazionali intessute negli anni. Il Festival delle Colline Torinesi fa parte dal 2004 di Iris, la rete teatrale del Sud Europa che raduna festival, teatri e centri di ricerca di Francia, Italia, Portogallo, Spagna e Belgio. Tra i partner internazionali spicca il Festival d’Avignon per la coproduzione di Rabih Mroué in uno dei titoli più attesi nel cartellone 2010, che presenta anche lavori di David Bobee, François Orsoni, Babilonia Teatri, Menoventi, Paul Desveaux, Gwénaël Morin, Santasangre, Fanny & Alexander, Associazione 15febbraio, Ambra Senatore, Socìetas Raffaello Sanzio, Blucinque, Valter Malosti, Wajdi Mouawad, Teatro Delle Albe, Tecnologia Filosofica e Michele Di Mauro, Motus, Scena Verticale. Il Festival delle Colline Torinesi e’ realizzato con il contributo di Regione Piemonte, Città di Torino, Provincia di Torino, Consiglio Regionale del Piemonte, Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT, Camera di Commercio di Torino, Sistema Teatro Torino e in collaborazione con Fondazione del Teatro Stabile di Torino, Circuito Teatrale del Piemonte, Comitato Italia 150, Fondazione Teatro Piemonte Europa. Info: tel +39 011 19740291 fax +39 011 19740249 e-mail: info@festivaldellecolline.it - www.festivaldellecolline.it

Festival Internazionale dell’Ambiente 2010

3 - 7 giugno 2010, Milano
Torna il Festival Internazionale dell’Ambiente®, un complesso di incontri ed eventi che, in questa 3. edizione, propone un affondo sulle opportunità che la green economy e i nuovi modelli di sviluppo ci porgono per andare oltre la crisi e assicurarci un futuro più sicuro e vivibile. Il programma proporrà a cittadini e addetti ai lavori dibattiti, workshop, spettacoli, laboratori e altro ancora. Con un’importante novità: un’area espositiva presso il MIC - Milano Convention Centre, (Via Gattamelata, 5) dove si concentreranno anche gli incontri e gli eventi. Il Festival si focalizza sul tema “Nuovi modelli di sviluppo nell’era della green economy”, affrontando in particolare gli argomenti dello sviluppo sostenibile, della tutela della biodiversità (il 2010 è stato proclamato dall’ONU Anno Internazionale della Biodiversità), della produzione e del consumo di energia, della filiera agroalimentare per “nutrire il pianeta” (in vista di Expo 2015). Promosso da Ministero dell’Ambiente, Regione Lombardia, Comune di Milano, Camera di Commercio di Milano e Fondazione Fiera Milano. Per quanto riguarda l’architettura e l’urbanistica in chiave “verde” sono in programma anche alcuni incontri specifici, tra cui il primo forum europeo Green City, il convegno Abitare sostenibile/sostenibilità del vivere organizzato da Assimpredil ANCE, il ‘Dialogo sopra la futura città verde’ tra gli architetti Mario Cucinella e Andreas Kipar. Info: www.festival-ambiente.com

4/06/2010


Land Art Generator Initiative

[deadline: 4/06/2010]
The UAE Land Art Generator Initiative (LAGI) is a landmark initiative to bring together artists, architects, scientists, and engineers in a first of its kind collaboration. The goal of the Land Art Generator Initiative is to design and construct a series of land art installations across the UAE that uniquely combine aesthetic intrigue with clean energy generation. The LAGI viewing platforms will be tourist destinations that draw people from around the world to experience the beauty of the collaborative art creations here in the United Arab Emirates. At the same time, the art itself will continuously distribute clean energy into the electrical grid with each land art sculpture having the potential to provide power to thousands of homes in the UAE. The goal of the Land Art Generator Initiative (LAGI) is to design and construct Land Art / Environmental Art installations in the United Arab Emirates that have the added benefit of large scale clean energy generation. Each sculpture will continuously distribute clean energy into the electrical grid with each land art sculpture having the potential to provide power to thousands of homes in the UAE. The summarized design brief for the competition is to design a public art installation for one of three pre-selected sites that fulfills all of the following criteria: - Is a three dimensional form that has the ability to stimulate and challenge the mind of the viewer on a contemplative level | - Embodies a sense of beauty and concept in its built form that is derived from the artistic sensitivities of the design team and from an acute attention to details | - Captures energy from nature, converts it into electricity, and has the ability to store, and/or transform and transmit electrical power to a power grid connection point to be supplied by others | - Does not create secondary emissions other than electricity and does not pollute its surroundings | - Is safe to people who would view it. Consideration must be made for viewing platforms and boundaries between public and restricted areas | - Is pragmatic and constructible within reason and employs technology that can be scalable and tested. There is no limit on the type of technology or the proprietary nature of the technology. The Land Art Generator Initiative will endeavor to reach contractual agreements with any company and/or patent holder that is specified as a part of a successful design entry. It is recommended that the design team make an effort to engage such entities in preliminary dialogue as a part of their own research and development of the design entry | - Does not negatively impact the natural surroundings. Each entry should provide an environmental impact assessment in order to determine the effects of the project on the ecosystem into which the installation is to be constructed. Mention should be given to a mitigation strategy that will address any foreseeable issues | - Uses all or any portion of the site. There is no requirement or restriction on size other than those of the plot limits themselves and the environmental footprint of the design | Info: tel +971 050 1142320 e-mail: lagi@landartgenerator.org - http://landartgenerator.org

Mestre Film Fest 2010

12 - 16 ottobre 2010, Mestre (Ve) >[deadline: 4/06/2010]
Si terrà al Centro Culturale Candiani, la 13. edizione del festival internazionale di cortometraggi, organizzato dalla Videoteca di Mestre – Centro Culturale Candiani, Circuito Cinema Comunale, Assessorato alla Politiche Giovanili e Pace, Unicef Comitato Regionale Veneto, Trattoria dall’Amelia - Boscarato Ristorazione, Lions Club Mestre Castelvecchio, Associazione Culturale El Leon in moleca e Cinit-Cineforum Italiano. Al Mestre Film Fest potranno partecipare solo opere prodotte dopo il 2008 (compreso), e dovranno rientrare nelle seguenti categorie: Short Stories, cortometraggi di durata massima di 20’ (compresi i titoli di testa e di coda), indipendentemente se a soggetto, documentario ecc. e realizzati in qualsiasi formato; Videoforkids, video per ragazzi realizzati da giovani registi under 18 e dalle scuole di ogni ordine e grado di durata massima di 15’ (compresi i titoli di testa e di coda) e realizzati in qualsiasi formato;Videoclips, videoclip inediti nei circuiti commerciali nazionali e internazionali (previa autocertificazione) di durata massima di 5’(compresi i titoli di testa e di coda); Corti&Web, cortissimi di durata massima di 5’ (compresi i titoli di testa e di coda) senza vincoli di genere, realizzati nei formati Avi, Mov, Flash che saranno visibili sul sito www.shortinvenice.net. Per quanto riguarda le modalità di partecipazione, la scheda di iscrizione deve essere compilata in ogni sua parte e inviata in formato digitale word su cd con due foto di scena formato jpeg (con l’autorizzazione alla pubblicazione e alla promozione), copia DVD (non CD-Rom) dell’opera, preferibilmente sottotitolata in inglese. Tra le opere ammesse al concorso saranno assegnati i seguenti premi: - Premio Candiani Short Stories Miglior cortometraggio internazionale 2010: 2000,00 euro | - Premio Speciale Dino Boscarato – Il piacere del gusto 2010: 1000,00 € | - Premio Speciale Lions Club Mestre Castelvecchio 2010: 1.000,00 € alla miglior opera di produzione veneta | - Premio Cinit Videoforkids 2010 ai tre migliori video per ragazzi: 500,00 € ciascuno | - Premio Candiani Videoclips Miglior videoclip internazionale 2010: 1000,00 € | - Premio Cinit Corti&Web Miglior cortissimo 2010: 500,00 € | Info: e-mail: videoteca.candiani@comune.venezia.it - www.centroculturalecandiani.it - www.shortinvenice.net

Warhol After Munch

4 giugno - 12 settembre 2010, Copenaghen
Louisiana welcomes guests to a rare presentation of Warhol’s “Munch pictures” shown together with several of Munch’s original prints – constituting a unique museum experience. Placing Edvard Munch, whom most people view as the painter of the innermost reaches of the soul, alongside Andy Warhol, who is normally classed as the apostle of the surface, may seem the strangest choice of all. But there are three good reasons to do so. First, in 1984 Warhol actually made a long series of prints that are copies or rather versions of four major subjects by Munch – the iconic The Scream, Madonna, Self-Portrait and The Brooch. Secondly, Warhol and Munch both worked intensively with the print medium, with the concepts of quantity and repetition as guidelines. Thirdly, the juxtaposition of Warhol and Munch seeks to modulate the image we have of the two artists by showing that Warhol is less superficial than he is normally viewed – and Munch correspondingly more a painter of the surface than we think. The exhibition Warhol After Munch has a selection of Munch’s four major print works in various versions and 30 of Warhol’s large, colourful versions of them. Info: tel +45 88435052 e-mail: press@louisiana.dk - www.louisiana.dk

Louise Bourgeois / Emilio Vedova

5 giugno - 19 settembre 2010, Venezia
Inaugurazione: 4 giugno 2010 alle ore 14.34. La Fondazione Emilio e Annabianca Vedova amplia il suo territorio operativo e architettonico affiancando al Magazzino del Sale il recuperato Studio di Emilio Vedova, Zattere 50, che diventa un ulteriore spazio pubblico per esposizioni e incontri con l’arte. Tale arricchimento coincide con la presentazione, in contemporanea, di due importanti e originali mostre, curate da Germano Celant e dedicate ad aspetti mondialmente inediti dell’opera di Louise Bourgeois, con i suoi “The Fabric Drawings”, mai esposti nella loro complessità, quanto del lavoro di Emilio Vedova con il suo potente intreccio, mai completamente analizzato, tra pittura e scultura. “The Fabric Works” di Louise Bourgeois, propone la produzione quasi sconosciuta di opere realizzate in stoffa, come la ricca sequenza dei suoi Fabric Drawings, realizzati dal 2002 al 2008, o la leggera presenza delle sue Cells, come Conscious and Unconscius, 2008. Principalmente montaggi, collage e assemblage di porzioni e parti di suoi vestiti tali opere rivelano un’energia dirompente e sorprendente per la loro ricchezza cromatica e linguistica, quanto per la loro storia simbolica e intima. […] “Emilio Vedova Scultore” propone un aspetto inedito del percorso pittorico di Emilio Vedova: il suo interesse per l’intervento tridimensionale, ambientale e teatrale, là dove domina la scultura. Attraverso un percorso storico essenziale l’esposizione, tende a presentare, attraverso modellini e grandi lavori scultorei, tale aspetto espressivo che ha interessato l’artista dal 1953 al 1997. […] Info: tel +39 041 5226626 fax +39 041 5239060 e-mail: info@fondazionevedova.org - www.fondazionevedova.org

5/06/2010


William Eggleston: Paris - Kyoto

5 giugno - 22 agosto 2010, Tokio (Giappone)
The Hara Museum of Contemporary Art is pleased to announce the first solo exhibition of William Eggleston’s work at a Japanese museum. The exhibition focuses on two series of works commissioned by the Fondation Cartier pour l’art contemporain, Paris and shown in their space in Paris for the very first time in 2001 and 2009. The exhibition also shows a group of the artist’s most famous historical works from the collection of the Tokyo Metropolitan Museum of Photography. For three years, American photographer William Eggleston has photographed the city of Paris as part of a commission for the Fondation Cartier pour l’art contemporain. Taken throughout different seasons, these new images by one of the fathers of color photography portray the local and the cosmopolitan, the glamorous and the gritty, the everyday and the extraordinary. This exhibition also provides an exceptional occasion to bring together William Eggleston’s distinctive pictures and his recent paintings, an unknown aspect of his work that has never before been presented to the public. On a previous commission, also from Fondation Cartier, and in response to a -go-as-you please- project, Eggleston identified Kyoto as his favourite city, and one he already knew and loved. Always far from stereotypes and attentive to everyday details of urban life, his -democratic eye- once again brings his very personal and strong vision of the world deep into Japanese culture. After the exhibit at the Hara Museum, the series Paris will be presented in September 2010 at The Hasselblad Foundation in Göteborg, Sweden. Info: tel +81 03 34450651 fax +81 03 34730104 e-mail: info@haramuseum.or.jp - www.haramuseum.or.jp

7/06/2010


Mostra di Architettura e Convegno di UrbanVoids™

7 -11 giugno 2010, Roma
La Galleria di Architettura “come se” nell’ambito della Festa dell’Architettura, presenta la Mostra di Architettura e il Convegno di UrbanVoids™ dal titolo “Strategie e nuove partnership per progetti sostenibili nella città di Roma”, a cura di Antonino Saggio. UrbanVoids™ è una strategia di progettazione urbana innovativa che intende promuovere interventi “dal basso” e offrire alla città più di venti proposte per delle aree degradate, abbandonate o sotto utilizzate. Dopo circa tre anni di lavoro, UrbanVoids™(Vuoti urbani) intende stimolare nel 2010 la partecipazione attiva e creativa di quanti sono interessati al miglioramento delle zone periferiche di Roma: innanzitutto i cittadini con le loro associazioni, l’amministrazione, le fondazioni a sostegno dei progetti di rilevanza culturale, i produttori di materiali e i fornitori di tecnologie e i developer che intendono realizzare progetti in un quadro misto pubblico-privato. Il convegno UrbanVoids™ Strategie e nuove partnership per progetti sostenibili nella città di Roma che si tiene l’8 giugno alla Galleria di Architettura “come se” è organizzato in cinque grandi aree tematiche (Vuoti urbani e plug-in progettuali, Valorizzazione del sottosuolo, Ecologia urbana, Catalizzatori culturali e sociali, Sport e tempo libero) ciascuna introdotta da una relazione quadro, a cui seguono l’illustrazione di alcuni progetti specifici per la città e che si conclude con un confronto propositivo sulla tematica in esame. Il convegno si tiene in contemporanea alla omonima mostra presso al Galleria “come se” e la pubblicazione del catalogo UrbanVoids™, Lulu edizioni e si inserisce nel quadro di iniziative della Festa dell’Architettura che intende promuovere concretamente la qualità della progettazione nella città di Roma. Info: tel +39 06 44360248 e-mail: info@comese.me.it - www.comese.me.it

8/06/2010


Congreso Internacional Cerdà Postmetrópolis

8 - 11 giugno 2010, Barcelona (Espana)
El pasado junio de 2009 se iniciaba la conmemoración del 150º aniversario de la aprobación del Plan de Ensanche de Barcelona, el Eixample Cerdà. Se trata de una celebración del pasado que desea mirar el futuro. En este sentido, es evidente que el Año Cerdà ha empezado con la explicación del Eixample, con el relato de su historia y con su análisis como forma urbana con relación al urbanismo de la ciudad; pero debe acabar, necesariamente, proponiendo una reflexión acerca del futuro de la metrópolis barcelonesa en el siglo XXI. Más allá de la mirada sobre la evolución histórica del entramado de calles y manzanas que sin duda definió entonces una nueva ciudad, el Año Cerdà nos invita a imaginar la ciudad futura proyectando la mirada cerdaniana hacia la ciudad que viene. […] El Congreso Cerdà Postmetrópolis reunirá a más de sesenta expertos de nivel local e internacional que propondrán visiones desde territorios y disciplinas diferentes en el curso de una semana de trabajo. La discusión acerca de la ciudad metropolitana se planteará, además, en formatos diferentes, con quince mesas de debate y dos sesiones de voting de políticas urbanas, que permitirán a los expertos y al público asistente elegir las acciones más adecuadas para diferentes escenarios urbanos y territoriales. Seguramente, la demanda retórica de Cerdà al pedir Ruralizad lo urbano, urbanizad lo rural se ha acabado produciendo durante el siglo XX y, en efecto, hemos urbanizado el campo, pero es igualmente evidente que lo hemos hecho sin la política, sin políticas inspiradoras de urbanidad, que hayan permitido ir más allá de la mera y simple urbanización del territorio. Más allá de la celebración de la efeméride y de la vindicación de la figura del ingeniero creador del Eixample, más allá de la revisión de la forma y la funcionalidad urbana del Eixample, el Año Cerdà representa una oportunidad para someter la cuestión metropolitana a debate. Un debate que, aunque debe empezar por el propio Eixample, valorando su historia y relevancia urbana en el momento actual, debe concluir lejos de las fronteras que define la geometría de su cuadrícula, hasta hacer visibles y poner en la agenda de las políticas urbanas los territorios de la metrópolis en que el gesto Cerdà es hoy más necesario. Info: www.cccb.org

Creative Cagliari

11 - 16 luglio 2010, Cagliari >[deadline: 8/06/2010]
Si terrà presso la Facoltà di Architettura di Cagliari il workshop internazionale interdisciplinare di progettazione “Creative Cagliari. Castello tales emerging from the waste as found”. L’iniziativa si configura come occasione di sperimentazione operativa all’interno del progetto di ricerca “Creative City” che si prefigge di esplorare il potenziale della città attraverso un approccio creativo, nel quale l’espressione artistica diventa strumento chiave nella costruzione di strategie di sviluppo sostenibile fortemente partecipative e fondate sulla produzione di un sistema di spazio pubblico che si configuri come chiara struttura portante dell’organismo urbano. Senza negare l’approccio topologico, caratterizzato da una profonda comprensione della struttura fisica della città, l’approccio artistico viene inteso come opportunità per lavorare contemporaneamente ed efficacemente con la sua struttura socio-culturale. […] “Creative City” vuole riportare l’attenzione disciplinare sulla città come esperienza emozionale complessa, aggiornando il lessico compositivo attraverso una profonda attenzione alla dimensione sensoriale: il rafforzamento di questa dimensione consente di arricchire il paesaggio mentale percettivo e quindi di lavorare più proficuamente con i sentimenti di appartenenza, fondamentali per stimolare la comunità verso nuove forme di appropriazione. Il progetto intende sperimentare la creatività attraverso l’esplorazione del concetto di “rifiuto urbano”, indagandone le diverse accezioni e potenzialità nella produzione di nuove qualità urbane […] Le lingue ufficiali del workshop saranno l’Italiano, l’Inglese e il Francese. L’attività è rivolta a studenti di architettura, paesaggio e arte, e a giovani laureati nelle stesse discipline (laurea conseguita da non più di 5 anni). Saranno selezionati 25 partecipanti. I docenti forniranno le linee guida per il progetto e coordineranno lo sviluppo del lavoro nelle diverse fasi con il supporto operativo degli assistenti. Il workshop avrà una durata complessiva di 48 ore che includeranno lezioni introduttive, la realizzazione fisica del progetto e la presentazione finale. I partecipanti che avranno seguito con regolarità le attività riceveranno un attestato di partecipazione con il riconoscimento di 2 CFU (ETCS). Info: tel +39 070 6755359 e-mail: creativecagliari@unica.it - http://people.unica.it/creativecagliari - bando.pdf

Two days of planning - [re]generation

8 - 9 giugno 2010, Milano
Two days of planning è un evento della durata di due giorni organizzato da PlaNet Milano -associazione di laureati e studenti in planning del Politecnico di Milano- finalizzato a promuovere la figura del planner e ad innescare un fertile dibattito tra studenti, laureati, professionisti e accademici, riunendo alcune delle principali attività dell’associazione: promozione di dibattiti sul lavoro del palnner, incontro tra studenti e laureati, promozione di eventi culturali legati al tema del planning che cercano di coniugare istanze culturali ad istanze più prettamente professionali. Il tema proposto per questa due giorni di eventi è quello della rigenerazione urbana, che verrà approfondito attraverso una conferenza, per poi essere raccontato attraverso uno spettacolo teatrale. Info: http://planet.studentipolitecnico.it

9/06/2010


PASS – Progetto per abitazioni sociali e sostenibili

[deadline: 9/06/2010]
Il concorso “PASS - Progetto per abitazioni sociali e sostenibili” è bandito dall’ATER – Azienda Territoriale per l’Edilizia Residenziale del Comune di Roma ed è promosso e finanziato dalla Regione Lazio, e si inserisce in un percorso più ampio e complessivo, che attraverso la Legge Regionale n.21 del 2009 ” Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l’edilizia residenziale sociale” vuole promuove sul territorio, l’edilizia residenziale pubblica e sociale. Le istituzioni coinvolte si prefiggono l’obiettivo di aumentare la disponibilità di alloggi pubblici attraverso la realizzazione di nuova edilizia sovvenzionata e il recupero di edifici o parti di essi. Il concorso individua contesti consolidati della ‘città pubblicà, in cui sono presenti moltissimi spazi liberi sottoutilizzati che costituiscono un significativo patrimonio di superfici da utilizzare per la realizzazione di nuovi alloggi al fine di ridurre l’emergenza abitativa. Parte dell’edificato risalente al Piano di Zona n.15 – Tiburtino III, possiede le caratteristiche e le potenzialità per fornire spazi da convertire funzionalmente che potrebbero aumentare la disponibilità di alloggi ed innescare la riqualificazione del quartiere. Il concorso affronta in via sperimentale i temi progettuali della conversione funzionale ed estetica e della sostenibilità energetica, avviando un confronto aperto al mondo professionale dell’architettura. L’obbiettivo è quello di conseguire soluzioni e proposte innovative che siano di riferimento nella definizione degli indirizzi generali applicabili a tutto il territorio regionale, riaprendo una riflessione sulla città pubblica, che dalle nuove investigazioni sulla casa e sull’alloggio rimetta insieme i temi della composizione fisica e sociale della città. Info: tel +39 06 68842658 fax 06 68842535 e-mail: concorsopass@aterroma.it - www.aterroma.it/concorsopass

Festa dell’Architettura di Roma - Index Urbis

9 - 12 giugno 2010, Roma
L’Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione del Comune di Roma, la Casa dell’Architettura e l’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di Roma e Provincia presentano Index Urbis, curata dall’architetto Francesco Garofalo. I luoghi della Festa dell’Architettura sono quattro: la Casa dell’Architettura - Acquario Romano, l’Auditorium Parco della Musica, il MAXXI Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo e il MACRO Testaccio. Oltre cinquanta gli eventi collaterali che coinvolgeranno la città, grazie all’adesione di numerose istituzioni ed associazioni. La Festa sarà inaugurata dalla lectio magistralis dell’architetto portoghese Alvaro Siza Vieria, Premio Pritzker nel 1992 e medaglia d’oro del RIBA nel 2009. La Festa dell’Architettura di Roma ha l’obiettivo di raccogliere le riflessioni sulla città proposte sia da esperti, sia dalla comunità culturale e civile, attraverso il confronto con altre metropoli. La proposta culturale della Festa è l’osservazione analitica della città di Roma, del suo sviluppo e del suo ruolo futuro nel panorama architettonico internazionale contemporaneo. «L’architettura è un valore fondamentale nella storia della comunità italiana - afferma Amedeo Schiattarella, Presidente dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di Roma e Provincia - Organizzare una festa e non un festival significa voler coinvolgere l’intera città in una riflessione collettiva sul presente e sul futuro possibile di Roma. L’Amministrazione Comunale, che condivide questi due assunti, considera la Festa come punto di approfondimento necessario rispetto all’iniziativa Millennium». Rispetto al Progetto Millennium Roma Capitale 2010-2020 Stati Generali della Città di Roma, la Festa dell’Architettura di Roma approfondisce i grandi temi della trasformazione dal punto di vista architettonico e urbanistico. È l’occasione per una grande rassegna internazionale, che coinvolge anche i protagonisti di grandi eventi di trasformazione come l’Expo di Milano e le prossime Olimpiadi di Londra. Il taglio dell’evento, i suoi contenuti e le partecipazioni costituiscono una grande opportunità per lanciare temi e progetti di sviluppo futuro in vista del 2020, della candidatura olimpica, e non solo. Numerosi i grandi architetti italiani e stranieri che intervengono su temi specifici che oggi appaiono rilevanti per Roma, i così definiti NODI della città contemporanea. Info: www.indexurbis.it

Una città un piano: L’Aquila

9 - 11 giugno 2010, Pettorano sul Gizio (Aq)
Nell’ambito delle iniziative “Una città un piano”, eddyburg ha organizzato un seminario di studio per riflettere sulle modalità di ricostruzione dell’Aquila, a partire da quei campi disciplinari che in questo post-terremoto sono stati trascurati. Il seminario è stato organizzato in collaborazione con il Centro studi per le reti ecologiche della Riserva naturale regionale Monte Genzana Alto Gizio e si svolgerà nella splendida cornice del borgo storico di Pettorano sul Gizio. Con le modalità dell’albergo diffuso, i partecipanti verranno alloggiati in case del centro storico, mentre le lezioni e gli incontri si terranno negli spazi del Castello Cantelmo.La prima colazione e la cena saranno servite in collaborazione con i ristoranti del borgo. Per il pranzo si provvederà invece attraverso un buffet con prodotti tipici del luogo. Sono previste due giornate di attività seminariale, condotte da docenti ed esperti di primo piano. Agli studenti verranno forniti materiali di studio e una dispensa con gli interventi previsti. La terza giornata sarà, invece, dedicata a una visita in pullman alla città dell’Aquila, accompagnati da un architetto-urbanista e da un ingegnere-strutturista. Il programma sarà inoltre arricchito da uno o più eventi serali, fra cui la proiezione del film documentario sull’Aquila con la presenza della regista Sabina Guzzanti. Per tenere bassi i costi del seminario, nella tradizione di eddyburg i docenti non percepiscono alcun compenso. È prevista la partecipazione minima di 30 iscritti. Il costo di partecipazione è di 400 Euro a persona, ridotto a 250 Euro per gli studenti, e include vitto e alloggio (tre pernottamenti e tre giornate di pensione completa), l’attività seminariale, la visita guidata all’Aquila. Info: tel 0864 487006 e-mail: csre@riservagenzana.it - www.riservagenzana.it - www.eddyburg.it

Martin Parr - Four Decades

9 giugno - 31 luglio 2010, Roma
Il 9 giugno 2010 alle ore 19, si inaugura, presso lo Studio Trisorio di Roma, Vicolo delle Vacche 12, una personale del fotografo inglese Martin Parr. Fin dagli esordi Martin Parr si è interessato ai comportamenti sociali, al modo in cui le persone arredano le proprie case, ai cibi che scelgono di mangiare, agli abiti che indossano, alle mete turistiche che prediligono, ed ha cominciato a catalogare queste abitudini ordinarie con uno sguardo acuto ed ironico. In mostra alcune delle sue prime fotografie in bianco e nero degli anni ‘70, scattate a Manchester, nello Yorkshire, nell’East Sussex; gli interni domestici della serie Home Sweet Home (1974) e varie immagini delle serie The Last Resort (1983-86), Small World (1987-94), Bored Couples (1991-93), Common Sense (1995-99), Luxury (2009), sono giustapposte per restituire una visione retrospettiva del particolare linguaggio fotografico di Martin Parr negli ultimi quarant’ anni. Il filo rosso che percorre tutti i suoi lavori è un’attenta riflessione sul consumismo, inteso non solo come stile di vita, ma come ideologia paradossale della società contemporanea. 

La sua è soprattutto una riflessione sulla fotografia come mezzo di rappresentazione del reale in un mondo in cui il reale e la sua immagine si confondono sempre di più fra loro. Info: tel/fax +39 06 68136189 e-mail: roma@studiotrisorio.com - www.studiotrisorio.com

Alvaro Siza Vieira - Sulla museografia

Il 9 giugno 2010 alle ore 18, presso la Casa dell’Architettura di Roma, l’architetto portoghese Álvaro Siza Vieira (Pritzker Architecture Prize 1992 - Medaglia d’oro del RIBA 2009) inaugura la 1. edizione della Festa dell’Architettura di Roma con la lezione dal titolo “Sulla museografia”. L’evento a cura di Maddalena d’Alfonso, Marco Introini, Marco Maria Sambo, nasce dall’intento di evidenziare il processo ideativo e creativo del progetto architettonico con particolare riferimento al tema del museo come forma architettonica. I lavori alla base della discussione saranno il museo di Arte Contemporanea di Serralves a Porto, in Portogallo, e il museo di Ibere Camargo a Porto Alegre, in Brasile. Su questo tema discuteranno Álvaro Siza Vieira (Pritzker Architecture Prize 1992 - Medaglia d’oro del RIBA 2009), Carlos Castanheira (architetto, autore di numerosi saggi e Direttore della Casa dell’Architettura di Matosinhos), Maddalena d’Alfonso (architetto, curatrice di Mostre e autrice del libro Álvaro Siza, 2 musei, Electa), Marco Introini (architetto, fotografo e coautore del libro Álvaro Siza, 2 musei, Electa), Marco Maria Sambo (architetto, saggista e socio fondatore dell’Associazione Italiana di Architettura e Critica). Info: www.casadellarchitettura.it - www.indexurbis.it

Giambattista Piranesi. Matrici Incise 1743-1753

9 giugno –18 luglio 2010, Roma
In occasione dei 35 anni dalla fondazione dell’Istituto Nazionale per la Grafica si inaugura la mostra di una selezione dei rami incisi da Giambattista Piranesi (Venezia 1720 – Roma 1778) dopo il suo arrivo a Roma nel 1740, solo una piccola parte delle 1191 matrici possedute dalla Calcografia Piranesi, uno dei fondi più prestigiosi dell’Istituto Nazionale per la Grafica. Con questa scelta si presenta il lavoro svolto dall’Istituto nell’ambito di Progetto Piranesi, programma che ha un duplice obiettivo: operare una revisione dei rami che comprenda il restauro e l’analisi diagnostica dell’inciso, che oggi si serve delle nuove metodologie d’indagine del Laboratorio diagnostico per le matrici, e fornire agli studiosi di Piranesi uno strumento che consenta ulteriori approfondimenti riguardo al suo modo di lavorare, alla storia della sua collezione personale, ai successivi interventi di suo figlio Francesco e non ultimo, al ruolo svolto dalla famosa bottega a Palazzo Tomati in via Sistina. […] La mostra costituisce anche un’occasione per far conoscere le matrici originali di un incisore che ha contribuito a diffondere una nuova immagine di Roma, e si pone l’obiettivo di avvicinare il pubblico alla complessa materia legata alla realizzazione della stampa, ottenuta in questo caso con l’acquaforte e un sapiente uso del bulino. La mostra è stata realizzata con il contributo del Collegio Provinciale dei Geometri e dei Geometri Laureati di Roma, Presidente Marco D’Alesio. La mostra sarà inaugurata in coincidenza del XXII Convegno Internazionale dei Direttori delle Collezioni Grafiche (International Advisory Committee of Keepers of Public Collections of Graphic Art). Info: Marcella Ghio, tel+ 39 06 69980238 fax +39 06 69921454 e-mail: mghio@beniculturali.it - www.grafica.arti.beniculturali.it

10/06/2010


Bois-Lab - premiazione e mostra workshop

10 - 12 giugno 2010, Torino
Giovedì 10 giugno 2010 alle 17.30 nel Salone d’Onore del Castello del Valentino, sede della Facoltà di Architettura, in viale Mattioli 39, sarà premiato il progetto vincitore del workshop interdisciplinare per progettisti e aziende del legno, coordinato dalla Provincia di Torino nell’ambito del progetto di cooperazione transfrontaliera “Bois-Lab”. Dopo la cerimonia, organizzata dalla Provincia e dalla Fondazione Ordine Architetti di Torino, alle 18.30 nella Sala delle Colonne sarà inaugurata la mostra dei progetti dei 7 gruppi di lavoro che hanno partecipato al workshop. Al progetto Bois-Lab collaborano la Provinciadi Torino e il Conseil Géneral de la Savoie, che si sono impegnati per attivare strategie di sostegno alla domanda e all’offerta di legno di qualità di provenienza locale. Il workshop è stato invece realizzato in collaborazione con il Politecnico di Torino (DIPRADI), l’Università degli Studi di Torino (Dipartimento Agroselviter), la Fondazione Ordine Architetti di Torino, la CNA (Confederazione Nazionale dell’Artigianato), la Società Ingegneri e Architetti di Torino. Il programma del workshop si è articolato in quattro appuntamenti nel mese di maggio, finalizzati alla progettazione di una “mobilhome” in legno di provenienza locale, che, una volta realizzata, dovrà rispondere ad esigenze di flessibilità d’uso e facilità di trasporto. Il modulo espositivo ospiterà inizialmente i contenuti informativi sulla filiera del legno locale nell’ambito della manifestazione “Bosco e territorio”, in programma dal 17 al 19 settembre a Beaulard di Oulx, in Alta Valsusa. Successivamente si trasformerà in un laboratorio itinerante per la promozione della risorsa-legno.I partecipanti sono stati introdotti al tema del workshop attraverso una fase diformazione orientata all’inquadramento dei sistemi costruttivi in legno con particolare riferimentoalle strutture prefabbricate e all’analisi delle loro potenzialità in architettura, anchesotto il profilo ambientale. Ne è seguita un’attività progettuale, al termine della quale una Commissione di valutazione ha selezionato il progetto da avviare alla fase di realizzazione, che sarà appunto reso pubblico il 10 giugno. Info: Liana Pastorin, tel 011 5360513 e-mail l.pastorin@awn.it - www.to.archiworld.it - e-mail: info@bois-lab.org - www.bois-lab.org

11/06/2010


Vienna Architecture Conference: In the Absence of Raimund Abraham

Friday, 11 June 2010, the MAK, Austrian Museum of Applied Arts / Contemporary Art, is joining forces with the studio Prix, Institute of Architecture, at the University of Applied Arts Vienna to stage an architecture conference in honor of one of the most visionary and progressive architects and theoretical thinkers of the international avant-garde, Raimund Abraham. To honor and provide a discursive look at Abraham’s exceptional stance, the architects Peter Eisenman, Eric Owen Moss, Wolf D. Prix, Michael Rotondi, Lebbeus Woods and others will be joining together for the Vienna Architecture Conference at the MAK. Raimund Abraham stood for radicalism and utopias; he fought for visions and demanded the realization of architecture in its most unconventional and pioneering dimension. His legacy represents a point of departure and a challenge for contemporary architecture. ‘In the Absence of Raimund Abraham’ is devoted to pointing out the unshakable contemporaneity and unique imagination of the architect, visionary, theoretician, mentor and teacher Abraham in an international context. Just a few hours before his death on 4 March 2010, the architect—who was born in Austria and had lived in the USA since 1964—held a lecture at the Southern California Institute of Architecture (SCI-Arc) in Los Angeles. In this talk, entitled Profanation of Solitude, he summed up his uncompromising attitude towards architecture. As a nonconformist and a fundamental critic and champion of a fundamental architectural stance, Abraham campaigned tirelessly for architecture’s collective renewal. With the construction of the Austrian Cultural Forum Building in New York (2002), he made an outstanding contribution to contemporary architecture in Manhattan. The well-known architecture critic of the New York Times, Herbert Muschamp, referred to the structure as the most important piece of architecture since the Seagram Building by Mies van der Rohe and the Guggenheim Museum by Frank Lloyd Wright. Info: www.mak.at

ARBO. Areale ferroviario di Bolzano

[deadline: 11/06/2010]
Concorso a procedura ristretta finalizzato all’elaborazione di un Progetto Urbano delle porzioni di area attualmente di proprietà di Rete Ferroviaria Italiana S.p.A., propedeutico ad un processo di riorganizzazione della stazione ferroviaria di Bolzano e recupero a funzioni urbane dello scalo merci in vista del suo trasferimento in altre parti del territorio provinciale. L’ambito di intervento, ha un’estensione di circa 30 ha., corrispondente all’area di proprietà di RFI S.p.A. relativa all’area ferroviaria dell’ambito di stazione ed alle porzioni di linea che provengono da nord e da sud. Si tratta di ambito caratterizzato prevalentemente da funzioni ferroviarie, collocato al centro tra la città di matrice storica ed il quartiere dei Piani caratterizzato da nuove funzioni residenziali, artigianali, produttive, servizi pubblici, terziario e funzioni varie. Il progetto urbano dovrà fornire le indicazioni di uno “schema preliminare di assetto” e proporre soluzioni operative per: - l’assetto fisico-morfologico | - l’assetto funzionale con particolare riferimento a quelle trasportistiche | - le modalità di finanziamento, attuazione e gestione economico-finanziaria degli interventi | - la tempistica di realizzazione delle opere | Premi: - 1. Premio: € 100.000,00 | - 2. Premio: € 75.000,00 | - 3° Premio: € 50.000,00 | Ad ognuno dei rimanenti partecipanti, che abbiano raggiunto un punteggio minimo di almeno punti 60/100, sarà corrisposto un rimborso spese di € 30.000,00 | Info: www.arbo.bz.it

Premio Europeo del Espacio Público Urbano 2010

El acto de entrega del premio tendrá lugar en el CCCB el 11 de junio de 2010, con la presencia de Rafael Moneo, presidente del jurado de 2010, y de los autores de los proyectos premiados. Estos explicarán sus obras y se realizará la conexión en directo con los premios ex aequo, en Oslo y Magdeburgo. Después de la bienvenida institucional del presidente del Consorci del Centre de Cultura Contemporània de Barcelona, Antoni Fogué Moya, e introducción de Josep Ramoneda, director del CCCB, tendrá lugar la presentación de los Premios ex aequo: - Open-Air-Library en Magdeburgo, Alemania: Stefan Rettich, estudio KARO, autores; Heinz-Joachim Olbricht, jefe del Departamento de Urbanismo del Ayuntamiento de Magdeburgo, promotor | - New Norwegian National Opera and Ballet en Oslo, Noruega: Kjetil Traedal Thorsen, estudio Snohetta, autores; Roar Bjordal, director del proyecto New Norwegian National Opera and Ballet del promotor Statsbygg | Presentación de Menciones Especiales: - Urban activators: theater podium & brug Grotekerkplein en Rotterdam, Países Bajos: Oliver Thill, Atelier Kempe Thill architects and planners, autores | - Paseo Marítimo de la Playa Poniente en Benidorm, España: Carlos Ferrater y Xavier Martí, Office of Architecture in Barcelona, autores | - Passage 56 / espace culturel écologique en París, Francia: Constantin Petcou y Doina Petrescu, atelier d’architecture autogerée, autores | - Casetas de pescadores en el puerto en Cangas, España: Jesús Irisarri y Guadalupe Piñera, irisarri+piñera, autores | Con la participación de David Bravo, secretario del Jurado del Premio Europeo del Espacio Público Urbano 2010. Retransmisión del acto en directo en la web www.publicspace.org

Joel Sternfeld - Past Forward Toward Future

11 giugno - 22 agosto 2010, Roma
L’espansione periferica di Roma e le sue trasformazioni pongono l’accento sulla necessità di un approccio critico rispetto alla percezione della dimensione urbana della capitale. La mostra Past Forward Toward Future, a cura di 3/3, e promossa dal Comune di Roma, Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione - Sovraintendenza ai Beni Culturali nell’ambito della Festa dell’Architettura, intende interrogare questa dimensione attraverso il confronto fra due progetti di Joel Sternfeld, che permettono al contempo di raccogliere suggestioni dal passato e ispirazioni per il futuro della città. Campagna Romana, un’indagine lungo gli acquedotti e le strade consolari a sud e a est della città, rappresenta un caso unico di studio fotografico dell’Agro Romano. Quando, agli inizi degli anni ’90, Sternfeld si confronta con le linee che, dall’antica Roma, hanno tracciato la sua relazione con il mondo extra-urbano, si rivolge alla contaminazione della contemporaneità, già in parte consapevole della rapidità del passo con cui sarebbe avanzata la nuova città, e ci pone indirettamente a confronto con la realtà attuale. Nel 2000, i due fondatori dell’associazione Amici dell’High Line, una ferrovia sopraelevata che attraversa la parte nord-est di New York e che minacciava di essere abbattuta, hanno chiesto a Sternfeld di percorrere l’High Line e realizzare una serie di fotografie che poi riunite in un libro, Walking the High Line, hanno avuto una grande importanza nel processo di trasformazione della ferrovia in parco pubblico e sono di particolare suggestione per la città di Roma, che da anni si interroga sulla riconversione della sopraelevata. Info: tel +39 06 671070400 e-mail: macro@comune.roma.it - www.macro.roma.museum

12/06/2010


Good 50×70 | 2010

[deadline: 12/06/2010]
Associazione Culturale Good Design is proud to announce the 2010 edition of the international social poster competition organised to support the causes addressed by: Amnesty International, Amref, Emergency, Greenpeace, Libera - Associations, names and numbers against mafias, Lila and WWF. This year the contest will be confronting seven new issues with a new entry among the charities: Libera, committed to the education on democratic lawfulness. Amnesty International joined us once again addressing a brief about poverty. The 2010 contest will be confronting earth conservation issues with briefs by Greenpeace and Wwf; and discriminatory policies with Emergency and Lila briefs. We are honoured to welcome Kate Andrews, Jonathan Barnbrook, David Berman,Paddy Harrington, Angela Morelli and Lars Mueller as new jury members, together with Chaz Mavyiane Davies, Yossi Lemel, Alain leQuenrec, Woody Pirtle, Leonardo Sonnoli and Massimo Vignelli who have been with Good50×70 ever since its first edition. Good50×70 has been granted the patronage of: Segretariato Sociale RAI and Fondazione Pubblicità Progresso. The project is endorsed by AGI, ADI and AIAP. Info: http://good50×70.org - brief.pdf

15/06/2010


Premio FantiniScianatico ‘09-’10 - L’Architettura Bioecologica

[deadline: 15/06/2010]
La FantiniScianatico bandisce il concorso nazionale per l’assegnazione del Premio biennale FantiniScianatico - edizione 2009-2010. Al concorso potranno partecipare le tesi di laurea magistrale o specialistica in architettura e ingegneria edile o edile-architettura discusse nelle Università italiane dall’1 giugno 2008 al 31 maggio 2010, che hanno affrontato il tema della qualità energetico-ambientale degli edifici e dell’innovazione tecnologica per l’ambiente, nell’ottica di un’architettura di qualità e dello sviluppo sostenibile del territorio. Una sezione specifica del concorso “l’architettura bioecologica in laterizio” è dedicata ai lavori che hanno privilegiato l’uso del laterizio. Per i partecipanti a tale sezione sarà prevista una visita in azienda, al fine di conoscere meglio la filiera produttiva del laterizio, e l’assistenza tecnica dei consulenti della FantiniScianatico. L’iscrizione al concorso avverrà contestualmente alla consegna degli elaborati, che dovranno pervenire per raccomandata alla Segreteria Organizzativa del concorso entro e non oltre il 15 giugno 2010. I risultati verranno comunicati ai vincitori entro il 31 luglio 2010. La Giuria individuerà le tesi meritevoli e assegnerà 2 premi: - sezione generale “l’architettura bioecologica”: 2000 Euro | - sezione specifica “l’architettura bioecologica in laterizio”: 2000 Euro | E’ inoltre prevista la mostra e la pubblicazione delle tesi partecipanti. Info: tel +39 080 3542411 fax +39 080 3542496 e-mail: info@fantiniscianatico.it - www.fantiniscianatico.it - www.costruireabitaresano.it

2. Festival del Cortometraggio “I Corti sul Lettino - Cinema e Psicoanalisi”

6 -7 settembre 2010, Napoli >[deadline: 15/06/2010]
Dopo il notevole successo della precedente manifestazione, suggellata dalla presenza del regista Roberto Faenza come presidente della giuria, Ignazio Senatore, psichiatra e critico cinematografico, dirigerà la 2. edizione del Festival del Cortometraggio “I Corti sul Lettino - Cinema e Psicoanalisi” rivolto ai filmaker italiani e stranieri. L’evento si svolgerà dal 6 al 7 settembre 2010, ad ingresso gratuito, dalle ore 21.00 alle 24.00, nell’ambito di accordi @ DISACCORDI – XI Festival del Cinema all’Aperto, presso il Parco del Poggio (Napoli) e prevede la proiezione dei cortometraggi che saranno selezionati da una giuria qualificata composta da registi, attori, registi, critici cinematografici, giornalisti ed operatori del settore. L’intento è quello di valorizzare, promuovere e divulgare il cortometraggio come forma espressiva particolarmente valida a livello sociale e culturale, di sviluppare le potenzialità dei linguaggi artistici dei nuovi media; rispondere alle esigenze di crescita culturale dei giovani registi emergenti e dare a tutti i filmaker di talento la maggiore visibilità possibile. Ogni opera deve avere durata massima di 60 minuti, inclusi i titoli di testa e di coda e sono ammessi cortometraggi già presentati o premiati in altri concorsi. L’iscrizione al 2. Festival del Cortometraggio “I Corti sul Lettino - Cinema e Psicoanalisi” è gratuita e la data di scadenza è il 15 giugno 2010. La Giuria del concorso, a suo insindacabile giudizio, attribuirà i seguenti premi: migliore cortometraggio, regista, sceneggiatore, attore protagonista, attrice protagonista, documentario e colonna sonora. I partecipanti dovranno inviare alla segreteria del concorso, allegandola alle opere inviate, la scheda di adesione al bando, scaricabile dal sito www.cinemaepsicoanalisi.com

Cominciamo…dalla strada + Against the Edge

15 giugno - 15 luglio 2010, Roma
Il 15 giugno 2010 alle ore 19 la Galleria di Architettura “come se” presenta, nell’ambito della Festa dell’Architettura di Roma, il progetto pilota di via dei Bruzi ‘Cominciamo…dalla strada’ ed il progetto di arredo-design urbano dell’architetto Diana Balmori, The Urban Living Room. Il 16 giugno alle ore 20 Diana Balmori terrà una lecture dal titolo “Against the Edge”, che tratterà la presentazione di un nuovo paesaggio: la città. Il Paesaggio oggi, unisce il divario tra natura e cultura e le idee sono il risultato di indagini e di una poetica scintifici, che cercano di dimostrare-affermare un’ecologia auto-sostenibile in cui gli esseri umani svolgono un ruolo di autocostruttori, una poetica dunque che invita a stringere sempre più rapporti tra persone e natura in continuo cambiamento. Il nostro lavoro è caratterizzato dalla ricerca di una connettività tra i vari sistemi ecologici e i nostri studi quindi si sono concentrati sulla ricerca di un tessuto che unisca questi sistemi. Questo “tessuto connettivo” che più si avvicina in maniera critica intellettuale e culturale rispetto ai cambiamenti del Paesaggio del ventunesimo secolo è il concetto di porosità. Questo concetto è applicabile alle relazioni tra paesaggio e città, tra cultura e natura tra città e Paese e tra fiume e terra. In tutti questi sistemi il bordo, deve diventare poroso. Quindi la nostra ricerca ed il nostro lavoro è contro il bordo, la demarcazione, per raggiungere il concetto/pensiero di porosità. ‘Cominciamo…dalla strada’ è un progetto sperimentale che riguarda la riqualificazione della strada di via dei Bruzi a San Lorenzo, con il coinvolgimento e la collaborazione di vari partner: il III Municipio, Architetti, Aziende come Italcementi e Martini Light ed il Progetto CivicoZero di Save the Children Italia. Il progetto infatti sarà realizzato con materiali innovativi come gli asfalti antismog offerti dall’Azienda Italcementi, gli elementi illuminanti a led offerti dall’Azienda Martini Light. Il progetto pilota, si arricchisce inoltre di un sistema di arredo urbano dal nome “The Urban Living Room” realizzato con materiale riciclato, autocostruito e riconfigurabile progettato dall’arch. Diana Balmori e che sarà realizzato materialmente dai ragazzi del Progetto CivicoZero dell’organizzazione Save the Children Italia. *[Diana Balmori, architetto e paesaggista, ha uno studio a New York ed opera soprattutto negli spazi pubblici e nei waterfront; ha realizzato diversi progetti di riqualificazione dell’area intorno al museo Guggenheim di Bilbao; è docente all’Università di Yale ed urbanista della Casa Bianca]. Info: fax +39 06 44360248 e-mail: info@comese.me.it - www.comese.me.it

17/06/2010


Festival des Architectures Vives 2010

17 - 20 giugno 2010, Montpellier (France)
Depuis 2006, Le Festival des Architectures Vives de Montpellier tente de sensibiliser les gens à l’architecture en leur donnant les outils pour comprendre et en permettant aux personnes qui vivent en ville de rencontrer les gens qui dessinent la ville. Ce Festival offre aux jeunes architectes, la possibilité de proposer, de penser, de rechercher et d’expérimenter de nouveaux domaines dans la conception architecturale en relation avec la ville classique. Les cours de manoir privé sont vus avec des nouveaux regards et le festival permet d’avoir une approche globale sur l’architecture dans un contexte urbain. Il permet également la création d’une relation intime entre une architecture contemporaine et un site à caractère patrimonial fort. La ville de Montpellier et le Languedoc-Roussillon ont un patrimoine architectural très riche dont les habitants sont curieux. De ce fait, le dialogue peut commencer. Ainsi ce festival nous ouvre les portes de lieux privé et nous offre des points de vue nouveaux grâces aux jeunes architectes et à l’ouverture d’esprits des propriétaires. Du 17 au 20 juin 2010, vous pourrez marcher dans le centre ville et prendre le temps de découvrir ou redécouvrir les cours privé de ces maisons, qui seront reliées entre-elles par des créations d’architectes venus des quatre coins du monde. Chaque architecture vive, spécialement conçue pour le festival, répondra à la thématique de cette cinquième édition : Entre ombre et lumière. Info: http://favmontpellier.nerim.net

Iannis Xenakis : compositeur, architecte, visionnaire

17 giugno - 17 ottobre 2010, Montréal (Canada)
Le Centre Canadien d’Architecture (CCA) présente une exposition qui explore le rôle fondamental que joue le dessin dans l’oeuvre de Iannis Xenakis (1922–2001) dans sa salle octogonale. Il s’agit de la première exposition muséale en Amérique du Nord consacrée aux oeuvres sur papier de Xenakis. Compositeur avant-gardiste parmi les plus marquants du monde musical de la fin du XXe siècle, il bénéficie d’une renommée internationale. Son oeuvre est hautement multidisciplinaire, nourrie par un parcours personnel et professionnel riche. À ce titre, il a notamment collaboré avec Le Corbusier sur des projets architecturaux. Le public montréalais retiendra parmi ses nombreuses réalisations particulièrement remarquées, celle du Polytope de Montréal, spectaculaire composition lumineuse et sonore conçue pour l’espace central du pavillon de la France lors d’Expo 67. Iannis Xenakis : compositeur, architecte, visionnaire retrace nombre de ses innovations musicales et architecturales qui ont d’abord vu le jour sur papier, et ont donné lieu à des centaines de documents graphiques saisissants, révélateurs d’une sensibilité exacerbée, d’une esthétique particulière, capable de transposer des images en sons, d’une acuité exceptionnelle. Influencé par les notions nouvelles de mathématiques avancées qui explorent les idées de contingence et de relativisme, il s’appuie sur des distributions de probabilités et des techniques mathématiques stochastiques pour créer des masses de sons, des permutations linéaires et du pointillisme sonore. Pour conceptualiser ses oeuvres de façon méticuleuse, il fait appel au crayon de couleur, sa formation en dessin et son talent naturel lui permettant de « penser à voix haute » – sur papier – un morceau de musique complète. Info: www.cca.qc.ca - CS.pdf

18/06/2010


Omaggio a Soleri

Il 18 giugno 2010 alle ore 16, presso il Teatro Agorà, Triennale Design Museum, in Viale Alemagna 6, Milano, si terrà un incontro dal titolo “Omaggio a Soleri. Per un’architettura responsabile che dia risposte ad un pianeta in crisi”, nel corso del quale verranno presentati due volumi: - Per un’architettura come ecologia umana. Studiosi a confronto. Scritti in onore di Paolo Soleri, (a cura di A. I. Lima), Jaca Book, Milano 2010 | - Soleri, la formazione giovanile. 808 disegni inediti d’architettura (a cura di A. I. Lima), Collana «Storia illustrata dell’architettura», Dario Flaccovio Editore, Palermo 2009 | L’architettura si trova oggi a un bivio: può scegliere di essere strumento - raffinato oppure brutale e invasivo, ma pur sempre strumento - delle logiche di consumo imperanti, oppure di farsi carico delle sfide aperte per la cura di un pianeta ferito. Urgente è la necessità di comprendere modi e caratteristiche di una efficace sostenibilità, troppo spesso evocata solo come parola magica. Per riflettere sul magistero di Soleri in questo campo e sulla sua genialità, evidente già negli anni della formazione, le case editrici Flaccovio e Jaca Book invitano alla presentazione dei due volumi in omaggio a Soleri. Intervengono: Maria Bottero (Politecnico di Milano), Maria Antonietta Crippa (Politecnico di Milano), Antonietta Iolanda Lima (Università di Palermo), Francesco Moschini (Politecnico di Bari), Giovanni Puglisi (IULM Milano), Gianni Scudo (Politecnico di Milano). Info: tel 02 724341 fax 02 72434248 e-mail: press@triennale.it - www.triennale.it

19/06/2010


London Festival of Architecture 2010

19 giugno - 4 luglio 2010, London
Next year’s London Festival of Architecture is to take place around the theme of “The Welcoming City”. The event will run from June 19 until July 4, 2010, and include a 16-day programme of events highlighting how cities can become increasingly amenable, tolerant and engaging. Now in its fourth incarnation, the festival, which is held every two years, will take place across the capital with three focus areas – Nash Ramblas (Portland Place and Regent Street in the west end), High Street 2012 (Whitechapel, Bow and Stratford in the east) and the Bankside Urban Forest (Southbank and Bankside cultural quarter). It will incorporate the Architecture Student Festival, the Embassies Project, Love Your Street and Open Studios. A host of other events such as talks and exhibitions have also been planned. Organised by New London Architecture, the Architecture Foundation and RIBA London, the event is targeting both national and international visitors, plus politicians and built environment professionals. The 2012 version will be held from June 23 until July 3 – just weeks before the Olympic games – and is planned to highlight London’s architecture to a global audience. Info: www.lfa2010.org

DESIGN&DOC Proiezioni video - Ritratti d’Autore

19 - 27 giugno 2010, Pesaro
Il Dipartimento di Design del Centro Arti Visive Pescheria presenta DESIGN&DOC, evento collaterale alla Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, con il patrocinio dell’Ordine degli Architetti di Pesaro e Urbino. A cura di Mariadele Conti, Design&Doc è una rassegna di documentari dedicati alle grandi firme italiane del design e dell’architettura contemporanea. Una galleria di ritratti di architetti e maestri del design, ampliata di anno in anno con nuovi protagonisti. Le interviste, curate dalla regista Didi Gnocchi di Ultrafragola Channels, sono integrate con materiali d’epoca, contributi filmati e fotografie di archivi privati. Si raccontano davanti alla macchina da presa alcuni grandi artefici del Made in Italy: da Giancarlo De Carlo a Vico Magistretti, da Achille Castiglioni a Vittorio Gregotti, da Ettore Sottsass ad Alessandro Mendini, fino ai più recenti Michele De Lucchi, Italo Lupi e Maddalena De Padova. Una lunga stagione italiana, dal dopoguerra al boom economico, è ripercorsa attraverso i ricordi di questi personaggi. La loro formazione, le passioni e le idee, i progetti, gli incontri, i viaggi e tanti passaggi di vita fondamentali che ci danno un’immagine vivissima del nostro Paese. Come eravamo, in un epoca in cui architetti e designer incontrarono imprenditori illuminati e insieme contribuirono al successo dello stile italiano nel mondo. Filo conduttore della rassegna è un viaggio nelle origini del Design italiano: il taglio personale dato a questi documentari,unici nel loro genere, crea un approccio più diretto alla conoscenza dei protagonisti attraverso esperienze di vita vissuta.Lo scopo è quello di coinvolgere sia professionisti del design e dell’architettura, sia coloro che hanno solo un interesse acerbo che può essere trasformato in nuova passione. Info: tel +39 0721 387651 e-mail: centroartivisive@comune.pesaro.ps.it - www.centroartivisivepescheria.it

21/06/2010


Cipro Italia A/R. Architettura

21 giugno - 3 luglio 2010, Roma
Inaugura il 21 giugno 2010 alle ore 11 alla Facoltà di Architettura di Valle Giulia, Sala Petruccioli, via Gramsci 53, a Roma, la mostra “Cipro Italia A/R. Architettura” curata da Emma Tagliacollo e promossa in Italia dall’Associazione dei ciprioti e sotto il patrocinio di: Regione Lazio, Provincia di Roma, Ambasciata di Cipro in Italia, Ambasciata d’Italia a Nicosia, Comune di Roma e Consiglio dei Greci Migranti (SAE). All’inaugurazione interverranno il Preside di Facoltà Livio De Santoli, l’Ambasciatrice di Cipro in Italia, il presidente dell’Associazione dei ciprioti in Italia, Fabio Di Carlo, Laura Ricci e la curatrice. La mostra presenta una selezione di opere di architetti ciprioti contemporanei che hanno studiato nelle Facoltà di Architettura italiane contribuendo, una volta tornati in patria, a una nuova interpretazione della tradizione. I risultati della ricerca sono stati elaborati all’interno del catalogo della mostra. Sarà possibile visitare la mostra dal 21 giugno al 3 luglio dalle ore 9 alle ore 19.30.

23/06/2010


ACMA viaggi - Parigi. Architetture, parchi e progetti urbani

23 - 27 giugno 2010, Parigi
Buona parte dell’immagine della Parigi che conosciamo oggi, legata alle grandi opere istituzionali affidate ai nomi più celebri dell’architettura contemporanea, dalla Biblioteca Nazionale allo Stadio di Francia ai nuovi quartieri residenziali lungo la Senna, proviene da una attenta politica concorsuale atta a valorizzare le qualità edilizie e a definire al dettaglio il disegno degli spazi aperti. Le ZAC (Zone d’Aménagement Concerté) di Parigi infatti, esperienze a metà tra piano e progetto, sono sorte al fine di riaffermare il ruolo guida delle istituzioni, includendo la partecipazione di privati nella fase di ristrutturazione di ampie aree centrali della città, liberatesi a seguito dei processi di deindustrializzazione del ventennio precedente. Il paesaggio urbano ne è risultato di conseguenza arricchito: pur mantenendo una certa continuità con la nobile tradizione dei grandi giardini pubblici presente in città, gli spazi aperti rappresentano spesso il risultato di sperimentazioni progettuali, a partire dal Parco della Villette per proseguire con i giardini di Gilles Clément, Michael Corajoud, e di intere generazioni di paesaggisti della vicina scuola di Versailles. ISCRIZIONI_ Il viaggio è rivolto ad architetti, giornalisti, redattori di riviste specializzate, docenti universitari, studiosi e cultori della materia. Sono previsti riduzioni per gruppi di almeno cinque persone, per gruppi provenienti dagli ordini professionali convenzionati con ACMA e per i Sostenitori ACMA. Le iscrizioni saranno raccolte fino ad esaurimento dei posti disponibili. Info: tel +39 02 70639293 fax +39 02 70639761 e-mail: acma@acmaweb.com - www.acmaweb.com

Sophie Calle

23 giugno - 24 ottobre 2010, Copenaghen
With her photographs, texts and film installations Sophie Calle (b. 1953) creates what one could call reality-close fictions. The exhibition at Louisiana will be showing a number of the artist’s central works; works that play with our perception of reality, mix the private with the collective, often draw on journalism, anthropology or psychoanalysis and take their point of departure in literature, the diary or the photo-novel. Sophie Calle, who is one of France’s most appreciated living artists, often uses herself as a narrative starting-point for the story in the work. This also applies to Take Care of Yourself (Prenez Soin De Vous), which was one of the high lights of the Venice Biennale in 2007, and which has just been presented in an English version. For this work Calle has invited a wide variety of women (from a ballet dancer to a lawyer) to use their various professional skills to give their interpretations of an e-mail where the artist’s lover ends their relationship. The results are poetic, touching and humorous statements which together form a monumental installation. Info: tel +45 88435052 e-mail: press@louisiana.dk - www.louisiana.dk

EURAU ‘10: Giornate Europee della Ricerca Architettonica e Urbana

23 - 26 giugno 2010, Napoli
Sarà Napoli ad ospitare la 5. edizione di Eurau, le Giornate Europee della Ricerca Architettonica e Urbana, organizzata dalla Facoltà di Architettura dell’Università di Napoli Federico II con la collaborazione della Prima Facoltà di Architettura del Politecnico di Torino e dell’Ecole Nazionale Supérieure de Marseille (ENSA), dell’Ecole Nazionale Supérieure d’Architecture et Paysage de Lille, dell’Association des Instituts supérieurs di Brussels-Liège-Mons (IESA) e dell’Escuela Tecnica Superior de Arquitectura de la Universidad Politecnica de Madrid (ETSAM). La manifestazione si propone di consentire e alimentare il confronto tra i ricercatori che si occupano di architettura e di città, all’interno del panorama europeo. Il tema di Eurau ‘10 è: “Venustas. Architettura/mercato/democrazia”. La novità di Eurau ‘10 rispetto alle precedenti edizioni è l’apertura di un blog sul sito www.eurau10.it e la presentazione dell’iniziativa in una serie di occasioni di confronto organizzate intorno al tema delle “reti di ricerca”. Eurau ‘10 si svolgerà dal 23 al 26 giugno, al centro congressi della Federico II in via Partenope 36, a Napoli, con la formula delle sessioni parallele, corrispondenti alle tematiche proposte. Il colloquio scientifico si svilupperà nelle prime tre giornate intorno alle comunicazioni selezionate dal comitato scientifico (circa 150 sugli oltre 300 abstract presentati in risposta al call for paper lanciato nel settembre 2009). La giornata conclusiva si terrà a Napoli presso il centro congressi della Mostra d’Oltremare. Tra gli obiettivi di Eurau ‘10 c’è quello di funzionare come un contenitore e un incubatore di idee e di proposte e soprattutto come un luogo di dibattito e di confronto. Info: www.eurau10.it

28/06/2010


Workshop “Architettare il paesaggio rurale”

28 - 30 giugno 2010, Settimo Torinese (To)
CASARTARC – Casa per l’Arte e l’Architettura, in collaborazione con Plug_in – laboratorio di architettura e arti multimediali e con il Comune di Settimo Torinese (To), con il patrocinio di Fondazione ECM di Settimo Torinese, Regione Piemonte, Provincia di Torino, Città di Torino, Ordine degli Architetti e PPC della Provincia di Torino, Brasìl Ministerio della Cultura e Associazione dos Amigos dos Moinhos do Vale do Taquari, organizza un Workshop dal titolo “ARCHITETTARE IL PAESAGGIO RURALE”. Il Workshop è rivolto a tutte le figure professionali che, a vario titolo, risultano coinvolte nei processi di trasformazione dei luoghi a differenti livelli di scala, dalla pianificazione alla progettazione ed alla realizzazione degli interventi, con specifico riferimento al contesto urbano-rurale; potranno partecipare architetti, ingegneri, paesaggisti, designer, ma anche funzionari e tecnici di Enti pubblici ed amministratori. Il Workshop avrà luogo con il raggiungimento di un numero minimo di 20 partecipanti e sarà limitato ad un numero massimo di 30 partecipanti: per l’iscrizione farà fede la data di ricevimento del fax o dell’e-mail con la domanda di partecipazione debitamente compilata. Nel caso in cui non venisse raggiunto il numero minimo di partecipanti le quote di iscrizione già versate verranno interamente restituite. Il Workshop si terrà nel Comune Settimo Torinese (TO) presso i locali della Giardinera – Via Italia n.90 bis nei giorni 28-29-30 giugno 2010. LE FINALITÁ_ Il Workshop nasce in relazione alla mostra “Brasil Arquitetura - A tradição do novo / La tradizione del nuovo”, che sarà ospitata a CASARTARC (1-25 luglio 2010) nella sua seconda tappa del viaggio tra Roma e Parigi. Info: tel 011 8028391 e-mail: info@casartarc.org - www.casartarc.org - bando.pdf

Geografie, storie, paesaggi per un’Italia che cambia

Il 28 giugno 2010 alle ore 18 presso l’Auditorium della Biblioteca, Archivio Emilio Sereni, Istituto Alcide Cervi, in via f.lli Cervi 9, Gattatico (Reggio Emilia), si terrà l’International Symposium “Geografie, storie, paesaggi per un’Italia che cambia. Geopolitica come politica del territorio e delle relazioni internazionali”, a cura di Gabriella Bonini e Chiara Visentin (Università degli Studi di Parma, Facoltà di Architettura), promosso dall’Istituto Alcide Cervi con il patrocinio della Facoltà di Architettura dell’Università degli Studi di Parma. Tema dell’incontro sarà la geopolitca intesa come senso lato del sapere geografico applicato alla politica e alla storia. Una geografia “ancilla” della politica, estera ma anche interna, volontaria dello sviluppo territoriale sotteso nei tempi storici, ovvero una politica del territorio e delle relazioni internazionali. Chiara Visentin presiederà il Simposio; sono previsti i seguenti interventi: _Franco Farinelli, geografo e direttore del Dipartimento di Scienze della Comunicazione dell’Università di Bologna - Stato, Nazione, Globalizzazione: la natura della Crisi | _John A. Agnew, geografo e professore ordinario di Geografia alla UCLA di Los Angeles - Il “Regionalismo” del fenomeno Lega Nord | _Diane Ghirardo, storica dell’architettura e professoressa ordinaria di Storia e Teoria dell’architettura alla Universi­ty of Southern California di Los Angeles - Ambiente e Architettura nella “terza” Repubblica | Durante l’incontro verrà riproposto il volume di Chiara Visentin, L’architettura dei luoghi, con prefazione dello stesso J. A. Agnew, al cui interno figura il saggio Una biblioteca nel paesaggio per preservare la memoria dei luoghi, interamente dedicato alla Biblioteca - Archivio Emilio Sereni, a cura di Gabriella Bonini. Il Simposio sarà in lingua italiana. Info: www.fratellicervi.it - programma.pdf

30/06/2010


João Gomes da Silva - Ana Kučan. Orti spontanei e realtà agricole urbane

30 giugno - 4 luglio 2010, Milano
Crescono ovunque sotto i nostri occhi approfittando di spazi interstiziali tra le infrastrutture, privilegiano i terreni in attesa ai bordi di nuove urbanizzazioni, sfruttano improbabili linee d’acqua e seguono le tracce di sentieri clandestini, connotano dalle autostrade il paesaggio delle periferie delle grandi città: sono conosciuti come “orti spontanei”, “orti abusivi” e rappresentano un fenomeno in larga espansione nei periodi di crisi, come risposta alla sussistenza economica delle famiglie. Ad essi alcune amministrazioni assegnano oggi un valore di aggregazione sociale, di controllo del territorio e quello non secondario legato al benessere fisico della popolazione anziana. Come sostenere questa forma di appropriazione del territorio organizzando, strutturando e gestendo il progetto di nuovi orti urbani? Come relazionare tale fenomeno con i processi di valorizzazione dell’agricoltura periurbana? Quali sono i modelli produttivi e distributivi, complementari o alternativi alla grande distribuzione alimentare, in grado di integrare l’esigenza di una alimentazione consapevole, controllata e auto-prodotta, maggiormente aderenti ai principi della sostenibilità ambientale? Come tutto questo può tradursi in un contributo alla strutturazione del paesaggio rurale delle nostre città? ATTIVITA’/ PROGRAMMA_ Il workshop contempla una serie di apporti teorici giornalieri (lezioni dell’autore attinenti il tema) e si svilupperà in tre fasi pratiche:conoscenza ed interpretazione del luogo (visione dei materiali e dell’area); elaborazione del progetto (singolarmente o in gruppo); dibattito e presentazione delle proposte. ISCRIZIONI_ Il workshop fa parte del programma di Master in Architettura del Paesaggio e di Formazione Permanente della UPC di Barcellona/ACMA Milano. Si configura come un corso intensivo di perfezionamento ed aggiornamento rivolto a: diplomati, studenti e laureati nelle discipline di carattere tecnico-scientifico legate alla gestione del territorio (architettura, architettura del paesaggio, ingegneria, scienze ambientali, scienze naturali, scienze agrarie e forestali, beni culturali, antropologia, sociologia, urbanistica, scienze e politica del territorio ecc.). In particolare è indicato al personale, ai collaboratori e ai consulenti dei parchi e delle soprintendenze, agli studi professionali che operano nelle progettazione ambientale. Le iscrizioni verranno raccolte fino al raggiungimento del numero massimo di partecipanti previsto. Info: tel 02 70639293 fax 02 70639761 e-mail: acma@acmaweb.com - www.acmaweb.com

Premio Mediterraneo del Paesaggio

[deadline: 30/06/2010]
Le regioni dell’Andalusia (ES), Algarve (PT), ANEM, Prefettura di Magnesia (GR), Basilicata (IT), Catalogna (ES), Emilia-Romagna (IT), Lazio (IT), Lombardia (IT), Maiorca (ES), Mursia (ES), Toscana (IT), Umbria (IT), Valencia (ES) e Veneto (IT) - sono i partner membri del progetto “PAYS.MED.URBAN - Alta qualità del paesaggio come elemento chiave nella sostenibilità e competitività delle aree urbane mediterranee” cofinanziato con i fondi FEDER per l’iniziativa comunitaria Programma MED. La finalità dell’iniziativa è quella di contribuire, attraverso la selezione, alla diffusione e alla promozione di esperienze concrete di Buone Pratiche, a promuovere la Convenzione Europea del Paesaggio, e a creare una maggiore sensibilità da parte della popolazione sull’importante ruolo del paesaggio per il benessere, per consolidare l’identità e favorire la competitività territoriale. Possono partecipare alla selezione, attraverso la presentazione di un dossier di candidatura, le persone fisiche o giuridiche, pubbliche o private, che abbiamo partecipato all’elaborazione, realizzazione o alla gestione degli interventi realizzati nei paesi Partner del Progetto Paysmedurban, presentati nel dossier. La 3. edizione del Premio Mediterraneo del Paesaggio è collegata agli obiettivi del progetto PAYS.MED.URBAN, in cui si affrontano gli aspetti paesaggistici che assumono un ruolo fondamentale sull’attrattività e sulla capacità competitiva delle aree urbane. Questi gli obiettivi, espressi in 6 aree tematiche, che devono essere assunti quale riferimento per la presentazione delle candidature: - 1. adeguata progettazione/ gestione di spazi aperti periurbani, con particolare attenzione alle funzioni paesaggistiche dell’agricoltura periurbana | - 2. Progettazione/ presenza di aree ad elevata qualità paesaggistica capaci di favorire l’inserimento di imprese appartenenti ai nuovi settori economici/new economy | - 3. miglioramento della qualità percettivo-visiva degli accessi ai nuclei urbani | - 4. integrazione paesaggistica di nuove aree residenziali nel contesto periurbano | - 5. qualità visiva ed ambientale dei margini urbani (punto di incontro tra le zone costruite e quelle non urbanizzate) e riqualificazione/recupero paesaggistico | - 6. Tutela e valorizzazione della morfologia e dell’identità urbana con particolare riferimento all’immagine che se ne percepisce dall’esterno | Le candidature presentate devono essere incluse in una delle 5 seguenti categorie d’intervento secondo i seguenti criteri di selezione: Categoria A: Piani e Programmi | Categoria B: Opere realizzate | Categoria C: Esperienze di sensibilizzazione e formazione | Categoria D: Attività di comunicazione sul paesaggio | Categoria E: Progetti e Concorsi di idee | Info: www.paysmed.net

Concurso de Paisajismo Santa & Cole

[iscrizioni: 30/06/2010 | consegna: 10/09/2010]
Santa & Cole, la Asociación Española de Paisajistas y la Bienal Europea del Paisaje convocan la primera edición del Concurso de Paisajismo Santa & Cole, un concurso de ideas de alcance europeo que desea potenciar y premiar el buen ejercicio profesional del paisajismo en España, como una nueva cultura que modifica y enriquece el entorno. Con periodicidad bienal y en el marco de la Bienal Europea del Paisaje, cada convocatoria planteará un ámbito de actuación distinto. En esta primera edición se premiará la intervención paisajística en el Valle de Sant Pere, dentro de la propiedad de Belloch, situada en el municipio de La Roca del Vallés, Barcelona. La superficie objeto de intervención es de 10 Ha y la propuesta debe concretarse en un proyecto de intervención urbanística que incluya el plan de ordenación de la parcela y resuelva la conexión con el existente complejo cultural colindante y con los edificios preexistentes de carácter histórico (Torre del Homenaje y Masía de Belloch). También debe establecer una relación coherente con los diversos usos actuales (forestal viverístico, hortícola, hidráulico) y con los nuevos usos de cariz cultural previstos para la Masía de Belloch. Al concursante o equipo que sea declarado ganador, según lo dispuesto en estas bases, se la adjudicará el encargo de la redacción del proyecto de ejecución correspondiente a su propuesta. Info: www.santacoleconcursopaisajismo.com

Progetto di riqualificazione di Is Mortorius

[deadline: 30/06/2010]
L’Agenzia regionale Conservatoria delle Coste della Sardegna ha lanciato un concorso di idee per la riqualificazione dell’ex batteria militare “Carlo Faldi” e del compendio costiero di Is Mortorius, a Quartu Sant’Elena. L’iniziativa rappresenta un’occasione per la messa in pratica delle strategie di gestione integrata delle aree costiere in un’esperienza pilota di riqualificazione ambientale e culturale. Il sito di Is Mortorius diventa così il primo esempio di area di conservazione costiera che coniughi armoniosamente la valorizzazione del patrimonio ambientale e storico-culturale con la fruizione turistica e lo sviluppo di attività imprenditoriali compatibili. Obiettivo del concorso è la ricerca di soluzioni ideative per definire le modalità di recupero e gestione del compendio costiero, da porre a base di una progettazione preliminare. La riqualificazone dovrà coinvolgere una serie articolata di strutture ed architetture militari, nonchè di tutte le componenti di paesaggio presenti, studio dell’accessibilità, delle modalità fruitive e gestionali, per la promozione di un nuovo livello di attrattività del patrimonio culturale-ambientale. La partecipazione è riservata a ingegneri e architetti iscritti negli appositi albi professionali. Premi: - 1. classificato: 15.000,00 € | - 2. classificato: 10.000,00 € | - 3. classificato: 5.000,00 € | Tutta la documentazione richiesta dal bando dovrà pervenire entro il prossimo 30 giugno 2010. Info: www.sardegnaambiente.it/coste

Paesaggio, architettura e design litici

[iscrizioni: 30/06/2010]
Il Premio per le Tesi di Laurea “Paesaggio, architettura e design litici”, ideato e organizzato da Veronafiere, in collaborazione con l’Ordine degli Architetti di Verona, si inserisce nelle attività culturali della 45. Marmomacc finalizzate a promuovere una consapevole cultura della pietra tra architetti, ingegneri, designer e produttori del settore marmifero. In particolare il Premio intende contribuire all’approccio ai materiali litici, alla loro conoscenza e corretto impiego, nella fase formativa dei futuri professionisti. Il concorso, a cadenza biennale, conferisce un premio in denaro a tesi di laurea (breve o specialistica) che abbiano come oggetto tematiche riguardanti l’utilizzo di materiali lapidei nel progetto di paesaggio, architettura e design. Possono partecipare neo-laureati delle facoltà italiane di Architettura, Ingegneria, Design ed equivalenti. Il Premio è suddiviso in due sezioni: - a) Paesaggio e architettura, comprende l’area disciplinare della ricerca, del progetto e della costruzione di edifici pubblici e privati, spazi urbani, paesaggio e recupero ambientale delle cave, recupero e restauro delle preesistenti storiche | - b) Design, comprende gli oggetti d’uso, gli arredi per interni ed esterni, le innovazioni di prodotto ottenibili dalla trasformazione dei materiali litici | Possono partecipare al concorso i neo-laureati delle Facoltà di Architettura, Ingegneria, Design o Istituti di formazione equivalenti, con lauree triennale o quinquennale. La cerimonia di premiazione si svolgerà nell’ambito della 45a Marmomacc, Mostra Internazionale di Marmi, Design e Tecnologie (Verona, 28 settembre - 2 ottobre 2010). Con i migliori elaborati verrà organizzata una mostra e realizzata una pubblicazione. Info: www.marmomacc.it - www.vr.archiworld.it

Works and Humanitarian Activities - una lecture di Shigeru Ban

La cerimonia di premiazione della 7. edizione del Premio Internazionale Architettura Sostenibile prevista per mercoledì 30 giugno 3010 presso Palazzo Tassoni, Facoltà di Architettura di Ferrara, vedrà come protagonista della giornata il famoso architetto giapponese Shigeru Ban, che aprirà i lavori attraverso una lecture intitolata “Works and Humanitarian Activities”. Proprio gli interventi e ricerche nel campo delle soluzioni di emergenza e aiuto umanitario hanno contraddistinto l’impegno recente di Ban come nel caso del post-terremoto di Kobe del 1995, nella ricostruzione temporanea della chiesa cattolica Takatori a Nagata-ku o per l’avveniristico progetto per la sede del conservatorio dell’Aquila, dopo le distruzioni causate dal terremoto abruzzese del 2009. L’attesissimo intervento di Shigeru Ban è previsto per le ore 15.30 mentre la cerimonia ufficiale di premiazione si aprirà alle ore 17.30 e si concluderà con un buffet per tutti gli ospiti presenti. La partecipazione all’evento è gratuita. Si richiede comunicazione di partecipazione tramite la compilazione del modulo da spedire a: unimark@tsc4.com. Info: www.premioarchitettura.it - www.xfaf.it

vai su>|news|