NEWS in archivio luglio 2008
by Luisa Siotto
contact news@archphoto.it
vai su>|news|

1/07/2008


EveryVille 2008

14 settembre – 23 novembre 2008, Venezia >[deadline: 1/07/2008]
In occasione dell’11. Mostra Internazionale di Architettura ‘Out There: Architecture Beyond Building’, La Biennale di Venezia presenta il concorso internazionale online “EveryVille 2008. Comunità oltre il Luogo. Senso civico oltre l’Architettura”, a cura di Aaron Betsky e Francesco Delogu, aperto agli studenti delle Università italiane ed estere di tutte le discipline, non ancora laureati in data 1 gennaio 2008. EveryVille 2008 è un’iniziativa resa possibile dalla collaborazione della Biennale di Venezia con il Gruppo Telecom Italia, che mette a disposizione le tecnologie più innovative per la realizzazione del concorso e per l’esposizione dei progetti vincitori. Software powered by newitalianblood.com. In collaborazione con la rivista Domus. Il concorso invita i partecipanti a elaborare una idea-progetto sulla base di un testo teorico-critico del Direttore dell’11. Mostra, Aaron Betsky. La grande novità, elemento di sfida e di stimolo del concorso, sta nel fatto che i lavori dei primi 10 classificati e delle 40 menzioni d’onore, selezionati dalla giuria internazionale - presieduta dal Presidente della Biennale Paolo Baratta e composta da Aaron Betsky, Francesco Delogu, Zaha Hadid, Thom Mayne, Luisa Hutton, Flavio Albanese e Luigi Centola - diverranno parte integrante della 11. Mostra e saranno esposti in una sezione dedicata all’interno del percorso espositivo, alle Artiglierie dell’Arsenale di Venezia. In occasione dell’inaugurazione dell’11. Mostra, si terrà la cerimonia ufficiale di premiazione dei 50 gruppi, alla presenza del Presidente Paolo Baratta e del Direttore Aaron Betsky. La partecipazione può avvenire sia in forma singola che in gruppo. Sono incoraggiate le collaborazioni interdisciplinari e multiculturali. Info: tel +39 041 5218711 fax +39 041 5218812 e-mail: everyville@labiennale.org; www.everyville.labiennale.org

Urban Ecologies

Tuesday, 1 July 2008, 10:00–14:00 hrs, at Berlage Institute, for final presentations second-year research studios, seminar of the Associative Design “Urban Ecologies”. Tutor: Peter Trummer. Using housing development surrounding Phoenix, Arizona, the fastest grow­ing American city, the studio will investigate the region’s specific social, economic, political, climatic, and material environments. It will be argued that new forms of housing neighborhoods may learn from local heritage and site specificity to present a serious alternative to the contemporary housing production. Located in a wide valley that has allowed for low-density urbanization with few limitations, Phoenix has maintained rapid and sustained growth since the end of World War II. “Pro-growth” civic policies have helped fuel an economy that, along with the area’s natural amenities, has attracted many new residents. This growth has resulted in the need for more water, much of it now coming from the Colorado River. This has also created regional and sectorial conflicts between Arizona and its neighboring states as well as be­tween agricultural and urban land uses. Demand for electricity, especially for air conditioning, continues to escalate. An abundance of motor vehicles, but lack of highway infrastructure, has led to increased air pollution and traffic congestion. These specific site circumstances and limited natural resources has made Phoenix an environmental ecology between growth and supply. The studio will investigate how administrative governance and extreme capitalism has controlled Phoenix’s urban growth. The studio will design a population of housing units that together form new neighborhood models by means of associativity. Field research was conducted in Phoenix in January 2008. Info: tel +31 10 4030399 fax +31 10 4030390 www.berlage-institute.nl

Public Improvisations

1 – 23 luglio 2008, Como
Il Corso Superiore di Arti Visive della Fondazione Antonio Ratti si svolgerà a Como con Yona Friedman (Budapest, 1923), architetto e teorico che vive a Parigi dal 1957 e avrà per titolo “Public Improvisations”. Il Corso, diretto dal 1995 da Annie Ratti, è a cura di Luca Cerizza, Anna Daneri e Cesare Pietroiusti ed è realizzato in collaborazione con l’Assessorato alla cultura del Comune di Como. La XIV edizione del CSAV ha luogo presso lo Spazio San Francesco. Il programma per i ventidue giovani artisti internazionali, selezionati da una commissione scientifica, prevede un’attività quotidiana articolata in forma di workshop a fianco di Yona Friedman, di approfondimenti teorici proposti dai curatori interni e seminari con alcuni personaggi di spicco della scena culturale. Dal 22 luglio è possibile vedere il progetto site-specific ideato e realizzato appositamente per la Fondazione Antonio Ratti. Friedman presenterà in anteprima mondiale una versione del nuovo progetto Musée dans la rue (2008), commissionato originariamente dalla città di Parigi, e che sarà ospitato dal prossimo autunno a Belville in forma permanente. Lo stesso giorno verrà presentato Corso Aperto, durante il quale i giovani artisti partecipanti allo CSAV esporranno nelle strade e piazze di Como e all’interno dello Spazio S. Francesco, le loro opere, progetti e documentazioni. A Como il Musée dans la rue, pensato e realizzato da Friedman con gli studenti del corso, è la prima tappa della diffusione del progetto in diverse città europee. Ogni Musée dans la rue è un agglomerato di cubi e parallelepipedi di plexiglass trasparente sovrapposti uno sull’altro. Distribuiti in due spazi pubblici della città, diversi per identità storica e sociale, questi musei di strada saranno come delle superfici libere, completamente a disposizione di chiunque desideri lasciarvi un segno. Come sempre nel suo lavoro, Friedman ha disegnato una semplice struttura di base che dovrà essere attivata, modificata e completata dall’intervento dell’utente. Musée dans la rue è una piattaforma pubblica, uno spazio aperto che interroga l’idea stessa di museo, di luogo pubblico e di partecipazione sociale. Info: Ilaria Gianoli, mob. +39 333 6317344 e-mail: ufficiostampa@fondazioneratti.org; www.fondazioneratti.org - CS.doc

2/07/2008


Living Steel 3rd International Architecture Competition for Sustainable Housing_ i vincitori

Lo studio d’architettura australiano Peter Stutchbury Architects, rappresentato da Peter Stutchbury e Richard Smith, è stato selezionato quale vincitore del 3. concorso Living Steel, per la costruzione di edifici residenziali “extreme housing” a Cherepovets, in Russia, ricevendo il Premio della Giuria di euro 50,000 Euro. Secondo il rapporto della Giuria, il progetto vincitore è stato selezionato perché rappresenta il tipo di pensiero che il concorso Living Steel intendeva inspirare. É radicalmente differente rispetto ai progetti concorrenti, offrendo una visione molto fantasiosa del tema del paesaggio e dello sviluppo dell’intero quartiere, suggerendo un’imponente area dedicata al divertimento dei bambini in una cornice da parco per l’intera comunità. Sono state inoltre assegnate Menzioni d’Onore a due partecipanti, RVTR di Toronto, Canada, guidato da Kathy Velikov e Paul Raff, e gli Australiani di Bligh Voller Nield (BVN) Architecture, rappresentati da Chris Clarke and Joel Kelder. Info: tel +32 02 7028900 fax +32 02 702 8899 e-mail: info@livingsteel.org; www.livingsteel.org

3/07/2008


Festival Letterario della Sardegna 08

4 - 6 luglio 2008, Gavoi (Nu)
Inaugura il 3 luglio 2008 alle ore 21.30 a Gavoi (Nu) la 5. edizione del Festival Letterario della Sardegna, organizzato dall’Associazione Culturale Isola delle Storie e sostenuto dalla Regione Autonoma della Sardegna, la Provincia di Nuoro, il Comune di Gavoi e la Fondazione Banco di Sardegna. Quello di Gavoi è un Festival di Letteratura ma anche un modo per confrontarsi, incontrarsi, stare insieme, discutere e parlare di libri, letteratura e tanto altro. Nato dall’entusiasmo di un gruppo di scrittori, romanzieri, librai, isolani per nascita o adozione e accomunati dal desiderio di portare le Storie oltre l’Isola creando un evento che unisca le energie e le passioni di molti, il Festival è cresciuto negli anni conquistando un pubblico sempre più ampio e attento fatto di appassionati, addetti ai lavori ma anche e soprattutto di persone comuni, turisti, viaggiatori, curiosi, viandanti e giramondo. Dopo la formula che ha decretato il successo delle precedenti edizioni anche quest’anno il Festival di Gavoi, vincitore del Premio Andersen – Il Mondo per l’Infanzia “per la promozione della cultura e della lettura 2008”, sarà articolato in due parti: una dedicata agli adulti e una riservata ai ragazzi - a cura di Teresa Porcella e dell’Associazione Scioglilibro in collaborazione con il Centro Servizi Bibliotecari della Provincia di Cagliari che avrà per tema il coraggio - con programmi che s’intrecciano e integrano in modo naturale, fedeli all’idea che le Storie sono un bene di tutti e il poterle condividere un piacere e un arricchimento. L’edizione 2008 presenta un programma particolarmente ricco e interessante prevedendo come sempre incontri con gli autori, dibattiti, letture, laboratori didattici, interviste. Info: tel 0784 52207 e-mail: info@isoladellestorie.it; www.isoladellestorie.it - tel 051 269267 fax 051 2960748 e-mail: info@studiopesci.it; www.studiopesci.it - CS.doc

Movimento centrifugo. 7 piazze muovono la città

3 luglio - 21 agosto 2008, Milano
Per il 2. anno consecutivo esterni presenta, nell’ambito della bella Estate del Cinema promossa dall’Assessorato al Tempo Libero del Comune di Milano, movimento centrifugo: 7 piazze, 7 luoghi, 7 spazi urbani, 7 modi per rivivere un’area periferica della città. Uno dei progetti raccolti nel catalogo di design pubblico (www.designpubblico.it), movimento centrifugo promuove un nuovo centro, riscoprendo periferie e zone dimenticate, che sposti la centralità, fisica e ideale, della città verso piazze sconosciute, ma non per questo prive di attrattive. Quartieri che spesso hanno una “cattiva reputazione”, considerati “difficili” e poco vissuti, attirano e richiamano per tutta l’estate la popolazione allargata di Milano. Un programma ricco e variegato di appuntamenti e iniziative culturali, che oltre a vivacizzare queste sette piazze ha il compito di renderle attrattive agli occhi del turista cittadino, fulcro per la città. Ogni giovedì, dal 3 luglio al 21 agosto teatro di strada, concerti di musica jazz, improvvisazioni teatrali, incontri, aperitivi e cinema all’aperto animeranno le piazze principali di Ponte Lambro, Gratosoglio, la Martesana, la Barona, Quarto Oggiaro, Affori e Baggio. Prima tappa di questo viaggio è il 3 luglio alla Martesana, tra via Luigi Bertelli e via Agordat. Il parco ed in particolare la piazza antistante l’anfiteatro, dalle ore 15.00, vedrà alternarsi teatro di strada, concerti, improvvisazioni teatrali ma anche giochi per i più piccoli, aperitivi aperti a tutti, visite guidate alla scoperta di angoli nascosti e forse ai più sconosciuti. La possibilità di guardare con occhi diversi ciò che normalmente circonda i cittadini del luogo, mostra come alle volte la realtà può essere diversa da come viene descritta e percepita. Ogni iniziativa proposta è gratuita. Info: tel/fax 02 713613 e-mail: media@esterni.org; www.esterni.org - www.designpubblico.it

4/07/2008


Soft cell. Dinamiche nello spazio in Italia

4 luglio - 31 agosto 2008, Monfalcone (Go)
Stasera alle ore 21, presso la GC.AC - Galleria Comunale d’Arte Contemporanea, in Piazza Cavour 44, Monfalcone, si inaugura la mostra SOFT CELL: dinamiche nello spazio in Italia. Organizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Monfalcone nell’ambito di ‘Vivere di cantiere - Monfalcone 1908.2008′, celebrazioni per il Centenario del Cantiere Navale di Monfalcone, Soft Cell mette in relazione il Cantiere, fucina industriale, con la Galleria, laboratorio artistico, per reinterpretare il ruolo attivo di Monfalcone quale centro intermodale aperto alla ricerca. Attraverso una rivisitazione degli spazi e delle attività svolte in occasione del Centenario del Cantiere, la rassegna, a cura di Andrea Bruciati, si prefigge di porre in relazione la giovane arte italiana, di cui la Galleria è centro di sperimentazione preminente, con le problematiche, le suggestioni e i materiali che connotano l’attività laboratoriale. Nello specifico delle modalità di allestimento, ad una serie di prodotti estetici definiti si intrecciano le opere realizzate per l’occasione, che vengono ad aggiungersi ed accumularsi per tutto il periodo della mostra. Il risultato è una sorta di cantiere aperto ed in perenne evoluzione, che culmina in un intervento performativo realizzato in occasione del finissage. In mostra le opere di oltre quaranta autori italiani, o che operano nel nostro paese, under 40; si tratta soprattutto di interventi installativi, cui si aggiungono opere scultoree e performative, in costante relazione con le novità sopravvenute nel territorio nell’ultimo decennio. Artisti in mostra: Roberto Ago, Michele Bazzana, Emanuele Becheri, Riccardo Benassi, Davide Bertocchi, Dafne Boggeri, Pierluigi Calignano, Stefano Calligaro, David Casini, Alice Cattaneo, Paolo Chiasera, Cristian Chironi, Nemanja Cvijanović, Alessandro Dal Pont, Elenia Depedro, Igor Eskinja, Ettore Favini, Michael Fliri, Luca Francesconi, Christian Frosi, Marina Fulgeri, Anna Galtarossa, Nicola Gobbetto, Andreas Golinsky, Paolo Gonzato, Francesca Grilli, Federico Maddalozzo, Dacia Manto, Andrea Mastrovito, Marzia Migliora, Enrico Morsiani, Andrea Nacciarriti, Nark Bkb, Sandrine Nicoletta, Luigi Presicce, Davide Rivalta, Stefano Romano, Alberto Tadiello, Nicola Toffolini, Luca Trevisani, T-Yong Chung, Nico Vascellari, Italo Zuffi. Soft Cell si pone quindi quale ideale prosecuzione delle attività dello spazio espositivo monfalconese, aggiornando il progetto LAB.IT (connotato nel periodo 2002-2004 dalle rassegne tensio, ratio, imago), e nel novero delle mostre-tributo legate alla nascita del Futurismo e delle sperimentazioni spazialiste, attraverso un’indagine che prende in oggetto l’intero territorio nazionale. Info: tel +39 0481494369 fax +39 0481494352 e-mail: galleria@comune.monfalcone.go.it; www.comune.monfalcone.go.it/galleria

5/07/2008


Le Visiteur_ la rivista riprende la sua pubblicazione

La rivista /Le Visiteur/ riprende la sua pubblicazione a Parigi dopo cinque anni di assenza. Rivista critica di architettura, /Le Visiteur/ è stata creata dalla Société Française des Architectes nel 1995. Appare ora con periodicità semestrale, in edizione integrale bilingue francese/inglese e con una grafica rinnovata. Come si legge nell’editoriale del numero 11, firmato dal redattore responsabile Karim Basbous, l’incontro tra i fatti costruiti ed il giudizio critico sono oggi rari. Così come sono rare le occasioni per scoprire il lavoro di quanti si muovono al di fuori del circuito mediatico, per apprezzare gli sforzi di un pensiero libero. In un paesaggio culturale ed editoriale levigato, non senza una certa stanchezza, dalla onnipresenza delle grandi firme (iper-)attive in scala globale, /Le Visiteur/ intende promuovere delle realizzazioni esemplari per la capacità di accogliere i nostri usi e di dar forma alle nostre città, incoraggiando una maniera di riflettere sull’architettura e di praticarla che confina, spesso, con un atto di fede. Nel panorama attuale nel quale si apre di nuovo la rivista, l’interesse generale per l’architettura appare in progressiva decrescita sotto l’azione combinata del culto dell’immagine, della isteria regolamentare e delle partizioni amministrative sul terreno delle operazioni edilizie ed urbanistiche. Nonostante ciò, esistono ancora architetti che pensano e agiscono in favore di un’architettura impegnata a convincere più che a sedurre. In questa chiave, la rinnovata rivista scommette in primo luogo sull’alleanza tra un certo appetito letterario e la cultura del progetto, sostenendo le ragioni di uno sguardo critico – ed internazionalmente orientato – sull’architettura, il paesaggio, le infrastrutture, l’urbanistica. Per scoprire /Le Visiteur/ si può consultare il sito internet, anch’esso in integrale edizione bilingue francese/inglese, dove è possibile effettuare eventuali acquisizioni dirette di numeri (correnti ed arretrati) e/o sottoscrivere abbonamenti. (Luigi Manzione). Info: tel +33 01 56811025 e-mail: redaction@levisiteur.com; www.levisiteur.com - editoriale.eng.pdf

PUBBLICHE INTERFERENZE

5 luglio - 27 settembre 2008, Cisano di San Felice del Benaco (BS)
Il 5 luglio alle ore 18, nell’ambito di PROGETTOUTOPIA, la manifestazione organizzata dall’Archivio Cavellini negli spazi di Palazzo Cominelli a Cisano di San Felice del Benaco (BS) sul lago di Garda, sede dell’omonima Fondazione, spita “PUBBLICHE INTERFERENZE. Piattaforma di scambio tra pratiche artistiche e curatoriali nello spazio pubblico” a cura di OsservatorioinOpera. “Un display per l’elaborazione di progetti site-specific per la produzione e la verifica di idee, ipotesi e strategie di azione nello spazio pubblico. Un format che individua una posizione metodologica, rispetto alla multiformità di direzioni e derive, modelli d’interpretazione intorno all’arte pubblica e focalizza un clima di lavoro a carattere laboratoriale, declinato attraverso un’esposizione documentaria di alcune realtà associative indipendenti che occuperanno gli ambienti del primo piano della Fondazione Cominelli e una serie di interventi artistici in location esterne e cittadine. La costruzione di uno spazio per la comunità, l’alleanza tra pratiche artistiche e processi di mutamento sociale, le nuove forme di controllo e diffusione, definibili in termini di moltitudine del potere e del dissenso, la ridefinizione politica dell’agire estetico – si traducono in nuove modalità di appropriazione della sfera pubblica. New genre pubblic art era stato già definito da Suzanne Lacy come un modello democratico di comunicazione basato su processi collaborativi e partecipativi. Ridefinire la sfera pubblica come il luogo in cui appaiono e scompaiono forme temporanee di partecipazione, ipotesi urbane, modelli di socialità. Le trasformazioni sociali e gli scenari prodotti dalla globalizzazione creano spazi conflittuali, tensioni, desideri, attivano politiche dal basso, portano a una continua ridefinizione dello spazio dell’arte nella società attuale, partono da un assunto politico. […] Info: tel/fax 030 3757401 e-mail: cavellini@alice.it; www.cavellini.org - CS.rtf

6/07/2008


Design Review, freepress “progettuale”

Il 6 luglio 2008 alle ore 19, presso la galleria di architettura Expa, in via Alloro 97, a Palermo, si terrà la presentazione di Design Review, primo free magazine a Palermo, con uscita bimestrale, dedicato alle nuove tendenze, al design, all’arte e alla moda. Diretto da Vanni Pasca, con redazione coordinata da Marinella Ferrara e grafica di Dario Russo, all’interno la rubrica EXPA/ZOOM a cura di EXPA indagherà su news di architettura contemporanea dalla Sicilia e dal mondo. “DesignReview” avrà una prospettiva angolata e consapevole sulle ultimissime tendenze della progettazione, mirata, ma non solo, alla cerchia degli addetti ai lavori. Parlerà di arte, moda e nuove tecnologie, di progetti che si sviluppano in Europa e nel mondo con i quali è sempre più indispensabile confrontarsi, e dedicherà attenzione ai problemi esistenti in Sicilia o, almeno, ai progetti che li affrontano. Il progetto grafico rispecchia le diverse tendenze, a volte contrastanti, all’interno del sempre più poliedrico ambito della creatività. La distribuzione, con le sue 25.000 copie, rivolta oltre che alle principali province siciliane, anche a Roma e Milano, permette a DesignReview di entrare in luoghi di fruizione variegati ma complementari. Info: tel/fax +39 091 6170319 e-mail: info@expa.org; www.expa.org - www.designreview.it

7/07/2008


GAP - gIOVANI PER L’aRTE pUBBLICA

7 - 9 luglio 2008, Bologna
GAP è il progetto dell’Ufficio Giovani Artisti del Comune di Bologna dedicato all’arte pubblica, curato da Gino Gianuizzi in collaborazione col GA/ER – Coordinamento Giovani Artisti Emilia Romagna. GAP ha preso avvio con un forum internazionale che si svolto il 16 e 17 maggio scorsi all’Accademia di Belle Arti di Bologna. Alla presenza di operatori, artisti, curatori, architetti, il forum stato momento di incontro e discussione per mettere a confronto esperienze diverse nella pratica dellarte pubblica, cercando di descrivere/circoscrivere l’ambito di questa disciplina. GAP prosegue con i seminari di approfondimento e workshop operativi, passaggi propedeutici all’ideazione e realizzazione di interventi di arte pubblica che saranno attuati nel paesaggio urbano di Bologna a partire dal 2009, nell’ambito della prossima edizione del concorso Iceberg. I seminari, a partecipazione gratuita, sono aperti ad artisti, architetti, studenti, operatori culturali e tutti coloro che sono interessati ad approfondire i temi legati allarte pubblica. Obiettivo degli incontri offrire strumenti di confronto, indirizzo e ricerca artistica sulle tematiche di questa disciplina. La partecipazione ai seminari è vivamente consigliata ai giovani under 35 che intendono iscriversi al concorso Iceberg- sez. Arte Pubblica. Il laboratorio è cosi diviso:
- 7/07 - ore 11-13.30 - Accademia in Stazione, condotto da Roberto Daolio e Mili Romano.
- 8/07 - ore 11-13.30 - Arte e Spazi Pubblici - Arte e Ambiente- Arte Relazionale. Figure di riferimento tra autorialità e condivisione progettuale, condotto da Roberto Daolio.
- 8/07 - ore 14.30-17 - Percorsi propedeutici alla Public Art: per una progettazione fra arte e architettura e il progetto Cuore di Pietra, condotto da Mili Romano.
- 9/07 - ore 11-13.30 - Percorsi propedeutici alla Public art: progetto Container, condotto da Mili Romano.
- 9/07 - ore 14.30-17 - Problemi e Metodi, un’esperienza a Imola: Ad’A- Area d’Azione 2003-2008. Arte Pubblica e Committenti: tra il dire e il fare…, condotto da Roberto Daolio.
Info: tel 051 219 4614/4663 fax 051 268636 e-mail: giovaniartisti@comune.bologna.it; www.iceberg.bo.it

Traffic Torino Free Festival 2008

7 - 12 luglio 2008, Torino
Entrato ormai a pieno titolo nel novero delle eccellenze che caratterizzano l’offerta culturale della città di Torino e della Regione Piemonte, Traffic si accinge a celebrare la sua 5. edizione sullo slancio del successo fatto registrare da quelle precedenti. L’affermazione dell’evento è il segno più evidente della validità di una formula che ha saputo abbinare quantità e qualità dell’offerta. Il consenso tributato dal pubblico non si può attribuire solo alla completa gratuità della manifestazione, che se non fosse accompagnata a un disegno progettuale affascinante e coinvolgente non riuscirebbe ad attirare ogni volta l’attenzione degli spettatori e dei media. E’ la combinazione dei due fattori a far convergere su Torino i flussi del traffico giovanile durante il festival, richiamando pubblico da ogni angolo d’Italia e anche dall’estero, con ricadute assai significative per il territorio. Traffic viene percepito da aree geografiche e culturali diverse come un’occasione speciale per incontrarsi, conoscersi, apprezzare il contesto in cui è collocato e soprattutto fruire di una ricca offerta culturale che ha nella musica il suo nucleo ma che trova assonanze e affinità con il cinema, la letteratura, l’arte contemporanea e il design. Non a caso Traffic ha trovato spontanee alleanze e collaborazioni con altre istituzioni e iniziative quali il Museo Nazionale del Cinema, il Circolo dei Lettori e – quest’anno, in modo particolare – Torino World Design Capital. Sensibile alle mutate necessità, inoltre, Traffic allarga il proprio spazio di attività: a Biella, per restare in regione, e - sulla scia di MiTo - persino a Milano. Il festival dunque continua a crescere, e tale crescita si deve agli enti pubblici che hanno confermato il proprio sostegno, pur nelle condizioni finanziarie attuali, che impongono politiche di rigore, ma anche all’impegno degli sponsor privati che hanno creduto nella validità del progetto, considerato una risorsa preziosa per l’immagine di Torino e del Piemonte. Info: n.v. 800015475 e-mail: info@trafficfestival.com; www.trafficfestival.com

SEI - Summer School_ L’esplosione urbana. Governare lo sviluppo urbano

5 - 13 Settembre 2008, Alghero (Ss) >[deadline: 7/08/2008]
Si terrà presso l’Asilo Sella, Lungomare Garibaldi, a Alghero, la Summer School “L’esplosione urbana. Governare lo sviluppo urbano”, organizzata dalla Facoltà di Architettura di Alghero con l’Ècole Nationale Superieure d’Architecture de Montpellier e la Birmingham School of Architecture, Birmingham City University. Un fenomeno incessante e che si svolge a velocità crescente è quello dell’esplosione urbana che spesso si manifesta come sprawl, ovvero come urbanizzazione incontrollata e selvaggia. Una dispersione urbana senza governo o governata malamente, con effetti visibili e pesanti di spreco, inefficienza, perdita di qualità, dissipazione. La definizione dei confini della città è divenuta molto difficile e l’organizzazione spaziale è cambiata ed è molto confusa. La città compatta è esplosa ed è diventata un territorio urbanizzato a bassa densità. Ma non è solo sprawl, si tratta di una vera esplosione della città con molti effetti, diretti e indiretti, evidenti e nascosti. Ad esempio la trasformazione dei centri urbani è un altro risultato di questo processo: persone e attività si sono allontanate dalla città, verso piccole città o verso aree rurali, ma altre persone e altre attività, magari arrivate da altre città molto lontane o dalle campagne di tutto il mondo, le hanno sostituite. Far fronte a questo fenomeno non è semplice, anche perché non è un solo fenomeno: si tratta di processi del tutto simili tra loro o vi sono specifiche dinamiche territoriali? Quali sono le caratteristiche locali e le tendenze globali di questa trasformazione? Quali sono gli effetti del turismo? E allora non vi è una sola soluzione per controllare l’esplosione urbana, come sembra ripeterci la vulgata che ci propone il mantra della “città compatta” quale unica e un po’ vaga soluzione. È vero, metter fine all’esplosione urbana vuol certamente dire accrescere la densità e concentrare le aree urbanizzate, ma questo può essere fatto solo comprendendo le specificità dei diversi fenomeni che stanno dietro a questo comune esito e quindi identificando la “cura” corretta, con un atteggiamento progettuale e pensando in modo lungimirante. La Scuola avrà l’obiettivo di definire alcuni progetti per il governo dello sviluppo urbano in diversi contesti europei ed esplorerà i diversi tipi di progetto per far fronte allo sprawl e costruire densità e complessità. Capire questi processi ci aiuterà anche a immaginare nuove prospettive per il progetto e per il piano. Le lingue saranno Italiano, Inglese e Francese. Info: fax +39 079 9720420 e-mail: summmerschool.architettura@uniss.it; www.sei.architettura.uniss.it

9/07/2008


Contemporary Norwegian Architecture 2000-2005

9 - 26 luglio 2008, Milano
Inaugura stasera alle ore 18 presso lo Spazio Mostre Guido Nardi del Politecnico di Milano, in via Ampére 2, a Milano, la mostra “Contemporary Norwegian Architecture 2000-2005″. Nell’anno in cui la Biennale di Architettura di Venezia celebra Sverre Fehn, indiscusso maestro dell’architettura norvegese, la Norvegia è presente negli spazi del Politecnico con una rassegna di 50 opere che rappresentano i frutti piu’ recenti della produzione architettonica del paese scandinavo: dai grandi complessi all’architettura di interni, dalla celebrata Biblioteca Alessandrina firmata da Snohetta alla Residenza per i senza-tetto di Code:arkitektur a Moss alla riconversione in eleganti alloggi a basso costo delle baracche operaie di una vecchia industria petrolifera di Stavanger ad opera di Helen & Hard. L’evento è in collaborazione con la Facoltà di Architettura e Società del Politecnico e il Dipartimento di Progettazione dell’Architettura, il National Museum of Art, Architecture and Design di Oslo, il Royal Norwegian Ministry of Foreign Affairs e l’Ambasciata di Norvegia. Progetto e allestimento: Anne Marit Lunde e Eva Madshus, National Museum of Art, Architecture and Design, Oslo. Organizzazione della tappa milanese: Prof. Gennaro Postiglione, Politecnico di Milano. Info: Liana Frola, tel 02 23995640 e-mail: liana.frola@polimi.it; www.polimi.it - invito.pdf

11/07/2008


Eco e Narciso. Cultura Materiale / Design

11, 12, 13 luglio - 14 settembre 2008, Torino (provincia)
La rilettura di Eco e Narciso dei temi territoriali, giunta alla sua 5. edizione, affida al design l’ulteriore incontro con i luoghi della cultura materiale. “Eco e Narciso. Cultura Materiale / Design”, a cura di Rebecca De Marchi e Stefano Mirti, inserito nel calendario delle attività del “Torino World Design Capital”, coinvolge 10 designer-docenti e 6 scuole europee di design che da novembre 2007 all’estate 2008 hanno lavorato con 6 ecomusei della Provincia di Torino su 6 materie caratteristiche delle attività industriali locali: acqua, argilla, cotone, feltro, pietra, talco. Un’inaugurazione itinerante, accompagna il pubblico nei 6 ecomusei della provincia di Torino, dove saranno esposti in mostra gli oggetti di design prodotti durante i workshop. Possibilità di usufruire del trasporto in autobus, previa prenotazione, fino ad esaurimento posti secondo le modalità d’iscrizione sotto indicate. Iscrizione, trasporto, inaugurazioni, ingresso ai musei e visite guidate liberi e gratuiti. Inaugurazione:
11/07 - ore 15.30_ Ecomuseo “le Loze di Rorà” | - ore 18.30_ Ecomuseo Feltrificio Crumière di Villar Pellice
12/07 - ore 11_ Scopriminiera di Prali | - ore 15_ Ecomuseo dell’Industria Tessile di Perosa Argentina | - ore 19.30_ Ecomuseo dell’Argilla di Cambiano
13/07 - ore 15_ Ecomuseo delle Guide Alpine di Balme
Le prenotazioni dovranno pervenire entro il 06/07/2008 al numero verde 800300360 (URP Provincia di Torino, lunedì-venerdì 8.00-18.00). Al momento dell’iscrizione si devono specificare i giorni per i quali si effettua la prenotazione, indicando numero di partecipanti e lasciando il proprio recapito email e di telefono mobile. Info: tel +39 011 8615327 fax +39 011 8615476 e-mail: info@ecoenarciso.it; www.ecoenarciso.it - www.provincia.torino.it/culturamateriale - invito.pdf - flyer

Álvaro Siza Architetto

11 luglio - 30 ottobre 2008, Lecce
Si apre il 12 luglio 2008 al Museo Provinciale “S. Castromediano” di Lecce e al Castello di Acaya – Comune di Vernole (Le) la mostra “Álvaro Siza Architetto”, a cura di Carlos Castanheira e Paola Iacucci con Serena Petranca. Nell’ambito di questa iniziativa, l’11 luglio 2008 alle ore 20, avrà luogo la Lectio magistralis tenuta da Álvaro Siza, presso Largo Immacolata di Calimera (LE), organizzata dall’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Lecce, in collaborazione con l’Istituto di Culture Mediterranee della Provincia di Lecce, l’Osservatorio Urbanistico Tekné e il Comune di Calimera. Introduce la Lectio il Presidente dell’Ordine degli Architetti Enrico Ampolo, coordina l’arch. Francesco Moschini e intervengono gli architetti Paola Iacucci e Carlos Castanheira. Info: tel 0832 683525 - www.culturemediterranee.org

16/07/2008


Sound Threshold - musica e suono attraverso il paesaggio

16 luglio e 28 settembre 2008, Trentino-Alto Adige/Südtirol
Si terranno a luglio e settembre gli appuntamenti di “Sound Threshold - musica e suono attraverso il paesaggio”, un progetto di Daniela Cascella e Lucia Farinati, prodotto dalla Fondazione Edmund Mach – Centro di Ecologia Alpina di Monte Bondone e dal Museo Civico di Riva del Garda, evento collaterale di Manifesta 7, Trentino-Alto Adige/Südtirol. Come oltrepassare l’effetto cartolina che connota il paesaggio alpino? Come infrangere il sistema rappresentativo convenzionale e la bidimensionalità di un modo di pensare e di vedere? Come cogliere il respiro del paesaggio? Il suono e la musica sono i mezzi espressivi scelti da Sound Threshold per confrontarsi con tali interrogativi. Attraverso interventi performativi, concerti, installazioni sonore e field recordings il progetto indaga il paesaggio visivo, naturale, letterario e acustico del territorio trentino in dialogo con le ricerche più avanzate nell’ecologia, nella tecnologia e nell’archeologia. Nato da una riflessione sulle molteplici forme d’interazione tra musica, suono e paesaggio, e da un’indagine volta ai contesti di produzione al di fuori dei circuiti dell’arte e della musica consueti, Sound Threshold presenta i primi risultati di tale indagine tracciando al tempo stesso possibili future strade di produzione interdisciplinare a confronto con i maggiori centri di ricerca scientifica trentini. Nell’ambito di MANIFESTA 7 (la biennale europea d’arte contemporanea ospitata quest’anno dalla Regione Trentino Alto Adige) saranno presentati quattro interventi esclusivi dislocati tra Monte Bondone vicino a Trento e Monte San Martino / Riva del Garda. Info: Giulia Ferracci, e-mail: soundthreshold@gmail.com; www.cealp.it/soundthreshold - tel +39 0461 216000 e-mail: informazioni@apt.trento.it; www.apt.trento.it - www.manifesta7.it - CS.doc

Fondazione Spinola Banna per l’Arte - Progetto Passaporto: assegnata Borsa di Studio

Il 16 luglio 2008 è stata assegnata la Borsa di studio della durata di tre mesi istituita nell’ambito del ‘progetto Passaporto’ dalla Fondazione Spinola Banna per l’arte in collaborazione con Città di Torino e UniCredit Private Banking. Il progetto Passaporto promuove i giovani artisti italiani e lo fa attraverso azioni di sistema, volte a favorirne il percorso nel mondo dell’arte, a livello internazionale. L’assegnazione della Borsa di studio va ad un artista selezionato fra gli artisti partecipanti ai workshops della Fondazione nel 2007 e/o gli artisti che hanno partecipato alle iniziative organizzate dall’Ufficio Creatività e Innovazione – Settore Arti Visive – Divisione della Città di Torino presso il Centre International d’Accueil et d’Echanges des Récollets a Parigi della Dena Foundation for Contemporary Art. L’artista selezionata per la Residenza è: Paola Anziché, la sua ricerca e la sua sensibilità artistica, il suo curriculum, soddisfano più di quelli degli altri candidati, i criteri di valutazione individuati come necessari al giudizio. Nel caso specifico la Borsa potrà arricchire la visione della giovane artista nell’attuale momento del suo percorso, dandole nuovi strumenti di linguaggio e nuove prospettive. **[Paola Anziché, nata a Milano (1975), si è diplomata all’Accademia di Belle arti di Brera e alla Staedelschule di Francoforte sul Meno. Ha partecipato ai workshop tenuti da Eva Marisaldi e Tobias Rehberger alla Fondazione Spinola Banna per l’Arte, a Proposte22 curata da a.titolo, ad esposizioni presso HMKV Kunstverein Dortmund, TAT Frankfurt/Main, Museum Abteiberg Moenchengladbach, Stadthausgalerie Münster. Vive e lavora a Torino]. Info: tel +39 0119430540 fax +39 0119430614 e-mail: mc.lattuada@fondazionespinola-bannaperlarte.org; www.fondazionespinola-bannaperlarte.org

19/07/2008


Manifesta 7

19 luglio - 2 novembre 2008, Trentino Alto Adige/Südtirol
Manifesta 7, la Biennale Europea di arte contemporanea, per la prima volta viene realizzata in Italia e nell’ambito di un intero territorio regionale attraverso quattro città, che costituiscono un percorso unitario di 150 chilometri e collegano Nord e Sud europeo lungo l’asse del Brennero: Fortezza (Bressanone), ex Alumix a Bolzano, il Palazzo delle Poste a Trento, Manifattura Tabacchi ed ex Peterlini a Rovereto. Le quattro mostre di Manifesta 7 nelle sedi espositive di Fortezza, Bolzano, Trento, Rovereto ospitano 188 artisti, architetti, scrittori ed esperti provenienti da tutto il mondo - tra cui 32 italiani, una parte dei quali riceve il sostegno per la realizzazione delle opere dalla Parc, Direzione generale per la qualità e la tutela del paesaggio, l’architettura e l’arte contemporanee, Ministero per i beni e le attività culturali - con dipinti, sculture, video, installazioni, opere sonore, per la maggior parte ideate e realizzate per questa occasione. Hedwig Fijen è il Presidente del Comitato Manifesta 7 e Direttore International Foundation Manifesta di Amsterdam mentre Fabio Cavallucci è ilCoordinatore di Manifesta 7 a Trento e Andreas Hapkemeyer il Coordinatore di Manifesta 7 a Bolzano. […] Accanto alle esposizioni di Manifesta 7 si svolgono le attività dei Parallel Events nelle due Province: un programma selezionato che presenta 45 eventi in Alto Adige/Südtirol e più di 60 in Trentino tra mostre, eventi, performances e concerti, realizzati dalle numerose istituzioni e associazioni che rendono la Regione tra le più dinamiche sul versante dell’arte contemporanea. […] Manifesta è una tra le più importanti rassegne internazionali d’arte contemporanea, contraddistinta dal carattere itinerante in ambito europeo, e si svolge ogni due anni in una città diversa. Le precedenti edizioni sono state ospitate a partire dalle città di Rotterdam (1996), Lussemburgo (1998), Ljiubljana (2000), Francoforte (2002), San Sebastian (2004), Nicosia (2006). Manifesta e le attività ad essa collegate sono un’iniziativa della International Foundation Manifesta di Amsterdam, che è l’unica struttura permanente di questa biennale nomade. Info: Alessandra Santerini, cell 331 6703550 - Chiara Costa, cell 331 7001172 e-mail: press@manifesta7.it; www.manifesta7.it - CS.pdf

20/07/2008


Mediterra 2009

13 - 16 marzo 2009, Cagliari >[deadline: 20/07/2008]
L’Università di Cagliari, la Scuola Superior Gallaecia, CRATerre ENSAG Centro di Ricerca Internazionale sull’Architettura di Terra e la Regione Autonoma della Sardegna organizzano la Prima Conferenza Meditetrranea sull’Architettura in Terra Cruda che si terrà a Cagliari nel 2009. La conferenza ha origine da uno studio preliminare fatto dall’ICCROM, dal GCI e CRATerre al fine di sostenere la conservazione e la valorizzazionen del patrimonio costruito in terra cruda nell’area Mediterranea. La conferenza vuole anche rappresentare l’avvio di una cooperazione Mediterranea sui temi legati all’architettura di terra. L’evento rappresenta un’importante occasione di scambio e confronto sulle acquisizioni sui temi specifici, frutto di una costante ricerca e sistematico lavoro portato avanti dai Paesi che si affacciano sul Bacino del Mediterraneo. Info: tel +39 070 6755807 fax +39 070 6755816 e-mail: mediterra@unica.it; http://people.unica.it/mediterra - Mediterra09.pdf

22/07/2008


Musée dans la rue – a cura di Yona Friedman e degli allievi del CSAV

Il 22 luglio 2008 a partire dalle ore 17 la città di Como ospita, per la 3. volta e sempre nell’ambito del Corso Superiore di Arti Visive della Fondazione Ratti, “Corso Aperto”, un evento articolato in varie sedi e secondo diverse modalità, dedicato al lavoro dei ventidue giovani artisti partecipanti: Elia Cantori, Ludovica Carbotta, Davide Cascio, Giovanni De Lazzari, Andrea Dojmi, Marco Lampis, Margherita Moscardini, Massimiliano Nazzi, Alessandro Quaranta, Ciro Vitale, Einat Amir, Elena Bajo, BridA (gruppo), Oppy de Bernardo, Mark Durkan, Knowles Eddy Knowles (gruppo), Audrey Lam, Gabriel Martinez, Marlie Mul, Treasa O’Brien, Therese Sunngren, Linda Quinlan, George Warburton. Quest’anno il tema del CSAV, proposto dal Visiting Professor Yona Friedman, poliedrico artista-architetto e teorico dell’utopia realizzabile, è l’improvvisazione nello spazio pubblico. Oltre a collaborare con Friedman alla realizzazione del “Museo sulla strada” di Piazza Cavour e a quello costruito con scatole di cartone - usate e messe insieme dai bambini dell’Asilo Sant’Elia - i ventidue giovani artisti hanno deciso di misurarsi non soltanto con vari luoghi di Como, ma anche con le dinamiche relazionali che caratterizzano, anche ai livelli più quotidiani ed ordinari, la vita in città. “Corso Aperto” più che una mostra è un momento in cui il processo creativo e la ricerca artistica vengono mostrati nel loro farsi e non nella concretizzazione di un’opera finita. “Corso Aperto” dura soltanto una giornata ed è caratterizzato da eventi performativi, micro-installazioni visive e sonore, interventi ambientali, servizi per il pubblico. […] La ex-chiesa di San Francesco, sede principale dei lavori del CSAV si mostrerà in una veste inusuale: sarà possibile infatti letteralmente vederla dall’alto di impalcature costruite per l’occasione, ma anche vederne spazi normalmente non accessibili, usati per proiettare video e dare vita a interventi visivo-sonori fatti utilizzando svariati materiali di recupero. Le ricerche degli artisti intervenuti al CSAV spaziano dall’indagine ludica dei meccanismi sociali al recupero di memorie che caratterizzano il luogo (Como, le sue architetture, i paesi vicini, il lago ecc.); dalla volontà di esplorare anche fisicamente i confini (intesi nel senso più lato), al tentativo di mettere in discussione abitudini, pregiudizi, rapporti consolidati e modalità di visione dei posti dove viviamo e delle cose che usiamo o, più spesso, subiamo. Info: Ilaria Gianoli, mob. +39 333 6317344 e-mail: ufficiostampa@fondazioneratti.org; www.fondazioneratti.org - CS.doc - bio_allievi_08

CRPC-XIII. Corso di perfezionamento per Responsabile di Progetti Culturali

novembre 2008 – ottobre 2009, Torino, Lecce, Salisburgo, Monaco, Berlino
Aperte le iscrizioni, fino a esaurimento posti, al CRPC-XIII. Corso di perfezionamento per Responsabile di Progetti Culturali. L’iniziativa è sostenuta dalla Regione Piemonte e dalla Fondazione CRT promossa dalla Fondazione Fitzcarraldo, in collaborazione con ICCM (International Center for Culture and Management - Salisburgo). Il corso_ E’ uno dei principali laboratori a livello internazionale di formazione e pratica per lo sviluppo di progetti nell’ambito dello spettacolo, della valorizzazione territoriale integrata, dei beni culturali, delle arti visive, dei nuovi media, delle industrie culturali e della comunicazione e della mediazione interculturale. Dal 1996, in 12 anni di attività, 280 partecipanti hanno sviluppato e realizzato il progetto artistico culturale di organizzazioni di ogni dimensione, pubbliche e private, delineando un corso unico nel suo genere in continua evoluzione, attento ai cambiamenti di scenario nel settore culturale e alle reali esigenze degli operatori. Il percorso didattico è strutturato in lezioni di aula con docenti scelti tra i migliori operatori del settore, visite di studio con interviste agli artisti e ai direttori delle strutture culturali pubbliche e private e laboratori tematici di approfondimento su temi specifici della progettazione culturale. La novità di quest’anno è il CRPC-LECCE: il corso parallelo a quello torinese, rivolto agli operatori del Mezzogiorno e progetto di eccellenza selezionato da Fondazione per il Sud, con cui il corso di Torino condivide tre moduli del percorso didattico. I destinatari_ Neolaureati; responsabili e operatori di associazioni culturali, cooperative, fondazioni, teatri, orchestre, compagnie, festival, musei, centri ed imprese culturali, agenzie attive nella valorizzazione dei beni culturali e associazioni territoriali di servizi, società di consulenza professionisti freelance e artisti. Info: Annalisa Regis, tel 011 5683365 fax 011 503361 e-mail: training@fitzcarraldo.it; www.fitzcarraldo.it - crpc.fitzcarraldo.it - CS.doc

manUfatto in sitU 2_ workshop

28 luglio - 6 agosto 2008, Cancelli di Foligno (PG) >[deadline: 22/07/2008]
Il workshop manUfatto in sitU 2 propone un soggiorno di studio nel territorio del Parco per l’arte a Cancelli di Foligno (PG), un luogo d’ispirazione per la ricerca creativa contemporanea finalizzata alla progettazione artistica nel paesaggio. Il progetto di residenza e workshop estivo è indirizzato ai giovani artisti/studenti laureandi, neo-laureati o cultori della materia. Il tutor delle attività di laboratorio sarà l’artista Mario Airò che lavorerà con i 20 studenti su un tema legato al paesaggio/arte/natura/architettura. I giovani artisti permarranno per 9 giorni, accompagnati da una didattica specifica sia riferita al laboratorio artistico sia con incontri e relazioni di esperti che consentano l’approfondimento di tematiche legate al sistema artistico contemporaneo umbro e alla storia dei luoghi. Il workshop è frutto della collaborazione tra l’associazione VIAINDUSTRIAE ed il Parco per l’arte di Cancelli. Borse di studio_ Per le Accademie citate nel network di collaborazione è assegnata una borsa di studio per un partecipante meritorio scelto dal docente della cattedra di riferimento e consistente nella iscrizione gratuita al workshop comprendente anche il vitto e alloggio. Quota di partecipazione_ Il costo di iscrizione è di 350 euro comprensive della quota del corso e dell’alloggio. A carico dell’iscritto è il vitto e il trasferimento. Il numero massimo di iscritti compresi i borsisti è di 20 persone. Info: tel/fax 0742 350838 e-mail: info@viaindustriae.it; www.viaindustriae.it - bando.pdf

Festival Internazionale del Cinema di Frontiera 2008

22 - 27 luglio 2008, Marzamemi (Pachino - SR)
Avrà luogo a Marzamemi il Festival Internazionale del Cinema di Frontiera ideato e diretto da Nello Correale con l’aiuto e il sostegno dello storico del cinema Sebastiano Gesù. Giunto alla sua VIII edizione il Festival del Cinema di Frontiera prosegue il suo progetto di presentare e sviluppare un cinema indipendente, attento ai temi delle frontiere: geografiche,artistiche e culturali. Il Festival presenta un concorso internazionale, anteprime, retrospettive e rassegne e un concorso di cortometraggi e documentari, accompagnati dagli autori che vengono premiati da personalità che fanno parte di una giuria selezionata tra attori, produttori, registi e critici cinematografici. Quest’anno in concorso film che arrivano dal Libano, Israele, Messico, Italia, Brasile, Russia realizzati sia da giovani autori che da affermati registi. Presenti come gli altri anni film legati alla musica: Shine a Light di Scorsese sui Rolling Stones, Across the universe sui Beatles, Joe Strummer (The Clash) di Julien Temple, Africa Unite, un tributo a Bob Marley e un omaggio ad un grande musicista come Giovanni Sollima presentato da un film corto ‘Daydream’ realizzato dal giovanissimo regista danese di Lasse Gjertsen una vera star del cinema in rete. Nell’ambito del cinema e nuovi linguaggi avremo una presentazione dei lavori del giovane autore siciliano Andrea Traina che ha realizzato apprezzatissimi lavori di cine-web. Il ritratto d’artista sarà dedicato al grande cineasta Abel Ferrara e il suo cinema, mentre l’omaggio quest’anno va all’attore e regista Fabrizio Bentivoglio che presenterà il suo film: Lascia perdere Jhonny. 15+15 cortometraggi in concorso, documentari provenienti da varie parti del mondo e un focus sul Cinema Corto Ungherese, con ospiti che accompagneranno i loro film. Ospiti anche un gruppo di 5 giovani registi di New York nell’ambito di un progetto di scambio culturale e di incontro con giovani autori italiani che si tradurrà in una specie di workshop. Info: cell 339 4848697 e-mail: info@cinemadifrontiera.it; www.cinemadifrontiera.it

23/07/2008


Premio Solinas – Documentario per il Cinema 2008_ finalisti

Annunciati i finalisti del Premio Solinas – Documentario per il Cinema 2008. La giuria del Premio Solinas, composta da: Luca Bigazzi, Esmeralda Calabria, Alberto Chollet, Enrica Colusso, Francesca Comencini, Nicola Giuliano, Cecilia Mangini, Silvia Moraes, Luca Mosso, Roberto Nanni, Gianfilippo Pedote, Cristina Piccino, Giovanni Piperno, Maria Teresa Tringali e Dario Zonta, ha selezionato 11 progetti finalisti scelti tra i 134 inviati in forma anonima alla prima edizione del nuovo Concorso, promosso dal premio solinas in collaborazione con Apollo 11. Ecco i progetti che parteciperanno alla fase finale per l’assegnazione dei due premi da 5.000 euro ciascuno: | - A Fior di Pelle di Margherita Ferri, Elisa Vignando, Ester Luppi | - Andare ai resti di Ottavio Giannini | - Di fronte al silenzio degli altri di Tina Porcelli, Fabrizio Liberti, Giuseppe Baresi | - Giorno di Riposo di Alessandro Bandinelli, Valentina Zaggia | - I Dimenticati del Congo di Claudio Capanna | - La Casa del Padre di Sebastiano Vittorio D’Ayala Valva | - La neve anche d’estate di Andrea Prandstraller, Niccolò Bruna | - La vera storia dell’uomo Plasmon di Simone Del Grosso, Albert Pepe | - Raunch girl di Lara Rongoni e Giangiacomo De Stefano | - Resistenze di Antonella Di Nocera, Sebastiano Mazzillo | - Valentina Postika in attesa di partire di Caterina Carone | Il premio Solinas - documentario per il cinema è il primo Premio in Italia per la scrittura di documentari di creazione concepiti per la sala cinematografica ed è destinato a sostenere lungometraggi in cui si esprima con originalità stilistica una visione personale della realtà. Con questa iniziativa premio Solinas e Apollo 11 intendono contribuire concretamente al pieno riconoscimento del valore artistico, culturale e spettacolare del cinema documentario nel nostro Paese e sollecitare maggiore attenzione e risorse per la progettazione, lo sviluppo e la realizzazione di documentari di creazione di lungometraggio. Info: tel 06 6382219 fax 06 6385720 e-mail: info@premiosolinas.org; www.premiosolinas.org - CS.doc

24/07/2008


Mind Expanders

25th July 2008 – 30th August 2009, Wien
Opening July 24, 2008–7.00 p.m., at Museum Moderner Kunst, Stiftung Ludwig Wien, Museumsplatz 1, in Wien, the exposition “Mind Expanders” shows the connections between the social upheavals and the art forms of the 1960s and 1970s that were border transgressing and architecturally-influenced or performative in nature. The title is derived from Haus-Rucker-Co’s seat object for two people which conjoins technology and body and stands as an example of the attempt to achieve an artistically radical redefinition of the social environment and interpersonal relationships. On the basis of exceptional works taken from the museum’s holdings—together with numerous international loans—the extensive show will throw light on the inception and development of new, interdisciplinary, socially-critical visions and utopian forms of art. The broad spectrum of exhibits runs from pictures, objects and models through photographs, videos and films to publications and other historical documentary material. The rejection of the socio-political conservatism of the 1960s with its traditional gender and class-specific role models is reflected in farreaching artistic changes: unconventional, non-linear thinkers undertake the dismantling and mixing of the previously strictly separated genres of art and architecture. The interest in devising social utopias and the associated tendencies towards the performative and participative prove to be one of the decisive areas that architecture and art have in common. Architecture here is propagated as an art form which is in directly touch with life and a domain where experiments are to be undertaken with new materials and forms. These are directed against a (literally) petrified tradition that has been long cemented into place. In Austria significant impulses for this development originated with individuals such as Walter Pichler and Hans Hollein while the Galerie nächst St. Stephan in Vienna developed into an important meeting place for the avant-garde. Info: tel +43 1 52500-1400 fax +43 1 52500-1300 e-mail: press@mumok.at; www.mumok.at - CS.pdf

GLASHAUS_09 Emerging Architecture

25 July - 5 September 2008, Berlin
Opening the July 24, 2008, at 7 pm, in the Deutsches Architektur Zentrum DAZ, Köpenicker Str. 48/49, in Berlin, GLASHAUS_09 presents the current winners of the world’s leading award for young architects. Since 1999, the magazine Architectural Review (AR) honours distinguished projects in the categories building, interior, landscape and urban design as well as product design. The exhibition shows 24 realized works, premiated by an international jury. Among the winners are Ecosistema Urbano Arquitectos (Madrid), Taketo Shimohigoshi / AAE (Tokyo), FAR: frohn & rojas (Köln / Santiago de Chile / Mexiko Stadt), Jürgen Mayer H. (Berlin), Magma Architecture (Berlin / London) and Chris Bosse (Sydney, Stuttgart, Abu Dhabi). Architects from more than 50 nations took part in the competition. Eligible were realized projects by architects up to the age of 45 years. Info: tel +49 30 278799 e-mail: mail@daz.de; www.daz.de

25/07/2008


ACMA Seminari - Parco fluviale del Guadiana_ Rifare paesaggi

25 luglio - 3 agosto 2008, Serpa (Portogallo)
Lo sviluppo turistico della valle del Guadiana nel sud della penisola iberica tra Portogallo e Spagna è vincolato alla creazione del parco fluviale grazie al quale sarà possibile individuare, proteggere e valorizzare gli elementi caratterizzanti lo straordinario paesaggio del Basso Alentejo. D’altra parte la filiera dei prodotti agricoli locali DOP (vino, formaggio, olio, pane) che hanno goduto di una recente performance sui mercati internazionali rischia di essere compromessa dalla creazione del più esteso bacino idrico europeo: l’inconsueta disponibilità di acqua dolce offerta dalla diga di Pedrògão introduce ora nel territorio trasformazioni inattese dell’ecosistema e delle tecnologie agricole che rischiano di perturbare l’intero sistema economico e sociale locale. La coesistenza delle necessarie infrastrutture per l’ospitalità turistica, la crescente evoluzione della struttura produttiva e i tratti del millenario paesaggio antropico saranno i materiali con cui si dovranno misurare i progetti per il futuro parco del Guadiana | attività/programma_ Il laboratorio sarà strutturato in quattro fasi: conoscenza del territorio e più specificatamente dell’area di progetto; approfondimento degli aspetti tecnici e teorici della problematica in questione; laboratorio di progettazione in gruppi di studio e discussioni generali; esposizione dei lavori e comunicazione dei risultati al pubblico. Le attività dei laboratori si svolgeranno prevalentemente presso le strutture delle locali istituzioni coinvolte. Lingue ufficiali del seminario: italiano e portoghese | iscrizioni_ Il seminario è destinato principalmente a neolaureati e studenti in architettura ma proposto anche a tecnici e professionisti come momento di aggiornamento professionale. Il seminario di 100 ore fa parte del programma di Formazione Continua della UPC di Barcellona. La sua frequenza prevede il conseguimento di 10 crediti ECTS spendibili anche all’interno del programma del Master in Architettura del Paesaggio della UPC di Barcellona che ACMA organizzerà a partire dal 2009 a Milano. Le iscrizioni verranno raccolte fino al raggiungimento del numero massimo di partecipanti previsto. Info: tel +39 02 70639293 fax +39 02 70639761 e-mail: acma@acmaweb.com; www.acmaweb.com

World Architecture Community Awards - 20+10+X projects

[deadline: 25/07/2008]
World Architecture Community announces the first cycle of the new international award programme which will be an integral part of the community portal. The aim of the WA Community Awards is to highlight and publish remarkable projects that might otherwise remain unnoticed by the international public but have the potential to inspire exciting questions about contemporary architectural discourse. Awarding follows a most democratic procedure where all member’s ratings and the votes of all Honorary Members are effective in the final decisions. Registrations are completely FREE and without extra costs so that all architects can participate both as candidates and judges | - Eligibility_ Architects from ALL countries can submit ALL of their buildings (realized or not) for the appreciation of the WA Community. Recent projects (not older than 10 years) will have more chances to be shortlisted for the Awards. Students, landscape architects, engineers may also submit for the awards projects they are the author of: we do not check or accredit diplomas. Projects submitted to the WA Portal prior to this announcement will also be considered for the award program. But these pages should be updated by their authors to meet the submission requirements for a better presentation of work | - Criteria for Recognition_ Novelty, Originality and Creativity in design that reflect and inspire a commitment to the art of architecture are the major criteria. The WA Portal tries to bridge the gap between theory and practice: thus the architect’s explanations and member’s discussions on submissions will be critical for recognition as much as the design itself. Info: e-mail: info@worldarchitecture.org; www.worldarchitecture.org

Scuola Estiva Italo/Russa in Pianificazione Sostenibile

25 luglio - 3 agosto 2008, Parco Geo-minerario-storico-ambientale della Sardegna
L’obiettivo della Scuola, che fa seguito a quella tenuta a Mosca nell’Agosto 2007, è definire un’ipotesi di gestione e valorizzazione del Parco geo-minerario della Sardegna, sostenibile in molti sensi: nel senso dei meccanismi e delle modalità di fruizione; nel senso del mantenimento della memoria storica del lavoro e dell’ambiente; nel senso delle attività di conservazione, recupero e restauro degli insediamenti; nel senso degli eventi che possono esservi previsti; nel senso dell’integrazione con le politiche turistiche. Gli studenti italiani, russi e di altri paesi, saranno coinvolti in un’attività di pianificazione e progettazione sui diversi temi e a varie scale. Ai partecipanti alla Scuola verrà rilasciato un attestato di frequenza e, dopo la valutazione finale, una certificazione per 3 crediti formativi (ECTS) nel settore ICAR 20. La Scuola è diretta da Alessandra Casu e Dimitri N. Kavtaradze. Il Gruppo di lavoro della Scuola è composto da: Alessandra Casu, Giuliano Cosseddu, Mauro Cossu. Organizzazione: Università degli Studi di Sassari, Facoltà di Architettura |Lomonosov University of Moscow | Istituto Italo/Russo di Educazione Ambientale | Info: mob +39 320 9234075 fax +39 079 9720420 e-mail: summmerschool.architettura@uniss.it; www.sei.architettura.uniss.it

27/07/2008


manUfatto in sitU 2

28 luglio - 6 agosto 2008, Cancelli di Foligno (PG)
Il 27 luglio alle ore 18 presso la Chiesa dei S.S. Pietro e Paolo, a Cancelli di Foligno (PG), si terrà l’incontro / conferenza stampa inaugurale di “manUfatto in sitU 2″. L’associazione VIAINDUSTRIAE con la 2. edizione dell workshop “manUfatto in sitU” propone il territorio del Parco per l’arte in Cancelli come fonte e luogo d’ispirazione per la ricerca creativa contemporanea, sul tema della progettazione artistica nel paesaggio. Nell’incontro / conferenza si discuterà dei temi del laboratorio di 10 giorni che inizierà il 28 luglio con la direzione artistica di Mario Airò, con l’approfondimento dei nodi sensibili del paesaggio, l’analisi del territorio per affrontare poi con un’ottica critica la progettazione ’specifica’ in sito e la definizione dei confini dell’intervento artistico nell’ambiente. Verrà poi presentata l’esperienza della precedente edizione 2007 con Hidetoshi Nagasawa attraverso le testimonianze degli artisti che vi hanno partecipato e la proiezione del video documentario di 10 minuti che ne descrive il lavoro svolto. Nella giornata di chiusura del 6 agosto alle ore 18 saranno presentati i progetti specifici di inserimento ambientale dei giovani artisti partecipanti, con un percorso espositivo guidato nel comprensorio del Parco dell’Arte. Info: tel/fax 0742 350838 e-mail: info@viaindustriae.it; www.viaindustriae.it

31/07/2008


Progetto Eco Land Art Gole del Sagittario

Termina il 31 luglio 2008 con una escursione, la 1. edizione del progetto “Progetto Eco Land Art”, con 20 opere d’arte di 40 artisti da tutta Europa che arricchiscono le Gole del Sagittario e la locale Oasi WWF, in Abruzzo. Scolpire e creare con i materiali naturali consapevoli che le proprie opere si trasformeranno insieme al paesaggio grazie agli eventi atmosferici. […] Gli artisti, provenienti da Danimarca, Polonia, Svezia, Finlandia, Lituania, Olanda, Norvegia, Ungheria, Germania, Italia, Francia, Spagna dislocati in coppia nei relativi territori comunali, sotto la supervisione di Kai Bratbergsengen e Peter Hess, in 10 giorni hanno studiato, ricercato elementi e, infine, realizzato una scultura, usando esclusivamente materiali di risulta della natura. Gli artisti stessi hanno coinvolto il pubblico nella creazione delle loro opere, dando origine a momenti di solidarietà e amicizia e creando un contatto intenso con la natura. […] Secondo il WWF, più che un ulteriore investimento in infrastrutture, intrattenimento o marketing che tenti di estenuare un modello turistico in crisi, occorre volgere lo sguardo altrove verso modelli leggeri di turismo basati sulla conoscenza. E’ un progetto di organizzazione finalizzato allo sviluppo ed alla diffusione di una nuova forma di turismo: il turismo di territorio. Il turismo di territorio è conoscenza diretta delle persone e dei diversi tratti distintivi dell’identità di uno specifico luogo, offerti nella loro dimensione complessiva e contemporanea, all’interno di una esperienza di viaggio unica. Info: Mauro Margiotti, cell 340 6735230 - Augusto De Sanctis, cell 368 3188739 e-mail: pescara@wwf.it; www.wwf.it/abruzzo - CS.doc

vai su>|news|