NEWS in archivio settembre 2008
by Luisa Siotto
contact news@archphoto.it
vai su>|news|

1/09/2008


Shadow Casters: call for collaboration and proposals for collaboration&partnership

[deadline: 1/09/2008]
In the seasons 2008/09 & 2009/10, Shadow Casters are preparing new performances and projects, while continuing the work on current projects. We invite all interested parties to take part in our work or propose collaboration within the frame of Shadow Casters’ production. The call is addressed first and foremost to actors, performers and other professionals in the field of performing arts and film; visual and intermedia artists; musicians; writers; photographers; architects; art historians; interdisciplinary researchers – but also to all those who are akin to the poetics and creative politics of Shadow Casters. The selection of collaborators / colaborations will unfold in 2 or 3 steps: - 1. Applicants should send their CV’s and a short statement on their motivation to work with Shadow Casters as well as on their interests in general to: bacaci_sjenki@europe.com or via regular mail to: Bacači Sjenki, Bosanska 10, 10000 Zagreb, Croatia | - 2. Shadow Casters will contact the applicants by September 8 and invite a certain number of them for an interview. The interview with those applicants who reside outside of Zagreb and are not able to come will be conducted via Skype | - 3. For actors and performers: Following the interview, there will be scheduled a thematic workshop/audition | **[BACACI SJENKI (SHADOW CASTERS) is a non-profit international artistic and production platform dedicated to interdisciplinary collaboration, creation and reflection within the field of intermedia arts, especially in the domain of its implementation in urban spaces. Its seat is in Zagreb. SC stimulate intercultural dialogue through creating projects platforms for active cultural exchange between Croatian and international artists and professionals, at once questioning the existing concepts of individual and collective identity. Through its activities, SC encourages the debate on the nature and contradictions of the on-going globalization process, dealing with those social, political and cultural issues that reveal the “blind spots” and “hot potatoes” of a certain society. In the course of the 6 years of its existence, SC have produced a number of projects on local and international level. The majority of these projects, created as performative time sculptures, examines the relation of man and space through entirely different approaches: a specific study of world cities that takes on the shape of poetic-detective urban travels (Shadow Casters); amalgamating and juxtaposing the material space of the performance and the real time of actors with the virtual space and the delayed time of film (Process_City, part III: Process_in_Progress); penetrating into the microcosm of one Zagreb skyscraper and the multi-facetted revealing of its past, present and future (Man is Space: Vitić Dances, intermedia project and full-length documentary film); travelling through the material space of memory of a city neighbourhood that turns into a unique travel through one’s own memory, feelings and sub-conscioussness, thanks to the special sensorial conditions of the visitors (Process_City, part II: Ex-position); creating a multimeda archive of urban events that become the tool for studying the hypertextuality of space (Re-collecting City/Re-collecting Time; Wall Newspapers; Urbotheque). SC projects have thus far gathered over 80 artists and professionals from 16 countries world-wide. The projects have been produced and presented at festivals and manifestations in Zagreb, Dubrovnik, Bologna, Graz, Pisa, Ljubljana, Udine, Bjelovar, Belgrade, Marseille, Leiden, Krizevci, Genoa and New York, in collaboration with local partners]. For more detailed information on Shadow Casters and their projects, please check: shadowcasters.blogspot.com - expozicija.blogspot.com - biljezenjagrada.blog.hr - zidnenovine.blogspot.com

5/09/2008


On the Road: Farm Security Administration - Dorothea Lange, Robert Frank

5 settembre - 1 novembre 2008, Chicago
The Museum of Contemporary Photography is pleased to present several coordinated exhibitions in honor of the fiftieth anniversary of the publication of Jack Kerouac’s novel On the Road. This is part of a year-long College-wide celebration of Beat culture. The centerpiece of this activity will be the original manuscript scroll of On the Road, on view at the Center for Book and Paper Arts. The first MoCP exhibition is of the museum’s holdings of social documentary work commissioned by the U.S. government during the Great Depression. The project, under the History Section of the Farm Security Administration, was intended to convince the public that Democratic President Franklin Delano Roosevelt’s various corrective plans under the Works Progress Administration were indeed necessary, instead of a government bailout as characterized by FDR’s Republican opponents. Beginning with Dorothea Lange, seventeen photographers were hired from 1935 through 1943 who fanned out across the country and produced tens of thousands of negatives now held by the Library of Congress. The Museum is fortunate to have strong holdings by all of the major photographers working for the FSA. Many of these document the exodus of jobless people, on the road from east to west, either to work as migrant laborers or on WPA sites such as the Grand Coulee and Fort Peck dams. This model of relocation and self redefinition, both individually and nationally, well described by John Steinbeck’s novel The Grapes of Wrath, is the background and subtext for Kerouac’s On the Road describing his experiences of 1947, just a few years later. The MoCP will also exhibit an expanded view of the work of Dorothea Lange, both during and after her work for the FSA. The Museum’s collection of her work is the result of a major gift from her family. Complementing these exhibitions are images from Robert Frank’s book The Americans, published at the same time as On the Road and with an introduction by Kerouac. In a sense, the America that Kerouac the native son college student saw, and Frank the older Swiss immigrant artist saw, was equally strange to them. Their way of describing and interpreting what they saw, however, was quite different. An exhibition of a new body of work by artist Dave Anderson will also be on view at this time. Info: tel +1 312 6635554 fax +1 312 3448067 e-mail: mocp@colum.edu; www.mocp.org

XVI BAQ - Worldwide Competition of Social Habitat And Development

[deadline: 5/09/2008]
The Colegio de Arquitectos of Ecuador invites to every architectural design professionals of the World to participate in the Worldwide Competition of Social Habitat And Development in the present edition of XVI Quito Pan-American Architecture Biennale to be held from 17 to 21 of November 2008. In attention to the increase of poverty in all the world, caused by urban sprawl as a spontaneous answer to the deficit housing, the BAQ/2008 have decided to include an international award oriented to visualize and acknowledge efforts made in the region to improve the lives of most vulnerable urban populations, within a sustainable framework, which grants them better living standards and an improved quality of life. This category includes housing projects designed for users under the following parameters: - community and collective habitat; shared in common and collaborative | - self-built experiences | - minimum housing and/or progressive housing | - low-cost housing prototypes | - technological advancement | - neighborhood | - emprovement | - recovery of public spaces | - natural habitat restoration and urban landscape design | - collaborative design | The projects to be presented, must contribute to solve housing issues, and present cultural and esthetic contributions that strengthen the identities of their local communities. Worldwide projects construction completion date is between 2004 and 2008 and who belong to the professional bodies of the countries where they exercise their professions, may participate in this Competition. There will be a special reconizment for works that contributes to ecology preservation and renewable technologies developped to protect our world. Info: tel (593) 226 8755 fax (593) 226 8750 e-mail: bienal@baq-cae.ec; www.baq-cae.ec - bando.pdf

XVI Bienal Panamericana de Arquitectura de Quito BAQ 2008

17 - 21 novembre 2008, Quito (Ecuador) >[deadline for entry: 5/09/2008]
En el año 2008, se desarrollará la XVI Bienal Panamericana de Arquitectura de Quito BAQ 2008 que cumplirá 30 años de continua labor. La Bienal de Arquitectura de Quito dentro de su organización contempla el concurso de confrontación de trabajos de arquitectura más importante en América, reconocido y avalado por la Unión Internacional de Arquitectos (UIA), Federación Panamericana de Asociaciones de Arquitectura (FPAA), Regional de Arquitectos del Grupo Andino (RAGA). Por lo que invitamos muy cordialmente a todos los profesionales de arquitectura de América a su participación. La Bienal es la manifestación del quehacer arquitectónico del continente, con trabajos en las categorías de: Diseño Arquitectónico, Diseño Urbano, Habitat Social, Diseño Paisajístico, Rehabilitación del Patrimonio Edificado, Teoría, Historia y Crítica de la Arquitectura y del Urbanismo. Este encuentro de arquitectos y arquitectura, se ha convertido en la plataforma de discusión y propuesta de mejoramiento de la calidad de vida de los habitantes del continente, a través del conocimiento y difusión de proyectos arquitectónicos, urbanos y tecnológicos y el intercambio de información, con el propósito de que los profesionales de la arquitectura, expongan ejemplos válidos para la
generación de propuestas innovadoras cada vez más pertinentes para el desarrollo de las condiciones de vida de las comunidades humanas. El prestigio alcanzado por la Bienal en los 30 años, nos ha permitido presentar no solo las obras que participan en el concurso de confrontación, sino también los proyectos más importantes de arquitectura y urbanismo del continente y del mundo, a través de múltiples actos académicos, conferencias magistrales, seminarios, exposiciones, presentación del libro de la Bienal y acontecimientos culturales y sociales, constituyéndose en el encuentro de arquitectura más destacado de América. Info: fax +593 2 2268750 e-mail: bienal@baq-cae.ec; www.baq-cae.ec - BAQ.2008.en.pdf

6/09/2008


Giovanni Collina, Olimpia Lalli, Francesco Neri - Prima dello sguardo

6 - 28 settembre 2008, Ravenna
Inaugura il 6 settembre 2008 alle ore 21, presso la Chiesa Santa Maria delle Croci, in via Guaccimanni 7/9, a Ravenna, la mostra fotografica “Prima dello sguardo” di Giovanni Collina, Olimpia Lalli, Francesco Neri. Prima dello sguardo, prima che l’obiettivo si apra, esiste un dialogo tra luce, colori, linee e forme, che la nostra abitudine al già visto non ci permette più di cogliere. Giovanni Collina, Olimpia Lalli e Francesco Neri ci riportano in un tempo che precede l’abitudine, nell’interstizio fragile in cui il mondo e’ ancora mondo e non ancora immagine. Scatti che tendono al silenzio, con una strategia di avvicinamento che ci permette di raggiungerne il cuore dinamico. Il potente regalo che la fotografia ci riserva - e che questo trittico dimostra - è che lo stupore non e’ vincolato al luogo quanto alle modalità dello sguardo: tentare di andare a ritroso, giungere al ”prima dello sguardo”, significa tentare l’impossibile indagine delle tracce nascoste di ciò che continuamente ci sta a fianco. Questa è la linea della collettiva fotografica che si terrà a settembre nello spazio espositivo di Santa Maria delle Croci/MAR di Ravenna. Il corpus delle opere in mostra permetterà di approfondire le personali visioni degli artisti, a lato del progetto che dà titolo all’evento. Info: tel 0546 28747 e-mail: info@be-art.it; www.comune.ra.it - CS.pdf

12/09/2008


MMF08 - Milano Film Festival 08

12 - 21 settembre 2008, Milano
La 13. edizione del Milano Film Festival si svolgerà presso il Piccolo Teatro (Teatro Strehler e il suo Sagrato, il Teatro Studio), piazza del Cannone all’interno di Parco Sempione, il prestigioso Teatro Dal Verme (novità di quest’anno, che aggiunge alle sedi del festival oltre 1200 posti a sedere), l’Acquario Civico e altri luoghi in città. Sempre più grande, il Milano Film Festival rappresenta un momento importante per la città di Milano, confermando il suo ruolo di punta nel panorama culturale italiano e internazionale, presentando una panoramica completa sulla produzione emergente, e sulle diverse strade che il mondo cinematografico sta percorrendo. Il Concorso Internazionale di Lungometraggi e Cortometraggi, le rassegne parallele, gli eventi speciali, gli ospiti e gli incontri che quest’anno compongono il programma, definiranno l’alto contenuto culturale che il Milano Film Festival vuole offrire, e che continua ad offrire da tredici anni. Il Milano Film Festival nasce nel 1996 come rassegna pensata ed organizzata da esterni, dedicata esclusivamente a cortometraggi. Ma fin da subito è chiara l’intenzione di mettere in pratica un lavoro di ricerca sulle espressioni culturali contemporanee. Già dall’edizione successiva, e fino ad ora, il Milano Film Festival offre una selezione estremamente interessante della produzione mondiale cinematografica, non legata alle logiche di mercato, rinunciando ai tappeti rossi per un evento aperto a tutti. Unici interessi sono la creatività e il talento di giovani registi provenienti da tutto il mondo. Parallelamente al concorso ufficiale, che quest’anno vede un incremento esponenziale di opere iscritte (3238 film da 115 paesi diversi), il festival presenta un programma cinematografico vasto e variegato, che prende spunto dal presente, dai temi dell’attualità, per indagare la realtà e scoprire nuovi scenari, che solitamente vengono nascosti. E lo fa attraverso lo sguardo di autori che hanno fatto dell’indagine, dell’approfondimento la loro cifra stilistica. Con questi intenti il Milano Film Festival quest’anno è: - una retrospettiva completa dedicata al regista Terry Gilliam, che sarà presente nei giorni del festival | - Colpe di Stato| - la rassegna di cinema gitano Gypsy Movies | - godless america. Storie dagli Stati Uniti di oggi | - Incontri Italiani | - il Festival per l’Expo | - Altri mondi a Milano | - altre rassegne come Focus Animazione, Soundoc sui documentari musicali, Festival dal mondo con le migliori opere provenienti e presentate dai maggiori festival internazionali, Focus Videoclip, vite (r)esistenti con le vite illustri di persone qualunque, il Salon des Refusés per tutti quei registi che non sono entrati in concorso, Città in Movimento sulle trasformazioni urbane delle città moderne. Info: tel/fax 02 713613 e-mail: media@milanofilmfestival.it; www.milanofilmfestival.it - www.esterni.org

Lisette Model e la sua scuola. Fotografie 1937 - 2002

12 settembre - 2 novembre 2008, Roma
Inaugura al Museo di Roma in Trastevere, piazza S. Egidio 1b, a Roma, la mostra itinerante “Lisette Model e la sua scuola. Fotografie 1937 – 2002”, presentata in anteprima italiana e curata da Diana Edkins e Larry Fink. Di Lisette Model si diceva scattasse fotografie con tutto il corpo. Un’artista per caso che ha fatto la storia della fotografia e che ha influenzato con la sua passione e il suo carisma generazioni di fotografi altrettanto importanti come Diane Arbus, Peter Hujar, Bruce Weber, Eva Rubinstein, per citarne solo alcuni. Solo all’età di trent’anni Lisette Model (1901-1983) comincia ad esplorare il mondo della fotografia, ma adotta immediatamente uno stile ironico e personalissimo con cui rappresenta dapprima la Francia e poi l’America della seconda metà del Novecento, dalle spiagge pubbliche di Coney Island ai jazz club, dalla ricchezza oziosa della Fifth Avenue alla semplicità dei ritrovi di quartiere. Immagini acute e inconsuete eppure a volte così grottesche da sfiorare la caricatura. La sua capacità di “ritrarre nell’intimo la gente” – come scrisse di lei un’altra grande fotografa del XX secolo, Berenice Abbott – è ciò che la lega profondamente ai suoi successori. È per questo motivo che in mostra, accanto alle 21 immagini della fotografa americana, sono presenti oltre 100 fotografie di 12 celebri artisti che a lei si sono ispirati: Diane Arbus, Bruce Cratsley, Elaine Ellman, Larry Fink, Peter Hujar, Raymond Jacobs, Ruth Kaplan, Leon Levinstein, Eva Rubinstein, Gary Schneider, Rosalind Solomon e Bruce Weber. Info: tel 06 820771 e-mail: ufficiostampa@zetema.it; www.zetema.it - tel +39 06 0608 e-mail: info@museodiromaintrastevere.it; www.museodiromaintrastevere.it

13/09/2008


1. edizione del Festival Internazionale del Videoracconto_ i vincitori

A Biella, presso Cittadellarte-Fondazione Pistoletto, si è conclusa sabato 13 settembre 2008, con il workshop guidato dal regista Francesco Fei, la 1. edizione del Festival Internazionale del Videoracconto il cui obiettivo è quello di attivare un “corto-circuito tra arte e territorio” per la produzione e la veicolazione di opere che descrivano e valorizzino un luogo al fine di incrementare e stimolare la domanda di un turismo esperienziale che sempre più si sostituisce a quello di destinazione. Al concorso hanno partecipato 50 filmmaker internazionali. Tra i video pervenuti, pertinenti e di ottima qualità, il difficile compito della giuria, composta da Guido Curto (direttore Accademia Albertina delle Belle Arti di Torino), Francesco Fei (regista), Fabrizio Grosoli (direttore Bellaria Film Festival Anteprimadoc), Stefano Mosca (direttore Atl Biella), Paolo Naldini (managing director Cittadellarte) e Luca Toselli (regista e docente di editoria multimediale Università di Milano) è stato quello di selezionarne 20 da ammettere al concorso e poi 4 vincitori. I quattro premi consistono ciascuno in una somma di 5 mila euro messa a disposizione dalle Province di Alessandria, Biella, Novara e Vercelli. I video vincitori sono: - Hoc erat in votis, di Manuele Cecconello (Italia) | Plac, di Ana Husman (Croazia) | Miracolo sotto il Vesuvio, di Nico Angiuli (Italia) | Parade d’Amour, di Tamara Sulamanidze (Georgia) | Premio Giuria Popolare: - GNUM DEM On marche ensemble, di Impossible Sites (Italia) | Quattro menzioni speciali per: - Reading stones, di Valentina Miorandi (Italia) | - Un posto al sole, di Francesca De Pieri e Lucilla Pesce (Italia) | - Magna istria, di Francesca Angeleri e Daniela Piu (Italia) | - Milano nascosta, di Concetta Modica (Italia) | Il Festival Internazionale del Videoracconto di Promozione Territoriale è stato organizzato da Cittadellarte in collaborazione con l’ATL - Agenzia di Accoglienza e Promozione Turistica Locale di Biella, la Provincia di Biella, l’Agenzia di Promozione Turistica Regionale, il Museo Nazionale del Cinema e con il contributo della Regione Piemonte. Info: tel +39 015 0991453 e-mail: videoracconto@cittadellarte.it; http://festivaldelvideoracconto.cittadellarte.it

14/09/2008


11. Mostra Internazionale di Architettura 08 - Out There. Architecture Beyond Building

14 settembre - 23 novembre 2008, Venezia
Apre a Venezia, ai Giardini e all’Arsenale, l’11. Mostra Internazionale di Architettura Out There. Architecture Beyond Building, diretta da Aaron Betsky. Secondo Aaron Betsky - già direttore per sei anni del Netherlands Architecture Institute (NAI) di Rotterdam - l’11 Mostra “vuole esporre un dato di fatto ovvio: l’architettura non è ‘il costruire’. Gli edifici sono oggetti, e l’atto del costruire produce gli oggetti-edifici, ma l’architettura è qualcosa d’altro. È il modo di pensare e di parlare sugli edifici; è il modo di rappresentarli, di realizzarli: questo è architettura. È tutto ciò che riguarda l’edificio e l’edificare; è ritrarre, dare forma e forse offrire anche delle alternative decisive all’ambiente umano.” Sempre più spesso - nella visione di Betsky - gli edifici del nostro tempo, nonostante i proclami e gli sforzi, non riescono a farci sentire a nostro agio nelle mutevoli necessità della contemporaneità. Dobbiamo essere disposti a usare ogni forma, immagine e “tattica” che ci aiuti a inquadrare, capire e organizzare un mondo che è in costante mutamento. La sostanza che alimenta questa trasformazione dobbiamo assorbirla dall’arte, dall’architettura del paesaggio, dall’interior design, dai media emergenti e dalla letteratura. Non dobbiamo lasciare che gli edifici soli protagonisti diventino la tomba dell’architettura, ma impegnarci per realizzare un’architettura che sentiamo nostra, che ci aiuti a capire e a rappresentare il mondo in cui viviamo. L’11. Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia presenterà installazioni appositamente realizzate, manifesti d’intento e scenari di un “pensare/essere architettura” che va oltre il costruire. Saranno esposte le architetture sperimentali da tutto il mondo e i più significativi aspetti delle sperimentazioni nell’attività progettuale attuale. In occasione dell’11. Mostra Internazionale di Architettura, la Biennale di Venezia presenta inoltre, con Telecom Italia, il concorso internazionale online EveryVille 2008. Comunità oltre il Luogo. Senso civico oltre l’Architettura, a cura di Aaron Betsky e Francesco Delogu, aperto agli studenti delle Università italiane ed estere di tutte le discipline, non ancora laureati alla data del 1 gennaio 2008. Info: tel 041 5218849 fax 041 5218812 e-mail: infoarchitettura@labiennale.org; www.labiennale.org - CS.doc

15/09/2008


Energia sostenibile nelle città 2008

12 - 15 novembre 2008, Venezia >[deadline: 15/09/2008]
E’ stato presentato all’Urban Center di Milano il concorso nazionale Energia sostenibile nelle città promosso dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM) e dall’Istituto Nazionale di Urbanistica (INU) nell’ambito della campagna Energia Sostenibile per l’Europa (SEE) in Italia. Il concorso è rivolto a soggetti, pubblici e privati, impegnati nell’elaborazione di piani e progetti urbanistici attenti alle problematiche energetiche e alla sostenibilità dello sviluppo. Ha cadenza annuale ed è articolato in più sezioni. Le migliori proposte verranno premiate in occasione di Urbanpromo, evento di marketing urbano e territoriale, promosso dall’Istituto Nazionale di Urbanistica, la cui prossima edizione si terrà a Venezia dal 12 al 15 novembre 2008. Il Concorso mira a stimolare un cambiamento esemplare nella produzione e nell’utilizzo dell’energia, all’interno delle comunità urbane. L’evoluzione delle modalità di costruzione e gestione dei processi di trasformazione delle città, secondo modelli più sostenibili, sarà favorita dalla disseminazione di best practice nella pianificazione e progettazione urbanistica che, attraverso il concorso, diventeranno patrimonio condiviso di molti. Il Concorso nasce con il preciso intento di integrare pianificazione urbanistica e pianificazione energetica, e di sollecitare Istituzioni pubbliche e operatori privati a fornire strumenti di conoscenza che permettano di interpretare i fenomeni energetici, climatici, edilizi, urbani, in modo unitario. Info: tel +39 051 6486886 fax +39 051 6562984 e-mail: convegni@urbit.it; www.urbanpromo.it - tel +39 06 57228122 fax +39 06 57228177 e-mail: info@campagnaSEEitalia.it; www.campagnaSEEitalia.it - bando.pdf

16/09/2008


Praemium Imperiale 2008 a Peter Zumthor

Swiss architect Peter Zumthor has won this year’s prestigious Praemium Imperiale award for architecture. Zumthor, whose works include the Thermal Baths at Vals (1996) and the Bruder Klaus Kapelle (2007), follows in the footsteps of fellow Basel architects Herzog & de Meuron, who won the award in 2007. The Japan Art Association has assigned the Praemium Imperiale annually since 1989 for an artist’s life work in each of five categories: painting, sculpture, architecture, music and theatre/film. It is endowed with 15 million Yen (SFr160,000). According to the jury, Zumthor “earnestly examines the location and purpose of a building, and spares no effort in selecting the most suitable materials for it. He insists on ‘custom-made architecture’”. Zumthor was born in Basel in 1943, began an apprenticeship in cabinet-making in 1958 and started his own practice in the Swiss village of Haldenstein in 1979. “Whether religious buildings, art museums, thermal bath facilities or housing projects, they consistently give a strong sense of spirituality,” the Praemium Imperiale website said of Zumthor’s works. The other 2008 laureates are Richard Hamilton (painting), Ilya and Emilia Kabakov (sculpture), Zubin Mehta (music) and Sakata Tojuro (theatre/film).The winners receive the award ceremony will be held in Tokyo on October 15. Info su www.praemiumimperiale.org

17/09/2008


Cinedesign. Ricerche progettuali nel tempo e nel movimento

17 e 24 settembre 2008, Torino
La GAM di Torino forte della propria esperienza di studio nel campo della ricerca video e filmica, si è proposta in occasione dell’anno del Design di approfondire il rapporto tra progettualità, cinema sperimentale e cinema documentario con 2 appuntamenti:
_17/09 - ore 18.30_ 5 film di Bruno Munari e Marcello Piccardo dalla collezione della Videoteca GAM. Beppe Finessi e Marco Meneguzzo presenteranno con Elena Volpato, curatrice della Videoteca GAM alcuni corti e mediometraggi realizzati da Bruno Munari e Marcello Piccardo tra il 1962 e il 1972. Si tratta di cinque opere sperimentali tra cui il famoso Tempo nel tempo (3′, 1964), medaglia d’oro alla Triennale di Milano, e da cui prenderà avvio l’esperienza del Centro Internazionale del film diricerca della Cineteca di Monteolimpino. Beppe Finessi e Marco Meneguzzo sono due dei massimi esperti della poliedrica creatività di Bruno Munari, impegnati da tempo in una riflessione sulle connessioni tra design e arte contemporanea.
_24/09 - ore 18.30_ Andrea Branzi introdotto da Elena Volpato parla del rapporto tra immagini in movimento e progettualità partendo dalla storia del design del secondo dopoguerra fino alla propria esperienza di architetto e teorico in realzione all’utilizzo del video. Nel lavoro di Andrea Branzi c’è sempre stata una stretta relazione tra progetto e ricerca, intesi come attività impegnate a spostare in avanti la conoscenza e la riflessione critica sul progetto e sul contesto storico. Un aspetto costante della sua attività è costituito dalla riflessione teorica sulle mutazioni interne alla cultura del progetto, e sulle relazioni tra questa e il contesto socio-tecnologico. Presenterà una selezione di video da lui realizzati e alcuni importanti risultati di ricerca condotta da un gruppo di suoi allievi volta ad approfondire il rapporto tra immagine visiva e musica contemporanea.
Info: tel +39 011 4429518 fax +39 011 4429550 e-mail: gam@fondazionetorinomusei.it; www.gamtorino.it

19/09/2008


Alt_Cph: Platform for Nordic Non-profit Art Spaces

19 - 21 settembre 2008, Copenhagen (Denmark)
Friday September 19th 2pm – 9pm, at Fabrikken for Kunst og Design, Sundholmsvej 46, Copenhagen, open Alt_Cph. Alt_Cph is a platform offering a joint public setting for alternative art spaces. This year Alt_Cph is pleased to present 18 non-profit art spaces and artistic initiatives from the following Nordic countries: Finland, Iceland, Norway, Sweden and Denmark. The Factory of Art and Design has previously hosted the alternative art fair Alt_Cph in 2006 and 2007. However, this year a new concept is launched. The fair setting is replaced by a platform and will for the first time be thematically curated. This year Alt_Cph presents projects engaged with ephemeral art practices such as sound art, performance, activism and net art. In relation to The Factory of Art and Design’s upcoming Nordic residency program FAIR, we have chosen to focus on the vital alternative art scenes in the Nordic countries. In future Alt_Cph will change the thematic focus from year to year. The Factory of Art and Design is hosting this event as we find it increasingly important to nurture the collective spirit of the independent artistic milieus and to give visibility to these innovative projects. The platform allows artistic environments that co-exist across geographic boundaries to present their projects on common ground. Alt_Cph is on one hand initiated by the desire to give the participants a chance to enhance knowledge of Nordic colleagues. On the other, the idea is to give the audience the opportunity to stimulate curiosity and gain insight on a variety of projects existing in a sphere dominated by self-organised, non-profit venues. Hopefully, this will provide inspiration, strengthen networks on the art scenes and open the way for new collaborations. Curator: Stine Hebert. Info: tel +45 50 810530 e-mail: altcph@altcph.dk; www.altcph.dk - www.ffkd.dk

Festival della Filosofia 2008

19 - 21 settembre 2008, Modena, Carpi, Sassuolo
Duecento appuntamenti gratuiti in tre giorni in 40 diversi luoghi di tre città per approfondire il tema della fantasia attraverso lezioni magistrali, mostre d’arte, concerti, spettacoli, iniziative per bambini, pranzi e cene a tema. E’ ciò che propone l’8. edizione del Festival filosofia di Modena, Carpi e Sassuolo. La manifestazione, che lo scorso anno ha registrato oltre 130 mila presenze, si svolge sotto l’alto patronato del Presidente della Repubblica e il patrocinio dell’Unesco per iniziativa dei tre Comuni, della Regione Emilia-Romagna, della Provincia, della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena e della Fondazione San Carlo, che cura il programma. Piazze, chiese e cortili ospiteranno le lezioni magistrali del Festival, che vede quest’anno tra i propri ospiti anche Isabelle Stenger, collaboratrice del premio Nobel per la chimica Ilya Prigogine, Giacomo Rizzolatti, il neurologo che ha scoperto i neuroni a specchio, Marc Auge’, Enzo Bianchi, Silvia Vegetti Finzi, Emanuele Severino, Umberto Galimberti, Carlo Sini, Giulio Busi, Salvatore Natoli, Roberto Esposito, Sergio Givone. Ma anche Christoph Wulf, Marcel Detienne, Hans Belting, Georges Didi-Huberman, Jean-Luc Nancy, Stanley Cavell, tra i maggiori filosofi analitici viventi, Terry Eagleton, il più popolare e brillante critico letterario inglese, e il supervisore scientifico del Festival Remo Bodei. Le lezioni approfondiranno alcuni grandi temi che spaziano dai neuroni a specchio alle grandi utopie collettive, dall’architettura come luogo dell’immaginazione sociale alle ragioni di chi rifiuta le figure fino all’immaginaria fondazione celtica della Padania. Ma anche dal jazz al cinema, dalla letteratura alla moda maschile, dalla profezia alla qabbalah. Numerose le mostre proposte in occasione del Festival: la prima personale in Italia dell’artista tedesca Katharina Grosse, un’installazione di Paolo Icaro e una del rumeno Daniel Spoerri, un’antologica sul sublime contemporaneo, un’esposizione di figurine sul futuro visto dal passato, incisioni di Giovan Battista Piranesi e un omaggio a Bruno Munari. […] Info: tel 059 421210/207 fax 059 421260 e-mail: info@festivalfilosofia.it; www.festivalfilosofia.it

Luca Gambi - La Vita degli Altri

19 - 26 settembre 2008, Faenza (Ra)
Il 19 settembre alle ore 17.30, presso la Sala delle bandiere, municipio di Faenza, si terrà l’inaugurazione della mostra fotografica di Luca Gambi “La Vita degli Altri” e la presentazione del libro omonimo, entrambi a cura di Maurizio Masotti e Sokol Palushaj. A dieci anni dal 1998, che vide il convegno “L’Erranza del Migrare” come primo tentativo di ricerca e documentazione sulla popolazione straniera in provincia di Ravenna, presentiamo il libro fotografico “La vita degli Altri”, frutto di un lavoro collettivo di ricerca svoltasi negli ultimi anni. Per mesi e mesi abbiamo fotografato i luoghi di lavoro, le scuole e le occasioni di incontro dei cittadini stranieri sul nostro territorio. L’obiettivo principale sarà quello di diffondere materiali di conoscenza fra la comunità italiana locale e i nuovi cittadini, siano essi bambini, studenti, adolescenti, donne, lavoratori o rifugiati. La pratica dell’uguaglianza si basa sulla valorizzazione delle diversità, qui e altrove, come appare evidente in “Album di Famiglia”, con la loro memoria fotografica che si incrocia con i ricordi del passato e la presenza attuale. Il nostro progetto (promosso dalla Ass. A.M.I.C.I. e dalla Rappresentaza dei cittadini extra-UE) tenta di mostrare queste pratiche lunghe e difficili. La mostra sarà itinerante e disponibile fino alla fine del 2008, anno europeo dedicato al dialogo interculturale. La mostra comprende circa 130 foto di varie dimensioni, a colori e in bianco/nero su 3 sezioni (lavoro, scuola e album di famiglia). Info: Luca Gambi, e-mail: info@lucagambi.com - Maurizio Masotti, e-mil: mau.maso@libero.it - invito.pdf

20/09/2008


Robert Frank. Paris

21 settembre - 28 dicembre 2008, Cinisello Balsamo (Mi)
Inaugura il 20 settembre alle ore 18 presso il Museo di Fotografia Contemporanea, in via Frova 10, Cinisello Balsamo (Mi), la mostra “Robert Frank. Paris”, in collaborazione con Museum Folkwang, Essen. L’esposizione Presenta 80 opere, la gran parte inedite, di Robert Frank, uno dei padri della fotografia contemporanea, realizzate a Parigi tra il 1949 e il 1952. Molte delle fotografie prodotte da Robert Frank durante i suoi soggiorni parigini sono oggi famose in tutto il mondo e appartengono ad un solido repertorio della storia della fotografia. Le opere in mostra sono state scelte dall’autore stesso insieme alla curatrice Ute Eskildsen. Nella maggior parte delle immagini in mostra la strada è il tema centrale. Frank scorge le persone nelle vie di Parigi in momenti difficili: assenti, in piedi, in mezzo al trambusto o seduti in metropolitana, accasciati su una panchina del parco, immobili, o persino sdraiati, arrotolati su se stessi, su un prato. Le situazioni evidentemente casuali, diventano quasi intime nell’attimo fotografico. Frank sceglie diversi punti di vista: oltre alle prospettive a volo d’uccello, le sue fotografie di strada mostrano sempre angoli molto profondi o sguardi sopra le spalle dei passante, che fanno sentire fortemente la presenza del fotografo e al tempo stesso pongono l’osservatore al centro dell’immagine. Info: tel +39 02 6605661 fax +39 02 6181201 e-mail: info@museofotografiacontemporanea.org; www.museofotografiacontemporanea.org

22/09/2008


Global Award for Sustainable Architecture 2008 a Carin Smuts

Si è tenuta oggi, 22 settembre 2008, alla Villa Savoye di Poissy (Francia), la cerimonia di premiazione del “Global Award for Sustainable Architecture 2008″ assegnato alla sudafricana Carin Smuts (CS Studio Architects). Istituito nel 2007 dalla Cite de l’Architecture e dall’EMPAMSA, il riconoscimento viene conferito ogni anno ad un progettista impegnato nell’architettura sostenibile. La competizione si è svolta tra i cinque finalisti: - Carin Smuts, CS Studio Architects, Le Cap, Africa del Sud | - Fabrizio Carola, Napoli, Italia /Mali | - Elemental, Alejandro Aravena, Cile | - Rural Studio, Andrew Freears, Newburn, Alabama, USA | - Philippe Samyn, Bruxelles, Belgio | La giuria, presieduta dal vincitore della precedente edizione, Hermann Kaufmann, ha voluto premiare l’approccio della giovane sudafricana. Come il suo predecessore Herman Kauffmann, vincitore 2007, e come i 49 altri architetti che gli succederanno fino al 2058, la Smuts dovrà realizzare nell’ambito dell’operazione d’interesse nazionale (OIN) Seine Aval, un’abitazione conforme ai precetti dello sviluppo sostenibile. Al termine, i 51 edifici costituiranno uno spaccato rappresentativo dell’architettura sostenibile della prima metà del XXI secolo. Il prossimo impegno di Carin Smuts è la costruzione di un progetto residenziale-commerciale nel villaggio di Follainville-Dennemont che è stato fortemente segnato dalla deindustrializzazione. Info su www.global-award.org

Archizoom associati, 1966-1974: dall’onda pop alla superfice neutra

22 settembre - 19 ottobre 2008, Firenze
Si inaugura oggi a Firenze, presso le sale espositive dell’Istituto degli Innocenti in Piazza SS. Annunziata, la mostra “Archizoom Associati, 1966-1974: dall’onda pop alla superficie neutra”, promossa dalla Ecole Polytechnique Fédérale di Losanna in collaborazione con il Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell’Università di Parma e l’Assessorato all’Urbanistica del Comune di Firenze, e curata da Roberto Gargiani. L’esposizione è la prima occasione per stilare il bilancio completo di una delle esperienze cruciali delle neo-avanguardie degli anni Sessanta e Settanta: quella del gruppo fiorentino degli Archizoom che ha prodotto una ricca serie di progetti di design, di abiti, di architettura e visioni urbane a scala territoriale, fonte d’ispirazione fondamentale per architetti quali Isozaki, Koolhaas, Tschumi. Autori di progetti di megastrutture e città visionarie, eseguiti durante i loro studi universitari a Firenze, gli Archizoom sono dapprima diventati, nel 1966, con Superstudio, gli inventori della Superarchitettura e i promotori di processi creativi Pop nel progetto di design, per poi inoltrarsi in territori figurativi dove il gusto comune, banale e kitsch delle masse popolari viene assunto a fondamento di un progetto critico che pretende di distruggere principi e consuetudini del design e dell’architettura di derivazione funzionalista. Disegni di divani, poltrone, armadi, abiti, progetti di allestimenti artistici, di ville, chiese, padiglioni per esposizioni internazionali e di città, assieme a prototipi di mobili e di abiti e modelli di architettura, si susseguono nella mostra offrendo al visitatore un inedito e completo panorama dell’opera degli Archizoom, fondamentale per cogliere i legami culturali e figurativi delle ricerche degli anni Sessanta e Settanta con le avanguardie artistiche del primo Novecento, il Movimento Moderno e le ultime generazioni di architetti e designer. […] Info: tel 055 2037331 e-mail: ufficiostampa@istitutodeglinnocenti.it; www.istitutodeglinnocenti.it

23/09/2008


40jahrevideokunst.de. Video arte in Germania dal 1963 al 2004

24 settembre - 19 ottobre 2008, Genova
Inaugura il 23 settembre alle ore 18 presso il Museo d’Arte Contemporanea di Villa Croce, via Jacopo Ruffini 3, a Genova, 40jahrevideokunst.de, l’archivio che ripercorre quarant’anni di storia della video arte in Germania, istituito a partire da un progetto di ricerca finalizzato al recupero, al restauro, alla conservazione e alla diffusione di un patrimonio di opere video realizzate tra il 1963 e il 2004, in un arco di tempo dalle prime sperimentazioni degli anni sessanta fino alle esperienze più recenti. Il progetto nasce per iniziativa della Kulturstiftung des Bundes (Fondazione per la Cultura della Repubblica Federale di Germania) ed è il risultato della cooperazione di cinque tra i più importanti centri d’arte contemporanea in Germania: è realizzato da K21/Kunstsammlung Nordrhein-Westfalen di Düsseldorf e dallo ZKM di Karlsruhe, in collaborazione con la Kunsthalle di Brema, il Lenbachhaus di Monaco e il Museum der bildenden Künste di Lipsia. E’ promosso a livello internazionale dal Goethe-Institut. Due anni di ricerche e di messa a punto di norme di restauro e conservazione dei nastri originali in formato digitale hanno portato alla selezione di cinquantanove opere, considerate tra le più importanti realizzate in Germania, di artisti e autori, tra gli altri, come Marina Abramović / Ulay, Joseph Beuys, Jan Dibbets, Valie Export, Harun Farocki, Jochen Gerz, Rebecca Horn, Christian Jankowski, Nam June Paik, Gerry Schum, Katharina Sieverding, Rosemarie Trockel, Wolf Vostell, Robert Wilson. […] Accompagna l’archivio il catalogo 40jahrevideokunst.de Digital Heritage: Video Art in Germany from 1963 to present, a cura di Rudolf Frieling e Wulf Herzogenrath, Hatje Cantz Verlag. Info: tel + 39 010 580069 e-mail: museocroce@comune.genova.it; www.museovillacroce.it

25/09/2008


5 Biennal Europea de Paisatge | 5th European Landscape Biennial

25 - 27 settembre 2008, Barcelona
The 5th European Landscape Biennial: “Storm & stress”, which will take place on September in Barcelona. The Biennial is organized by the Institut of Architects of Catalonia (COAC), the Polytechnic University of Catalonia (Master’s Program in Landscape Architecture and the Association of Friends of the UPC), and the Department of Territorial Policy and Public Works (Architecture and Landscape General Directionate) of the Autonomous Government of Catalonia. Since its first edition, the European Landscape Biennial has expressed its desire to intently study and discuss landscape interventions, as much from the perspective of landscape architecture as from other disciplines that are linked to its study and evolution. After having been consolidated on a European scale in its four previous editions —“Remake Landscapes” (1999), “Gardens in Arms” (2001), “Only with Nature” (2003), and “Landscape: a Product / a Production” (2006)—, this fifth edition of the Biennial will include the participation of a non European Country so that we can become more familiar with new landscape design realities around the world. Barcelona will open itself to landscape in a symposium that will be set at some of the city’s most exceptional sites. This symposium will last three days and will include talks, presentations by those finalists competing for the Rosa Barba European Landscape Prize, papers, roundtable discussions, exhibitions and samples from which we will be able to track and discuss the evolution of landscape design in Europe and in the country being included in this year’s edition: the United States of America. Info: tel +34 93 3067800/371 fax +34 93 4122395 e-mail: 5biennal@coac.net; www.coac.net/landscape

Holcim Awards Europa 2008_ i vincitori

Sono stati annunciati oggi 25 settembre 2008, durante la cerimonia tenutasi a Madrid, i vincitori della 2. edizione europea degli Holcim Awards dedicati a progetti e visioni di edilizia sostenibile. Il premio complessivo di USD 270,000 è stato assegnato a dieci progetti che hanno dimostrato di adottare i più recenti approcci di eco-compatibilità e sostenibilità nel settore dei materiali da costruzione. La competizione, ideata da Holcim Foundation for Sustainable Construction, si svolge in parallelo in cinque regioni del mondo per promuovere risposte sostenibili alle issue tecnologiche, ambientali, socio-economiche e culturali che influenzano il mondo delle costruzioni. premi: - 1. premio_ sviluppo del quartiere di Budapest che ospiterà il governo ungherese dell’architetto ungherese Peter Janesch | 2. premio_ al progetto di estensione del paesaggio urbano a Maribor, Slovenia dello studio di architettura spagnolo Ecosistema urbano guidato da Belinda Tato | 3. premio_ al nuovo rifugio alpino sul Monte Rosa, un progetto dello Swiss Federal Institute of Technology (ETH Zurich) | Menzioni speciali: - al villaggio urbano dedicato alla comunità locale rumena a Belgrado, Serbia guidato dall’architetto Vladimir Macura | - all’abitazione low-cost all’interno di una proprietà industriale a Ghent, Belgio ad opera dello studio di architettura Weysen De Baere | - al centro direzionale verde a Milano, Italia, progettato dallo studio di architettura Hosoya Schaefer Architects, con sede a Zurigo | - al progetto di bonifica e recupero di un litorale nel Sud Italia dell’architetto Luigi Centola | Premi “Next Generation”: per la prima volta, la competizione Holcim Awards ha incluso la categoria per le visioni di giovani architetti e designer | - 1. premio_ a Semini Samarasinghe, studentessa di architettura dello Sri Lanka, per la progettazione di un quartiere ecologico nel New Haven, UK | - 2. premio_ a Ana Castillo e Lieven De Groote, dello studio Castillo De Groote a Madrid, per il catalizzatore urbano verde ed economico a Madrid, Spagna | - 3. premio_ agli studenti di architettura Heikki Riitahuhta, Heikki Muntola e Mikko Jakonen di Oulu per il progetto di una comunità rurale autonoma a Paimio, Finlandia | Info: Edward Schwarz, tel +41 58 8588292 e-mail: info@holcimfoundation.org; www.holcimawards.org

26/09/2008


Roma festeggia Bruno Munari

26 settembre 2008 - 22 febbraio 2009, Roma
La città di Roma ricorda e soprattutto festeggia Bruno Munari con un vero e proprio circuito di attività: una grande mostra antologica e i Laboratori Metodo Bruno Munari® al Museo dell’Ara Pacis, una mostra gioco “Vietato Non Toccare. Bambini a contatto con Bruno Munari” a Explora il Museo dei Bambini, una mostra installazione “Bruno Munari prestigiatore” alla Casina di Raffaello e una piccola esposizione “Giocando con Bruno Munari” realizzata dal negozio “munariano” Cosecasa | mostra antologica_”Sculture da viaggio”, “macchine inutili” e “libri illeggibili” sono solo alcuni degli oggetti più stupefacenti e caratteristici nati dalla creatività di Bruno Munari (Milano, 1907-1998). Al poliedrico artista milanese (scultore, illustratore, grafico, designer, con la passione per la didattica per l’infanzia) il Museo dell’Ara Pacis di Roma dedica, dal 9 ottobre 2008 al 22 febbraio 2009, “Bruno Munari”, un progetto promosso dall’Assessorato alle Politiche Culturali Sovraintendenza ai Beni Culturali del Comune di Roma con l’organizzazione di Zètema Progetto Cultura, a cura di Beppe Finessi e Marco Meneguzzo, progetto di allestimento di Marco Ferreri, progetto grafico di Italo Lupi. Le audioguide, realizzate da Storyville, contengono una narrazione sonora delle opere esposte con la voce di Bruno Munari, raccolta e selezionata dall’archivio della Radiotelevisione della Svizzera Italiana. Il percorso espositivo non segue un criterio cronologico o tipologico ma mette in relazione i diversi linguaggi utilizzati da Munari attraverso 5 aree tematiche. Un metodo che segue la sua stessa scelta operativa: stare “tra” linguaggi diversi cercando di comprenderne meccanismi di funzionamento per comunicare ciò che gli altri non vedono, come ad esempio un “arcobaleno di profilo”. Sono oltre 150 gli oggetti in mostra, tra sculture, opere d’arte e di grafica che il visitatore riconoscerà e sentirà familiari perché ormai parte dell’immaginario collettivo del Paese. Al nome di Bruno Munari sono infatti legate alcune tra le aziende italiane più importanti - come Olivetti, La Rinascente, Pirelli, Campari etc. - per le quali ha realizzato bozzetti, studi, disegni, manifesti, progetti pubblicitari e allestitivi. Anche le case editrici Bompiani, Rizzoli, Zanichelli, Editori Riuniti e Corraini, dagli anni ‘20 a tutti gli anni ‘70, si sono affidate alla grafica di Munari che in quel periodo ne ha fatto una delle principali attività e suo primo ambito di sperimentazione linguistica. Ma soprattutto con alcune collane ideate per Einaudi Munari raggiunge livelli elevatissimi di notorietà che si riflettono sul successo della casa editrice. Info: tel 06 820771 fax 06 82077105 e-mail: info@zetema.it; www.zetema.it

vai su>|news|