NEWS in archivio settembre 2010
by Luisa Siotto
contact news@archphoto.it
vai su>|news|

1/09/2010


Nouveaux Habitats Nomades - concours international d’architecture

[deadline: 1/09/2011]
Dans le cadre du Festival de la Diversité Culturelle de l’UNESCO, a été lancé le 14 mai 2009, le concours international d’architecture Nouveaux Habitats Nomades. Destiné aux élèves architectes et designers du monde entier, ce concours a pour objet la réalisation d’habitats nomades contemporains. Habitat nomade - réponse d’aujourd’hui aux problèmes de toujours: concevoir un foyer pour une famille nomade, 80% des matériaux constituant le gîte devant être naturels et donc renouvelables. L’accent est mis sur le réalisme du projet, les projets lauréats devant être construits pour s’intégrer au campement artistique itinérant lors de ses principales étapes. Ce travail de prospective directement destiné aux populations nomades, pourrait également se traduire par la fourniture d’équipements aux sociétés de tourisme, s’adressant à une clientèle sensibilisée à la problématique du développement durable. On peut notamment envisager leur emploi pour des populations déplacées en raison de catastrophes naturelles ou humaines. Premier prix 5000€. Info: e-mail: contact@habitatnomade.com - www.habitatnomade.com

67. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia

1 - 11 settembre 2010, Venezia
La Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica è organizzata dalla Biennale di Venezia. L’edizione n. 67 si svolgerà al Lido di Venezia dall’1 all’11 settembre 2010. La Mostra vuole favorire la conoscenza e la diffusione del cinema internazionale in tutte le sue forme di arte, di spettacolo e di industria, in uno spirito di libertà e di tolleranza. La Mostra include retrospettive e omaggi a personalità di rilievo, come contributo a una migliore conoscenza della storia del cinema. Marco Müller è il Direttore della 67. edizione ed è a capo del settore Cinema dal 2004. E’ stata definita la Giuria internazionale del Concorso della 67. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, presieduta dal regista e sceneggiatore statunitense Quentin Tarantino. La Giuria assegnerà i premi ufficiali della 67. Mostra, che avrà luogo al Lido dall’1 al 11 settembre 2010, diretta da Marco Mueller e organizzata dalla Biennale di Venezia, presieduta da Paolo Baratta. Le personalità chiamate a farne parte sono: - lo scrittore messicano Guillermo Arriaga | - l’attrice lituana Ingeborga Dapkunaite | - il regista e sceneggiatore francese Arnaud Desplechin | - il musicista e cantante statunitense Danny Elfman | - il regista e sceneggiatore italiano Luca Guadagnino | - il regista e sceneggiatore Gabriele Salvatores | Nella serata conclusiva della Mostra (11 settembre 2010), la Giuria Internazionale Venezia 67 assegnerà ai lungometraggi in concorso i premi ufficiali: il Leone d’Oro per il miglior film, il Leone d’Argento per la migliore regia, il Premio Speciale della Giuria, la Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile, la Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile, il Premio Marcello Mastroianni a un giovane attore o attrice emergente, l’Osella per il miglior contributo tecnico, l’Osella per la migliore sceneggiatura. Info: tel 041 2726501 fax 041 5218854 e-mail: cinema@labiennale.org - www.labiennale.org

Ephemeral Arts Connection - Workshop internazionale in Sicilia

9 - 20 settembre, Giarre ( ) >[deadline: 1/09/2010]
Dal 9 al 20 settembre 2010 avrà luogo l’Ephemeral Arts Connection_Workshop internazionale in Sicilia organizzato da Elisava e Stardust* che selezionerà un massimo di 30 artisti per concepire e realizzare un’opera d’arte effimera e una performance dentro un’opera Incompiuta Siciliana. In questo contesto l’effimero si converte nel paradigma dell’architettura sostenibile contemporanea e della connessione tra le arti. Il workshop è aperto a scienziati, architetti, fotografi, designer, studenti e artisti di ogni genere che insieme ai Tutors esploreranno nuovi modelli di sviluppo attraverso l’effimero. Secondo il manifesto dell’Incompiuto Siciliano di Alterazioni Video l’Incompiuto è uno degli stili architettonici italiani più rilevanti dal dopoguerra ad oggi. Stardust* propone con il workshop Ephemeral che questi luoghi siano riutilizzati come spazi d’arte che generino occasioni per esprimersi al talento internazionale e diventino nuovi motori culturali ed economici per il territorio. Parallelamente il progetto Casa 4, che ospiterà il laboratorio del workshop, Stardust* lavora sul concetto di “non finito” in termini positivi, definendo un’architettura aperta alla trasformazione, capace di riadattare le proprie funzioni alle necessità sempre cangianti. Un’architettura che controlla le origini dei suoi materiali e cosciente che un giorno questi materiali saranno “smaltiti” dal degrado naturale o dall’uomo che ridefinisce le funzioni del luogo. Solo quando anche l’architettura si concepirà come “effimera” in tutte le sue scale si imparerà a controllare le origini dei suoi materiali e a riciclarli. Si potranno definire funzioni aperte al cambio e si ricercherà l’equilibrio energetico con l’ambiente. Gli artisti selezionati ricercheranno in ambito concettuale e sperimentale sull’idea di “effimero” con riconosciuti esperti internazionali in arti effimere come l’architetta Bea Goller (Germania, Spagna), utilizzeranno metodi digitali e materiali di ultima generazione con il direttore di MAG LAB (Materials Advanced Architecture Generative Laboratory) Aref Maksoud (Syria), e approfondiranno la pratica e della “performative art” con l’artista norvegese Marita Isobel Solberg. Questi tre Tutor saranno affiancati da importanti relatori: - Santi Centineo, scenografo | - Giacomo Di Girolamo, giornalista | - Lucy Giuliano, architetto esperto in “Topografia del Trauma” | - Maurizio Carta, Urbanista e Assessore al centro Storico di Palermo | - Alterazioni Video, Collettivo di artisti | Info: http://ephemeralartsconnection.wordpress.com

2/09/2010


Ripensare l’eco-compatibilità

2 - 6 settembre 2010, Rovereto
La sezione Linguaggi del Festival Oriente Occidente si occupa quest’anno di tematiche ambientali con cinque giorni di incontri per parlare con esperti di fama internazionale di ambiente e coesistenza, dal locale al globale. Linguaggi si presenta ancora una volta non solo come luogo e spazio di confronto e dialogo su temi importanti ma anche come sezione del Festival Oriente Occidente che per un momento abbandona gli aspetti artistici per entrare nel vivo della realtà contemporanea toccandone alcuni nodi scoperti e aspetti che interessano la quotidianità di tutti. E infatti ecco che per cinque giorni dal 2 al 6 settembre, alle ore 17, presso il Palazzo della Fondazione Cassa di Risparmio in piazza Rosmini a Rovereto si parla di Ambiente, dal locale al globale. Come ripensare le eco-compatibilità. Con lo sguardo che lo caratterizza il Festival invita alcuni dei maggiori esperti in materia a fare il punto della situazione sulle questioni ambientali più urgenti dei nostri giorni come la bioedilizia della casa e della città, le eventuali soluzioni per l’annosa questione dell’inquinamento metropolitano, il paventato ritorno dell’energia nucleare, le possibilità di investire sulle energie rinnovabili, senza dimenticare la Green Economy e l’analisi dei cambiamenti climatici del pianeta. E a discuterne sono Ermete Realacci, Paolo Berdini, Angelo Bonelli, Gianni Silvestrini, Massimo De Maio. Info: tel +39 0464 431660 e-mail: festival@orienteoccidente.it - www.orienteoccidente.it

3/09/2010


Concorso Internazionale “SAIE Selection 10″

27 - 30 settembre 2010, Bologna >[deadline: 3/09/2010]
BolognaFiere, con l’ausilio di Archi-Europe, lancia un concorso internazionale per selezionare progetti che con soluzioni, materiali, tecnologie e sistemi innovativi siano in grado di realizzare edifici ed interventi sostenibili. I progetti selezionati saranno presentati a SAIE – Salone Internazionale dell’Edilizia, dal 27 al 30 ottobre 2010 , all’interno di una mostra dedicata. Gli elaborati dovranno rispondere a tre parametri fondamentali: - l’utilizzo di criteri di sostenibilità – riferiti a tutto il ciclo di vita – ma mantenendo una attenzione importante ai criteri di efficienza energetica sino ad arrivare a soluzioni ‘zero emission’ | - soluzioni innovative di integrazione di materiali, tecnologie, sistemi o metodi costruttivi diversi | - costi competitivi dell’intervento, in cui i costi di realizzazione siano accompagnati da valutazioni di minori costi di esercizio e manutenzione | Termine ultimo per partecipare al concorso il 3 settembre 2010. La Presentazione dei risultati nel corso dell’edizione 2010 del SAIE. Info: www.saie.bolognafiere.it - www.archi-europe.com

Videominuto 2010

3 -11 settembre 2010, Prato
Videominuto 2010 inaugurerà venerdì 3 settembre con l’apertura della mostra TIMING nelle sale del Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci. Curata da Raffaele Gavarro, direttore artistico di Videominuto, TIMING raccoglie le opere degli artisti americani Conrad Ventur e Terry Chatkupt, dell’armeno Tigran Khachatryan, dell’italiano basato a Berlino Christian Niccoli, del norvegese Per-Oskar Leu e dello svizzero Simon Senn. Seguendo il tema di Videominuto 2010 “Diario dall’epoca del presente permanente” la mostra riflette sulla perdita d’orientamento che deriva da una percezione del tempo che ha quasi eliminato le categorie passato e futuro. La mostra allestita nelle prime sette sale espositive del Museo Pecci sarà accompagnata da una serie di proiezioni nelle sale consecutive, come la sezione ONE MINUTE SUITE dedicata alle coniugazioni sperimentali tra video e musica. Fra gli autori video delle opere che Andrea Mi, il curatore di questa sezione, ha raccolto quest’anno ci sono Jeffers Egan, Superblak, Nebulae, NoStatic, Valentina Besegher, Robert Seidel e Sinsynplus mentre per la parte audio vi aspettano nomi come Robot Koch, Fulgeance, Sunny Graves, Kappah, Jahcoozi, King Britt, Planet Soap e Dickson Dee. Videominuto è organizzato dall’emittente radiofonica toscana Controradio, dal Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci, in collaborazione con l’associazione culturale Grav e con il contributo di Regione Toscana, Comune e Provincia di Prato e Ente Cassa di Risparmio di Firenze. Info: tel +39 055 7399981 fax +39 055 7399977 e-mail: info@videominuto.it - www.videominuto.it

4/09/2010


I Sabati dell’Architettura

4 settembre - 20 novembre 2010, Venezia
Si apre sabato 4 settembre 2010 la rassegna dal titolo «I Sabati dell’Architettura», un ciclo di conversazioni con i Direttori delle Mostre Internazionali di Architettura della Biennale di Venezia, organizzato dalla Biennale di Venezia presieduta da Paolo Baratta, nell’ambito della 12. Mostra Internazionale di Architettura, People meet in architecture, diretta da Kazuyo Sejima, in collaborazione con Telecom Italia. La prima conversazione in programma, Spari in laguna, è condotta da Vittorio Gregotti e arricchita dall’intervento dei relatori invitati dall’architetto: Marco Biraghi, Mario Botta, Germano Celant, Franco Raggi, Joseph Rykwert. A partire dal convegno «Europa–America. Centro storico e suburbio», svoltosi nel 1976 nell’ambito della Biennale di Arti Visive, l’incontro propone di riconsiderare la relazione tra arte e ambiente, tema di quell’anno, alla luce dell’attuale condizione della cultura architettonica. La Mostra di Architettura è arrivata alla dodicesima edizione e ha ospitato, nel corso di trentacinque anni di vita, le opere e i progetti degli autori che hanno saputo rappresentare ed esprimere al meglio lo stato dell’architettura nazionale e internazionale, accrescendo il valore di un patrimonio culturale e storico in continua evoluzione. A questo proposito la Biennale ha invitato i Direttori delle passate edizioni a tenere delle conversazioni che si svolgeranno durante tutto il periodo di Mostra e seguiranno la cronologia della storia della Biennale. Organizzati presso lo Spazio Esedra ai Giardini, il Teatro Piccolo e il Teatro alle Tese all’Arsenale, I Sabati dell’Architettura vedranno i Direttori affiancati da architetti, critici e personalità del mondo dell’architettura per ripercorrere i temi della contemporaneità e la storia di un settore che coinvolge un pubblico sempre più numeroso di appassionati e curiosi. Protagonisti dei Sabati saranno, oltre a Vittorio Gregotti (1975, 1976, 1978), Paolo Portoghesi (1980, 1982, 1992), Hans Hollein (1996), Deyan Sudjic (2002), Kurt W. Forster (2004), Richard Burdett (2006), Aaron Betsky (2008) e, per concludere, Kazuyo Sejima. Gli estratti video degli appuntamenti saranno disponibili in streaming on demand sul sito web di Telecom Italia (www.telecomitalia.it) e su LaBiennaleChannel (www.labiennalechannel.org). Gli incontri sono suscettibili di variazioni e accessibili al pubblico che visita la sede espositiva, in possesso del titolo di ingresso ai Giardini/Arsenale, il sabato dell’incontro fino a esaurimento posti disponibili. Info: www.labiennale.org

Lee Friedlander: America By Car

4 settembre - 28 novembre 2010, New York
Whitney Museum of American Art, New York to mount first major exhibition of master photographer Lee Friedlander’s new series. Driving across most of the country’s fifty states in an ordinary rental car, master photographer Lee Friedlander (b. 1934) applied the brilliantly simple conceit of deploying the sideview mirror, rearview mirror, the windshield, and the side windows as picture frames within which to record reflections of this country’s eccentricities and obsessions at the beginning of the twenty-first century. Friedlander’s method allows for fascinating effects in foreshortening, and wonderfully telling juxtapositions in which steering wheels, dashboards, and leatherette bump up against roadside bars, motels, churches, monuments, suspension bridges, essential American landscapes, and often Friedlander’s own image. Presented in the square crop format that has dominated his work in recent series, and taken over the past decade, the images in America by Car are among Friedlander’s finest, full of virtuoso freshness and clarity, while also revisiting themes from older bodies of work. Lee Friedlander: America By Car is organized by Elisabeth Sussman, Sondra Gilman Curator of Photography. Info: http://whitney.org

5/09/2010


Lettera22 vince il premio Asolo come miglior film sull’architettura

Il XXIX Asolo Art International Film Festival premia il documentario “Lettera22″ diretto da Emanuele Piccardo e realizzato con la sceneggiatura di Chiara Rolandi, il montaggio di Giorgia Villa, le musiche di Tiziano Lucci, la grafica degli Artiva Design. Il “Premio Asolo per il Miglior Film sull’Architettura” viene assegnato al film “Lettera 22” con la seguente motivazione: “L’architettura è un tratto, è un gioco di luci, è l’ascolto della voce della gente, è bisogno, è bellezza, impegno sociale. L’architettura in questo film è un singolo uomo che racchiude insieme tutte queste cose. Premiato per la chiarezza e la completezza, un film che emoziona senza saperlo”. Info: www.asolofilmfestival.it

7/09/2010


Quadranti d’Architettura 2010

24 - 25 settembre 2010, Pedara (Ct) >[deadline: 7/09/2010]
Torna il Premio “Quadranti d’Architettura”, istituito dal Comune di Pedara e organizzato in collaborazione con gli Ordini degli Architetti e degli Ingegneri della provincia di Catania. Giunto al quarto anno, il premio si rivolge agli operatori “della fabbrica d’architettura”, coinvolgendo i professionisti che si sono distinti nella ricerca della qualità e nella realizzazione di opere architettoniche in Sicilia, in linea con la mission che da sempre caratterizza l’iniziativa: la valorizzazione dell’architettura contemporanea nell’Isola. Sei le sezioni in gara, indirizzate non solo ai professionisti che hanno già maturato un’eccellente carriera, alle scuole di formazione e agli autori di opere architettoniche perfettamente inserite nel contesto paesaggistico siciliano, ma anche a coloro che hanno proposto innovativi allestimenti d’interni, ai professionisti siciliani che si sono distinti all’estero e a coloro che, affacciandosi nel settore con un’opera prima, mostrano una spiccata creatività | 1 - Premio G.B.Vaccarini alla carriera | 2 - Premio G.B. Vaccarini ad un architetto siciliano | 3 - Premio G.B.Vaccarini ad un’opera di architettura | 4 - Premio G.B.Vaccarini ad un’opera prima | 5 - Premio G.B.Vaccarini ad un’architettura d’interni | 6 - Premio G.B.Vaccarini ad una Scuola | Il Premio si articolerà in due giornate di confronto e verifica sui temi dell’architettura contemporanea: la premiazione avrà luogo il 24 e 25 settembre 2010 presso il Palazzo dell’Expo di Pedara, per ciascuna delle categorie potrà essere individuato un ex aequo e due segnalati. La giuria si riserva, inoltre, la possibilità di pubblicare i lavori premiati o ritenuti meritevoli: le opere e i progetti presentati resteranno a disposizione del Comitato, costituiranno un archivio permanente e potranno essere pubblicate o inserite all’interno di mostre ed eventi. Info: www.ct.archiworld.it

8/09/2010


Jordi Bellmunt - Karin Helms_ Water Connections. Canali, rogge e navigli

8 - 12 settembre 2010, Milano
L’acqua ha rappresentato in passato non solo un elemento utile alla produzione agricola, un bene indispensabile alla vita dell’uomo, ma una grande opportunità per gli scambi di merci e di informazioni, un incentivo non indifferente per lo sviluppo economico e commerciale del territorio. Le più importanti città al mondo sono città d’acqua: nate strategicamente sulle confluenze dei fiumi, sugli stretti o lungo i litorali più opportuni, intercettano con i loro porti le principali direttrici di traffico di merci. Merci, il cui trasporto avveniva nell’epoca preindustriale prevalentemente attraverso le vie d’acqua, spesso artificiali, che conformavano il paesaggio. Come recuperare le linee d’acqua ancora presenti, sebbene nascoste, nelle nostre città ad un uso non solo ludico ma inserite nell’attuale sistema produttivo locale (micro-irrigazione, produzione di energia rinnovabile ecc.)? Può l’impiego dei canali navigabili contribuire ad una politica diversificata dei trasporti di merci e persone? ATTIVITA’/ PROGRAMMA_ Il workshop contempla una serie di apporti teorici giornalieri (lezioni dell’autore attinenti il tema) e si svilupperà in tre fasi pratiche:conoscenza ed interpretazione del luogo (visione dei materiali e dell’area); elaborazione del progetto (singolarmente o in gruppo); dibattito e presentazione delle proposte. ISCRIZIONI_ Il workshop fa parte del programma di Master in Architettura del Paesaggio e di Formazione Permanente della UPC di Barcellona/ACMA Milano. Si configura come un corso intensivo di perfezionamento ed aggiornamento rivolto a: diplomati, studenti e laureati nelle discipline di carattere tecnico-scientifico legate alla gestione del territorio (architettura, architettura del paesaggio, ingegneria, scienze ambientali, scienze naturali, scienze agrarie e forestali, beni culturali, antropologia, sociologia, urbanistica, scienze e politica del territorio ecc.). In particolare è indicato al personale, ai collaboratori e ai consulenti dei parchi e delle soprintendenze, agli studi professionali che operano nelle progettazione ambientale. Le iscrizioni verranno raccolte fino al raggiungimento del numero massimo di partecipanti previsto. Info: tel +39 02 70639293 fax +39 02 70639761 e-mail: acma@acmaweb.com - www.acmaweb.com

I temi dell’abitare

L’8 settembre 2010 alle ore 14.30, presso la Sala delle Colonne della Banca Popolare di Milano, AAA Architetticercasi, il concorso di progettazione dedicato ad architetti under 35 organizza il convegno I temi dell’abitare. I giovani professionisti che hanno aderito al Call for papers per il concorso avranno occasione di confrontarsi sui linguaggi più attuali dell’architettura low cost, sulla flessibilità dell’abitare attuale e futuro, sulla progettazione sostenibile e sull’integrazione tra spazi e servizi pubblici e privati. Giunto alla sua 2. edizione, il concorso AAA Architetticercasi, promosso da Federabitazione Lombardia - Confcooperative, Legacoop Abitanti Lombardia ed EuroMilano, e finalizzato quest’anno alla progettazione di un edificio residenziale cooperativo per Cascina Merlata, chiama a raccolta le energie dei più giovani ed invita gli architetti del domani al tavolo dei relatori per un confronto sui temi portanti del fare architettura e dell’abitare contemporaneo e futuro. Al convegno I temi dell’Abitare si parlerà di Urbanità, Stili di vita, Abitare e Costruzione. In 4 sessioni distinte i giovani professionisti, selezionati dalla giuria scientifica fra quanti hanno aderito al Call for paper indetto attraverso la Social Housing Community di aaa.architetticercasi.eu, si confronteranno sulle linee tematiche da cui prende le mosse il bando di concorso AAA architetticercasi 2010. Interverranno: Carlo Masseroli, Assessore allo Sviluppo del Territorio | Alessandro Pasquarelli, EuroMilano | Alessandro Maggioni, Confcooperative - Federabitazione Lombardia | Luciano Caffini, Legacoop Abitanti Lombardia | Ennio Brion, presidente della giuria | Paolo Mazzoleni, direttore scientifico AAA architetticercasi | Info: http://aaa.architetticercasi.eu

9/09/2010


Progettare il Museo, una prospettiva internazionale

11 - 12 ottobre 2010, Volterra (Pi) >[deadline: 9/09/2010]
All’interno del programma dei corsi di alta formazione in Beni Culturali, la Scuola Normale Superiore di Pisa, con il contributo della Provincia di Pisa e del Comune di Volterra e in cooperazione con l’European Museum Academy, organizza il corso di alta formazione in Beni Culturali Progettare il Museo, una prospettiva internazionale, incentrato sulle tematiche e metodologie della progettazione, allestimento e comunicazione museale. Il corso, rivolto a laureati e a persone già inserite ed operanti all’interno di istituzioni culturali pubbliche e private, ha lo scopo di approfondire la conoscenza delle tematiche della progettazione e della comunicazione per musei ed esposizioni temporanee, esaminando gli sviluppi più recenti a livello internazionale. Dopo alcune lezioni propedeutiche di museologia, che consentiranno a tutti i partecipanti di condividere una conoscenza di base della materia, seguirà l’approfondimento delle tendenze più attuali nella progettazione di musei e mostre in campo internazionale. Al termine del corso potranno essere disposti periodi di stage presso strutture ed enti del settore. La selezione dei partecipanti avverrà in base al curriculum. Una percentuale dei posti (minimo il 40%) sarà riservata a candidati di età non superiore a 35 anni. Il corso prevede una quota di iscrizione di € 400. Le spese di vitto ed alloggio a Volterra saranno a carico dei partecipanti. La domanda di ammissione deve essere redatta compilando il formulario online entro il 9 settembre 2010. Info: www.sns.it

Meditazioni Mediterraneo

9 settembre - 7 novembre 2010, Genova
Inaugura presso il Palazzo Ducale di Genova la mostra “Meditazioni Mediterraneo. In Viaggio attraverso 6 paesaggi instabili. Un percorso di Studio Azzurro”, a cura di Studio Azzurro. La mostra, racconta con una narrazione multimediale e interattiva, in dialogo con un percorso di approfondimento archelogico dedicato al Tirreno, un viaggio attraverso il Mediterraneo per assaporare sensorialmente atmosfere, suoni, arti e mestieri dei paesi e dei popoli che lo hanno nel tempo abitato e percorso. Un itinerario nei sensi e nei luoghi del Mediterraneo, area geografica, la cui condensazione di segni trae origine dallo straordinario e tormentato fascino del suo territorio, ma anche dalla antica ricchezza delle sue culture e dalla mescolanza di razze, religioni, costumi rappresentate nei suoi popoli. Questa peculiarità riesce in modo sorprendente a far emergere sopra un temperamento vulcanico, fatto di conflitti e tragedie, diversità e antagonismi, la bellezza e il sorriso, la familiarità e la naturalezza. Un’arte del vivere che può essere messa a disposizione del mondo intero. Materie, suoni, colori, odori, gesti, processi e relazioni, accostati in insiemi, generano paesaggi, formano scenari che divengono attivi: sono videoinstallazioni, dispositivi interattivi che utilizzano la tecnologia come linguaggio per favorire la partecipazione dello spettatore e il suo coinvolgimento. Mappe, antiche carte e rare rappresentazioni del Mediterraneo, accostate a pezzi originali, reperti archeologici e preziosi documenti, che dialogano con le installazioni multimediali, ci fanno ancor più comprendere l’importanza di quell’area geografica e focalizzando l’attenzione sul Mar Tirreno, ne evidenziano la centralità come teatro di scambi, di merci e di saperi. Il tutto nell’ottica propositiva che “il Mediterraneo è un divenire, una speranza non solo una radice” (Adonis). Il percorso della mostra si avvale della collaborazione del Museo di Archeologia Ligure e della Sezione di Conservazione della Biblioteca Berio, in particolare quello dedicato al Tirreno, si inserisce nel Progetto Transfrontaliero Marittimo Italia - Francia “Epistemetec” con il contributo della Provincia di Cagliari. Info: tel 010 5574000 fax 010 5574001 e-mail: palazzoducale@palazzoducale.genova.it - www.palazzoducale.genova.it

Ferrater & Associati (OAB) - Synchronizing Geometry

9 - 23 settembre 2010, Roma
La Casa dell’Architettura di Roma ospita, dal 9 al 23 settembre 2010, l’esposizione dello studio Ferrater & Associati (OAB) dal titolo “Synchronizing Geometry”; un’iniziativa promossa dall’Ordine degli Architetti PPC di Roma e Provincia e curata dallo Sportello Giovani dell’Ordine degli Architetti PPC di Roma e Provincia in collaborazione con lo studio Ferrater & Associati (OAB). L’Esposizione mostra le opere realizzate nella intensa carriera professionale dello studio Carlos Ferrater e Associati: un insieme di progetti che configurano una famiglia di esperienze autonome, incatenate per la stessa logica di approccio progettuale. La geometria come un mezzo di approccio al paesaggio e alla forma urbana. Questa esposizione itinerante, curata da Borja Ferrater, ha iniziato il suo percorso internazionale nell’Illinois Institute of Technology (Chicago, USA 2006), e mostra attraverso pannelli di grande formato il lavoro di ricerca e sperimentazione dello studio Carlos Ferrater e Associati a partire dal 1989. Diversi meccanismi geometrici come reti, cinte, maglie o pieghe si applicano a progetti di differenti scale, strutturando le idee iniziali che allo stesso tempo si adattano a programmi e processi costruttivi specifici. Parallelamente si include una revisione che espone la carta delle geometrie proposte da diversi architetti, ingegneri ed artisti del Secolo XX. Info: www.casadellarchitettura.it

Corpi Urbani/Urban Bodies 2010

9 - 12 settembre 2010, Genova
Dal 9 all’11 settembre a Genova e il 12 settembre a Finale Ligure, Corpi Urbani/Urban Bodies - Festival Internazionale di Danza nei Paesaggi Urbani, propone creazioni e performance di compagnie italiane e straniere, in un panorama variegato di forme e linguaggi del corpo, per un totale di 19 spettacoli e 36 artisti. Ideato e organizzato dall’Associazione ARTU (Arti per la Rinascita e la Trasformazione Urbana) e giunto all’ottava edizione, il festival valorizza lo spazio urbano e invita alla scoperta del territorio attraverso l’arte della danza contemporanea, convogliando la memoria storica dei luoghi a una nuova visione. Voglia di crescita continua, messa in discussione, sguardo vigile sul territorio e attento a ciò che succede altrove sono sempre state le costanti di un festival che non si lascia sopraffare dalle difficoltà, non si abbandona al qualunquismo, ma ricerca l’originalità e la genuinità delle proposte e si rafforza per la qualità e la professionalità messe in campo. Quest’anno c’è però bisogno di concentrare, sia nel senso proprio del termine di ridurre e condensare, sia nel senso più figurativo di focalizzare, circoscrivere mentalmente. Per questo i focus, piccole lenti di ingrandimento che consentono di osservare le diverse proposte artistiche: la Spagna, il Mediterraneo, la giovane danza d’autore italiana e qualche piccola divagazione sul tema. La programmazione è in gran parte frutto delle molteplici collaborazioni nazionali e internazionali che l’Associazione ARTU e la sua direttrice artistica Eliana Amadio stanno intessendo da diversi anni entrando a far parte di grandi networks che si prefiggono l’obiettivo di diffondere la danza contemporanea nello spazio pubblico. Info: tel +39 010 2474761 e-mail: info@associazioneartu.it - www.associazioneartu.it

10/09/2010


Pietro Lingeri architetto della Tremezzina. L’isola degli artisti

11 settembre - 31 ottobre 2010, Tremezzo (Co)
È prevista per venerdì 10 settembre 2010 l’apertura della mostra Pietro Lingeri architetto della Tremezzina. L’isola degli artisti, a cura di Stefano Della Torre e Serena Bertolucci col contributo di Chiara Baglione, Giovanna D’amia e Andrea Canziani con il patrocinio e in collaborazione con la Provincia di Como, Assessorato alla Cultura, Politiche per la tutela e valorizzazione dei beni architettonici ed artistici e con il patrocinio dei Comuni di Ossuccio e Tremezzo e del Consolato Belga. L’esposizione, che nasce allo scopo di promuovere l’eccellenza rappresentata dall’architettura del razionalismo lariano ed in particolare le case d’artista dell’isola Comacina recentemente valorizzate nell’ambito dell’AQST Magistri Comacini, sarà suddivisa in 4 sezioni: - L’Isola Comacina dopo la donazione. Dal concorso del 1921 all’affermazione del linguaggio razionalista | - Lingeri e il lago. Le ville realizzate in Tremezzina | - Il rapporto tra internazionale e locale. Le Corbusier, il vernacolare e le architetture rurali | - Il restauro delle Case per Artisti | Saranno esposti disegni originali – tra cui un importante nucleo di proprietà del Comune di Tremezzo - pubblicazioni d’epoca e fotografie, affiancati da una importante parte audiovisiva composta da proiezioni multimediali. Nella sezione 4 si aggiungeranno ai materiali già descritti oggetti provenienti dal cantiere di restauro, come ad esempio molte campionature al vero. Affiancherà la mostra un quaderno tematico pubblicato grazie al contributo della Fondation Carlo Leone et Mariena Montandon, Sierre, Svizzera | Produzione audiovisiva: architetto Emanuele Piccardo. Info: www.villacarlotta.it

11/09/2010


Der Rote Bulli - Stephen Shore and the New Düsseldorf Photography

11 settembre 2010 - 16 gennaio 2011, Düsseldorf (DE)
Stephen Shore as the American inspiration for the renown German Becher class? With this spectacular thesis the NRW-Forum Düsseldorf is focusing for the first time on an important chapter in the recent history of photography: the transatlantic influence on photography in the 1970s and 1980s. Right at the heart of this chapter is a friendship between three artists that was forged in New York in the year 1973. It was in this sprawling American metropolis that the 26-year-old Stephen Shore met the Düsseldorf photographer Hilla Becher, whose typological photographic documentation of water-towers, which she had put together with her husband, Bernd Becher, had gone on display at Ileana Sonnabend’s renowned gallery the previous year. Two years later, Stephen Shore and the Bechers became the only colour photographer and Europeans respectively to be part of the legendary New Topographics group exhibition. The exhibition at the NRW-Forum will investigate the extent to which the students on Bernd Becher’s photography course at the Kunstakademie in Düsseldorf, the first generation of whom became world famous in the years that followed, were inspired by US subjects and image concepts from the 1970s and 1980s. The exhibition juxtaposes in a kaleidoscope manner works by students on Becher’s course that bear the hallmark of this transatlantic influence and Stephen Shore’s own photographs. It will also provide comprehensive documentation of the emergence of the New Düsseldorf Photography movement in early works. Artists: Stephen Shore, Bernd und Hilla Becher, Thomas Struth, Axel Hütte, Tata Ronkholz, Miles Coolidge, Martin Rosswog, Thomas Ruff, Candida Höfer, Claus Goedicke, Simone Nieweg, Stefan Schneider, Kris Scholz, Wendelin Bottländer, Elger Esser, Andreas Gursky, Boris Becker, Bernhard Fuchs, Laurenz Berges, Andi Brenner, Volker Döhne, Claudia Fährenkemper, Matthias Koch. Info: tel +49 0211 8926690 e-mail: info@projects.ag - www.nrw-forum.de

Arbeit / Labour

11 settembre 2010 - 8 maggio 2011, Winterthur (Zurich)
We each relate to work in our own personal way. We may be employed or self employed; we may have just entered the workforce and have specific goals or we may be enjoying well-earned retirement. Working to earn a living is a salient feature of bourgeois society. It defines social status and belonging, while unemployment and not working bears the menace of being ostracized. From its earliest beginnings, photography has captured how, where and under what conditions people work – not only by in-house photographers, adhering to the perspective and specifications of the management but also by freelance photographers with an open-ended, unfiltered approach to places of production and trade. In both content and motif, the exhibition “Arbeit/Labour” traces the transition from physical labour to automation and computer-aided work environments in conjunction with migratory movement across continents and through decades. In an exchange between applied and art photography, increasingly invisible work is shown to act as a sediment under various social circumstances. The exhibition includes a selection of pictures from company archives (Haldengut, Maag, Volkart and Von Roll) on deposit at the Fotomuseum Winterthur as well as works by Richard Avedon, Joachim Brohm, Raphael Dallaporta/Ondine Millot, Joakim Eskildsen, Nicolas Faure, Peter Granser, Guido Guidi, Hans Hansen, Volker Heinze, Boris Mikhailov, Sebastião Salgado, Bruno Serralongue, Jules Spinatsch, Henrik Spohler, Joel Sternfeld, Beat Streuli, Shomei Tomatsu, Jakob Tuggener, Ad van Denderen, WassinkLundgren, Herbert Weber, Garry Winogrand and others. Info: www.fotomuseum.ch

14/09/2010


Urban Intervention Award 2010

[deadline: 14/09/2010]
The Berlin Senate Department for Urban Development advertises the first Europe-wide Urban Intervention Award 2010 and calls for participation. The goal of the Urban Intervention Award is to contribute significantly to the improvement of life quality in urban settings and to challenge processes of urban cooperation. The award honours projects in urban spaces, which significantly contribute to the redefinition, revival and revaluation of inner city quarters. This applies to the transformation and conversion of old building structures as well as new constructions, which serve as shining examples through their vital presence in their environment. It is not about architectonic effects or a particular use of forms, but rather about architecture serving as a stimulator of urban development processes. The award acknowledges creative urban projects of high architectonic quality. The requirement for projects is that they emerged from innovative and interdisciplinary interactions of cooperation-partners from different areas and disciplines, such as culture, architecture, initiatives, economy, etc. The background of the Urban Intervention Award is the fact that by the middle of this century, more than 65 percent of the world’s population will be living in cities. This poses a great challenge to the public hand worldwide: Politics and administrations are called upon to be initiators, stimulators and promoters of future-oriented and increasingly complex inner-city processes. The award also establishes the themes of the 3rd International Building Exhibition Berlin, which is scheduled for 2020 and which commits itself to processual, cooperative and climate-friendly pilot-projects of urban development. Thus, this award is also a clear statement for the IBA 2020. We wish to call experts’ and the public’s attention to the IBA Berlin 2020 and its thematic alignment. The Urban Intervention Award 2010 honours outstanding realized projects, which are examples of excellent architecture combined with new innovative utilization and / or conversion concepts, and which emerged from co-operation of partners from different areas and disciplines. Projects must have been realized during the past five years. The prize is planned to be awarded every two years. With respect to the above-named criteria, the Urban Intervention Award is divided into two categories: - a realized building project | - a realized temporary project | Info: www.stadtentwicklung.berlin.de

2010 Praemium Imperiale

Today, September 14, the names of the 5 new Praemium Imperiale Laureates announced in London, Berlin, Rome, Paris, New York and Tokyo. The 5 recipients are as follows: - Enrico Castellani, Painting | - Rebecca Horn, Sculpture | Ito Toyo, Architecture | Maurizio Pollini, Music | Sophia Loren, Theatre/film | The artists are recognized and awarded for their achievements, for the impact they have had internationally on the arts, and for their role in enriching the global community. Each laureate receives an honorarium of 15 million yen, and a diploma and medal will be presented by honorary patron of the Japan Art Association Prince Hitachi in an awards ceremony held in Tokyo on October 13, 2010. The Grant for Young Artists has been also announced on September 14 in Tokyo, and 2010 recipient of the Grant is Asian Youth Orchestra based in Hong Kong. The Orchestra will receive 5 million yen to assist their efforts to help young musicians. Info: www.praemiumimperiale.org

15/09/2010


Prix W 2010

[deadline: 15/09/2010]
La Fondation d’entreprise Wilmotte renouvelle en 2010 le concours Prix W afin de faire prendre conscience de l’importance de la greffe architecturale pour la préservation du patrimoine européen et son évolution dans le monde contemporain. Le concours s’adresse aux étudiants et aux jeunes diplômés des écoles d’architecture européennes. Le thème du Prix W 2010, la réhabilitation de l’ancien dépôt des Archives de la BnF à Versailles, propose une réflexion sur un patrimoine récent intégré dans un tissu urbain chargé d’histoire. Les prix et bourses sont décernés par un jury international composé de professionnels, d’architectes, d’artistes et de journalistes de renom | Thème du concours 2010_ Le site de l’ancien dépôt des Archives de la BnF à Versailles, devra être réhabilité : l’aération de la parcelle, l’implantation de logements, la création de bureaux, la conservation d’une zone d’archivage donnant l’occasion aux candidats de s’exprimer sur le sujet de la greffe architecturale. Le thème du concours 2010 échappe, comme pour les précédentes années, au schéma traditionnel. Il est ancré à la fois dans le patrimoine récent du XXe siècle et dans le patrimoine ancien de la ville de Versailles, et ouvre aux participants des perspectives de création intéressantes | Conditions de participation 2010_ Participation individuelle (profil architecte) ou par équipe de deux (possibilité d’un profil architecte d’intérieur obligatoirement associé à un profil architecte). Ouvert aux étudiants et aux jeunes diplômés après le 31 décembre 2006 des écoles d’architecture de l’Union européenne et de la Suisse | Info: e-mail: fondation@wilmotte.fr - www.fondation-entreprise-wilmotte.fr

16/09/2010


Oficina Bo Bardi

Il 16 settembre 2010 alle ore 18, presso la Casa dell’Architettura Piazza Manfredo Fanti 47, Roma, si terrà la proiezione del documentario “Oficina Bo Bardi” di Silvia Davoli, Francisca Parrino e Andrea Balossi (Italia / 2006 / 26′ / portoghese e italiano). Introduce Silvia Davoli. L’architetto Lina Bo Bardi arrivò a Salvador de Bahia nel 1958 in un momento di grande effervescenza culturale che si sarebbe concluso con la dittatura del 1964. Il suo passaggio come architetto e direttrice del Museo di Arte Moderna di Bahia lasciò un segno indelebile. Affascinata dalla cultura popolare del Nordest concepì, insieme allo scultore Mario Cravo, il progetto CETA, Centro de Estudo do Trabalho Artesanal, il cui obiettivo era la creazione di un vero e proprio design industriale brasiliano. Lina organizzò una raccolta scientifica del materiale artigianale della regione bahiana e sognò di creare dei laboratori, le Oficinas do Unhão, in cui artigiani e giovani designer potessero incontrarsi e collaborare. Il progetto non si realizzò mai, ma “Lina aveva ormai gettato un seme…”. Info: www.casadellarchitettura.it

17/09/2010


Festival Filosofia 2010

17 - 19 settembre 2010, Modena, Carpi, Sassuolo
Un tema di buon auspicio per il decennale del festivalfilosofia. E’ “fortuna”, infatti, la parola chiave dell’edizione 2010. Lezioni magistrali, mostre, spettacoli, rassegne di film, letture, giochi per bambini e cene filosofiche. Gli appuntamenti sono quasi 200 e tutti gratuiti. Il festival, che lo scorso anno ha registrato oltre 150 mila presenze, e’ promosso dal “Consorzio per il festivalfilosofia”, i cui fondatori – ovvero i Comuni di Modena, Carpi e Sassuolo, la Provincia di Modena, la Fondazione Collegio San Carlo e la Fondazione Cassa di Risparmio di Modena – sono i soci storici che hanno partecipato alla realizzazione del festival fin dalla prima edizione. Piazze, chiese e cortili ospitano le oltre 50 lezioni magistrali del festival, che vede quest’anno tra i protagonisti Roberto Esposito, Massimo Cacciari, Umberto Galimberti, il modenese Carlo Galli, Salvatore Natoli, Angelo Panebianco, Michela Marzano, Piero Coda, Marcello Veneziani, Sergio Givone, Enzo Bianchi, Elena Esposito e Remo Bodei, supervisore scientifico del festival fin dalla prima edizione e ora Presidente del Comitato scientifico del Consorzio. Molti anche i filosofi stranieri, circa un terzo del totale, che vengono da ogni parte del mondo: tra loro i francesi Jean-Luc Nancy, Jean Pierre Dupuy, Francois Jullien e Marc Auge’, che fa parte del comitato scientifico del Consorzio, i tedeschi Peter Sloterdijk, Jürgen Moltmann e Gerd Gigerenzer, l’americano Niles Eldredge e due sociologi che hanno trovato asilo in Gran Bretagna come il polacco Zygmunt Bauman e l’ungherese Frank Furedi. Il programma delle lezioni magistrali si svolge all’insegna dell’esposizione contemporanea all’incertezza che contraddistingue sia l’esperienza degli individui - costretti a trovare rimedi biografici per problemi sistemici -, sia delle società, pressate da rischi di tipo ambientale, finanziario, sociale. Di tale incertezza – questo sembra essere un leitmotiv della filosofia contemporanea – si puo’ fare non solo una diagnosi, ma anche buon uso. I grandi maestri convocati al festival si confronteranno pertanto con il pubblico sulle varie declinazioni contemporanee della fortuna, dal rapporto tra eccezione e ordine nella sfera politica, al carattere creativo dell’imprevisto, dalla teoria del rischio alle tecniche della sua calcolabilità, dal lavoro antropologico e simbolico delle culture per addomesticare il futuro all’esperienza dell’azzardo e della scommessa. […] Info: www.festivalfilosofia.it

My favourite things

17 settembre - 16 ottobre 2010, Mestre (Ve)
Il 17 settembre 2010, alle ore 18, presso Galleria Contemporaneo, Piazzetta Mons. Olivotti 2, Mestre Venezia, dopo un anno di attività Sottobosco presenta la collettiva My Favourite Things. Gli artisti che fino ad oggi sono entrati a far parte dell’archivio si presentano presso gli spazi della Galleria Contemporaneo di Mestre. Agli artisti è stato chiesto di scegliere, per la prima mostra collettiva di Sottobosco, l’opera che maggiormente rappresenta la propria pratica artistica. My Favourite Things è il risultato di un lavoro iniziato nel 2009, che ha visto la costruzione di un archivio che si configura, per dimensione e contenuti, come una selezione di artisti italiani la cui pratica e’ orientata alla ricerca ed alla sperimentazione. Artisti: Emanuela Ascari, Giuditta Ambrosini, Emanuele Becheri, Filippo Berta, Cristian Chironi, Danilo Correale, Raffaella Crispino, Francesca De Pieri, Fausto Falchi, Matteo Fato, Maddalena Fragnito de Giorgio, Gastrovisione, Riccardo Giacconi, Silvia Giambrone, Pietro Mele, Federica Menin, Jacopo Miliani, Nicola Nunziata, Giuliana Racco, Stefano Romano, Claudia Rossini, Mirko Smerdel, Elisa Strinna, Marcello Tedesco, Olga Vanoncini, Fabrizio Vatieri, Valentina Vetturi, Enrico Vezzi, Progetto Zero+, Angela Zurlo. Info: www.galleriacontemporaneo.it - www.sottobosco.net

20/09/2010


neon>video selection

[deadline: 20/09/2010]
Il 31 maggio 2010 aprono le iscrizioni per neon>video selection. Da alcuni anni neon>campobase ha rivolto un particolare interesse alla produzione video in Europa. Attraverso i programmi di approfondimento Playlist e Focus on video artists, curatori, critici e artisti sono stati invitati a raccontare a un pubblico più ampio il proprio lavoro in maniera diretta e partecipata, contribuendo ad arricchire l’archivio video di neon>campobase. neon>video selection non è un concorso, ma una ricognizione che si inserisce in una progettualità fatta di collaborazioni e scambi di conoscenze. neon>campobase mira così ad aprire il proprio spazio a nuove e più numerose esperienze legate all’uso del mezzo video, dando vita ad una piattaforma aperta attraverso cui riflettere sulle attuali espressioni. neon>video selection è un progetto realizzato in collaborazione con 91mQ (Berlino). Una giuria composta da critici, curatori e artisti del panorama contemporaneo nazionale e internazionale valuterà i lavori pervenuti entro la data di scadenza del bando. Sono ammesse alla selezione tutte le tecniche di produzione video digitale. Particolare interesse sarà rivolto ai lavori legati a: video d’artista, video performance, video d’archivio, documentario antropologico, animazione sperimentale, stop motion. Info: tel/fax +39 051 5877068 e-mail: info@neoncampobase.com - www.neoncampobase.com - www.91mq.org

SIEFF 2010 - Sardinia International Ethnographic Film Festival

20 - 25 settembre 2010, Nuoro
Per una settimana il capoluogo barbaricino e la Sardegna saranno al centro dell’attenzione degli studiosi dell’antropologia visuale, disciplina giovane e affascinante. Torna, infatti, in città da lunedì 20 a sabato 25 di settembre il Sardinia International Ethnographic Film Festival (SIEFF 2010), manifestazione che continua ad avere numeri decisamente interessanti, capaci di dare la giusta ribalta nazionale al territorio e all’attività di studio e programmazione di eccellenza dell’Isre. L’evento, sempre caratterizzato dall’altissima qualità e professionalità di cineasti e studiosi, organizzato dall’Istituto Superiore Etnografico della Sardegna, è, infatti, uno dei più importanti focus a livello mondiale sul cinema Etnografico capace di far convergere in città i nomi più importanti del settore per un appuntamento, che anche in questa 15. edizione, sarà caratterizzata dal confronto e dallo scambio tra culture diverse che attraverso la forza delle immagini e dei dialoghi raccontano storie significative e originali davvero da ogni latitudine. Sono complessivamente 49 i film in concorso sui 324 pervenuti all’attenzione del comitato di selezione (formato da David MacDougall, regista-etnografo e docente universitario a Canberra, Marc Henri Piault, antropologo e presidente del Comité du Film Ethnographique di Parigi e Paolo Piquereddu, direttore generale dell’ISRE). 5 invece le produzioni fuori concorso che verranno presentate durante le giornate della rassegna per un totale di 50 ore di proiezione nell’auditorium dell’ISRE di via Mereu. Sono invece 25 complessivamente i Paesi presenti (Austria, Belgio, Brasile, Burkina Faso, Cina, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, India, Inghilterra, Irlanda, Israele, Italia, Lituania, Repubblica Ceca, Romania, Russia, Senegal, Spagna, Stati Uniti, Svizzera, Tunisia, Turchia, Ungheria) in rappresentanza di vari continenti. Le opere selezionate per il programma ufficiale concorreranno all’assegnazione dei seguenti premi: - Premio “Grazia Deledda” per il miglior film | - Premio per il miglior film prodotto e ambientato in paesi del Mediterraneo | - Premio per il miglior film di autore sardo | - Premio per il film più innovativo | Info: www.isresardegna.it

21/09/2010


RomaEuropa Festival 2010

21 settembre - 2 dicembre 2010, Roma
Da un quarto di secolo Romaeuropa Festival racconta il nostro tempo e le trasformazioni del mondo contemporaneo attraverso gli sguardi degli artisti che ne hanno fatto una vetrina d’eccellenza sulla scena internazionale: per questo importante anniversario il REF ha in programma 20 prime nazionali e 3 prime mondiali per 38 appuntamenti che celebrano la meraviglia e la forza della scena. Tornano alcuni dei protagonisti delle 24 edizioni di festival, personalità che si sono imposte sulle maggiori platee internazionali, penetranti esegeti e interpreti della società come, tra gli altri, Romeo Castellucci, José Montalvo e Dominique Hervieu, Jan Fabre. Accanto a loro Romaeuropa apre le porte ai debutti di Guy Cassiers, Wajdi Mouawad, Laurie Anderson e Massimiliano Civica, che conferma l’attenzione sempre maggiore alla scena performativa italiana dove si segnalano i ritorni di Santasangre e Muta Imago. Info: www.romaeuropa.net

22/09/2010


Adriano Olivetti Anno Uno - Il valore dell’etica e dell’estetica nell’agire d’impresa

C’è una strada possibile per riconciliare il bello e il giusto, l’estetica e l’etica: nella vita di ogni giorno, ma anche nell’impresa e perfino nella politica. Questa intuizione, una delle più significative eredità del pensiero di Adriano Olivetti, sarà alla base mercoledì 22 settembre 2010, alle ore 9.30, a Parma presso la sede dell’UPI, l’Unione parmense degli Industriali, dei dialoghi che animeranno il primo appuntamento del ciclo di incontri adrianolivettiannouno, iniziativa curata e organizzata dall’Associazione Vita Eudaimonica nel cinquantenario della morte di Adriano Olivetti. Un percorso – anticipato dalla presentazione tenutasi lo scorso aprile a Loppiano, al polo “Lionello Bonfanti”, cuore della Economia di Comunione - che intende rilanciare e sperimentare i tanti aspetti innovativi del pensiero olivettiano con una serie di incontri in tutta Italia fino al mese di dicembre. L’appuntamento di Parma mette a tema Il valore dell’etica e dell’estetica nell’agire d’impresa. È questa una delle tante suggestioni di Adriano Olivetti che il tempo ha consegnato intatte agli anni complessi di questa contemporaneità. Ad Olivetti fu chiaro quanto la bellezza fosse fattore propedeutico ad un impegno etico verso il mondo. Certo non un bello di maniera, falso e fine a stesso. Piuttosto la bellezza come espressione visibile e tangibile della raggiunta armonia tra forze materiali e mete spirituali. La ricerca della bellezza – in un edificio, in un prodotto, in una campagna pubblicitaria - come riconoscimento dell’anima dei luoghi, come forma di cura per il cliente, come rispetto per l’interiorità delle persone coinvolte nella vita dell’azienda. Mai come oggi, in una crisi che è soprattutto crisi di idee e di traguardi ideali, appare necessario riparlare di vera e propria “politica della bellezza”. Per avviare seriamente e compiutamente un processo di radicamento dell’agire d’impresa in un tessuto etico che faccia della qualità del vivere il proprio asse portante. Info: www.adrianolivettiannouno.it

23/09/2010


1. Festa dell’Architettura in Umbria - Think Town Terni

23 settembre - 3 ottobre 2010, Terni
Dieci giorni intensi in cui la città apre le porte alla creatività e sperimenta la sua vocazione di potenziale laboratorio architettonico. Un programma denso di appuntamenti che propone lezioni pubbliche, talk forum, architetture temporanee, interventi artistici, concorsi, esposizioni e il progetto di un quartiere interamente dedicato alla creatività. Terni città in trasformazione, città umbra dell’architettura moderna, città laboratorio del pensiero architettonico contemporaneo. Think Town Terni è un progetto di GATR - Giovani Architetti Terni, in collaborazione con l’Ordine degli Architetti e Paesaggisti della Provincia di Terni e trova il sostegno della Regione Umbria, Provincia di Terni, Comune di Terni e Fondazione Carit, del British Council e di alcune aziende private, in collaborazione con Civita e Indisciplinarte. Info: www.festivalarchitetturaumbria.it

24/09/2010


Concorso “Message is the bottle”

[deadline: 24/09/2010]
Publiacqua in collaborazione con Controradio, Legambiente Toscana e IED (Istituto Europeo di Design- Firenze) con il supporto di Confcommercio, Confesercenti, Federalberghi e Assovetro, indice il concorso creativo MESSAGE IS THE BOTTLE per la realizzazione del design di una bottiglia di vetro riciclato che verrà prodotta e distribuita da Publiacqua. Lo scopo è quello d’incentivare, attraverso un contenitore di alta qualità funzionale ed estetica, l’uso quotidiano dell’acqua di rubinetto in alternativa a quella in bottiglia. Per Publiacqua e Legambiente la campagna sulla qualità dell’acqua, punta a far emergere ancora con più forza la questione sul rispetto ambientale. Evitare il trasporto di acqua su strada e le inevitabili conseguenze a livello d’inquinamento che ne derivano, fanno parte della logica “Km Zero”, che da qualche tempo sta entrando nelle nostre abitudini quotidiane. La partecipazione al bando è aperta a tutti i cittadini italiani e stranieri. Il concorso prevede il seguente monte premi: a) Primo Premio: Computer IPad, il nuovo e rivoluzionario dispositivo touch screen della Apple | b) Premio IED: al miglior progetto grafico sarà offerta un’iscrizione al corso serale in Arredamento Creativo in partenza a gennaio 2011 presso lo IED di Firenze | I migliori lavori verranno poi esposti in una mostra che culminerà con una serata di premiazione al prossimo Festival della Creatività in ottobre. Info: www.acquadelrubinetto.it/concorso

Venice Design Week 2010 - Fabbricare cose

8 - 17 ottobre 2010, Venezia >[consegna: 24/09/2010]
In occasione della Venice Design Week 2010, organizzata a Venezia da vogliadarte.it dall’8 al 17 Ottobre, in concomitanza con la Biennale di Architettura, viene bandito un concorso aperto a designers, architetti e creativi di tutte le età. L’iniziativa è patrocinata dal Comune di Venezia e dall’Assessorato alla Cultura, è sostenuta da docenti di scuole di design, accademie e università europee. Il premio internazionale della Design Week è alla 1. edizione ed ha per tema nel 2010 “FABBRICARE COSE”. Il concorso vuole stimolare i partecipanti per la creazione di un set di oggetti (minimo tre) utilizzabili nel quotidiano che rispondano nell’ordine ai seguenti requisiti: - devono dimostrare di essere stati pensati utilizzando, all’interno del set di oggetti, tecniche produttive legate all’arte, all’artigianato e all’industria (il set deve essere composto da un minimo di 3 oggetti) | - devono possedere una forte connotazione simbolica e favorire un rapporto attivo-creativo con l’utente finale. È possibile lavorare su qualsiasi set di strumenti o oggetti di uso quotidiano | Premi: - Primo premio 3.000 euro | - Secondo premio 800 euro | - Terzo premio viaggio a Berlino | Info: www.designweek.it

Premio IILA-FotoGrafia 2010

24 settembre - 23 ottobre 2010, Roma
Dal 24 settembre 2010 l’IILA presenta nella sua Galleria l’esposizione “Lo Crudo Cocido”, a cura del Segretario Culturale dell’IILA Patricia Rivadeneira, nell’ambito della 9. edizione di FotoGrafia–Festival Internazionale di Roma. In mostra i lavori del vincitore e dei finalisti della 3. edizione del Premio IILA-FotoGrafia, dedicato ai giovani fotografi latinoamericani: Pablo López Luz (Messico), vincitore della rassegna; Cynthia Nudel (Argentina), seconda classificata; Nicolás Wormull (Cile), terzo classificato; Diego Spivacow (Argentina), Menzione d’Onore; Julieta Anaut (Argentina); Andrea Padilla (Argentina); Eva Pedroza (Argentina); Bruno Zorzal (Brasile); Rómulo Peña (Venezuela). Gli oltre 60 fotografi latinoamericani che hanno partecipato al premio, hanno esplorato il tema “La Natura in relazione alla metropoli” con lavori di qualità, intelligenti ed originali, raccontando l’elemento naturale (o quel che ne rimane) all’interno delle città, ma anche la natura degli agglomerati urbani e dell’homo metropolitanus che li abita. Le fotografie guardano al dialogo tra umanità e pianeta, cultura e natura nell’ottica alternante del predominio dell’una e della resistenza dell’altra. La giuria, presieduta da Patricia Rivadeneira (Segretario Culturale IILA) con Marco Delogu (Direttore Artistico di FotoGrafia), e composta da Paul Wombell (curatore della sezione “Fotografia e Arte Contemporanea” di FotoGrafia, già collaboratore di PhotoEspaña, Madrid), Simonetta Lux (Direttore del MLAC - Museo Laboratorio di Arte Contemporanea, Università Sapienza di Roma) e Paolo Angelosanto (artista visivo), ha decretato quale lavoro migliore il progetto di Pablo López Luz, che affronta il concetto di paesaggio e i suoi cambiamenti, alla luce della relazione fra l’uomo (sempre latente) e il suo intorno, con una grande attenzione alla topografia della città (Città del Messico) trasformata quasi in un paesaggio romantico di rimembranza ottocentesca. La mostra si avvale del contributo del BID (Banco Interamericano de Desarrollo) e del patrocinio della Provincia di Roma. Info: tel +39 06 68492224/246 e-mail: s.culturale@iila.org - www.iila.org

25/09/2010


Eco e Narciso. Cultura Materiale / Video

25 - 26 settembre | 2 - 3 ottobre 2010, Torino
Questa 6. edizione di Eco e Narciso, dedicata al Video, rappresenta l’ulteriore incontro della ricerca contemporanea con i luoghi della cultura materiale. Otto artisti (Elisabetta Benassi, Gianluca e Massimiliano De Serio, Nick Leassing, Marzia Migliora, Luca Rento, Elisa Sighicelli, Luca Vitone) sono stati invitati a realizzare un video site specific partendo dalle storie che caratterizzano gli ecomusei, il territorio e le comunità locali che ad essi fanno capo. L’intento è di cogliere, esprimere e trasmettere elementi dell’identità di un luogo veicolando per canali emozionali la complessità storica e quotidiana dell’ecomuseo. I video saranno presentati nei fine settimana del 25-26 settembre e 2-3 ottobre 2010 presso le sedi degli ecomusei. Inoltre un festival itinerante di video d’artista, articolato nelle varie giornate, presenterà una selezione di opere della collezione della Viodeteca della GAM scelte in base all’assonanza con i temi che caratterizzano i singoli ecomusei. Nei giorni 26 settembre e 2-3 ottobre 2010 è prevista la possibilità di usufruire di un servizio navetta con partenza da Torino, previa prenotazione secondo le modalità d’iscrizione sotto indicate (fino a esaurimento posti). Iscrizione, trasporto, proiezioni, ingresso ai musei e visite guidate liberi e gratuiti. Modalità di iscrizione: Le prenotazioni del servizio navetta dovranno pervenire entro mercoledì 22/09/2010 al numero verde 800300360 (URP Provincia di Torino, da lunedì a giovedì 9.00-17.00 - venerdì 9.00-13.00) o all’indirizzo e-mail: urp@provincia.torino.it. Info: www.ecoenarciso.it

28/09/2010


City to City - Barcelona FAD award 2010

[deadline: 28/09/2010]
Las ciudades afrontan diariamente problemáticas, conflictos, retos y escenarios que requieren soluciones y capacidad para adaptarse a los mismos. En este contexto se constituyó, en el año 2008, el premio City to City Barcelona FAD Award, con el objetivo de reconocer experiencias que se dan, viven o generan en las ciudades para darles respuesta y que reportan un efecto transformador y positivo para la propia ciudad y su ciudadanía. El premio City to City Barcelona FAD Award es de alcance global, porque las soluciones ejemplares a conflictos, escenarios o nuevos retos a los que se enfrentan las ciudades no dependen ni de la ubicación geográfica, ni de su grado de desarrollo. En todo el mundo podemos encontrar respuestas modélicas a situaciones complejas. Aspectos como las peculiaridades geográficas, climáticas, religiosas, etc. son concebidos como positivos en el planteamiento de este premio. El premio representa el reconocimiento desde Barcelona de experiencias urbanas que hayan tenido lugar en otra ciudad y recae en sus impulsores. El premio, que cuenta con el soporte del Ayuntamiento de Barcelona, lo organiza y concede el FAD (Fomento de las Artes y del Diseño), con la independencia que le reporta su trayectoria y naturaleza jurídica. Es objeto del premio reconocer aquellos procesos urbanos que conduzcan a transformaciones sensibles a la realidad de una determinada ciudad. Se entiende por proceso urbano la suma de
acciones de diversas naturalezas (sociales, arquitectónicas, educativas, urbanísticas u otras) con un impacto global sobre el conjunto de la ciudad. Son candidatos a recibir el premio aquellos procesos tanto de iniciativa pública como privada, así como también aquéllos que son fruto de una colaboración entre ambas esferas. El resultado de estos procesos debe suponer un claro beneficio para la ciudadanía, una mejora de su calidad de vida y una contribución a «hacer ciudad». Info: tel +34 93 4437520 e-mail: citytocity@fad.cat - www.citytocity.fad.cat

Progettare per non essere progettati: Giulio Carlo Argan, Bruno Zevi e l’architettura

Il 28 settembre 2010, ore 10-19, presso l’Auditorium del MAXXI, in via Guido Reni 4a, Roma, nell’ambito delle celebrazioni del centenario della nascita di Giulio Carlo Argan e in occasione della ricorrenza del decennale della scomparsa di Bruno Zevi, il Comitato Nazionale Giulio Carlo Argan e la Fondazione Bruno Zevi promuovono il convegno internazionale “Progettare per non essere progettati: Giulio Carlo Argan, Bruno Zevi e l’architettura”. L’iniziativa mira a valutare storicamente il contributo critico dei due studiosi: attraverso la ricostruzione dei reciproci rapporti e del ruolo avuto nel rinnovamento della critica architettonica, ma anche attraverso un tentativo di bilancio della loro militanza nel contesto della situazione attuale. A cura di Adachiara Zevi e Claudio Gamba. Interventi: - Il contributo di Argan alla storia dell’architettura e della città (Alessandra Muntoni) | - Zevi e Argan attraverso la loro corrispondenza. La polemica Zevi-Argan-Ragghianti (Roberto Dulio) | - L’influenza di Argan nel continente latino-americano (Guilherme Wisnik) | - Il libro di Argan su “Walter Gropius e la Bauhaus” (Marco Biraghi) | - Argan, Zevi e l’inserimento del nuovo nella città storica 1945-59 (Valentina Russo) | - Argan e Zevi: l’idea di modernità in relazione all’architettura. L’opzione razional-funzionalista e quella organica. Contro il postmoderno (Sergio Pace) | - Argan, la “morte dell’arte” e la crisi del progetto (Massimo Cacciari) | - Argan sindaco: quali idee per Roma (Sandra Montenero, con una testimonianza di Vittoria Ghio Calzolari) | - Saper vedere l’architettura di Brunelleschi, Palladio, Borromini, Wright e Gropius: letture a confronto | - Argan e la centralità del progetto: quale lezione per gli architetti (tavola rotonda: Giovanni D’Ambrosio, Paolo Desideri, Franco Purini, Piero Sartogo, studio Ian+. Modera Livio Sacchi). Info: www.giuliocarloargan.org - www.fondazionebrunozevi.it

Cersaie 2010

28 settembre - 2 ottobre 2010, Bologna
Parte la 28. edizione di Cersaie, Salone Internazione della cercamica per l’architettura e l’arredobagno. Uno spazio espositivo di 176 mila metri quadri nel padiglione fieristico, 1.012 imprese, 250 dall’estero. Un Salone che anche quest’anno propone un programma di altissimo profilo, a partire dal convegno inaugurale “Cambio di clima?”. Possibili scenari, punti di vista inediti, “visioni” sul presente e sul futuro dell’edilizia – e della ceramica in edilizia – sono affidate a protagonisti di fama mondiale, su tutti David Childs, presidente emerito di SOM (Skidmore Owings and Merrill LLP, uno tra i più prestigiosi studi di architettura del mondo), che terrà una vera e propria Lectio Magistralis. Il punto di vista dei protagonisti dell’architettura mondiale – tra i quali il progetto RPBW del Central St. Giles, inaugurato lo scorso maggio a Londra – si affianca alla valorizzazione delle competenze dei giovani professionisti: designer, architetti, progettisti che saranno i protagonisti assoluti dello spazio dedicato alle mostre, nell’ambito dell’iniziativa Saper Fare – Fare Architettura, Fare Grafica, Fare Design. Info: www.cersaie.it

29/09/2010


Istanbul Design Week 2010

29 settembre - 3 ottobre 2010, Istanbul (TR)
Istanbul Design Week 2010 will be held between September 29 - October 3 in Old Galata Bridge.The event aims to introduce Turkish Design to the world. The Old Galata Bridge, that connects the two sides of Halic, will be used as a design object, which “Design” and “City” notions connect each other, or an exhibition space. It will present a unique experience to participants and visitors. Istanbul, with its history and diverse potential, has a significant privilage among the toher world metropoles. It is a junction where continents, cultures, civilizations, religions, races and the past and the future meet The world’s creative societies, seeking for new delights and inspirations turn their faces to the diversity presented by this city, its suprising elegances, flavours and gustoes. Design, fashion, music and art environments keep on discovering the city structure that combines different cultures for thousands of years with a great excitement. Info: www.istanbuldesignweek.com

30/09/2010


Premio Domus restauro e conservazione Fassa Bortolo 2010

[deadline: 30/09/2010]
Fassa S.p.A., titolare del marchio “Fassa Bortolo” ha ideato e lanciato iI Premio Internazionale di Restauro Architettonico denominato “Domus restauro e conservazione Fassa Bortolo”. Il premio nasce dalla volontà di premiare e far conoscere ad un ampio pubblico restauri architettonici che abbiano saputo interpretare in modo consapevole i princìpi conservativi nei quali la comunità scientifica si riconosce, anche ricorrendo a forme espressive contemporanee. Obiettivo è far conoscere non solo i progettisti ma anche le imprese specializzate che hanno realizzato i lavori di restauro. Il premio ha cadenza annuale ed è suddiviso in due sezioni: 1- “opere realizzate”: verranno premiati i progettisti del settore privato o pubblico e le Ditte di restauro che hanno realizzato le opere | 2- “progetti elaborati come Tesi di Laurea” | Per la sezione delle “opere realizzate”, le candidature al Premio possono essere presentate da professionisti singoli o studi di architettura-ingegneria e dalle relative ditte che hanno compiuto i lavori di restauro; ogni singolo candidato o gruppo potrà partecipare con un solo progetto realizzato. L’opera dovrà essere stata realizzata ed ultimata nell’arco degli ultimi 7 anni. Per la sezione dei “progetti elaborati come Tesi di Laurea” le candidature al Premio possono essere presentate da persone singole o gruppi che hanno discusso la Tesi di Laurea negli ultimi 3 anni (quindi in data non precedente al 2007) presso una Facoltà di Architettura o Ingegneria-Architettura, o Istituti di Formazione equivalenti, ottenendo una votazione non inferiore a 100/110 o equivalente. Non possono partecipare al Premio docenti impegnati nella didattica dell’A.A. in corso presso la Facoltà di Architettura di Ferrara. Info: www.premiorestauro.it

LOST IN TRANSLATION - Arte e Intercultura

[deadline: 30/09/2010]
Connecting Cultures, in partnership con Fondazione Ismu – Settore Educazione - Patrimonio e Intercultura presentano un concorso rivolto a giovani artisti e ad istituzioni culturali sul tema Arte e Intercultura, lanciato per la prima volta in occasione del convegno Lost in Translation (23 febbraio 2010, Triennale di Milano). Al vincitore verrà assegnato un premio per la realizzazione del progetto presentato. Gli obiettivi del concorso sono: - valorizzare la creatività e il talento di giovani artisti | - favorire la collaborazione fra artisti e istituzioni culturali nella realizzazione di progetti che favoriscano il dialogo fra le culture in specifici contesti urbani o di comunità | - promuovere l’utilizzazione dei linguaggi artistici e della creatività nella risoluzione di problematiche concrete legate al territorio attraverso la partecipazione di cittadini, comunità ed istituzioni | - stimolare il territorio e le istituzioni culturali alla promozione e al sostegno di progetti creativi in un’ottica di integrazione sociale e culturale | Info: www.connectingcultures.info - www.ismu.org/patrimonioeintercultura

AAA Architetti cercasi 2010

[consegna: 30/09/2010]
Confcooperative - Federabitazione Lombardia, LegaCoop Abitanti Lombardia ed EuroMilano promuovono la nuova edizione 2010 del concorso AAA Architetti cercasi. Grazie alla disponibilità di EuroMilano, è stato individuato un lotto di progetto all’interno dell’area di Cascina Merlata, futura porta di accesso alla città da Nord Ovest stretta tra l’area Expo 2015 e il Quartiere Gallaratese. Sull’area la società ha presentato un Programma Integrato di Intervento per realizzare un nuovo quartiere residenziale che connetta queste due aree: l’occasione del concorso, oltre ad offrire soluzioni progettuali utilizzabili nella progettazione dei singoli edifici, fornirà ad EuroMilano il progettista per lo studio preliminare di uno dei complessi. Il concorso invita al confronto e alla riflessione sul tema dell’abitare contemporaneo con un atteggiamento il più possibile aperto e multidisciplinare tutti i professionisti d’Europa di età inferiore ai 35 anni. Premi_ per i tre gruppi che presenteranno le migliori proposte progettuali, sono previsti i seguenti premi: - al 1. classificato spetterà la stesura della progetto architettonico preliminare e definitivo per l’ottenimento dei permessi; preliminare di uno degli edifici compresi nell’Unità di Coordinamento 3A | - al 2° classificato euro 3.000,00 | - al 3. classificato euro 2.000,00 | Info: www.architetticercasi.eu/concorso

Premio Festival Arch-Video-Web

[deadline: 30/09/2010]
Il Dipartimento di Tecnologie dell’Architettura e Design “P. Spadolini”, in occasione dell’edizione 2010 di MEDIARC - Festival internazionale di architettura in video, bandisce il concorso intitolato “Premio Festival Arch-Video-Web”. MEDIARC, giunto alla sua 10. edizione, rappresenta ormai un tradizionale appuntamento di visione e riflessione sulla rappresentazione dell’architettura, del design, della sostenibilità della proposta progettuale dell’ambiente costruito, ed è un significativo punto di riferimento sia per la comunità scientifica ed accademica che per un largo pubblico. L’evento nell’edizione del 2008 è stato anche insignito del “Premio Presidenza della Repubblica”. Nell’edizione 2010 il tema portante sarà “I FILOSOFI E L’ARCHITETTURA”, articolato in due sezioni principali: “Architettura e paura” e “Architettura e bellezza”, che a loro volta conterranno elementi visivi e di riflessione culturale dedicati al tema dell’”architettura al tempo della crisi”. L’evento si svilupperà attraverso tavole rotonde, conferenze, proiezioni di video interviste, video conferenze, film e installazioni. In questa edizione sono previsti importanti momenti convegnistici di riflessione dove saranno presenti figure autorevoli del mondo dell’architettura e della filosofia italiana e francese. Il concorso è rivolto ai giovani laureati in Architettura, Ingegneria e Disegno Industriale e si articola nelle seguenti sezioni: - Sezione 1. Il migliore Film-progetto per TESI DI LAUREA | - Sezione 2. Il migliore Film-progetto di OPERA REALIZZATA | Info: www.unifi.it

Movin’Up 2010

[deadline: 30/09/2010]
Dopo il successo delle precedenti edizioni e grazie alla rinnovata partnership fra la Direzione Generale per il Paesaggio, le belle arti, l’architettura e l’arte contemporanee - Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il GAI - Associazione per il Circuito dei Giovani Artisti Italiani torna anche per il biennio 2010-2012 il concorso Movin’Up a supporto della circuitazione dei talenti italiani emergenti nel mondo, nell’ambito del progetto DE.MO. – sostegno al nuovo design per art shop e bookshop e alla mobilità internazionale dei giovani artisti italiani. Movin’Up è un bando rivolto ai giovani creativi tra i 18 e i 35 anni di età che operano con obiettivi professionali e che sono stati ammessi o invitati ufficialmente all’estero da istituzioni culturali, festival, enti pubblici e privati a concorsi, residenze, seminari, workshop, stage o iniziative analoghe o che abbiano in progetto produzioni artistiche da realizzare presso centri e istituzioni straniere. I settori artistici ammessi sono: arti visive, architettura, design, musica, cinema, video, teatro, danza, performance, scrittura. L’iniziativa, realizzata attraverso lo stanziamento di un fondo annuale erogato in sessioni, permette agli artisti di richiedere un sostegno a parziale copertura delle spese di viaggio e/o di soggiorno e/o di produzione nella città straniera ospitante. Il programma, nato nel 1999 ha permesso di sostenere, nelle sue prime dieci edizioni, 443 su 1.110 progetti presentati, per un totale di 869 artisti. Info: www.giovaniartisti.it

Boral Design Award 2010

[deadline: 30/09/2010]
Design a detached residential dwelling on a compact suburban site of the future (see site plan), with a floor area of 125sqm. Your design must include internal renders, exterior detailing and landscaping that responds to the specific challenges of the site. The design must also demonstrate innovation in the use of an appropriate mix of Boral products from the competition Product Sheet, embracing their passive design potential and overall product strengths. Overall, the concept must demonstrate a commitment to sustainability, adaptability, affordability and a reasonable expectation of construction feasibility, as might apply to a mid-range residential market. Finally, the design must explore creative opportunities for a house that fully embraces outlook and an indoor/outdoor lifestyle. Response to aspect and the surrounding context is a critical part of the design solution and contextual photographic renders for the site are available for download from the competition web site. Info: www.boral.com.au

6. Bienal Europea de Paisaje

30 settembre - 2 ottobre 2010, Barcelona (ES)
La 6. Bienal Europea del Paisaje “Paisajes Líquidos” se celebrará los días 30 de Septiembre, 1 y 2 de Octubre del 2010, en Barcelona. La Bienal está organizada por el Colegio de Arquitectos de Catalunya (COAC), La Universidad Politécnica de Catalunya (Máster de Arquitectura del Paisaje y Asociación de Amigos de la UPC) y el Departamento de Política Territorial y Obras Públicas de la Generalitat de Catalunya. La Bienal Europea de Paisaje, ha expresado desde su primera edición la voluntad de profundizar y debatir la intervención en el paisaje, tanto desde la arquitectura del paisaje como desde otros campos disciplinarios que están vinculados con su estudio y evolución. En esta Sexta edición de la Bienal, una vez consolidada a nivel europeo tras las cinco anteriores ediciones con “Rehacer paisajes” (1999), “Jardines insurgentes” (2001), “Sólo con naturaleza” (2003), “Paisaje: un producto / una producción” (2006) y “Tormenta & ímpetu” (2008), invitaremos a un territorio no europeo para acercarnos a nuevas realidades paisajísticas del mundo. El simposio se desarrollará en tres días, durante los que se realizarán conferencias, presentaciones de los finalistas del Premio Europeo del Paisaje Rosa Barba, mesas redondas y exposiciones en las que se podrá seguir y discutir sobre la evolución del paisajismo en Europa y en el territorio invitado de esta edición: China. Info: www.coac.net

Festival Tec-Art-Eco 01_ Germinazioni

30 settembre - 31 ottobre 2010, Como/Gallarate/Lugano
Arte, innovazione tecnologica, comunicazione e sostenibilità si incontrano in Tec-Art-Eco arte e tecnologia per l’ambiente, progetto promosso dall’Associazione Ariella Vidach – AiEP (Milano) e Avventure in Elicottero Prodotti (Lugano) col sostegno del P.O. di Cooperazione Transfrontaliera Italia – Svizzera / FESR – Fondo Europeo di Sviluppo Regionale. Una proposta culturale itinerante nel territorio della Regione Insubrica (Lugano-Como-Gallarate) incentrata sul potenziale delle nuove tecnologie, per consegnare un modello pilota di evento cultural-tecnologico ecosensibile che rimanga nel tempo. Un programma triennale (2009-2011) di festival interdisciplinari, laboratori produttivi, workshop e incontri con ospiti internazionali. Il Festival 01-Germinazione si svolge a Como, Gallarate e Lugano con la partecipazione di Alva Noto - Carsten Nicolai, Eduardo Kac, Leo Hickman, Daito Manabe e molti altri artisti e personalità della scena digitale internazionale. Il progetto vuole istituire un team di lavoro con l’obiettivo di elaborare, documentare e divulgare una metodologia-pilota per l’organizzazione di eventi culturali a impatto zero. L’arte come tramite per affrontare un discorso più ampio sulla sostenibilità ambientale della tecnologia che valorizzi il triangolo Lugano-Como-Varese, anche in ambito turistico. La sostenibilità per indicare nuove ‘vie’ nella morfologia di un territorio ricco di risorse naturali. Info: www.tecarteco.net

vai su>|news|